La guida definitiva ai giochi di Resident Evil

"25 (Credito immagine: Capcom) SALTA A:

  • Resident Evil (1996)
  • Resident Evil: Director’s Cut (1997)
  • Resident Evil 2 (1998)
  • Resident Evil 3: Nemesis (1999)
  • Resident Evil Survivor (2000)
  • Resident Evil – Codice: Veronica (2000)
  • Resident Evil – Codice: Veronica X (2001)
  • Resident Evil Gaiden (2001)
  • Resident Evil Survivor 2 – Codice: Veronica (2001)
  • Resident Evil Remake (2002)
  • Resident Evil Zero (2002)
  • Resident Evil: Dead Aim (2003)
  • Resident Evil Outbreak (2003)
  • Resident Evil Outbreak: File # 2 (2004)
  • Resident Evil 4 (2005)
  • Resident Evil: Deadly Silence (2006)
  • Resident Evil: The Umbrella Chronicles (2007)
  • Resident Evil 5 (2009)
  • Resident Evil: The Darkside Chronicles (2009)
  • Resident Evil: The Mercenaries 3D (2011)
  • Resident Evil: Revelations (2012)
  • Resident Evil: Operation Raccoon City (2012)
  • Resident Evil 6 (2012)
  • Resident Evil Revelations 2 (2015)
  • Umbrella Corps (2016)
  • Resident Evil 7: Biohazard (2017)
  • Resident Evil 2 Remake (2019)
  • Resident Evil 3: Nemesis Remake (2020)
  • Resident Evil: Village (7 maggio 2021)

“Entra nel Survival Horror …” con queste quattro parole, Capcom ha dato il via a una rivoluzione di genere. La serie Resident Evil ha fatto il suo debutto il 22 marzo 1996 per la PlayStation originale. Nei 25 anni successivi, Resident Evil è cresciuto fino a diventare uno dei franchise di gioco più amati e più venduti, spostando oltre 107 milioni di unità in vendite cumulative in tutto il mondo. Come imparerai in questa guida definitiva ai giochi di Resident Evil, uno dei motivi per cui la serie è stata in grado di godere di un tale successo e longevità è la sua volontà di reinventarsi, mutando per sopravvivere meglio al suo ambiente.

A causa di quel desiderio di sopravvivere, la serie Resident Evil ha una libreria di giochi un po ‘disordinata al suo nome. Con sette (presto otto) voci principali e decine di spin-off – per non parlare di altrettanti remake, rimasterizzazioni e ristampe – può essere difficile capire quanto Resident Evil sia diventato davvero ampio e sperimentale dal 1996 Con Resident Evil: Village all’orizzonte e il franchise che celebra il suo 25 ° anniversario quest’anno, abbiamo ritenuto che fosse il momento perfetto per esplorare la storia completa dei giochi di Resident Evil. Oh, e se stai cercando le classifiche, abbiamo i migliori giochi malvagi residenti proprio qui.

Resident Evil (1996)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil (1996)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PS1

Resident Evil non è stato il primo gioco survival horror – quell’onore (probabilmente) va a Sweet Home, il cult-classico di Capcom del 1989 per NES che è servito come ispirazione principale per questa versione per PlayStation del 1996 – ma è responsabile della creazione delle basi. del genere su cui si sta ancora costruendo fino ad oggi. 25 anni dopo, e l’incarnazione originale di Resident Evil è ancora uno dei più grandi giochi horror di tutti i tempi.

Dimentica per un secondo la sequenza FMV di apertura di hokey e ciò che rimane è un masterclass di narrazione atmosferica. È notevole la rapidità con cui Resident Evil riesce a stabilire un terrificante senso del tempo e del luogo all’interno dei claustrofobici corridoi della Spencer Mansion. L’avventura originale di Jill Valentine e Chris Redfield rimane una sfida da incubo fino ad oggi. Non a causa dei controlli dei suoi carri armati, ma piuttosto della sua dipendenza dalla scarsità, dalla gestione spietata delle risorse, dalla punizione dei nemici e da una villa dal design complesso che è rinomata per i suoi ridicoli enigmi architettonici quanto per una cavalcata di spaventi.

Resident Evil: Director’s Cut (1997)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil: Director’s Cut (1997)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PS1

Mentre un sequel di Resident Evil è stato approvato poche settimane dopo la conclusione dei lavori sul gioco originale, ha subito un ciclo di produzione notoriamente controverso. Nel 1997, lo sviluppo di Resident Evil 2 era quasi completo, ma alla fine è stato demolito, con il creatore della serie Shinji Mikami che è tornato per supervisionare la direzione creativa. Di conseguenza, Capcom si è affrettata a mettere sul mercato qualcosa che potesse capitalizzare lo slancio crescente di Resident Evil.

E così siamo stati trattati con Resident Evil: Director’s Cut. Sono state rilasciate due versioni di questo gioco, una con supporto DualShock e un’altra senza, sebbene l’offerta di base fosse la stessa. Le aggiunte più importanti sono state due nuove configurazioni di difficoltà; La modalità Arrange ha spostato oggetti chiave e nemici in nuove posizioni intorno alla tenuta di Spencer, mentre Beginner ha aumentato la frequenza delle cadute di risorse e ha migliorato la salute del giocatore e la produzione di danni. Una solida versione per chiunque abbia perso il gioco la prima volta.

Resident Evil 2 (1998)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil 2 (1998)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PS1

Creare un sequel di successo è una faccenda complicata. Capcom ha dovuto affrontare questa sfida nel 1996, un compito invidiabile di far evolvere la formula con cui aveva inaspettatamente trovato successo e portarla al livello successivo. Non è stato un processo che Capcom ha avuto ragione la prima volta, come puoi saperne di più in questa retrospettiva su Resident Evil 1.5, ma quando ha fatto bene l’esperienza risultante è sequel più impressionanti di tutti i tempi.

Resident Evil 2 ha preso l’atmosfera soffocante della Tenuta Spencer e l’ha trascinata in uno spazio tentacolare: Raccoon City, sotto l’assedio dei morti viventi. Ci sono voluti il ​​ritmo temperato, l’equilibrio delicato e la sfida inquietante che hanno contribuito a definire il debutto di Resident Evil e migliorato su ogni aspetto con quella che sembrava essere relativa facilità. Leon S. Kennedy e Claire Redfield non hanno solo fatto il loro debutto qui; hanno recitato in un gioco che ha contribuito a definire l’era PS1 e a radicare gli aspetti chiave della formula di Resident Evil nella leggenda.

Resident Evil 3: Nemesis (1999)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil 3: Nemesis (1999)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PS1, PC, Dreamcast

Resident Evil 3: Nemesis aveva un enorme peso di aspettative che lavoravano contro di esso. Resident Evil 2 è stato un successo travolgente e Capcom era impantanato nelle erbacce dello sviluppo cercando di capire cosa fare dopo. Nemesis è nato come uno spin-off prima di essere riorganizzato in una voce principale, con Jill Valentine che ha preso il ruolo di protagonista in una storia che è servita sia come prequel che come sequel di RE2. Potrebbe essere arrivato con sfondi pre-renderizzati familiari e prospettive fisse, ma Resident Evil 3: Nemesis ha avuto successo sovvertendo le aspettative.

Dove una volta si poteva trovare sicurezza nell’animazione dell’apertura di una porta, Resident Evil 3 ha assicurato che non ci fosse nessun posto dove nascondersi a Raccoon City, grazie all’introduzione di Nemesis. Progettato biologicamente per rendere la tua vita un vero inferno, Nemesis era una minaccia implacabile e stressante che ha funzionato per accendere la tensione e scusare la crescente attenzione della serie sull’azione. Resident Evil 3: Nemesis rimane uno dei migliori della serie, grazie al suo gioco più pacato, alla struttura narrativa malleabile e alla modalità The Mercenaries: Operation Mad Jackal, una prima iterazione del minigioco Mercenaries preferito dai fan.

Resident Evil Survivor (2000)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil Survivor (2000)
Sviluppatore / i:
TOSE | Editore: Capcom
Piattaforme: PC, PS1

Molti sono rimasti sorpresi quando Capcom ha abbracciato il combattimento in prima persona per Resident Evil 7 – l’audace ritorno alla forma dell’editore, dopo il tanto calunniato sesto capitolo della serie principale – ma non è stato il primo flirt dell’editore con una prospettiva più intima. No, quell’onore va a Resident Evil Survivor, un gioco che è meglio lasciare a raccogliere polvere negli annali della storia della serie.

Ambientato poco dopo l’esplosione che ha cancellato Raccoon City dalla mappa, sei costretto a guadare attraverso i fangosi ambienti 3D dell’isola di Sheena (un primo indicatore di quanto fossero importanti gli stravaganti sfondi pre-renderizzati per l’atmosfera originale di Resident Evil) e combattere lentamente sui binari contro un esercito in parata dei mostri più iconici di Resi. Mentre i giocatori in Europa e in Giappone potevano farlo con una pistola leggera in mano, quelli negli Stati Uniti non potevano farlo, in parte a causa della caduta culturale che circondava il tragico massacro della Columbine High School del 1999. Indipendentemente da come l’hai interpretato, Survivor era un povero facsimile di Time Crisis che non è riuscito a impressionare.

Resident Evil – Codice: Veronica (2000)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil – Codice: Veronica (2000)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: Dreamcast

In uno strano scherzo del destino, Resident Evil – Code: Veronica era, una volta, progettato per guidare la serie nel futuro, anche se alla fine è arrivato come uno spin-off che era un po ‘in anticipo sui tempi. Codice: Veronica è stato il primo gioco della serie a introdurre ambienti 3D in tempo reale, una fotocamera più dinamica e ha favorito la spinta di Resident Evil nel territorio dell’azione.

Il blockbuster di Code: il design dello scenario veramente oltraggioso di Veronica era, col senno di poi, un presagio di dove Resident Evil sarebbe finito con la sua quinta e sesta puntata. Nonostante ciò, l’avventura di Claire e Chris Redfield attraverso una remota isola prigione e in una segreta struttura di ricerca antartica rimane un ingresso fedele alla serie. Ha impressionato con la sua atmosfera densa, l’abbraccio del design ambientale ispirato all’orrore gotico e una curva di difficoltà punitiva che assicurava che la sopravvivenza fosse ancora qualcosa per cui dovevi combattere.

Leggi di più  Recensione Turtle Beach Recon 500: "Un auricolare dal suono davvero impressionante"

Resident Evil – Codice: Veronica X (2001)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil – Codice: Veronica X (2001)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PS2

Resident Evil – Code: Veronica è stata controversa quando ha fatto il suo debutto. Non a causa delle modifiche apportate ai filamenti del DNA di Resident Evil, necessariamente, ma a causa della sua uscita su Sega Dreamcast: è stato il primo gioco ‘principale’ della serie a non fare il suo debutto su una piattaforma Sony. Non passerà molto tempo prima che la PS2 ottenga una versione tutta sua, con Code: Veronica X in arrivo all’inizio del 2001.

Quando le persone citano Code: Veronica come “il preferito dai fan”, probabilmente stanno parlando di questa versione del gioco a causa della popolarità della PS2 all’epoca. Sebbene il gioco di base sia sostanzialmente lo stesso, Code: Veronica X presentava lievi miglioramenti grafici e delle prestazioni, insieme a oltre 10 minuti di nuovi filmati cinematografici; il taglio esteso incentrato sulla crescente infatuazione della base di fan per Albert Wesker e il suo coinvolgimento con la Umbrella Corporation avrebbe contribuito a plasmare l’arco narrativo dei giochi di Resident Evil per gli anni a venire.

Resident Evil Gaiden (2001)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil Gaiden (2001)
Sviluppatore / i:
Capcom, M4 | Editore: Capcom
Piattaforme: Game Boy Color

Resident Evil Gaiden è qualcosa di un classico sottovalutato. Rilasciato esclusivamente per Game Boy Color, i co-sviluppatori Capcom e M4 hanno fatto un lavoro ammirevole prendendo l’orrore claustrofobico di Resident Evil e trasferendolo sul piccolo schermo. Ammirevole, ma non perfetto. Eppure, nonostante i suoi problemi molto reali, Resident Evil Gaiden è almeno originale.

Non c’è niente come Resident Evil Gaiden nel franchise di Resident Evil, né nella libreria di giochi disponibili per Game Boy Color. Si svolge su una nave da crociera infestata da zombi (perfetta come un’ambientazione per survival horror come avresti mai sperato di trovare), in cui Leon S. Kennedy e Barry Burton combattono per la sopravvivenza in una storia che è ora (purtroppo) considerato non canonico. Tra gli strani enigmi, la trama avvincente, i controlli pignoli, l’estetica meravigliosa e lo strano minigioco di combattimento in prima persona, Resident Evil Gaiden è un prodotto del suo tempo che deve essere giocato per crederci.

Resident Evil Survivor 2 – Codice: Veronica (2001)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil Survivor 2 – Codice: Veronica (2001)
Sviluppatore / i:
Capcom, Namco | Editore: Capcom
Piattaforme: Arcade, PS2

Resident Evil Survivor è stato accolto male, ma ciò non ha impedito a Capcom di mettere in produzione una seconda puntata della serie Gun Survivor. Resident Evil Survivor 2 – Codice: Veronica ha tentato di legarsi più saldamente ai giochi principali, questa volta mettendoci dietro gli occhi di Claire Redfield mentre cercava suo fratello in seguito all’incidente di Raccoon City.

Proprio come il suo predecessore, Resident Evil Survivor 2 è stata un’ulteriore prova che Resident Evil e il genere sparatutto con pistola leggera non funzionavano bene insieme in questo momento. Con personaggi e nemici di Code: Veronica, c’era qualcosa qui per i fan che erano alla disperata ricerca di più avventure di Claire, ma il suo movimento e il suo movimento sembravano ancora simili a far scorrere le mani attraverso una vasca piena di appiccicoso rischio biologico. Dotato del supporto per GunCon 2 e DualShock 2 di Namco in Giappone e in Europa, questo improbabile sequel è andato un po ‘meglio nelle sale giochi di quanto non fosse in patria, ma Survivor 2 non è mai arrivato sulle coste del Nord America.

Resident Evil Remake (2002)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil Remake (2002)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: GameCube

Capcom aveva ragione da dimostrare all’inizio del secolo. L’editore ha annunciato di aver stipulato un accordo di esclusiva con Nintendo per portare la serie su GameCube. Ciò ha creato una sorta di fiasco, poiché i fan – che tradizionalmente erano stati in grado di giocare a Resident Evil su PlayStation – hanno espresso opposizione all’idea che un eventuale Resident Evil 4 sarebbe stato fuori dalla loro portata. Questo ambiente un po ‘tossico ha posto le basi per Resident Evil Remake, un gioco che nessuno avrebbe visto arrivare e che pochi avrebbero mai dimenticato.

Come uno dei primi giochi di Capcom per GameCube, lo studio ha deciso di spingere i limiti del sistema prima che iniziasse a investire nella successiva voce numerata della serie. Il risultato è senza dubbio la migliore versione di Resident Evil, uno dei migliori giochi horror della sesta generazione e uno dei più grandi remake di tutti i tempi. Resident Evil Remake ha riadattato la sua azione con molte delle meccaniche introdotte nella serie dal 1996, presentava un design visivo davvero sorprendente e ha apportato diversi miglioramenti intelligenti alla qualità della vita che hanno contribuito a garantire lo status di REmake come uno dei migliori nella storia di Resident Evil.

Resident Evil Zero (2002)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil Zero (2002)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: GameCube

Resident Evil Zero è stato l’ultimo del suo genere. Arrivato come esclusiva per GameCube nel 2002 – sebbene in seguito sia stato aggiornato in HD e successivamente portato su quasi tutte le piattaforme praticabili negli anni successivi – Resident Evil Zero si è lanciato come prequel dell’originale Resident Evil, facendo finalmente luce sul male che avvolgeva le STELLE Bravo Team nell’oscurità delle montagne di Arklay.

Resident Evil Zero è criticato da alcuni per le stesse ragioni per cui è elogiato da altri; è stato l’ultimo gioco principale a utilizzare la formula della telecamera fissa, sfondi pre-renderizzati e la formidabile formula di Resident Evil per generare paura. Rebecca Chambers conduce questa memorabile avventura da un treno abbandonato nelle profondità della Spencer Estate, lavorando in tandem con il criminale condannato Billy Coen. Questa inquadratura ha permesso a Capcom di sperimentare una meccanica di scambio di personaggi unica che ha introdotto una nuova svolta in tutto, dal design del puzzle alla gestione delle risorse.

Resident Evil: Dead Aim (2003)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil: Dead Aim (2003)
Sviluppatore / i:
Cavia | Editore: Capcom
Piattaforme: PS2

Dì quello che vuoi su Capcom, ma devi ammirarne la tenacia. Nonostante l’accoglienza negativa di Resident Evil Survivor e del suo sequel, l’editore ha continuato a provare. Resident Evil: Dead Aim è il quarto gioco della serie Gun Survivor, dopo Dino Stalker, un’iterazione di maggior successo dello sparatutto con pistola leggera ambientato nel mondo di Dino Crisis. Dead Aim ha fatto dei passi avanti, letteralmente – abbandonando la struttura su binari del suo predecessore a favore delle opzioni di movimento manuale.

Giocato al meglio con una pistola leggera in mano, Resident Evil: Dead Aim è arrivato come uno strano ibrido tra il movimento in terza persona e l’azione in prima persona. Ha sempre funzionato? No, non proprio. Lo sviluppatore Cavia dovrebbe essere lodato per averci provato? Si assolutamente. Dead Aim ha mostrato un potenziale nel matrimonio tra l’essenza principale di Resident Evil e l’ossessione di Capcom per gli sparatutto con pistole leggere, aprendo la strada agli esperimenti di successo dell’editore con il franchise su Nintendo Wii.

Resident Evil Outbreak (2003)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil Outbreak (2003)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PS2

Arrivato quando i titolari di piattaforme e gli editori stavano iniziando a investire pesantemente nel multiplayer online su console, Resident Evil Outbreak rimane un classico di culto che troppo pochi avevano i mezzi o l’opportunità di sperimentare come previsto. Questa versione per PS2 ha dimostrato che tutto è migliore con gli amici, anche l’isolante ethos survival horror al centro di Resident Evil.

Ambientato in cinque scenari episodici a Raccoon City, Resident Evil Outbreak ha dato ai giocatori la prima opportunità di sperimentare il caos nelle strade mentre l’epidemia di T-Virus è sfuggita al controllo per la prima volta. Nonostante la mancanza di controllo vocale e gli ostacoli che dovevano essere superati per ottenere una PS2 online nel 2003, Outbreak si è rivelato una delle schegge di maggior successo di Resident Evil dallo stile di gioco su cui la serie ha costruito la sua reputazione.

Resident Evil Outbreak: File # 2 (2004)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil Outbreak: File # 2 (2004)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PS2

L’originale Resident Evil Outbreak ha avuto un ciclo di sviluppo disordinato, con Capcom che faticava a finalizzare internamente il concetto di Biohazard Online e allocare risorse ai giochi incentrati sulla rete (un’iniziativa che alla fine ci ha dato Monster Hunter). Ma la decisione di spingere un sequel nello sviluppo è stata una vendita più facile per Capcom. Questa espansione autonoma presentava gli stessi otto personaggi del gioco originale, inserendoli in cinque nuovi scenari: trame episodiche che sono state tagliate dal primo gioco a causa di limiti di risorse, ma una volta intraviste nei primi trailer dell’E3.

Leggi di più  War Mongrels è pronto a portarci in un'avventura RTS brutale e autentica della seconda guerra mondiale

Dotato di sistemi online più completi e una suite più ampia di modalità, Resident Evil Outbreak: File # 2 manca dell’ambizione e del fascino del suo predecessore, ma era comunque un must assoluto per chiunque avesse fatto il possibile per collegare la propria PS2 alla prima iterazione del PlayStation Network. Oh, e Resident Evil Outbreak: File # 2 presentava una delle migliori aree mai viste in Resident Evil: uno zoo davvero inquietante pieno di animali esotici infettati dal T-Virus.

Resident Evil 4 (2005)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil 4 (2005)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: GameCube

Resident Evil 4 è probabilmente il più grande gioco d’azione di tutti i tempi e una delle versioni più importanti dell’era moderna dei giochi. A meno di un decennio dal debutto di Resident Evil, Capcom ha portato in produzione una radicale reinvenzione della serie. L’esclusiva per GameCube non ha cambiato solo Resident Evil, ma l’intero settore che lo circonda.

La telecamera è stata combattuta da posizioni fisse nell’ambiente e fissata saldamente alla spalla di Leon S. Kennedy. Resident Evil 4 era più veloce e intelligente dei suoi predecessori, ma costringeva comunque i giocatori a piantare i piedi per terra prima che potessero fare un tentativo: una decisione progettuale che ha funzionato per generare delicatamente tensione e claustrofobia, anche negli spazi più ampi del gioco. località di villaggi e castelli. Resident Evil 4 ha cambiato i giochi d’azione, ha reinventato gli sparatutto in terza persona e ha assicurato che la serie Resident Evil sarebbe entrata nella sua seconda decade in una posizione più forte che mai.

Resident Evil: Deadly Silence (2006)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil: Deadly Silence (2006)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforma / e: Nintendo DS

Rilasciato per commemorare il decimo anniversario di Resident Evil e capitalizzare il crescente successo del Nintendo DS, Capcom ha rilasciato una versione migliorata dell’originale Resident Evil per il sistema. Mentre l’editore non era estraneo ai porting di Nintendo in questa fase – rilasciando versioni di Resident Evil 2 e Resident Evil 3 su GameCube nel 2003 – Resident Evil: Deadly Silence merita di essere evidenziato per quanto fosse strano.

Capcom ha utilizzato le caratteristiche uniche del Nintendo DS attraverso la sua modalità Rebirth. La mappa veniva visualizzata sullo schermo superiore mentre l’azione era contenuta claustrofobicamente sullo schermo inferiore, gli zombi potevano essere colpiti con lo stilo, i puzzle venivano ricostruiti per utilizzare l’input tattile e c’era persino un mini-gioco in cui si ha dovuto soffiare nel microfono per eseguire la RCP su un ferito Richard Aiken. Deadly Silence era strano e meraviglioso, proprio come la console per cui era stato costruito.

Resident Evil: The Umbrella Chronicles (2007)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil: The Umbrella Chronicles (2007)
Sviluppatore / i:
Capcom, Cavia | Editore: Capcom
Piattaforme: Wii

In seguito alla sua collaborazione su Resident Evil: Dead Aim, Capcom e Cavia hanno portato il fascino in corso di Resident Evil per lo sparatutto con mitragliatrice alla sua inevitabile conclusione. Gli studi hanno abbandonato il design ibrido in terza persona / prima persona e sono tornati allo stile dei primi giochi Gun Survivor per Resident Evil: The Umbrella Chronicles, optando per una presentazione su binari e sistemi di controllo più universalmente comprensibili mentre abbracciava il divertimento e libertà così evidenti nei primi anni di Nintendo Wii.

The Umbrella Chronicles è semplicistico, veloce da finire e relativamente leggero sugli spaventi, ma ciò che manca in profondità lo compensa con un divertimento sfrenato. La campagna è una breve sosta attraverso i momenti più significativi di Resident Evil Zero, Resident Evil e Resident Evil 3: Nemesis, spingendoti attraverso luoghi familiari con il WiiMote stretto tra le dita come un’arma da fianco Samurai Edge. Resident Evil: The Umbrella Chronicles ha dimostrato che Capcom aveva ragione a continuare a provare.

Resident Evil 5 (2009)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil 5 (2009)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PC, PS3, Xbox 360

Che lo ami o lo detesti, l’approvazione a tutto tondo di Capcom del genere d’azione rimane il suo più grande successo. Resident Evil 5 non è solo il gioco più venduto della serie Resident Evil, è uno dei giochi più venduti di Capcom punto . Oltre 12 milioni di persone hanno seguito l’avventura di Chris Redfield e Sheva Alomar in una regione fittizia dell’Africa, con gli agenti della BSAA che tentavano di recuperare un’arma bio-organica prima che raggiungesse il mercato nero.

Il primo gioco Resident Evil dell’era HD, Resident Evil 5 era un gioco d’azione spesso esilarante, grazie al suo design di scenari incredibilmente ridicolo: l’azione ad alto numero di ottani che si giocava bene all’interno di una delle presentazioni visive più vivaci e ricche della sua epoca. Tuttavia, le sue meccaniche di controllo appiccicose, l’IA imprevedibile del partner, l’inquadratura narrativa problematica e l’eliminazione di qualsiasi pretesa di survival horror hanno funzionato solo per creare divisione tra i fan. Giocato con un amico in co-op, Resident Evil 5 offre intrattenimento senza carenza, ma non è riuscito a innovare o impressionare tanto quanto i suoi predecessori principali.

Resident Evil: The Darkside Chronicles (2009)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil: The Darkside Chronicles (2009)
Sviluppatore / i:
Capcom, Cavia | Editore: Capcom
Piattaforme: Wii

Un sequel che nessuno sapeva di volere, Resident Evil: The Darkside Chronicles è stato il seguito del successo a sorpresa per Wii The Umbrella Chronicles. Laddove il primo gioco ha portato i giocatori su una leggera avventura su binari attraverso le trame di Resident Evil Zero, Resident Evil e Resident Evil 3: Nemesis, The Darkside Chronicles ha risposto alle richieste dei fan di tornare nei mondi di Resident Evil 2 e Code: Veronica .

Facendo un buon uso del Wii-mote come un’arma secondaria fittizia, The Darkside Chronicles si è rivelato un divertente gioco di pistola leggera che era abbastanza divertente da solo o combattere al fianco di un amico. Purtroppo, sono state apportate alcune strane modifiche al gioco di base che hanno diminuito alcune delle sue sfide – rendendo più facili i colpi alla testa e una sottoparte di difficoltà dinamica, ad esempio – mentre la decisione di introdurre una fotocamera traballante alla fine ha funzionato per interrompere la sua longevità.

Resident Evil: The Mercenaries 3D (2011)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil: The Mercenaries 3D (2011)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: Nintendo 3DS

Dopo la sua introduzione nel Resident Evil 3: Nemesis del 1999, la modalità Mercenaries è diventata rapidamente una delle preferite dai fan. Spogliando completamente l ‘”orrore” dall’equazione, Mercenaries ha concentrato l’attenzione sulla sopravvivenza mentre ti ha incaricato di correre attraverso i luoghi familiari di Resident Evil il più velocemente possibile, uccidendo quanti più nemici possibile lungo il percorso.

La modalità è stata successivamente ripristinata per Resident Evil 4 e Resident Evil 5 prima di ricevere il suo spin-off dedicato per Nintendo 3DS. È stato allora che giocatori ed editore hanno scoperto che la modalità Mercenari è proprio questo: una modalità . Facile da giocare e ancora più facile da dedicare al tempo, Resident Evil: The Mercenaries 3D si è comportato bene con il Circle Pad Pro, ha fatto buon uso delle capacità visive del Nintendo 3DS e si sarebbe rivelato molto divertente in brevi raffiche, ma le sue prestazioni instabili e la mancanza di profondità lo hanno lasciato rapidamente dimenticato.

Resident Evil: Revelations (2012)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil: Revelations (2012)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: Nintendo 3DS

Quando Resident Evil: Revelations è stato pubblicato nel 2012, sembrava che la serie di Resident Evil stesse per rompersi. Anche con il suo lancio a circa nove mesi di distanza, era chiaro che Resident Evil 6 avrebbe ulteriormente esplorato Capcom del genere d’azione e, di conseguenza, Resident Evil: Revelations è stato visto come la naturale evoluzione di uno stile di gioco visto l’ultima volta in Resident del 2000 Male – Codice: Veronica.

Resident Evil: Revelations ha enfatizzato l’evasione sull’azione e la sopravvivenza sullo scontro. Ha cercato di combinare la sensibilità del design della vecchia scuola di Resident Evil con i controlli di Resident Evil 4, ma non ha colpito nel segno. L’opportunità di trascorrere più tempo con Chris Redfield e Jill Valentine è stata, ovviamente, ben accolta, ma Revelations è stato alla fine vincolato dai limiti del Nintendo 3DS e della sua goffa periferica Circle Pad Pro. Nonostante i suoi problemi, è una voce solida che mostrava che c’era ancora successo da trovare nel corteggiare il survival horror.

Resident Evil: Operation Raccoon City (2012)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil: Operation Raccoon City (2012)
Sviluppatore / i:
Slant Six Games | Editore: Capcom
Piattaforme: PC, PS3, Xbox 360

Resident Evil è sempre stato infatuato dei cattivi. Non le orde di umanoidi mutanti che sfilano per i funhouses meticolosamente realizzati da Capcom, ma piuttosto artisti del calibro di Albert Wesker, Ada Wong, Hunk, e quella volta una Jill Valentine con il lavaggio del cervello si è tinta i capelli di biondo. Resident Evil: Operation Raccoon City ha tentato di capitalizzare tutto ciò, ma ha mancato il bersaglio in ogni modo immaginabile.

Leggi di più  Anacrusis è il nuovo FPS cooperativo degli ex sviluppatori di Valve e Riot ed è pieno di alieni

Per i principianti, ti ha bloccato alla presenza della Delta Squad dell’Umbrella Security Service, un esercito di pistole senza volto a noleggio il cui impegno per non avere personalità distinguibili era così forte da attraversare ogni aspetto del gioco. Controlli poco maneggevoli, intelligenza artificiale imprevedibile e design noioso dello scenario erano solo alcuni dei punti salienti, peggiorati ancora da una resa superficiale dell’ambientazione originale di Resident Evil 2. L’operazione Raccoon City è stata la logica conclusione dell’investimento mal riposto di Capcom nel genere d’azione.

Resident Evil 6 (2012)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil 6 (2012)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PC, PS4, Xbox 360

Resident Evil 6 è la prova di una verità universale: non puoi accontentare tutti. Non tutto in una volta, almeno. Capcom lo ha scoperto nel modo più duro, tentando di offrire un’avventura tentacolare di Resident Evil che comprendeva quattro lunghe campagne intrecciate, una modalità cooperativa per quattro giocatori, una suite di nuovi sistemi e meccaniche incentrati sull’azione e un ritorno alla vita. morto per dare a Leon S. Kennedy, Chris Redfield, Jake Muller e Ada Wong un sacco di corpi in decomposizione in cui pompare proiettili.

Era un disastro, anche se proveniva da un buon posto. Resident Evil 5 rimane il gioco più venduto di tutti i tempi di Capcom, quindi non sorprende che lo studio abbia cercato di capitalizzare la risposta alla sua totale approvazione del genere d’azione, capitolando alle richieste di più shenanigans della timeline e il ritorno di zombi classici dopo la loro assenza decennale. Resident Evil 6 potrebbe essere il quarto gioco più venduto di Capcom, ma è stato ricevuto così male che ha spinto a una selvaggia rivisitazione della serie. Quindi, dì quello che vuoi su Resident Evil 6, ma senza di esso non avremmo il puro terrore di Biohazard.

Resident Evil Revelations 2 (2015)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil Revelations 2 (2015)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PC, PS3, Xbox 360

In molti modi, Resident Evil: Revelations 2 è stato la collisione del passato e del presente di Resident Evil. Ha preso tutte le lezioni che Capcom aveva imparato attraverso il suo flirt con l’azione e l’ha consolidato contro la propensione di Resident Evil per i dialoghi schlock, le armi espressive e la progettazione frenetica dello scenario. Resident Evil: Revelations 2 potrebbe essere stato lanciato come un veicolo per esplorare le lacune nella mitologia di Resident Evil, ma alla fine è stato molto di più.

Come un’avventura a episodi incorniciata attorno alle disavventure di Claire Redfield e Barry Burton (il favorito dai fan che finalmente ha avuto il tempo di brillare come personaggio giocabile), Resident Evil: Revelations 2 ha dimostrato che la serie aveva ancora potenza in una terra prima di Resident Evil 7 Sia che tu lo abbia giocato in co-op o come giocatore singolo, Revelations 2 aveva un focus e un’atmosfera che mancavano ai giochi rilasciati sulla scia di Resident Evil 4.

Umbrella Corps (2016)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Umbrella Corps (2016)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PC, PS4

Il modo in cui Umbrella Corps è uscito dalla produzione rimane uno dei più grandi misteri della timeline di Resident Evil, e questo sta dicendo qualcosa. C’erano buone idee nascoste in questo sparatutto multiplayer competitivo, ma è chiaro che troppo poche lezioni sono state apprese dall’ultima volta che Resident Evil ha flirtato con i cattivi del casting come sue stelle. Come scoperto durante l’esame post mortem, l’Umbrella Corps è un improbabile successore spirituale dell’Operazione Raccoon City.

È forse la spinta più aggressiva di Resident Evil nello spazio d’azione nei suoi 25 anni di storia. È uno sparatutto in prima persona che trasportava molti degli ornamenti dei migliori giochi della serie – spazi di combattimento claustrofobici, un presagio di sfida, armi incredibilmente impressionanti e massicce infestazioni di zombi – che alla fine non è riuscito a costruire un’esperienza completamente elettrizzante intorno a nessuno di quel set vestirsi. Se le cose fossero andate diversamente, Umbrella Corps avrebbe potuto prendere il mantello dei Mercenari, ma invece è stato giustamente dichiarato morto all’arrivo.

Resident Evil 7: Biohazard (2017)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil 7: Biohazard (2017)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PC, PS4, Xbox One

Resident Evil 7: Biohazard segna l’inizio di una nuova era per la serie Resident Evil. È in netto contrasto con l’estetica dell’azione di Resident Evil 4, Resident Evil 5 e Resident Evil 6, con Capcom che scatena un’esperienza sicura e consapevole che ha riportato la serie di lunga data alle fondamenta del survival horror su cui è stata costruita. tanto tempo fa.

Il passaggio a una telecamera in prima persona è stato un colpo da maestro. Ha dato a Capcom il merito di reinventare gli aspetti fondamentali del gioco, enfatizzando l’esplorazione di un singolo spazio atmosferico mentre aggiorna tutto ciò che puoi fare al suo interno: dalle meccaniche di combattimento e dalla gestione delle risorse alle tattiche di sopravvivenza e al design dei puzzle. Resident Evil 7 funziona in modo eccellente perché ha introdotto sia letteralmente che figurativamente una nuova prospettiva da cui vedere il mondo di Resident Evil, con l’orribile discesa di Ethan Winter nella piantagione abbandonata della famiglia Baker che si è rivelata un’esperienza di mitigazione degli incubi.

Resident Evil 2 Remake (2019)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil 2 Remake (2019)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PC, PS4, Xbox One

Nel 2002, Capcom si è affermata come il maestro moderno del remake. Pochi si aspettavano che la società rivendicasse quel titolo ancora una volta, poiché ha lavorato per reinventare completamente Resident Evil 2 nel 2019. Oh, noi di poca fede. Con Resident Evil 2 Remake, Capcom ha dimostrato che la sua rappresentazione di una città di Raccoon in bilico sull’orlo dell’eruzione era potente nell’era moderna come lo era circa due decenni prima.

Resident Evil 2 Remake non è solo un’entusiasmante lettera d’amore all’eredità di Resident Evil 2, ma rappresenta anche un’opportunità per sperimentare come la serie potrebbe essersi evoluta negli anni 2000 se non fosse andata in altre direzioni. Questo è il classico survival horror con un tocco moderno, senza paura di abbracciare le aspettative del giorno con una mano e tornare al passato con l’altra.

Resident Evil 3: Nemesis Remake (2020)

"Cattivo

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil 3: Nemesis Remake (2020)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PC, PS4, Xbox One

Tra il remaster del 2002 di Resident Evil per GameCube e la rivisitazione del 2019 di Resident Evil 2, Capcom ha stabilito un livello incredibilmente alto per i suoi remake. E per quanto sia stato divertente tornare a Raccoon City nei panni di Jill Valentine, Resident Evil 3 Remake non è arrivato con lo stesso successo dei suoi predecessori.

Resident Evil 3: Nemesis è stato, per molti aspetti, la svolta originale della serie verso l’azione dal puro survival horror, e quella tensione può essere avvertita al centro di questo remake. La sfida di questo tipo di sforzi creativi sta nel trovare un equilibrio tra il rispetto del passato e la modernizzazione del design dello scenario cristallizzato nella nostalgia. Resident Evil 3 Remake si trovava a disagio tra i due, dove un sontuoso valore di produzione poteva solo fare così tanto per oscurare la progressione superficiale, il ritmo moderato e un breve tempo di gioco. Resident Evil 3 Remake impressiona nel suo elemento, ma è bloccato nell’ombra di quelli che lo hanno preceduto.

Resident Evil: Village (7 maggio 2021)

"Resident

(Credito immagine: Capcom)

Resident Evil: Village (7 maggio 2021)
Sviluppatore / i:
In-house | Editore: Capcom
Piattaforme: PC, PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X

In Resident Evil: Village, vedremo se Capcom ha fatto bene a investire così tanto in prima persona. Il cambio di prospettiva ha indubbiamente funzionato per Resident Evil 7, in particolare negli spazi soffocanti del Baker Ranch, ma Village ci sta portando in un’avventura più ambiziosa. Quello che cercheremo di fare il 7 maggio è se quello stile di gioco può essere così facilmente trasposto su uno spazio tentacolare del villaggio e su un’imponente tenuta del castello, poiché orde di Lycan e cultisti dei vampiri lavorano sul brulicante Ethan Winters in ogni occasione.

Tutto ciò che abbiamo visto in azione finora è promettente, con Resident Evil: Village che lavora per ricreare il divertimento di Resident Evil 4 per una nuova generazione di giocatori. Resta da vedere quanto successo avrà Capcom in questo sforzo, ma siamo certamente entusiasti di vedere l’editore provare, in particolare perché cerca di mettere insieme le parti in sospeso della storia di Ethan e dare una svolta oscura al ritorno di personaggi come Chris Redfield. .