Nintendo sospende le spedizioni in Russia a causa della logistica “volatilità”

"Nintendo" (Credito immagine: Nintendo)

Aggiornamento: Nintendo ha confermato di aver interrotto le spedizioni in Russia.

In una dichiarazione a Eurogamer (apre nella nuova scheda), la società ha affermato di aver “deciso di sospendere la spedizione di tutti i prodotti Nintendo in Russia per il prossimo futuro. Ciò è dovuto a una considerevole volatilità che circonda la logistica della spedizione e della distribuzione di merci fisiche”.

La dichiarazione ha anche confermato che l’Eshop Nintendo in Russia è in modalità di manutenzione “a seguito della sospensione delle transazioni nei rubli russi da parte del fornitore di pagamenti”. Ciò è probabilmente legato alla decisione di Visa e Mastercard di bloccare le transazioni estere nel paese all’inizio di questo mese.

Mentre Nintendo non affronta direttamente il conflitto in Ucraina, ha preso una serie di misure correlate negli ultimi giorni. Oltre a fermare i pagamenti e la spedizione, la società ha anche annunciato ieri che stava ritardando indefinitamente il rilascio dei remake di Advance Wars 1+2 “alla luce dei recenti eventi mondiali”.

Storia originale: Nintendo Eshop è stato temporaneamente sospeso in Russia.

Lo scorso fine settimana, gli utenti online hanno iniziato a notare che la versione russa di Nintendo eShop su Nintendo Switch aveva smesso di accettare i pagamenti. Poche ore dopo, il sito ufficiale russo di Nintendo (apre nella nuova scheda) ha confermato che l’ESHOP era stato “temporaneamente messo in modalità di manutenzione” a causa della sospensione dei pagamenti.

Alla fine, non è un po ‘chiaro il motivo per cui si è verificata la sospensione dei pagamenti. Nintendo non ha commentato qualsiasi cosa sulla sospensione dei pagamenti da parte dei clienti russi, né ha delineato per quanto tempo la sospensione, o la modalità di manutenzione sul sito ufficiale.

Se questa è una sospensione dell’Eshop russo a causa della continua invasione della Russia dell’Ucraina, Nintendo è tutt’altro che la prima società di gioco a chiudere i conti nella regione. All’inizio di questo mese, Polish Studio CD Projekt ha annunciato che avrebbe temporaneamente chiuso la vetrina GOG sia per i clienti russi che bielorussi, oltre a disabilitare gli acquisti per i giochi CD Projekt sviluppati dal rosso come Cyberpunk 2077 e The Witcher 3 in entrambe le regioni. Altri importanti editori, tra cui Microsoft, EA, Epic Games e Activision Blizzard, hanno anche sospeso i servizi in Russia.

Leggi di più  10 idee per il negozio di abbigliamento Happy Home Paradise per dare una seria competizione alle Able Sisters

Altrove, la Sony sembra aver cancellato tranquillamente Gran Turismo 7 dall’acquisto in Russia. Alla fine della scorsa settimana, quando GT 7 avrebbe dovuto lanciare in tutto il mondo il 4 marzo, è stato notato che la pagina russa per il gioco aveva tranquillamente rimosso la sua data di uscita, dicendo semplicemente che un rilascio per il gioco delle corse era “in sospeso”. Proprio come Nintendo, Sony non ha mai annunciato formalmente una sospensione delle vendite in Russia, quindi non è chiaro se questo sia l’inizio di una nuova tendenza per l’azienda o solo una misura temporanea.

Se vuoi aiutare il popolo ucraina, considera di donare a la Croce Rossa ucraina (apre nella nuova scheda) , che fornisce aiuti vitali sul terreno; Doctors Without Borders (apre nella nuova scheda) , che lavora con volontari locali e operatori sanitari; e The Kiev Independent (apre nella nuova scheda) , un giornale in lingua inglese a base di Ucraina che sta mantenendo il mondo informato su ciò che sta accadendo sul terreno.

"Hirun Hirun Cryer

  • (Apre nella nuova scheda)

Hirun Cryer è un giornalista freelance e scrittore di Gamesradar+ con sede fuori dal Regno Unito dopo aver conseguito una laurea in storia americana specializzata in giornalismo, cinema, letteratura e storia, è entrato nel mondo dei giochi, con particolare attenzione ai tiratori, ai giochi indie e RPGS, e da allora è stato il destinatario del premio MCV 30 Under 30 per il 2021. Nel suo tempo libero egli freelance con altri punti vendita in tutto il settore, pratica giapponese e gode di manga e anime contemporanei.