Il regista ipnotico Robert Rodriguez parla il suo thriller di decenni

Robert Rodriguez è la mente dietro artisti del calibro di Spy Kids, Sin City e dal tramonto fino all’alba, e ora il regista ritorna sui nostri schermi con Hypnotic, un nuovo thriller con la svolta con Ben Affleck come detective alla caccia alla sua scomparsa figlia.

Tutto non è come sembra, tuttavia, poiché Danny di Affleck entra nell’orbita degli ipnotici, persone capaci di incredibili illusioni che usano solo il potere della loro mente. Alice Braga, William Fichtner, JD Pardo e Jackie Earle Haley co-protagonisti.

Ci siamo seduti con Rodriguez per parlare di tutte le cose ipnotiche nel podcast del film Inside Total e la nostra conversazione ha toccato i temi familiari del film, i figli di Rodriguez e i loro ruoli nel film, nonché il processo di dare vita a ipnotici in due decenni . Abbiamo anche parlato del tempo del regista sul libro di Boba Fett e Quelle speranze di sequel di Alita: Battle Angel. La nostra conversazione completa è sotto, modificata per lunghezza e chiarezza.

"Ben

(Credito immagine: Warner Bros./Ketchup Entertainment)

Film totale: questo sembra un vero progetto per te. Hai avuto l’idea per la prima volta nel 2002 e ora, oltre 20 anni dopo, il film è finalmente arrivato. Come descriveresti l’esperienza di portare ipnotici sullo schermo nel corso dei decenni?

Robert Rodriguez: Non ha precedenti. Non ho mai avuto un’idea per quel lungo non prodotto. Ma ero contento di esserne bloccato, perché era molto soddisfacente in così tanti modi. E in un modo strano, sembra che questo sia stato il momento perfetto per farlo. Non avrei avuto tutte le risposte di cui avevo bisogno anche cinque anni fa o il cast che ho. Quindi tutto ha il tempo se sei solo tenace e rimani con esso. Non avrei saputo dire alla gente che 20 anni va bene. Avrei detto: “Va bene, forse è un po ‘troppo lungo”. Ma ora che è successo, vado: ‘Okay, 20 anni, facilmente. Bene. Non è ancora marcio. [Ride]

Ma è stata solo un’idea che mi ha sempre afferrato perché ho pensato, mi ricorda così tanto ciò che facciamo. Più ho fatto film, più è come, quello che facciamo come narratori: creiamo. Il nostro compito è creare un costrutto ipnotico per un pubblico che paga denaro per venire a vedere un costrutto. Sanno che sono attori, sanno che sono linee, sanno che è falso, ma vogliono che tu faccia abbastanza bene il tuo lavoro, li ipnotizzino abbastanza, che credono che sia abbastanza reale da piangere, o ridere o dire ai loro amici di andare a vederlo a vederlo , vieni a trovarlo ancora e ancora. E a volte si aggrappano a personaggi e mondi così tanto che li apprezzano più dei loro veri amici. [Ride] Quindi è piuttosto bello. Quindi ho pensato, voglio che sia nel film, molto meta, come quando inizi a vedere gli strati che non sai cosa è reale, cosa no e cosa è un costrutto e cosa no. E che sta accadendo a teatro, e sta accadendo anche nel film.

Leggi di più  Nessuno parla di questa cosa intelligente della colonna sonora di Barbie

È davvero un film sulla famiglia e l’amore di un padre per sua figlia. Perché volevi metterlo al centro del film?

Non avevo ancora una figlia, quando ho scritto il film in origine. E poi più tardi, mentre lo stavo facendo, ero tipo “Oh.” Non aveva la svolta finale lì dentro, che volevo raccoglierlo di più verso la famiglia. È finito prima. Alcuni dei grandi colpi di scena nel film hanno cambiato l’intera percezione di esso. E volevo quell’elemento lì dentro perché è solo una parte importante della mia vita. Vengo da una famiglia di 10 bambini, ne ho cinque dei miei, la mia più giovane è mia figlia. Ha sempre avuto queste trecce elaborate. Molta di queste cose è proprio come la nostra relazione. Lei è magica. [Ride] Ha molte qualità magiche. Quindi volevo solo avere quell’aspetto lì dentro.

Parlando di famiglia, so che i tuoi figli sono stati coinvolti nella produzione. Come hai trovato collaborando con loro in modo creativo sul progetto? Come si è evoluto e cambiato? Perché so che hai lavorato con loro prima.

Hanno lavorato con me da quando potevano strisciare. Voglio dire, letteralmente. Erano acrobatici nei film e negli attori di Spy Kids, e stavano già generando storie che sono diventate film di grande schermo poiché erano davvero piccoli – sette, otto – per Sharkboy e Lavagirl. E poi sono cresciuti in queste posizioni in cui – ho dato lezioni di pianoforte ai miei figli solo per collegare il lato sinistro e destro del loro cervello, inizialmente. Non me ne sono reso conto iniziandoli all’età di quattro anni, che sarebbero diventati compositori di fumo e mi hanno fatto saltare fuori dall’acqua e prendere il mio lavoro da me! Mio figlio è molto meglio di me come compositore, che ora ha quel lavoro a tempo pieno.

Il mio altro figlio è il mio scrittore e coproduttore, l’altro mio co-redattore, il mio altro disegna i miei set con questo motore di gioco. Sono semplicemente molto in cose che hanno sempre fatto parte dell’azienda di famiglia. Sono solo i miei collaboratori preferiti, perché più difficili lavoriamo, più tempo trascorriamo insieme come famiglia. La maggior parte dei lavori ti mantenerebbe dalla tua famiglia, più difficile hai lavorato. Quindi, avendo tutti parte di esso, ci stiamo solo divertendo continuamente e siamo creativi, inventando nuove storie, inventando modi per migliorare il processo. Stanno innovando un sacco di modi in cui mi aiuteranno a fare film in futuro a cui non avrei pensato. Quindi è essenziale per il mio processo averli parte.

Leggi di più  Il regista di Alien: Romulus, Fede Alvarez, ci mostra il nuovo trailer del suo survival horror "standalone" e spoglio

"Ipnotico"

(Credito d’immagine: Warner Bros. UK)

Il protagonista è interpretato da Ben Affleck. Come è arrivato a bordo del progetto? Perché senza rovinare nulla, è un ruolo che richiede versioni diverse dello stesso personaggio in una performance della storia.

L’ho scelto per quello che vedi nelle prime scene. È un detective molto guidato, sapevo che avrebbe potuto farlo. È una stella. Questo è quello che mi è piaciuto dei film di Hitchcock. Hitchcock poteva girare film con non star, ma quando lo fece al meglio, era con Cary Grant, James Stewart. Quindi ho pensato: “Ho bisogno di una stella del genere per radunare davvero il film”. E poi il fatto che sia in realtà un padre e che parli sempre dei suoi figli – abbiamo parlato sempre dei nostri figli – che sapevo che il suo vero calore come padre era l’altra parte di quel detective guidato, così lui era perfetto. Ed è del cinema indie degli anni ’90. Quindi, quando il nostro programma è stato molto breve, sapevo che sarebbe stato in grado di farlo, perché era abituato anche a girare in quel modo, come lo ero.

Senza entrare negli spoiler, c’è una presa in giro per i crediti che suggerisce che la storia non è ancora finita. Hai in programma di rivisitare di nuovo la storia o hai idee su dove potresti prenderla dopo?

Io faccio. Ho piani. Non sapevo se la sequenza di mid-credito fosse stata spinta troppo in basso, e non tutti lo avrebbero visto. Ma sono contento che tu l’abbia visto, perché mi è piaciuta quella parte. Vorrei metterlo un po ‘prima in modo che la gente lo [lo vedesse]. Ma sì, è abbastanza lungo la linea di credito. Speriamo che le persone lo vedano. Mi piacerebbe farne un altro.

Poiché hai avuto questa idea per così tanto tempo, ipnotici ha attraversato molte versioni diverse? C’era qualcosa che hai finito per eliminare o rimettere in giro che ha davvero cambiato il progetto?

Sì, cambi le cose nel tempo. Molte cose che sono ancora lì, come la rapina, lui è un detective, lui che ha una figlia che è persa, la scena delle forbici, un po ‘del grande colpo con fino a dopo. Ma il DNA di tutto era praticamente lì dentro. Quando abbiamo escogitato altri modi per raccontare la storia, alcune cose sono cambiate. Ma sì, è solo la naturale progressione dei cambiamenti che si sono verificati, finendo con la versione finale che è sicuramente la versione definitiva.

Perché hai deciso di inserire questi concetti di fantascienza con ciò che sembra, all’inizio, essere un thriller di polizia piuttosto semplice?

Il mio intero trucco è sempre stato quello di avere solo una grande idea, indipendentemente dalle dimensioni del tuo budget. Quindi, se hai un budget limitato o un budget di medie dimensioni, hai solo un’enorme idea, perché aprirà il film. Quindi non hai bisogno di un grande budget.

Leggi di più  Mission: Impossible 2 è il film più strano della serie, ma lo adoro lo stesso.

In effetti, mentre il nostro budget si è ridotto, in realtà ha aiutato il film ad avere proprio come un carrello da golf. [Ride] In realtà ha reso gli ipnotici molto più potenti, che possono ingannare le persone in quel modo. Quindi ho pensato, ho avuto un’idea davvero grande e ho anche elementi che sembrano quasi fantascientifici; Rende l’idea più grande. Se pensavi che il film sarebbe stato solo sull’ipnosi, non me lo aspetteresti. Ecco perché la parola ipnotico significa che potrebbe essere qualsiasi cosa. Potrebbe significare persone con poteri molto ultraterreni.

"William

(Credito immagine: Warner Bros./Ketchup Entertainment)

Voglio parlarti di Star Wars , perché eri un produttore esecutivo e regista del libro di Boba Fett. Come hai trovato l’accoglienza da fan e critici? Ne sei stato sorpreso o era quello che ti aspettavi?

Mi è piaciuto lavorare su quello e il mandaloriano è stato il più divertente che avrei mai potuto fare qualcosa. Perché, inoltre, era giusto durante Covid. Nessuno stava girando, quindi sarei stato solo seduto a casa, e invece dovevo andare a suonare con i personaggi di Star Wars. [Ride] È stato solo un vero spasso. John Favreau e Dave Filoni erano solo i migliori partner, hanno trovato tutte queste storie incredibili.

Sembrava essere un bambino, ma la magia non scompare. Anche se sai come è fatto, vedi burattini e vedi le corde, ti fa ancora venire la mente. Viene tutto dal mondo. Hanno così tanti artisti che erano nei film originali di Star Wars che non perde il suo look. E così potresti camminare su un set e ti sentirai come se fossi proprio lì. Non lo scambierei per niente. È stato super divertente, super eccitante.

Volevo anche chiedere di Alita: Battle Angel, perché so che c’è stata questa campagna di fan davvero appassionata per avere un sequel, e John Landau ha detto che c’è uno in arrivo e ha parlato a te al riguardo. Come sta arrivando?

Sì, ne abbiamo parlato, quindi ci piacerebbe farne uno. Non l’abbiamo ancora impostato, ma speriamo sicuramente di farlo e ne parliamo molto. Sono sbattuti con tutta la roba di Avatar, ma si sono sicuramente impegnati.

Ipnotico è nei cinema del Regno Unito questo 26 maggio. Nel frattempo, dai un’occhiata alla nostra guida alle prossime date di uscita cinematografica delle prossime 2023 per tutto il resto dell’anno.

Per ascoltare la nostra intervista con Rodriguez, controlla l’ultimo episodio di Inside Total Film, disponibile su:

  • AudioBoom
  • podcast di Apple
  • Spotify
  • deezer
Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.