Recensione dell’episodio 1 di The Book of Boba Fett: “Imposta la scena senza offrire nulla di inaspettato”

Il nostro verdetto

Il Libro di Boba Fett stabilisce il cacciatore di taglie tosto come una nuova forza nella galassia, ma non fa nulla di inaspettato per attirarci

GamesRadar+ Verdetto

Il Libro di Boba Fett stabilisce il cacciatore di taglie tosto come una nuova forza nella galassia, ma non fa nulla di inaspettato per attirarci

Attenzione: questa è la strada per la nostra recensione dell’episodio 1 di The Book of Boba Fett che contiene lievi spoiler: girati per entrare completamente pulito!

Boba Fett ritorna! Se questa affermazione non ti entusiasma, allora The Book of Boba Fett potrebbe non essere la serie per te. Piuttosto che aprirsi con un episodio pieno di cameo da tutta la galassia o introdurre un MacGuffin delle dimensioni di Baby Yoda, la premiere mantiene le cose di basso profilo, ambientando la scena senza offrire nulla di inaspettato. Lo scrittore Jon Favreau e il regista Robert Rodriguez sanno esattamente perché sei qui – per vedere uno dei personaggi muti più iconici del cinema essere un duro – e non deviare da quell’obiettivo. Questo, di per sé, è un piacere per i fan che non vedevano l’ora di saperne di più su questa testa del casco sin dal suo debutto nello Star Wars Holiday Special del 1978. Per chiunque cerchi qualcosa di più, potresti avere difficoltà a trovare un motivo per tornare dopo questo primo episodio snello.

L’episodio inizia con alcuni flashback, che mostrano come Boba sia perseguitato dagli eventi su Geonosis, dove Mace Windu di Samuel L. Jackson ha decapitato suo padre, Jango Fett. C’è una breve spiegazione di come Boba sia scappato dal Sarlacc Pit (apparentemente non così difficile come molti fan avevano supposto) e, da lì, Boba è catturato dai Tusken Raiders, con metà del tempo rimanente trascorso a rivelare come riesce a vincere il favore del Sand People.

"Il

(Credito immagine: Disney/Lucasfilm)

I Tusken Raiders hanno già sviluppato la loro cultura in The Mandalorian e, ancora una volta, arriviamo a una maggiore comprensione dei loro modi. Eppure, il motivo esatto per cui trascorriamo così tanto tempo con queste creature rimane un mistero. Vediamo Boba essere un uomo più benevolo di quanto la sua eredità – di congelare Han Solo nella carbonite e venderlo a Jabba the Hutt – possa dettare, sebbene ciò sia già stato mostrato in The Mandalorian. I Tusken Raiders giocheranno senza dubbio un ruolo nell’eventuale acquisizione di Mos Espa da parte di Boba, ma i flashback hanno la sensazione che avrebbero potuto essere condensati un po’ di più, o forse mostrati in più episodi. La vera eccitazione di The Book of Boba Fett – un titolo che promette di rivelare di più sull’intera vita di Boba piuttosto che solo sui suoi giorni da boss – risiede nel presente.

Leggi di più  Lucasfilm assume YouTuber deepfake che ha invecchiato Luke Skywalker in un video virale

Boba è attualmente a Tatooine, dopo aver appena assunto il ruolo di signore del crimine di Mos Espa dopo la morte di Bib Fortuna. Accanto a Fennec Shand assetato di sangue (interpretato dall’invecchiato Ming-Na Wen), la coppia deve guadagnarsi il rispetto dell’insediamento, con Boba che promette di fare le cose in modo diverso dagli Hutt. Dopo aver raccolto tributi da una cantina nostalgica, i due, insieme ai loro fedeli Gamorreani ritrovati, vengono attaccati da misteriosi assassini. Proprio come con The Mandalorian, Temuera Morrison è arrivata a incarnare davvero il terrificante cacciatore di taglie durante le scene d’azione, e Boba avrà senza dubbio molte ragioni per combattere andando avanti. Resta da vedere chi dimostrerà esattamente la sua più grande nemesi, anche se gli assassini sono stati sicuramente inviati dal sindaco di Mos Espa. Un peccato, forse, non ci sono più piste su cui andare avanti.

È un certo piacere tornare nell’universo di Star Wars. Uno scatto particolarmente bello che ambienta Mos Espa in uno dei crateri di Tatooine è sbalorditivo, mentre il mercato generale e la cantina hanno alcuni cenni alla tradizione di Star Wars. Anche le creature sono tutte familiari, dal Twi’lek di Jennifer Beals al Rodian (quello che assomiglia a Greedo) rinchiuso con Boba. L’unica vera sorpresa arriva verso la fine, quando una bestia dalle molte braccia emerge dalla sabbia per combattere Boba. Guardando da una parte Goro di Mortal Kombat, dall’altra Machamp da PokÉmon, il feroce animale ha un’estetica squamosa che è diversa da qualsiasi altra cosa in Star Wars e mostra la capacità di Favreau di introdurre gradualmente nuovi giocattoli nella sabbiera.

La prima avrebbe potuto essere realizzata con un po’ più di quell’ingegnosità. Invece, otteniamo una reintroduzione slimine di Boba Fett che ristabilisce il posto del temuto cacciatore di taglie nella galassia molto, molto lontana senza offrire un gancio importante per coloro che non sono già assorbiti nel culto di Boba per tornare. Incrociamo le dita nel prossimo episodio per far girare la palla un po’ di più.

Il libro di Boba Fett esce settimanalmente su Disney Plus. Dai un’occhiata al nostro programma completo di rilascio di The Book of Boba Fett per maggiori dettagli. E se vuoi sapere ancora di più su ciò che sta arrivando in quella galassia molto, molto lontana, allora leggi la nostra guida a tutti i film di Star Wars in arrivo e mostra presto la tua strada.

Leggi di più  Cosa succede se...? dimostra che il capitano Carter dovrebbe essere il prossimo grande eroe del MCU

Il verdetto3.5

3.5 su 5

Recensione dell’episodio 1 di The Book of Boba Fett: “Imposta la scena senza offrire nulla di inaspettato”

Il Libro di Boba Fett stabilisce il cacciatore di taglie tosto come una nuova forza nella galassia, ma non fa nulla di inaspettato per attirarci

Ulteriori informazioni

Piattaforme disponibili tv
Genere fantascienza

Meno