Questo rompicapo di carta che parla di lasciare la casa è meravigliosamente, follemente soddisfacente

Un buon rompicapo prospettico mi piace molto. Da Gorogoa a Monument Valley a Viewfinder, se la soluzione di un enigma del gioco mi costringe a girare e rigirare esattamente il modo in cui sto guardando una cosa per capirla, sono felice. Paper Trail di Newfangled Games soddisfa questo stesso desiderio in modo estremamente soddisfacente attraverso puzzle in stile origami in un mondo acquerellato splendidamente illustrato.

La narrazione del gioco, che non spoilero in questa sede, vede essenzialmente i giocatori assumere il ruolo di Paige che lascia casa per la prima volta per diventare una sorta di accademico. La storia si svolge come se Paige raccontasse il suo viaggio attraverso pezzi di carta pieghevoli, che includono piccole vignette oltre a varie sezioni di gioco. Ma è tutto carta e tutto pieghevole.

Questione di prospettiva

Se vi capita di vedere un filmato di gioco di Paper Trail, potrebbe risultare un po’ opprimente. Le parti mobili e le piegature possono essere molte, ma in realtà il gioco inizia in modo incredibilmente semplice e si sviluppa nel tempo in modo estremamente naturale. Non vi getta semplicemente nel baratro.

Nella sua forma più elementare, i puzzle di Paper Trail sono ambienti a forma di quadrato o rettangolo con fronte e retro. È possibile piegare gli angoli o i lati per creare nuovi percorsi o potenziali soluzioni basate sulla combinazione di ciò che si trova sul retro con il fronte. Abbastanza semplice, no?

Riflettore indie

Hauntii

(Immagine: Firestoke)

Non riesco a smettere di pensare a questo bellissimo e inquietante twin-stick shooter che segue un fantasma in cerca di risposte.

Lo è! E poi aggiunge porte chiuse a chiave, chiavi, percorsi percorribili solo quando blocchi numerati dello stesso tipo si toccano, corrispondenze di schemi, piegatura di più ambienti che si trovano uno accanto all’altro, piattaforme mobili che vanno solo in certe direzioni e altro ancora. Tutti questi elementi contribuiscono a creare un numero incredibile di varianti tra cui muoversi per trovare la soluzione corretta.

Spesso non si tratta nemmeno di una soluzione unica. Spesso ci sono diverse serie di piegature, dispiegamenti, spostamenti, nuove piegature e così via prima di poter passare all’area successiva. Sulla carta (scusate) questo potrebbe sembrare estremamente frustrante, ma onestamente rende l’intera esperienza molto più dolce quando si riesce a capirlo.

Leggi di più  La Lanterna Umbrale dei Signori della Caduta e i doppi mondi di Axiom spiegati

Schermata di Paper Trail

(Crediti immagine: Newfangled Games)

Un buon rompicapo prospettico mi piace molto. Da Gorogoa a Monument Valley a Viewfinder, se la soluzione di un enigma del gioco mi costringe a girare e rigirare esattamente il modo in cui sto guardando una cosa per capirla, sono felice. Paper Trail di Newfangled Games soddisfa questo stesso desiderio in modo estremamente soddisfacente attraverso puzzle in stile origami in un mondo acquerellato splendidamente illustrato.

La narrazione del gioco, che non spoilero in questa sede, vede essenzialmente i giocatori assumere il ruolo di Paige che lascia casa per la prima volta per diventare una sorta di accademico. La storia si svolge come se Paige raccontasse il suo viaggio attraverso pezzi di carta pieghevoli, che includono piccole vignette oltre a varie sezioni di gioco. Ma è tutto carta e tutto pieghevole.

Questione di prospettiva

Se vi capita di vedere un filmato di gioco di Paper Trail, potrebbe risultare un po’ opprimente. Le parti mobili e le piegature possono essere molte, ma in realtà il gioco inizia in modo incredibilmente semplice e si sviluppa nel tempo in modo estremamente naturale. Non vi getta semplicemente nel baratro.

Nella sua forma più elementare, i puzzle di Paper Trail sono ambienti a forma di quadrato o rettangolo con fronte e retro. È possibile piegare gli angoli o i lati per creare nuovi percorsi o potenziali soluzioni basate sulla combinazione di ciò che si trova sul retro con il fronte. Abbastanza semplice, no?

Riflettore indie

(Immagine: Firestoke)

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.