A volte, rifarsi spudoratamente ai più grandi successi di genere funziona: basta chiedere a Nightghast, un inquietante gioco horror a basso costo che si ispira a P.T., Resident Evil e Silent Hill.

Per essere onesti con Nightghast, ho esplorato le sacche più oscure della sua casa di campagna abbandonata per ben 20 minuti prima di incontrare il primo spavento da salto. Vale anche la pena notare che, nonostante mi sia preso del tempo con l’horror esplorativo in prima persona di Playstige Interactive – lanciato la scorsa settimana su PS5, PS4 e Nintendo Switch – ho raggiunto i titoli di coda in meno di un’ora. La modesta durata del gioco si riflette nel suo prezzo di 2,49€ / 2,99€, che, a dire il vero, è stato sufficiente a ispirarmi all’acquisto.

E sono contento di averlo fatto. Nightghast porta le sue ispirazioni sulla manica ricoperta di ragnatele e allo stesso tempo si sente come una lezione sui successi del genere. Sì, Nightghast prende pesantemente in prestito da alcuni dei più grandi esponenti della sfera horror, ma lo fa anche in un modo ben circoscritto che cammina con precisione sul confine tra influenza e imitazione.

In punta di piedi sulle spalle dei giganti

Nigthghast

(Immagine: Playstige Interactive)

“Ho ricevuto un invito da una vedova di nome Mildred Bartgis, che risiede in campagna”, si legge nel trafiletto sulla pagina del PlayStation Store di Nightghast. “Sostiene che la sua casa è diventata infestata dopo il divorzio. Insiste che un’entità chiamata ‘Schnabelperchten’ è arrabbiata con lei perché la sua casa non è mai abbastanza pulita. Forse, a causa della sua depressione dopo il divorzio, è diventata ossessivo-compulsiva”.

“Tuttavia, non sono uno psicologo, quindi non mi preoccupo del suo stato mentale. Questo caso è perfetto per me perché contiene molti indizi paranormali. Devo perquisire la sua casa per determinare se è veramente infestata o meno”.

Uno strano invito in un luogo infestato? Ecco Silent Hill 2 spuntato dalla lista. Un’indagine in prima persona su una casa di campagna in rovina? Ecco P.T. e Resident Evil 7. Una miriade di ciondoli, fotografie malconce, apparizioni vaganti, spaventi a catena, enigmi incongrui e tropi generi di gioco attraverso corridoi imbrattati di sangue, porte che si aprono a caso in modo indipendente e inspiegabili interruzioni di corrente? Potrebbe trattarsi di un’intera serie di giochi dell’orrore, ma sicuramente ci sono vibrazioni di Layers of Fear nel tentativo di scoprire cosa diavolo sta succedendo in Nightghast.

Leggi di più  Come ottenere lo Scrigno del Bazaar in Assassin's Creed Mirage

Per essere onesti con Nightghast, ho esplorato le sacche più oscure della sua casa di campagna abbandonata per ben 20 minuti prima di incontrare il primo spavento da salto. Vale anche la pena notare che, nonostante mi sia preso del tempo con l’horror esplorativo in prima persona di Playstige Interactive – lanciato la scorsa settimana su PS5, PS4 e Nintendo Switch – ho raggiunto i titoli di coda in meno di un’ora. La modesta durata del gioco si riflette nel suo prezzo di 2,49€ / 2,99€, che, a dire il vero, è stato sufficiente a ispirarmi all’acquisto.

E sono contento di averlo fatto. Nightghast porta le sue ispirazioni sulla manica ricoperta di ragnatele e allo stesso tempo si sente come una lezione sui successi del genere. Sì, Nightghast prende pesantemente in prestito da alcuni dei più grandi esponenti della sfera horror, ma lo fa anche in un modo ben circoscritto che cammina con precisione sul confine tra influenza e imitazione.

Riflettori puntati su Summerhouse

In punta di piedi sulle spalle dei giganti

(Immagine: Playstige Interactive)

“Ho ricevuto un invito da una vedova di nome Mildred Bartgis, che risiede in campagna”, si legge nel trafiletto sulla pagina del PlayStation Store di Nightghast. “Sostiene che la sua casa è diventata infestata dopo il divorzio. Insiste che un’entità chiamata ‘Schnabelperchten’ è arrabbiata con lei perché la sua casa non è mai abbastanza pulita. Forse, a causa della sua depressione dopo il divorzio, è diventata ossessivo-compulsiva”.

“Tuttavia, non sono uno psicologo, quindi non mi preoccupo del suo stato mentale. Questo caso è perfetto per me perché contiene molti indizi paranormali. Devo perquisire la sua casa per determinare se è veramente infestata o meno”.

Uno strano invito in un luogo infestato? Ecco Silent Hill 2 spuntato dalla lista. Un’indagine in prima persona su una casa di campagna in rovina? Ecco P.T. e Resident Evil 7. Una miriade di ciondoli, fotografie malconce, apparizioni vaganti, spaventi a catena, enigmi incongrui e tropi generi di gioco attraverso corridoi imbrattati di sangue, porte che si aprono a caso in modo indipendente e inspiegabili interruzioni di corrente? Potrebbe trattarsi di un’intera serie di giochi dell’orrore, ma sicuramente ci sono vibrazioni di Layers of Fear nel tentativo di scoprire cosa diavolo sta succedendo in Nightghast.

Leggi di più  Come trovare il bottino dell'Enigma di Assassin's Creed Mirage Left Behind

In Nightghast i movimenti sono un po’ stentati mentre ci si aggira per i corridoi poco illuminati e i recessi più bui della casa di campagna, e ci sono decine di oggetti che possono essere esaminati senza alcun motivo, se non quello di soddisfare la curiosità. Ma il gioco brilla per i suoi promemoria in stile Alone in the Darks, i frammenti di giornale e i rapporti della polizia che servono a riempire alcuni vuoti sul come e sul perché della storia di Mildred Bartgis e, allo stesso modo, sul perché si è così coinvolti nella sua inquietante storia.

Riflettore indie

(Crediti immagine: Future Friends Games)

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.