I creatori della nuova epica serie sci-fi di Netflix 3 Body Problem parlano delle scene tagliate e del seguito di Game of Thrones

Quando il popolarissimo Game of Thrones della HBO si è concluso nel 2019, ha lasciato un vuoto a forma di fantasia nella vita di molte persone. Ma soprattutto per i creatori dello show David Benioff e D.B. Weiss. Abbiamo trascorso 13 anni meravigliosi nel mondo di quella serie e non li scambieremmo con nulla”, dice Weiss, 52 anni, parlando tramite Zoom da una stanza dall’aspetto di rockstar addobbata con chitarre elettriche. Ma volevamo davvero che Netflix facesse qualcosa di diverso sotto molti aspetti”.

ISCRIVITI

Questo articolo è apparso per la prima volta sulla rivista Total Film. Abbonati qui!

Tra gli altri progetti, hanno preso in considerazione l’idea di entrare nell’universo di Guerre Stellari con Il primo Jedi, una storia su come è nato l’Ordine Jedi, finché Lucasfilm non l’ha bocciata. Tuttavia, la fantascienza sarebbe rimasta al centro dello show scelto: 3 Body Problem, un ibrido di generi estremamente ambizioso e quasi inclassificabile, basato sulla trilogia cinese Remembrance of Earth’s Past dell’autrice Liu Cixin. L’idea è arrivata grazie ai suggerimenti di Peter Friedlander, dirigente di Netflix, che ha incontrato Weiss e Benioff nell’estate del 2019 mentre i due stavano concludendo un accordo pluriennale da 200 milioni di dollari con lo streamer. Per loro stessa ammissione, nessuno dei due conosceva bene il lavoro di Liu.

Credo che entrambi fossimo vagamente consapevoli del fatto che Barack Obama aveva curato il primo libro, il che sembrava insolito per un romanzo di fantascienza cinese”, dice Benioff, 53 anni, che indossa una felpa con cappuccio. Ma nel momento in cui l’hanno letto, sono stati conquistati, “il che”, aggiunge lo showrunner, “è una parte importante del motivo per cui siamo finiti su Netflix”. Spaziando dalla Rivoluzione culturale cinese ai giorni nostri e oltre, è una storia di invasione come nessun’altra. Una razza aliena, che sta affrontando il proprio annientamento, ha messo gli occhi sulla Terra. Il colpo di scena? Non arriveranno prima di 400 anni.

Se impiegano 400 anni per arrivare qui, significa che per molto tempo la storia non è tanto incentrata su di loro quanto su di noi e sulla nostra reazione a loro”, dice Weiss. Questo non l’avevo mai visto prima. Credo che nessuno di noi l’abbia fatto. Amo molte di queste storie, sono davvero divertenti, ma La guerra dei mondi… stai camminando per una strada di Boston e spunta un UFO… e poi è tutto finito. In Signs, arrivano dal cielo e poi sono qui. Si tratta di capire cosa fare quando sono qui. Si tratta più di noi che di loro. Almeno all’inizio”.

Quando il popolarissimo Game of Thrones della HBO si è concluso nel 2019, ha lasciato un vuoto a forma di fantasia nella vita di molte persone. Ma soprattutto per i creatori dello show David Benioff e D.B. Weiss. Abbiamo trascorso 13 anni meravigliosi nel mondo di quella serie e non li scambieremmo con nulla”, dice Weiss, 52 anni, parlando tramite Zoom da una stanza dall’aspetto di rockstar addobbata con chitarre elettriche. Ma volevamo davvero che Netflix facesse qualcosa di diverso sotto molti aspetti”.

Leggi di più  Il creatore di Succession, Jesse Armstrong, ha parlato della stagione 4 che è stata nominata la serie TV di Total Film del 2023 e dei suoi prossimi progetti.

ISCRIVITI

Questo articolo è apparso per la prima volta sulla rivista Total Film. Abbonati qui!

3 Body Problem

Tra gli altri progetti, hanno preso in considerazione l’idea di entrare nell’universo di Guerre Stellari con Il primo Jedi, una storia su come è nato l’Ordine Jedi, finché Lucasfilm non l’ha bocciata. Tuttavia, la fantascienza sarebbe rimasta al centro dello show scelto: 3 Body Problem, un ibrido di generi estremamente ambizioso e quasi inclassificabile, basato sulla trilogia cinese Remembrance of Earth’s Past dell’autrice Liu Cixin. L’idea è arrivata grazie ai suggerimenti di Peter Friedlander, dirigente di Netflix, che ha incontrato Weiss e Benioff nell’estate del 2019 mentre i due stavano concludendo un accordo pluriennale da 200 milioni di dollari con lo streamer. Per loro stessa ammissione, nessuno dei due conosceva bene il lavoro di Liu.

Credo che entrambi fossimo vagamente consapevoli del fatto che Barack Obama aveva curato il primo libro, il che sembrava insolito per un romanzo di fantascienza cinese”, dice Benioff, 53 anni, che indossa una felpa con cappuccio. Ma nel momento in cui l’hanno letto, sono stati conquistati, “il che”, aggiunge lo showrunner, “è una parte importante del motivo per cui siamo finiti su Netflix”. Spaziando dalla Rivoluzione culturale cinese ai giorni nostri e oltre, è una storia di invasione come nessun’altra. Una razza aliena, che sta affrontando il proprio annientamento, ha messo gli occhi sulla Terra. Il colpo di scena? Non arriveranno prima di 400 anni.

Se impiegano 400 anni per arrivare qui, significa che per molto tempo la storia non è tanto incentrata su di loro quanto su di noi e sulla nostra reazione a loro”, dice Weiss. Questo non l’avevo mai visto prima. Credo che nessuno di noi l’abbia fatto. Amo molte di queste storie, sono davvero divertenti, ma La guerra dei mondi… stai camminando per una strada di Boston e spunta un UFO… e poi è tutto finito. In Signs, arrivano dal cielo e poi sono qui. Si tratta di capire cosa fare quando sono qui. Si tratta più di noi che di loro. Almeno all’inizio”.

A unirsi a Weiss e Benioff in questo alveare creativo è stato Alexander Woo, ex scrittore-produttore di True Blood. L’adattamento della trilogia fisica di Liu – che inizia con il primo libro, Il problema dei tre corpi – è sempre stato difficile, riconosce Woo.

Una delle cose che lo rende così impegnativo è che le linee temporali della trilogia sono piuttosto folli. Tutti e tre iniziano nel presente. E [il] secondo e il terzo libro vanno certamente molto, molto, molto lontano nel futuro. Quindi, per il nostro show, aveva molto senso che i personaggi contemporanei fossero tutti presenti nella prima stagione, perché esistono tutti nello stesso periodo di tempo”.

Leggi di più  Sono solo io o Riverdale è un capolavoro audace e sperimentale?

I ricercatori si assemblano

(Immagine: Netflix)

Al centro della prima stagione, composta da otto episodi, c’è un gruppo di fisici che si riunisce sotto il comando di un capo dei servizi segreti britannici di nome Wade (Liam Cunningham, che ha interpretato il ser Davos Seaworth di Thrones), per studiare come difendere la Terra. Tra loro ci sono Jin Cheng (Jess Hong), Saul Durand (Jovan Adepo), Auggie Salazar (Eiza GonzÁlez), Will Downing (Alex Sharp) e Jack Rooney (John Bradley), che ha appena venduto la sua azienda di patatine e snack per milioni.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Approfondimenti settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Ricevere e-mail da parte nostra per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i vostri dati accettate i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e avete almeno 16 anni.

3 Body Problem

Anche se la maggior parte del cast è composta da scienziati, non siamo tutti costruiti secondo la forma di uno scienziato, capite cosa intendo?”, dice Adepo, che in precedenza ha recitato in un’altra storia di umanità condannata, il dramma della HBO The Leftovers. Siamo tutti individui e abbiamo il nostro background, la nostra personalità. E penso che si tratti di persone che devono uscire da se stesse come individui nella loro vita quotidiana, e che devono unirsi per affrontare questa enorme minaccia che non potremmo mai immaginare di affrontare”.

Quando il popolarissimo Game of Thrones della HBO si è concluso nel 2019, ha lasciato un vuoto a forma di fantasia nella vita di molte persone. Ma soprattutto per i creatori dello show David Benioff e D.B. Weiss. Abbiamo trascorso 13 anni meravigliosi nel mondo di quella serie e non li scambieremmo con nulla”, dice Weiss, 52 anni, parlando tramite Zoom da una stanza dall’aspetto di rockstar addobbata con chitarre elettriche. Ma volevamo davvero che Netflix facesse qualcosa di diverso sotto molti aspetti”.

ISCRIVITI

Questo articolo è apparso per la prima volta sulla rivista Total Film. Abbonati qui!

Tra gli altri progetti, hanno preso in considerazione l’idea di entrare nell’universo di Guerre Stellari con Il primo Jedi, una storia su come è nato l’Ordine Jedi, finché Lucasfilm non l’ha bocciata. Tuttavia, la fantascienza sarebbe rimasta al centro dello show scelto: 3 Body Problem, un ibrido di generi estremamente ambizioso e quasi inclassificabile, basato sulla trilogia cinese Remembrance of Earth’s Past dell’autrice Liu Cixin. L’idea è arrivata grazie ai suggerimenti di Peter Friedlander, dirigente di Netflix, che ha incontrato Weiss e Benioff nell’estate del 2019 mentre i due stavano concludendo un accordo pluriennale da 200 milioni di dollari con lo streamer. Per loro stessa ammissione, nessuno dei due conosceva bene il lavoro di Liu.

Leggi di più  Il finale di Fool Me Once di Netflix: chi ha ucciso Joe?

Credo che entrambi fossimo vagamente consapevoli del fatto che Barack Obama aveva curato il primo libro, il che sembrava insolito per un romanzo di fantascienza cinese”, dice Benioff, 53 anni, che indossa una felpa con cappuccio. Ma nel momento in cui l’hanno letto, sono stati conquistati, “il che”, aggiunge lo showrunner, “è una parte importante del motivo per cui siamo finiti su Netflix”. Spaziando dalla Rivoluzione culturale cinese ai giorni nostri e oltre, è una storia di invasione come nessun’altra. Una razza aliena, che sta affrontando il proprio annientamento, ha messo gli occhi sulla Terra. Il colpo di scena? Non arriveranno prima di 400 anni.

3 Body Problem

Se impiegano 400 anni per arrivare qui, significa che per molto tempo la storia non è tanto incentrata su di loro quanto su di noi e sulla nostra reazione a loro”, dice Weiss. Questo non l’avevo mai visto prima. Credo che nessuno di noi l’abbia fatto. Amo molte di queste storie, sono davvero divertenti, ma La guerra dei mondi… stai camminando per una strada di Boston e spunta un UFO… e poi è tutto finito. In Signs, arrivano dal cielo e poi sono qui. Si tratta di capire cosa fare quando sono qui. Si tratta più di noi che di loro. Almeno all’inizio”.

A unirsi a Weiss e Benioff in questo alveare creativo è stato Alexander Woo, ex scrittore-produttore di True Blood. L’adattamento della trilogia fisica di Liu – che inizia con il primo libro, Il problema dei tre corpi – è sempre stato difficile, riconosce Woo.

Una delle cose che lo rende così impegnativo è che le linee temporali della trilogia sono piuttosto folli. Tutti e tre iniziano nel presente. E [il] secondo e il terzo libro vanno certamente molto, molto, molto lontano nel futuro. Quindi, per il nostro show, aveva molto senso che i personaggi contemporanei fossero tutti presenti nella prima stagione, perché esistono tutti nello stesso periodo di tempo”.

I ricercatori si assemblano

(Immagine: Netflix)

Al centro della prima stagione, composta da otto episodi, c’è un gruppo di fisici che si riunisce sotto il comando di un capo dei servizi segreti britannici di nome Wade (Liam Cunningham, che ha interpretato il ser Davos Seaworth di Thrones), per studiare come difendere la Terra. Tra loro ci sono Jin Cheng (Jess Hong), Saul Durand (Jovan Adepo), Auggie Salazar (Eiza GonzÁlez), Will Downing (Alex Sharp) e Jack Rooney (John Bradley), che ha appena venduto la sua azienda di patatine e snack per milioni.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Approfondimenti settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.