Un personaggio importante è ufficialmente tornato nella continuity DC grazie a un numero di Outsiders che ha cambiato le carte in tavola.

Ho avuto un’opinione piuttosto contrastante su Outsiders della DC sin dal suo lancio l’anno scorso. Nel suo audace e sorprendente primo numero, la serie si è subito rivelata come un sequel della leggendaria Planetary – una svolta eccitante, se mai ce ne fosse stata una! Da allora, però, ha trascorso mesi evitando per lo più l’argomento, concentrandosi invece sull’esplorazione di altre aree perdute della continuity DC in una serie di episodi unici piuttosto variabili. Considerando che Outsiders è una serie limitata di soli 12 numeri, a volte è sembrata un’occasione persa.

Con Outsiders #6 di questa settimana, tuttavia, la serie ha finalmente affrontato l’elefante multidimensionale nella stanza. Si tratta di un numero forte di per sé e che prepara anche alcuni sviluppi potenzialmente rivoluzionari per il fumetto in futuro. Entriamo nel vivo…

Arte da Outsiders #6

(Immagine: DC)

Spoiler per Outsiders #6

In “The Place Between Pages” l’attenzione cade finalmente su Drummer, il membro più misterioso della squadra. Sappiamo fin dall’inizio che ha un legame obliquo con il Tamburino di Planetary, pur non essendo la stessa persona. Ora sappiamo esattamente qual è questo legame…

Prima di questa rivelazione, tuttavia, la banda si ritrova in un regno misterioso: “il luogo tra le pagine”. Questo grazie a un incidente mentre Lucius Fox sta conducendo un esperimento di visualizzazione quantistica. Gli Outsider – un nome molto azzeccato – si ritrovano al di fuori della realtà e all’interno di una “singolarità narrativa”, che si dà il caso assomigli a una città nordamericana idealizzata in stile anni ’50. In altre parole, e come dice Luke Fox, la banda si trova in un luogo misterioso: “il luogo tra le pagine”. In altre parole, e come sottolinea Luke Fox, fa molto Pleasantville.

Arte da Outsiders #6

(Immagine: DC)

Si tratta di un regno metaforico dove i supereroi dei fumetti si recano quando le loro serie sono terminate o cancellate. La squadra incontra vari personaggi DC defunti e dimenticati, tra cui Cave Carson, Zauriel, Rick Dragon e persino il Superman della Golden Age. È un’esistenza purgatoriale, in cui questi ex-eroi vivono la loro non-vita con un certo grado di rassegnazione o di amarezza – e senza i loro poteri. Ciò rende ancora più sorprendente il fatto che Drummer abbia ancora i suoi e li usi per distruggere con rabbia la città.

Leggi di più  Rivelati i fumetti di Spider-Man, X-Men, Avengers e tutti i fumetti Marvel di dicembre 2023

Ho avuto un’opinione piuttosto contrastante su Outsiders della DC sin dal suo lancio l’anno scorso. Nel suo audace e sorprendente primo numero, la serie si è subito rivelata come un sequel della leggendaria Planetary – una svolta eccitante, se mai ce ne fosse stata una! Da allora, però, ha trascorso mesi evitando per lo più l’argomento, concentrandosi invece sull’esplorazione di altre aree perdute della continuity DC in una serie di episodi unici piuttosto variabili. Considerando che Outsiders è una serie limitata di soli 12 numeri, a volte è sembrata un’occasione persa.

Arte di Outsiders #6

Con Outsiders #6 di questa settimana, tuttavia, la serie ha finalmente affrontato l’elefante multidimensionale nella stanza. Si tratta di un numero forte di per sé e che prepara anche alcuni sviluppi potenzialmente rivoluzionari per il fumetto in futuro. Entriamo nel vivo…

(Immagine: DC)

Spoiler per Outsiders #6

In “The Place Between Pages” l’attenzione cade finalmente su Drummer, il membro più misterioso della squadra. Sappiamo fin dall’inizio che ha un legame obliquo con il Tamburino di Planetary, pur non essendo la stessa persona. Ora sappiamo esattamente qual è questo legame…

Prima di questa rivelazione, tuttavia, la banda si ritrova in un regno misterioso: “il luogo tra le pagine”. Questo grazie a un incidente mentre Lucius Fox sta conducendo un esperimento di visualizzazione quantistica. Gli Outsider – un nome molto azzeccato – si ritrovano al di fuori della realtà e all’interno di una “singolarità narrativa”, che si dà il caso assomigli a una città nordamericana idealizzata in stile anni ’50. In altre parole, e come dice Luke Fox, la banda si trova in un luogo misterioso: “il luogo tra le pagine”. In altre parole, e come sottolinea Luke Fox, fa molto Pleasantville.

(Immagine: DC)

Si tratta di un regno metaforico dove i supereroi dei fumetti si recano quando le loro serie sono terminate o cancellate. La squadra incontra vari personaggi DC defunti e dimenticati, tra cui Cave Carson, Zauriel, Rick Dragon e persino il Superman della Golden Age. È un’esistenza purgatoriale, in cui questi ex-eroi vivono la loro non-vita con un certo grado di rassegnazione o di amarezza – e senza i loro poteri. Ciò rende ancora più sorprendente il fatto che Drummer abbia ancora i suoi e li usi per distruggere con rabbia la città.

Alla fine il Portatore (che qui appare in forma umana) riesce a riportare la squadra nella propria realtà, dove gli Estranei affrontano Drummer. Lei confessa di non essere chi diceva di essere, notando che “quella vera era molto più brava di me sul kit”. Tuttavia, è un altro membro della squadra del Planetario: Jakita Wagner.

Leggi di più  Seguite un Matt Murdock più "feroce, feroce" in Daredevil: Black Armor

(Immagine: DC)

La copertina principale di Outsiders #7

Wagner è stato uno degli eroi memorabili introdotti durante l’era Wildstorm. Creata da Warren Ellis e John Cassaday, ha fatto la sua prima apparizione in Planetary #1, dotata di velocità, forza e invecchiamento sovrumani. Il suo ritorno al fianco del Portatore, il suo travestimento da Tamburino e il fatto che porti con sé la Guida Planetaria rafforzano i legami con l’universo Wildstorm e suggeriscono che nella seconda metà della serie ci saranno dei cambiamenti potenzialmente enormi.

Offerte, premi e ultime notizie sui fumetti

Ricevi le migliori notizie sui fumetti, approfondimenti, opinioni, analisi e altro ancora!

Contattami con notizie e offerte di altri marchi FutureRicevi e-mail da noi per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i tuoi dati accetti i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e hai almeno 16 anni.

Ma a parte tutto questo, il numero lascia intravedere la possibilità di una morte del personaggio principale di grande impatto. Attenzione: stiamo entrando nel territorio delle speculazioni…

Possibili spoiler speculativi per il numero del mese prossimo

Sappiamo già da un po’ che in Outsiders è in arrivo una morte importante. Questo grazie alla copertina del numero 7 del prossimo mese (rivelata nelle solicitations di maggio della DC), che mostra un’addolorata Drummer (o Jakita, come la conosciamo ora) che tiene in alto un corpo di fronte al resto della squadra, mentre la sinossi ufficiale afferma che “Un requiem si tiene per un amico caduto”.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.