Un adattamento a fumetti con un punteggio quasi perfetto su Rotten Tomatoes offre una rappresentazione sorprendentemente tenera della solitudine

Nominato agli Oscar all’inizio di quest’anno, il tenero film d’animazione di Pablo Berger sull’amicizia tra un robot e un cane arriva finalmente sul grande schermo. Dopo il suo debutto al Festival di Cannes 2023, la critica ha lentamente acclamato Robot Dreams, una storia priva di dialoghi ambientata in una versione di New York popolata da animali antropomorfizzati.

Basato sull’omonima graphic novel di Sara Varon, il film inizia con il newyorkese Dog che ordina a un amico robot di fargli compagnia nella sua solitaria vita da grande città. Con una colonna sonora di classici degli anni ’80 – in particolare “September” degli Earth, Wind & Fire – i due diventano inseparabili: viaggiano in metropolitana, pattinano a Central Park e gustano il cibo di strada.

Ma tutto precipita quando una gita in spiaggia per il Labor Day va male. Dopo aver goduto dell’acqua, Robot si arrugginisce e non è più in grado di muoversi, facendo intraprendere a Dog un viaggio straziante per cercare di recuperare il suo amico quando la spiaggia chiude per la stagione.

Il film di Berger è in fondo una tenera storia di amicizia, ma è anche una rappresentazione cruda della solitudine in una grande città che mi ha colto impreparato. E anche se il dolore e l’isolamento che permangono nei suoi fotogrammi dai colori vivaci non è quello che mi aspettavo da un’avventura animata di un robot e di un cane, è tanto meglio per questo.

Gettare un osso al cane

Sogni di robot

(Immagine: Wild Bunch)

Il terrore si fa sentire quando Cane e Robot si svegliano dal loro pisolino sulla spiaggia e quest’ultimo non riesce a muoversi. Dog fa del suo meglio per trascinare il suo amico dalla sabbia, ma non funziona, il che porta a un periodo di stress in cui tenta e fallisce di salvare il suo compagno. Arrivato a un bivio, decide di aspettare la riapertura della spiaggia per tornare alla sua vita solitaria.

Riflettori sul grande schermo

Un nuovo articolo ogni venerdì per scoprire i film in uscita nelle sale cinematografiche che non sono ancora stati presentati.

Le scene che seguono sono così dolorose da guardare mentre osserva la vita che passa fuori dalla sua finestra. Per me, il momento più straziante arriva durante una sequenza di Halloween, quando Dog fa del suo meglio per cercare di entrare in contatto con il mondo esterno, travestendosi e offrendo caramelle ai bambini del quartiere, ma alla fine non riesce a portare a termine il suo compito. Dopo essere stato spaventato da un pipistrello, sbatte la porta di casa, chiudendola a tripla mandata, e non si può fare a meno di pensare che sia condannato a rimanere per sempre da solo.

Leggi di più  32 dei più grandi movimenti cinematografici di Brad Pitt

Nominato agli Oscar all’inizio di quest’anno, il tenero film d’animazione di Pablo Berger sull’amicizia tra un robot e un cane arriva finalmente sul grande schermo. Dopo il suo debutto al Festival di Cannes 2023, la critica ha lentamente acclamato Robot Dreams, una storia priva di dialoghi ambientata in una versione di New York popolata da animali antropomorfizzati.

Basato sull’omonima graphic novel di Sara Varon, il film inizia con il newyorkese Dog che ordina a un amico robot di fargli compagnia nella sua solitaria vita da grande città. Con una colonna sonora di classici degli anni ’80 – in particolare “September” degli Earth, Wind & Fire – i due diventano inseparabili: viaggiano in metropolitana, pattinano a Central Park e gustano il cibo di strada.

Ma tutto precipita quando una gita in spiaggia per il Labor Day va male. Dopo aver goduto dell’acqua, Robot si arrugginisce e non è più in grado di muoversi, facendo intraprendere a Dog un viaggio straziante per cercare di recuperare il suo amico quando la spiaggia chiude per la stagione.

Il film di Berger è in fondo una tenera storia di amicizia, ma è anche una rappresentazione cruda della solitudine in una grande città che mi ha colto impreparato. E anche se il dolore e l’isolamento che permangono nei suoi fotogrammi dai colori vivaci non è quello che mi aspettavo da un’avventura animata di un robot e di un cane, è tanto meglio per questo.

Gettare un osso al cane

Sogni di robot

(Immagine: Wild Bunch)

Il terrore si fa sentire quando Cane e Robot si svegliano dal loro pisolino sulla spiaggia e quest’ultimo non riesce a muoversi. Dog fa del suo meglio per trascinare il suo amico dalla sabbia, ma non funziona, il che porta a un periodo di stress in cui tenta e fallisce di salvare il suo compagno. Arrivato a un bivio, decide di aspettare la riapertura della spiaggia per tornare alla sua vita solitaria.

Riflettori sul grande schermo

Un nuovo articolo ogni venerdì per scoprire i film in uscita nelle sale cinematografiche che non sono ancora stati presentati.

Le scene che seguono sono così dolorose da guardare mentre osserva la vita che passa fuori dalla sua finestra. Per me, il momento più straziante arriva durante una sequenza di Halloween, quando Dog fa del suo meglio per cercare di entrare in contatto con il mondo esterno, travestendosi e offrendo caramelle ai bambini del quartiere, ma alla fine non riesce a portare a termine il suo compito. Dopo essere stato spaventato da un pipistrello, sbatte la porta di casa, chiudendola a tripla mandata, e non si può fare a meno di pensare che sia condannato a rimanere per sempre da solo.

Leggi di più  Ecco cosa è successo a tutti dopo Oppenheimer - per evitarle di andare nella tana del coniglio di Wikipedia.

È una cosa che mi è sembrata particolarmente toccante per la mia esperienza personale di vita in una grande città, trascorrendo la maggior parte del mio tempo a lavorare a casa da solo. Quando si è circondati da così tanta vita che si svolge intorno a noi e che si osserva dalla finestra, spesso è uno dei luoghi più isolanti in cui trovarsi. Anche da adulti, trovare e stringere nuove amicizie e legami a volte sembra quasi impossibile e, proprio come Dog, un passo avanti spesso si traduce in tre passi indietro.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.