Lo scrittore della serie TV Fallout spiega come Todd Howard e Batman hanno contribuito a creare una storia originale

C’è un momento vicino all’inizio di Fallout 3, il gioco di ruolo d’azione di Bethesda Games Studios del 2008, che è rimasto impresso in chiunque l’abbia vissuto all’epoca. In quel momento, il protagonista creato dal giocatore apre l’uscita del caveau sotterraneo che ha chiamato casa per 19 anni ed entra per la prima volta nella luce accecante delle Terre Desolate, un mondo letterale di potenziale che si estende a perdita d’occhio.

Jonathan Nolan, co-creatore di Westworld della HBO e co-sceneggiatore de Il cavaliere oscuro, Il cavaliere oscuro – Il ritorno, The Prestige e Interstellar, insieme al fratello maggiore Chris, mi ha lasciato senza fiato”. Durante una conversazione con Total Film all’inizio di febbraio, Nolan ricorda di aver “cercato una nuova distrazione” alla fine del 2008, pochi mesi dopo l’uscita nei cinema de Il cavaliere oscuro, e di essere stato attratto da una copia di Fallout 3, una novità assoluta.

ISCRIVETEVI!

Il film Road House di Total Film

(Immagine: Amazon MGM Studios/Total Film)

Questo articolo è apparso per la prima volta nel numero 348 di Total Film. Abbonati qui per non perdere mai un numero!

Ero ossessionato dal gioco e dal suo mondo”, dice un Nolan visibilmente animato a Zoom. L’ambizione, la mitologia, la raffinatezza del mondo e la sua gravità. Quello che mi ha colpito davvero, però, è stata la sua stranezza, il suo tono gonzo, satirico e impossibile da collocare. Raramente si vede qualcosa di simile”.

La contraddizione è il cuore di Fallout. Prendete il primo scorcio del mondo aperto nel gioco. Il paradosso di questo momento è che, per tutta la libertà che promette, tutto ciò che si trova davanti a noi è estremamente morto. Il paesaggio tossico è disseminato di relitti decrepiti di una civiltà un tempo fiorente, circa due secoli dopo che il giorno del giudizio nucleare ha spinto i ricchi nel sottosuolo e ha lasciato i poveri a cavarsela da soli in superficie con scarafaggi irradiati grandi come gatti e mutanti ancora più mostruosi.

La vita nella Terra Desolata è molto cupa, ma il tono della serie televisiva di Fallout è tutt’altro. Nolan descrive la serie come “più vicina alla commedia” di tutto ciò che lui e Lisa Joy hanno realizzato finora. Per sfruttare le contraddizioni di Fallout, Nolan e Joy, che stavano ancora lavorando a Westworld mentre stavano sviluppando Fallout nel 2019, hanno preso l’insolita decisione di assumere una coppia di showrunner con background molto diversi tra loro: Geneva Robertson-Dworet (Captain Marvel, Tomb Raider) e Graham Wagner (Silicon Valley, The Office).

C’è un momento vicino all’inizio di Fallout 3, il gioco di ruolo d’azione di Bethesda Games Studios del 2008, che è rimasto impresso in chiunque l’abbia vissuto all’epoca. In quel momento, il protagonista creato dal giocatore apre l’uscita del caveau sotterraneo che ha chiamato casa per 19 anni ed entra per la prima volta nella luce accecante delle Terre Desolate, un mondo letterale di potenziale che si estende a perdita d’occhio.

Leggi di più  Joe Dante and the Gremlins: Secrets of the Mogwai Cast Tease Gizmo's Origin Story

Jonathan Nolan, co-creatore di Westworld della HBO e co-sceneggiatore de Il cavaliere oscuro, Il cavaliere oscuro – Il ritorno, The Prestige e Interstellar, insieme al fratello maggiore Chris, mi ha lasciato senza fiato”. Durante una conversazione con Total Film all’inizio di febbraio, Nolan ricorda di aver “cercato una nuova distrazione” alla fine del 2008, pochi mesi dopo l’uscita nei cinema de Il cavaliere oscuro, e di essere stato attratto da una copia di Fallout 3, una novità assoluta.

ISCRIVETEVI!

(Immagine: Amazon MGM Studios/Total Film)

Questo articolo è apparso per la prima volta nel numero 348 di Total Film. Abbonati qui per non perdere mai un numero!

Ero ossessionato dal gioco e dal suo mondo”, dice un Nolan visibilmente animato a Zoom. L’ambizione, la mitologia, la raffinatezza del mondo e la sua gravità. Quello che mi ha colpito davvero, però, è stata la sua stranezza, il suo tono gonzo, satirico e impossibile da collocare. Raramente si vede qualcosa di simile”.

Fallout

La contraddizione è il cuore di Fallout. Prendete il primo scorcio del mondo aperto nel gioco. Il paradosso di questo momento è che, per tutta la libertà che promette, tutto ciò che si trova davanti a noi è estremamente morto. Il paesaggio tossico è disseminato di relitti decrepiti di una civiltà un tempo fiorente, circa due secoli dopo che il giorno del giudizio nucleare ha spinto i ricchi nel sottosuolo e ha lasciato i poveri a cavarsela da soli in superficie con scarafaggi irradiati grandi come gatti e mutanti ancora più mostruosi.

La vita nella Terra Desolata è molto cupa, ma il tono della serie televisiva di Fallout è tutt’altro. Nolan descrive la serie come “più vicina alla commedia” di tutto ciò che lui e Lisa Joy hanno realizzato finora. Per sfruttare le contraddizioni di Fallout, Nolan e Joy, che stavano ancora lavorando a Westworld mentre stavano sviluppando Fallout nel 2019, hanno preso l’insolita decisione di assumere una coppia di showrunner con background molto diversi tra loro: Geneva Robertson-Dworet (Captain Marvel, Tomb Raider) e Graham Wagner (Silicon Valley, The Office).

Geneva viene dal mondo dei fumetti come me, mentre Graham viene dalla commedia”, sottolinea Nolan. Questo era l’approccio: un po’ di David Lean e un po’ di commedia”, annuisce. Gran parte dell’umorismo di Fallout deriva dalla critica profondamente radicata al corporativismo dei consumatori. La Terra Desolata è disseminata di detriti retrofuturistici di mega-corporazioni come la Vault-Tec e della sua mascotte sorridente Vault Boy, che spesso si intravede mentre fa un grande e incongruo pollice in su.

Leggi di più  Il creatore di One Piece parla della serie live-action di Netflix: "Se non fossi soddisfatto, non vedrebbe la luce".

C’è tutta questa roba di marca”, dice Robertson-Dworet. E sembra implicare che ciò che ha portato il mondo alla fine sia stata l’iper-corporativizzazione della società prebellica”. Ci ha dato molta gioia poterlo fare su Amazon Prime Video”, aggiunge Wagner, con una risatina. Questo è il paradosso dell’America”.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Approfondimenti settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Fallout

Ricevere e-mail da parte nostra per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i tuoi dati accetti i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e hai almeno 16 anni.

Cambiamento di gioco

(Immagine: Prime Video)

Fallout è arrivato in un momento affascinante per gli adattamenti dei videogiochi. Una volta oggetto di una “maledizione” lunga decenni, i preconcetti secondo i quali i film e gli spettacoli televisivi basati sui videogiochi sono destinati a fallire sono stati decisamente stravolti dall’acclamato adattamento di The Last of Us della HBO un anno fa. Ora c’è l’aspettativa di: “No, possono davvero essere grandiosi. Ne ho visti di belli”, dice Wagner con un sorriso. In un modo perverso, vorrei che ci fosse più snobismo, così avremmo potuto essere i primi!”.

Entrambe sono storie violente ambientate in un’America post-apocalittica, con creature simili a zombie, ma i paragoni tra TLOU e Fallout finiscono qui. In particolare, mentre il primo replica fedelmente (qualcuno potrebbe dire pedissequamente) la narrazione del gioco sullo schermo, Fallout racconta una storia originale in un luogo nuovo per la serie – Los Angeles – ma tutto ambientato nella stessa Wasteland americana canonica dei giochi.

C’è un momento vicino all’inizio di Fallout 3, il gioco di ruolo d’azione di Bethesda Games Studios del 2008, che è rimasto impresso in chiunque l’abbia vissuto all’epoca. In quel momento, il protagonista creato dal giocatore apre l’uscita del caveau sotterraneo che ha chiamato casa per 19 anni ed entra per la prima volta nella luce accecante delle Terre Desolate, un mondo letterale di potenziale che si estende a perdita d’occhio.

Jonathan Nolan, co-creatore di Westworld della HBO e co-sceneggiatore de Il cavaliere oscuro, Il cavaliere oscuro – Il ritorno, The Prestige e Interstellar, insieme al fratello maggiore Chris, mi ha lasciato senza fiato”. Durante una conversazione con Total Film all’inizio di febbraio, Nolan ricorda di aver “cercato una nuova distrazione” alla fine del 2008, pochi mesi dopo l’uscita nei cinema de Il cavaliere oscuro, e di essere stato attratto da una copia di Fallout 3, una novità assoluta.

Leggi di più  Gen V non ha bisogno di camei da The Boys, è abbastanza grande da sola

ISCRIVETEVI!

(Immagine: Amazon MGM Studios/Total Film)

Questo articolo è apparso per la prima volta nel numero 348 di Total Film. Abbonati qui per non perdere mai un numero!

Ero ossessionato dal gioco e dal suo mondo”, dice un Nolan visibilmente animato a Zoom. L’ambizione, la mitologia, la raffinatezza del mondo e la sua gravità. Quello che mi ha colpito davvero, però, è stata la sua stranezza, il suo tono gonzo, satirico e impossibile da collocare. Raramente si vede qualcosa di simile”.

Fallout serie TV

La contraddizione è il cuore di Fallout. Prendete il primo scorcio del mondo aperto nel gioco. Il paradosso di questo momento è che, per tutta la libertà che promette, tutto ciò che si trova davanti a noi è estremamente morto. Il paesaggio tossico è disseminato di relitti decrepiti di una civiltà un tempo fiorente, circa due secoli dopo che il giorno del giudizio nucleare ha spinto i ricchi nel sottosuolo e ha lasciato i poveri a cavarsela da soli in superficie con scarafaggi irradiati grandi come gatti e mutanti ancora più mostruosi.

La vita nella Terra Desolata è molto cupa, ma il tono della serie televisiva di Fallout è tutt’altro. Nolan descrive la serie come “più vicina alla commedia” di tutto ciò che lui e Lisa Joy hanno realizzato finora. Per sfruttare le contraddizioni di Fallout, Nolan e Joy, che stavano ancora lavorando a Westworld mentre stavano sviluppando Fallout nel 2019, hanno preso l’insolita decisione di assumere una coppia di showrunner con background molto diversi tra loro: Geneva Robertson-Dworet (Captain Marvel, Tomb Raider) e Graham Wagner (Silicon Valley, The Office).

Geneva viene dal mondo dei fumetti come me, mentre Graham viene dalla commedia”, sottolinea Nolan. Questo era l’approccio: un po’ di David Lean e un po’ di commedia”, annuisce. Gran parte dell’umorismo di Fallout deriva dalla critica profondamente radicata al corporativismo dei consumatori. La Terra Desolata è disseminata di detriti retrofuturistici di mega-corporazioni come la Vault-Tec e della sua mascotte sorridente Vault Boy, che spesso si intravede mentre fa un grande e incongruo pollice in su.

C’è tutta questa roba di marca”, dice Robertson-Dworet. E sembra implicare che ciò che ha portato il mondo alla fine sia stata l’iper-corporativizzazione della società prebellica”. Ci ha dato molta gioia poterlo fare su Amazon Prime Video”, aggiunge Wagner, con una risatina. Questo è il paradosso dell’America”.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Approfondimenti settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Ricevere e-mail da parte nostra per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i tuoi dati accetti i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e hai almeno 16 anni.

Cambiamento di gioco

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.