Episodio 2 di Life is Strange 2: “Un episodio frustrante e spesso difficile da interpretare”

Life is Strange 2 continua con l’episodio 2, Rules, e c’è un deciso cambiamento di ritmo dopo l’episodio 1. Sono finiti i lunghi balzi tra le scene, sostituiti da una porzione di storia che rimane più o meno nello stesso punto. Questa è una cosa buona e una cattiva: in positivo, l’episodio 2 racconta una storia molto più personale e focalizzata. Come negazione, spesso si trascina a passo lento, portando in diversi personaggi che – anche se piacevolmente complessi – non sono poi così memorabili o simpatici. Vale la pena notare che da questo momento in poi ci sono spoiler per l’episodio 2, anche se cercherò di mantenerli al minimo.

Le regole portano anche molti dei lati positivi e negativi del primo episodio. Il rapporto tra Sean e Daniel – i due fratelli che hanno visto morire il loro padre e che sono ricercati per il suo omicidio – continua a crescere in modi nuovi e interessanti. Mentre Sean è il fratello maggiore, vediamo Daniel che spinge sempre più verso l’indipendenza e prende le sue decisioni. Con il suo potere arriva una fiducia che spesso rende la vita difficile per Sean, che spende la maggior parte dell’episodio 2 nel tentativo di controllare o contenere il segreto di Daniel. Il titolo dell’episodio, Rules, deriva dai tentativi sempre più futili di Sean di mantenere un profilo basso mentre il fratello minore si sforza di esplorare i suoi strani nuovi poteri.

Oh fratello

E mentre questo crea una dinamica affascinante tra i ragazzi, rendendoli di gran lunga la cosa migliore di questa stagione di Life is Strange, è un vero buco nel sistema decisionale del gioco e nei sistemi di moralità. Nelle Regole, Sean diventa quasi ridicolo come un santo o insolitamente petulante, a seconda di come giochi. Quando la coppia viene accolta dai nonni estranei, le tue uniche opzioni quando chiacchierano con loro sono di essere dei bravi ragazzi cristiani, o degli anarchici brizzolati, che rifiutano categoricamente le regole dei loro ospiti. Per un gioco che crea personaggi così complicati e realistici, gli scenari con cui vengono coinvolti sono raramente altrettanto sofisticati. Inoltre, alcune delle scelte che ottieni in queste situazioni sono assolutamente prive di significato. Ad un certo punto ho detto a Daniel che non poteva fare qualcosa che avrebbe infranto le regole della casa. Disse che lo avrebbe fatto lo stesso, e Sean si limitò a piegarsi e ad andare avanti. È chiaro che i creatori di Regole avevano bisogno di ottenere i fratelli dal punto A al punto B, e tu sai esattamente dove finiranno alla fine dell’episodio, e questo mina seriamente tutto ciò che accade nel mezzo. Scortese o conviviale, Sean e Daniel finiscono nello stesso posto.

Leggi di più  11 Diablo 4 suggerimenti per diventare il campione del santuario

La cosa più frustrante è che le scelte che fai compongono azioni inconsistenti o inusuali nell’episodio, e in realtà sei penalizzato per aver cercato di mantenere Sean e Daniel al sicuro e segreti. Sean insiste sul fatto che Daniel “si comporta” e non mostra i suoi poteri ovunque, ma seguire questo percorso porta a conseguenze che sembrano essere punite. Avendo incoraggiato Daniel a non usare i suoi poteri a meno che non stia aiutando in modo assoluto, non riesce a farlo quando conta davvero, ma uno sguardo all’albero decisionale alla fine evidenzia il perché. Certo, un adolescente non sa necessariamente che cosa è meglio per suo fratello, e qui c’è una lezione intelligente su causa ed effetto, ma a livello narrativo sembra decisamente che tu sia stato ingannato per far sì che la storia abbia preso una scossa veloce o Due; per distrarre da quanto sia lineare la trama.

Scelta e moralità a parte, l’episodio è deluso da una colonna sonora leggermente più povera rispetto alla maggior parte delle uscite precedenti. Mentre altri giochi potrebbero essere perdonati per qualcosa del genere, Life is Strange ha reso una tale virtù della musica con licenza che usa, specialmente quando lo si usa per aumentare l’emozione di una scena specifica, quindi sta dicendo che non c’è davvero alcun musical scene nell’episodio 2 che rimangono nella mente dopo il completamento.

Spirito di squadra

Anche le impostazioni sono piuttosto noiose. Mentre la vita è strana delizia nell’ordinario, spesso rendendola straordinaria o mettendo in evidenza la bellezza dell’esistenza quotidiana, l’episodio 2 mostra solo alcuni sfondi opachi. Sono pieni di oggetti per vedere e interagire, ma pochi oggetti evocano un senso di meraviglia o curiosità come fanno in altre puntate. Quello che sta dicendo è che gli aspetti più affascinanti di questo episodio sono già stati esplorati, circa sei mesi fa.

Sì, finalmente vediamo come Life is Strange 2 si intreccia con le Awesome Adventures of Captain Spirit, il mini-episodio gratuito uscito nel giugno 2018. È un bel tocco vedere i personaggi interagire, e lo stesso Capitano Spirit ha portato alcuni tanto bisogno di colore e umorismo per un episodio altrimenti molto triste, profondamente serio. Chris è un vero highlight di Rules, e abbiamo una visione molto più chiara della prospettiva di suo padre qui, che è un tocco pulito. La loro casa e le interazioni tra Chris e Daniel sono al contempo toccanti e tragiche, Life is Strange 2 al suo meglio, ma sono troppo poche e distanti tra i temi più pesanti e le relazioni più tese.

Leggi di più  Come ottenere lo Scrigno del Bazaar in Assassin's Creed Mirage

Con un clock di circa 4-5 ore, a seconda di quanto tempo si vuole spendere in questo episodio, Rules è un episodio frustrante e spesso difficile da affrontare. Mentre i personaggi centrali sono ben sviluppati e simpatici, la maggior parte del cast di supporto esiste chiaramente per portare Sean e Daniel nella fase successiva del loro viaggio. Chris è l’eccezione qui, e questo episodio avrebbe potuto beneficiare di più di lui per bilanciare il destino e l’oscurità. E anche se ci sono alcune scelte difficili da fare qui, spesso le decisioni più importanti sono fuori dalle tue mani (o irrilevanti), e che le scelte che fai portano a conseguenze che non si adattano perfettamente alla narrazione.

È difficile bilanciare un gioco con percorsi di ramificazione e personaggi complessi come Life is Strange, e la storia che ogni giocatore ottiene raramente soddisfa completamente o si sente come “il giusto risultato”. La maggior parte delle volte questa serie ha ragione, ma per me le Regole mancano troppe battute narrative a favore di shock e “lezioni dure” per essere un classico episodio di questo franchise ancora eccezionale.

Vai alla seconda pagina per la nostra puntata di Life is Strange 2 1 recensione …

Il verdetto

3

3 su 5

La vita è strana 2

Non è il migliore episodio di Life is Strange. Le scelte di dialogo sono scarse, spesso sembra che il risultato sia inevitabile e, a parte Captain Spirit, alcuni dei personaggi di supporto sono simpatici. Ma il legame principale tra Sean e Daniel rimane il sorteggio chiave.

Ulteriori informazioni

Piattaforme disponibili PS4, Xbox One, PC
Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.

1 COMMENT

Comments are closed.