Lo spin-off di Batman The Boy Wonder è una “favola sulla maturità” che getta nuova luce su Damian Wayne

Rispetto a molti altri personaggi iconici di Batman, Damian Wayne è ancora relativamente nuovo. Sebbene sia apparso brevemente come bambino in Son of the Demon del 1987, il personaggio è stato introdotto correttamente solo nel 2006 da Grant Morrison e Andy Kubert. Da allora, il figlio assassino di Bruce Wayne e Talia al Ghul è diventato uno degli eroi di supporto più popolari del canone di Batman.

Damian è al centro della scena in The Boy Wonder, un nuovo brillante fumetto DC Black Label in cinque numeri (per lettori dai 13 anni in su) che esplora la sua natura di outsider e il suo travagliato rapporto con gli altri Robin. Scritta e disegnata dal pluripremiato fumettista Juni Ba (Monkey Meat, Kayin e Abeni), è una nuova serie colorata che segue una versione molto riconoscibile della Bat-Family, ma è ambientata al di fuori dei limiti della continuity regolare. Abbiamo letto i primi due numeri ed è grande.

In un’intervista esclusiva a Newsarama, Juni Ba descrive l’opera come una “favola sulla maturità”, spiega perché è così affezionato a Damian e parla del rapporto travagliato dell’ultimo Robin con i suoi predecessori.

Immagine 1 di 2Arte da Il ragazzo prodigio #1(Crediti immagine: DC)Articolo tratto da Il ragazzo prodigio #1(Crediti immagine: DC)

**Newsarama: Per iniziare, cosa può dirci della storia della sua nuova serie, The Boy Wonder?

Juni Ba: Di solito la presento alle persone dicendo che è la storia di un bambino con molti problemi e idee preconcette, sia su se stesso che sui membri della sua famiglia. Nel corso di questa favola sulla maturità, inizia a conoscere loro e se stesso e a diventare una persona migliore. E si appoggia davvero all’aspetto fiabesco per spingere l’allegoria e la magia in questa storia!

**Perché Damian ti attrae così tanto sia come artista che come scrittore?

Lo trovo sia tragico che adorabile. Io e lui condividiamo alcune cose e credo sia per questo che il mio cervello ha iniziato a pensare a una storia su di lui da solo. Dal punto di vista della scrittura c’è un terreno fertile per raccontare una storia molto sentita. E dal punto di vista artistico, è un personaggio così divertente da disegnare. È come un piccolo gremlin carino che è sempre accigliato e giudica tutti, cosa che spesso gli si ritorce contro in modo divertente.

Leggi di più  La storia a fumetti di Hank McCoy, la Bestia

Offerte, premi e ultime notizie sui fumetti

Ricevi le migliori notizie sui fumetti, approfondimenti, opinioni, analisi e altro ancora!

Contattatemi con notizie e offerte di altri marchi FutureRicevete e-mail da noi per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i vostri dati accettate i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e avete almeno 16 anni.Immagine 1 di 3Articoli da Il ragazzo prodigio #1(Crediti immagine: DC)Articoli da Il ragazzo prodigio #1(Credito immagine: DC)Fumetto da Boy Wonder #1Rispetto a molti altri personaggi iconici di Batman, Damian Wayne è ancora relativamente nuovo. Sebbene sia apparso brevemente come bambino in Son of the Demon del 1987, il personaggio è stato introdotto correttamente solo nel 2006 da Grant Morrison e Andy Kubert. Da allora, il figlio assassino di Bruce Wayne e Talia al Ghul è diventato uno degli eroi di supporto più popolari del canone di Batman.

Damian è al centro della scena in The Boy Wonder, un nuovo brillante fumetto DC Black Label in cinque numeri (per lettori dai 13 anni in su) che esplora la sua natura di outsider e il suo travagliato rapporto con gli altri Robin. Scritta e disegnata dal pluripremiato fumettista Juni Ba (Monkey Meat, Kayin e Abeni), è una nuova serie colorata che segue una versione molto riconoscibile della Bat-Family, ma è ambientata al di fuori dei limiti della continuity regolare. Abbiamo letto i primi due numeri ed è grande.

In un’intervista esclusiva a Newsarama, Juni Ba descrive l’opera come una “favola sulla maturità”, spiega perché è così affezionato a Damian e parla del rapporto travagliato dell’ultimo Robin con i suoi predecessori.

Immagine 1 di 2

(Crediti immagine: DC)

(Crediti immagine: DC)Arte da Il Ragazzo Meraviglia #1**Newsarama: Per iniziare, cosa può dirci della storia della sua nuova serie, The Boy Wonder?Arte da Il Ragazzo Meraviglia #1Juni Ba: Di solito la presento alle persone dicendo che è la storia di un bambino con molti problemi e idee preconcette, sia su se stesso che sui membri della sua famiglia. Nel corso di questa favola sulla maturità, inizia a conoscere loro e se stesso e a diventare una persona migliore. E si appoggia davvero all’aspetto fiabesco per spingere l’allegoria e la magia in questa storia!Arte da Il Ragazzo Meraviglia #1**Perché Damian ti attrae così tanto sia come artista che come scrittore?

Lo trovo sia tragico che adorabile. Io e lui condividiamo alcune cose e credo sia per questo che il mio cervello ha iniziato a pensare a una storia su di lui da solo. Dal punto di vista della scrittura c’è un terreno fertile per raccontare una storia molto sentita. E dal punto di vista artistico, è un personaggio così divertente da disegnare. È come un piccolo gremlin carino che è sempre accigliato e giudica tutti, cosa che spesso gli si ritorce contro in modo divertente.

Leggi di più  Superior Spider-Man conferma il posto del Dottor Octopus come il più grande nemico di Peter Parker.

Offerte, premi e ultime notizie sui fumetti

Ricevi le migliori notizie sui fumetti, approfondimenti, opinioni, analisi e altro ancora!

Contattatemi con notizie e offerte di altri marchi FutureRicevete e-mail da noi per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i vostri dati accettate i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e avete almeno 16 anni.Immagine 1 di 3

(Crediti immagine: DC)

(Credito immagine: DC)

(Immagine: DC)

**Sembra che il libro vedrà Damian fare i conti con il suo posto nella stirpe di Robin. Cosa pensa dei suoi fratelli?

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.