(Credito immagine: Rockstar North) Pagina 1 di 2: Pagina 1

  • Pagina 1
  • Pagina 2

Il nuovo anno è arrivato e, sebbene sia destinato a essere eccitante, pieno di giochi enormi, nuove console e chissà cos’altro, non possiamo fare a meno di sentirci un po ‘nostalgici. Il 2010 è stato un anno fantastico per i videogiochi; ha visto il lancio di alcuni franchising veramente juggernaut che sono ancora con noi fino ad oggi e ha caratterizzato più di alcuni sequel di serie che sono da tempo inattive.

Con questo in mente, abbiamo scelto 10 giochi che celebreranno il loro decimo anniversario nel 2020. GameMe + ha esaminato il modo in cui sono usciti, cosa è successo da allora e dove ogni franchising potrebbe andare dopo.

Mass Effect 2

(Credito immagine: Blizzard)

Poi: Il tanto atteso follow-up di BioWare al suo antico gioco di ruolo spaziale in esclusiva per Microsoft è stato un successo immediato, basandosi su solide basi e ampliando le possibilità con alcune apprezzate missioni polacche e di lealtà che hanno fatto davvero la differenza nel farti dubitare che il comandante Shepard fosse o meno in grado di salvare la giornata. Comunque tu abbia deciso di giocarci, probabilmente ricordi ogni svolta, svolta e morte del personaggio nella tua versione dell’opera spaziale guidata dal giocatore.

Da: Il finale della trilogia di Shepard è notoriamente ricordato per una serie di ragioni molto diverse rispetto al suo predecessore. Il controverso finale di Mass Effect 3 è diventato l’argomento più discusso nei giochi quando la serie si è conclusa nel 2012, grazie in gran parte a ciò che molti fan hanno considerato un abbandono della promessa principale del gioco di soddisfare la storia specifica di ogni giocatore con le proprie conclusioni su misura. Ci vollero diversi anni prima che BioWare pubblicasse qualcosa di nuovo con il titolo della serie sulla sua scatola ma, dopo Mass Effect Andromeda, molti avrebbero preferito che non si fossero nemmeno preoccupati.

Il prossimo: Con BioWare che negli anni ha perso molti dei talenti chiave dietro Mass Effect (sebbene il collaboratore chiave Casey Hudson sia tornato come direttore generale dello studio), non si sa se lo studio rivedrà nuovamente la serie. Ci aspettiamo che lo farà, ma con le squadre separate tra Dragon Age 4 e mantenendo Anthem sul supporto vitale, non siamo sicuri di chi sia rimasto a delineare il gioco per riportare la serie al suo antico splendore. Dove vai dal comandante Shepard che fissa la più grande minaccia esistenziale per l’universo e vince? Forse portare il mondo a un livello diverso, dove non è in gioco il destino dell’universo, potrebbe rappresentare esattamente il tipo di moderazione di cui la serie ha bisogno.

Call of Duty Black Ops

(Credito immagine: Activision)

Poi: Black Ops è stato lanciato l’anno successivo a Modern Warfare 2, il che non è stato facile da seguire. La serie di Activision era all’apice dei suoi poteri allora, molto prima che arrivassero contendenti importanti come battle royale e tiratori di eroi per rubare una parte significativa della torta multiplayer. Tuttavia, Black Ops è diventato il gioco più venduto del 2010 ed è ancora citato come la migliore campagna, se non il miglior gioco di Call of Duty, nell’intera serie.

Leggi di più  Ottieni subito un affare di disco rigido esterno economico con queste offerte WD da Best Buy

Da: I Black Ops sono diventati una sottoserie di Call of Duty tanto quanto il film di successo Modern Warfare, generando altri tre sequel di Treyarch. La serie non mantiene più la lucentezza critica dell’originale, tuttavia, e ciò che è stato effettivamente offerto è variato notevolmente da gioco a gioco. Black Ops 2 ha mescolato il passato con il futuro in un modo che non tutti i fan hanno apprezzato, mentre il suo follow-up ha caratterizzato una campagna così sfrenata che ha minacciato di far deragliare completamente la narrativa della serie generale.

Black Ops 4, nel frattempo, ha abbandonato completamente la campagna e al suo posto ha sfruttato la mania da battaglia di Royale che è decollata con PUBG e Fortnite. Il blackout si è rivelato un grande successo, anche se le voci di una versione standalone non sono ancora diventate realtà. Nonostante i molti lifting per Black Ops nelle sue quattro puntate, la serie non è mai stata meno di uno dei giochi più venduti ogni anno senza fallo.

Il prossimo: Secondo il consueto programma di rilascio, che ruota tre diversi sviluppatori attorno al lavoro su ogni rilascio annuale, Treyarch dovrebbe arrivare nel 2021 con il loro prossimo gioco della serie ma, secondo un rapporto di Kotaku, Call of Duty del 2020, guidato da Sledgehammer e Raven come co-sviluppatori, è stato demolito dopo alcuni problemi di sviluppo e Treyarch è stato lasciato a raccogliere i pezzi. Si dice che lo studio realizzerà Black Ops 5 con le risorse sopravvissute del progetto annullato di Sledgehammer e Raven.

Un altro Black Ops catturerà l’attenzione dei fan? Call of Duty è sembrato a lungo a prova di futuro, come se nulla potesse provocare una brusca flessione delle statistiche sulle vendite e sui tempi di gioco a questo punto della sua vita. Ci aspettiamo che Black Ops 5, se è reale, potrebbe non essere quello che alcuni fan vogliono vedere dopo, ma ci aspettiamo anche che non abbia importanza quando Activision calcola la linea di fondo.

Fallout: New Vegas

(Credito immagine: Obsidian Games)

Poi: New Vegas è stato proposto come il sequel intermedio di Obsidian prima dell’uscita finale di Fallout 4 da parte di Bethesda Game Studios nel 2015. Sfoggiando un tema occidentale, il gioco di ruolo non ha venduto tanto quanto i suoi fratelli di serie, ma è stato ancora un successo critico , e sembra essere invecchiato con grazia solo negli anni da allora. La sua trama coerente di diversi fili della trama ha probabilmente creato una storia best-in-series che garantisce ai giocatori un’agenzia straordinaria nel modo in cui le loro avventure si concludono.

Da: Fallout e Obsidian sono andati in direzioni nettamente diverse dal 2010. Fallout 4 ha portato a casa una serie di premi Game of the Year nel 2015, ma è considerato una sorta di ingresso polarizzante tra i fedeli della serie, con molti che sostengono che il gioco non ha funzionato abbastanza per distinguersi dal suo predecessore.

Leggi di più  Fortnite Boogie Down: spiegazione della missione e delle sfide di Boogie Down

Bethesda ha presto seguito il Fallout 76, che è stato criticato in modo critico, che è stato lanciato in uno stato sorprendentemente pieno di errori nel 2018 e, nonostante una miriade di correzioni rapide e cadute regolari di contenuti, ha faticato a pulire l’ardesia dopo che molti giocatori hanno giurato il gioco più di un anno fa. Obsidian, nel frattempo, ha continuato a creare numerosi progetti di successo, tra cui South Park: The Stick of Truth, Pillars of Eternity e, più recentemente, The Outer Worlds, che a sua volta ha accumulato la sua impressionante collezione di premi Game of the Year per 2019. The Outer Worlds è molto simile a un gioco di ruolo simile a Fallout, anche se, con la giusta dose di Mass Effect cucinato anche in esso, è stato a dir poco un favorito tra giornalisti e giocatori allo stesso modo.

Il prossimo: Guardando al futuro, non c’è dubbio che Fallout e Obsidian continueranno a lavorare in diverse direzioni. Per il primo, potremmo non vedere un nuovo Fallout per molti anni, poiché Bethesda ha già rivelato che l’avventura spaziale Starfield è la sua prossima epopea di giochi di ruolo, prima che The Elder Scrolls 6 arrivi sulla scena dopo quello. Con questo in mente, sembra che Fallout rimarrà nel back burner per almeno mezzo decennio, se non di più, usando i cicli di sviluppo tipici come misura approssimativa.

Obsidian certamente non farà neanche il prossimo Fallout, con lo studio che è stato acquistato da Microsoft lo scorso dicembre e ora seduto sotto un ombrello improvvisamente affollato di Xbox Game Studios. È probabile che vedremo un nuovo mondo esterno, che dovrebbe comunque graffiare lo stesso prurito per i fan del genere.

Red Dead Redemption

(Credito immagine: Rockstar)

Poi: Come uno degli sviluppatori di maggior successo al mondo, Rockstar probabilmente ha avuto carta bianca dalla società madre Take Two per fare il loro prossimo gioco dopo successi come Bully e Grand Theft Auto 4, e ha deciso di uscire su un arto per far funzionare il western per videogiochi. Oggi è storia antica, ma all’epoca molti erano scettici sul fatto che i western si traducessero bene nel formato interattivo. Lo studio si è dimostrato sbagliato con uno dei giochi più venduti e acclamati dalla critica di tutti i tempi.

Da: Pochi riescono a dimenticare il tanto atteso seguito dell’epopea del cowboy del 2010 con Red Dead Redemption del 2018 2. Nonostante il suo titolo, RDR2 è un prequel completo, approfondendo ulteriormente lo sfondo della banda olandese van der Linde e del suo capo titolare. Sostituire l’amato protagonista John Marston con Arthur Morgan, una volta inaudito, è stata una scelta curiosa prima del lancio, ma la maggior parte dei giocatori si è innamorata del drammatico arco di 80 ore del personaggio.

Nonostante abbia diviso praticamente tutti i vari premi del Game of the Year con God of War, alcuni giocatori si sono lamentati del ritmo piacevole di Red Dead Redemption 2. In base alla progettazione, il gioco richiede ai giocatori di rinunciare ai viaggi più veloci, di camminare attraverso i campeggi dei loro alleati e di manovrare goffamente i cavalli che adorano catapultarti sulle rocce. Rockstar ha sicuramente avuto una visione, e ci è rimasto fedele, anche se ciò significava che alcuni giocatori galoppavano frustranti più di quanto volessero.

Leggi di più  Lara Croft si unisce a Rayman, The Rock e John Cena come prossima aggiunta crossover a Brawlhalla

Il prossimo: Narrativamente parlando, probabilmente non abbiamo bisogno di vedere altro dell’equipaggio olandese. La storia in RDR2 lo ha avvolto bene, lasciando poco spazio a più avventure con loro. Potremmo vedere un altro western di Rockstar? Sembra possibile, ma i fan hanno a lungo chiesto a gran voce altri progetti come un sequel di Bully o la conferma che l’Agente, una volta immaginato per PS3, non accadrà mai. È molto probabile che GTA 6 sia il prossimo nella lista delle cose da fare di Rockstar, ma lo studio è probabilmente anche in pre-produzione (finalmente) su un secondo progetto. I nostri soldi sarebbero su Bully 2, ma forse un giorno Rockstar ci mostrerà di nuovo come è stato vinto l’Occidente.

Alan Wake

(Credito immagine: rimedio)

Poi: Molto prima che Remedy vincesse il premio GameMe dell’anno per il controllo del 2019, c’era Alan Wake, un thriller Lynchiano ambientato nel nord-ovest del Pacifico, dove la città di registrazione di Bright Falls ospita ogni sorta di mali soprannaturali. Alan Wake ha guadagnato buoni punteggi di recensioni, ma le sue vendite sono state ostacolate da un certo gioco di cowboy di cui sopra (vedi sopra) che è stato lanciato lo stesso giorno.

Da: Lanciato come un’esclusiva per Xbox 360, Alan Wake ha goduto per anni dello status di cult come gemma sottovalutata. Ha generato uno spin-off per XBLA nel 2012, American Nightmare di Alan Wake, che ha continuato la storia in modi piccoli ma significativi, ma non era ancora il sequel giusto, quindi molti fan continuano a chiedere ancora oggi. Remedy difficilmente può fare un annuncio di gioco senza almeno una dozzina di domande su Alan Wake 2. Ci sono state voci e persino alcuni prototipi abbandonati per un vero sequel di Alan Wake, ma mentre entriamo nel 2020, non c’è alcun segno di nulla di concreto … ancora.

Il prossimo: L’impegno di Remedy per il 2019, Control, ha creato alcune idee davvero interessanti per i giochi dello studio in futuro. Ma questo è tutto ciò che diremo in questo spazio. Se non ti dispiace gli spoiler, leggi di più qui. Il futuro di Alan Wake potrebbe andare oltre i videogiochi, dato che è stato annunciato che Sam Lake, il direttore creativo di Remedy, sta lavorando attivamente per adattare la storia a una serie TV. Non ne abbiamo sentito parlare ultimamente e bisogna sempre considerare la storia macchiata dei videogiochi che provano a passare ad altri formati, ma per ora va bene essere cautamente ottimisti. Alan Wake il videogioco imita così tanto il nuovo formato della Golden Age della TV con la sua consegna episodica, i cliffhangers e gli innumerevoli misteri, quindi un giorno dovrebbe essere una scelta naturale per un servizio di streaming se il progetto dovesse mai arrivare al traguardo …

  • 1
  • 2

Pagina attuale: Pagina 1

Pagina successiva Pagina 2