Le 35 più belle sigle televisive

Se i programmi televisivi sono un regalo, allora una buona sigla è come il fiocco colorato in cima. Che si tratti di jingle realizzati per lo show o di canzoni pop preesistenti di cui i produttori hanno ottenuto i diritti, una buona sigla televisiva fa molto di più che segnare l’inizio di un nuovo episodio. Le migliori espandono il mondo dello show solo un po’ più in là, facendo sentire le storie raccontate e i personaggi che le compongono molto più vivi, e forse anche più vicini a noi. Il più delle volte, i temi televisivi contribuiscono a rendere uno show più iconico nella cultura pop di quanto possa fare un singolo episodio.

Francamente, se siete tra i pochi privilegiati che hanno il controllo di uno show televisivo, la scelta della sigla giusta dovrebbe essere una delle decisioni più importanti da prendere. Sebbene la lunga storia della televisione sia ricca di sigle straordinarie, solo poche meritano di essere riconosciute come “iconiche”. Dai cartoni animati alle fiction di prestigio, ecco le 35 più belle sigle televisive di tutti i tempi.

  1. X-Men: la serie animata

X-Men: la serie animata

(Immagine: Marvel)

Composta da Ron Wasserman mentre era sotto contratto per il produttore Haim Saban, la sigla degli X-Men è un classico del power metal che ha definito per sempre i supereroi mutanti della Marvel. È talmente caratteristico degli X-Men che li ha seguiti fino al Marvel Cinematic Universe. In un’intervista del 2016 con Inverse, Wasserman ha ricordato di aver iterato la canzone fino a quando sia la Marvel che Saban erano soddisfatti. “È stata una barca di lavoro perché c’è stato un sacco di coinvolgimento”, ha detto Wasserman. “Un sacco di “Modifichiamo questo, ingrandiamo questo, rifacciamo questo”. Abbiamo finito per avere 80 o 90 tracce per quella cosa. Continuavano a cercare di tirare fuori sempre più energia. È andato avanti e indietro per settimane”.

  1. Miami Vice

Miami Vice

(Immagine: Universal Television)

Se i programmi televisivi sono un regalo, allora una buona sigla è come il fiocco colorato in cima. Che si tratti di jingle realizzati per lo show o di canzoni pop preesistenti di cui i produttori hanno ottenuto i diritti, una buona sigla televisiva fa molto di più che segnare l’inizio di un nuovo episodio. Le migliori espandono il mondo dello show solo un po’ più in là, facendo sentire le storie raccontate e i personaggi che le compongono molto più vivi, e forse anche più vicini a noi. Il più delle volte, i temi televisivi contribuiscono a rendere uno show più iconico nella cultura pop di quanto possa fare un singolo episodio.

Francamente, se siete tra i pochi privilegiati che hanno il controllo di uno show televisivo, la scelta della sigla giusta dovrebbe essere una delle decisioni più importanti da prendere. Sebbene la lunga storia della televisione sia ricca di sigle straordinarie, solo poche meritano di essere riconosciute come “iconiche”. Dai cartoni animati alle fiction di prestigio, ecco le 35 più belle sigle televisive di tutti i tempi.

The Walking Dead

  1. X-Men: la serie animata

(Immagine: Marvel)

Composta da Ron Wasserman mentre era sotto contratto per il produttore Haim Saban, la sigla degli X-Men è un classico del power metal che ha definito per sempre i supereroi mutanti della Marvel. È talmente caratteristico degli X-Men che li ha seguiti fino al Marvel Cinematic Universe. In un’intervista del 2016 con Inverse, Wasserman ha ricordato di aver iterato la canzone fino a quando sia la Marvel che Saban erano soddisfatti. “È stata una barca di lavoro perché c’è stato un sacco di coinvolgimento”, ha detto Wasserman. “Un sacco di “Modifichiamo questo, ingrandiamo questo, rifacciamo questo”. Abbiamo finito per avere 80 o 90 tracce per quella cosa. Continuavano a cercare di tirare fuori sempre più energia. È andato avanti e indietro per settimane”.

Sex and the City

  1. Miami Vice

(Immagine: Universal Television)

Uno dei pochi brani strumentali ad entrare in classifica nella Billboard Hot 100, il semplice titolo “Miami Vice Theme” di Jan Hammer (ovviamente realizzato per il dramma poliziesco di successo da cui prende il nome) è fondamentale per aver consolidato le sonorità synth-heavy degli anni ’80 e per aver tracciato le basi di quella che sarebbe diventata la musica synthwave e retrowave. Sebbene Hammer abbia realizzato la colonna sonora della serie, il tema esisteva già prima del suo coinvolgimento, in quanto si trattava di uno schizzo in corso d’opera che Hammer aveva provato per il creatore della serie Michael Mann. Ha ricordato Hammer in un’intervista del 2014 a Rolling Stone: “Ho incontrato Michael quando stavano ancora facendo il casting. Stavamo parlando di quale musica avrebbe funzionato per creare qualcosa che all’epoca non era simile a nulla in televisione. Avevo alcuni schizzi che gli ho fatto ascoltare e che si sono rivelati il tema dello show. Ne avevo già registrato la maggior parte”.

Beverly Hills 90210

  1. The Walking Dead

(Immagine: AMC Studios)

Quando The Walking Dead ha debuttato la notte di Halloween del 2010, lo ha fatto con un tema originale che ci ha spaventati tutti fino alle ossa. Composta da Bear McCreary di Battlestar Galactica, la sua musica ossessionante evoca un’atmosfera inquietante e terribile attraverso archi ripetuti che ingannano l’ascoltatore facendogli credere che la fine sia vicina. Il fatto che la tensione continui a crescere illumina la tesi principale della serie: vivere un incubo senza fine. In un’intervista del 2012 con MTV, McCreary ha dichiarato: “Si ripete in continuazione, e in effetti nell’episodio pilota si inizia a sentirla prima che inizi il titolo principale, e questa è una cosa che continua di episodio in episodio. Si sente la musica del titolo principale prima che inizi il titolo principale, quindi si sa che sta per arrivare. Questo, per me, era il piccolo gancio, quella piccola cosa che, ogni volta che la senti, ti porta alla serie”.

  1. Sex and the City

(Immagine: HBO)

Non è facile per una canzone incarnare la raffinatezza metropolitana. Per questo motivo è doveroso ringraziare il compositore di Sex and the City Douglas Cuomo, che ha fatto proprio questo con il suo tema strumentale per la commedia di successo della HBO con Sarah Jessica Parker. Con la sua atmosfera generale che sembra quella di un cocktail party latino all’interno di una lounge di un hotel dell’era spaziale, il pezzo di Cuomo è allo stesso tempo comico e sexy, che è una descrizione appropriata di Sex and the City stesso. In un’intervista del 2017 con Entertainment Weekly, Cuomo ha rivelato che gli erano stati concessi solo 10 giorni per scrivere e registrare il suo tema. Era stato composto anche per una sequenza in stile animato, ma l’idea è stata scartata senza che Cuomo ne fosse a conoscenza.

Cowboy Bebop

  1. Beverly Hills 90210

(Immagine: Paramount)

Se i programmi televisivi sono un regalo, allora una buona sigla è come il fiocco colorato in cima. Che si tratti di jingle realizzati per lo show o di canzoni pop preesistenti di cui i produttori hanno ottenuto i diritti, una buona sigla televisiva fa molto di più che segnare l’inizio di un nuovo episodio. Le migliori espandono il mondo dello show solo un po’ più in là, facendo sentire le storie raccontate e i personaggi che le compongono molto più vivi, e forse anche più vicini a noi. Il più delle volte, i temi televisivi contribuiscono a rendere uno show più iconico nella cultura pop di quanto possa fare un singolo episodio.

Twin Peaks

Francamente, se siete tra i pochi privilegiati che hanno il controllo di uno show televisivo, la scelta della sigla giusta dovrebbe essere una delle decisioni più importanti da prendere. Sebbene la lunga storia della televisione sia ricca di sigle straordinarie, solo poche meritano di essere riconosciute come “iconiche”. Dai cartoni animati alle fiction di prestigio, ecco le 35 più belle sigle televisive di tutti i tempi.

  1. X-Men: la serie animata
Leggi di più  Il cast di Ted Lasso condivide i loro momenti preferiti dello spettacolo

(Immagine: Marvel)

Peter Gunn

Composta da Ron Wasserman mentre era sotto contratto per il produttore Haim Saban, la sigla degli X-Men è un classico del power metal che ha definito per sempre i supereroi mutanti della Marvel. È talmente caratteristico degli X-Men che li ha seguiti fino al Marvel Cinematic Universe. In un’intervista del 2016 con Inverse, Wasserman ha ricordato di aver iterato la canzone fino a quando sia la Marvel che Saban erano soddisfatti. “È stata una barca di lavoro perché c’è stato un sacco di coinvolgimento”, ha detto Wasserman. “Un sacco di “Modifichiamo questo, ingrandiamo questo, rifacciamo questo”. Abbiamo finito per avere 80 o 90 tracce per quella cosa. Continuavano a cercare di tirare fuori sempre più energia. È andato avanti e indietro per settimane”.

  1. Miami Vice

(Immagine: Universal Television)

Il più grande eroe americano

Uno dei pochi brani strumentali ad entrare in classifica nella Billboard Hot 100, il semplice titolo “Miami Vice Theme” di Jan Hammer (ovviamente realizzato per il dramma poliziesco di successo da cui prende il nome) è fondamentale per aver consolidato le sonorità synth-heavy degli anni ’80 e per aver tracciato le basi di quella che sarebbe diventata la musica synthwave e retrowave. Sebbene Hammer abbia realizzato la colonna sonora della serie, il tema esisteva già prima del suo coinvolgimento, in quanto si trattava di uno schizzo in corso d’opera che Hammer aveva provato per il creatore della serie Michael Mann. Ha ricordato Hammer in un’intervista del 2014 a Rolling Stone: “Ho incontrato Michael quando stavano ancora facendo il casting. Stavamo parlando di quale musica avrebbe funzionato per creare qualcosa che all’epoca non era simile a nulla in televisione. Avevo alcuni schizzi che gli ho fatto ascoltare e che si sono rivelati il tema dello show. Ne avevo già registrato la maggior parte”.

  1. The Walking Dead

(Immagine: AMC Studios)

I Jefferson

Quando The Walking Dead ha debuttato la notte di Halloween del 2010, lo ha fatto con un tema originale che ci ha spaventati tutti fino alle ossa. Composta da Bear McCreary di Battlestar Galactica, la sua musica ossessionante evoca un’atmosfera inquietante e terribile attraverso archi ripetuti che ingannano l’ascoltatore facendogli credere che la fine sia vicina. Il fatto che la tensione continui a crescere illumina la tesi principale della serie: vivere un incubo senza fine. In un’intervista del 2012 con MTV, McCreary ha dichiarato: “Si ripete in continuazione, e in effetti nell’episodio pilota si inizia a sentirla prima che inizi il titolo principale, e questa è una cosa che continua di episodio in episodio. Si sente la musica del titolo principale prima che inizi il titolo principale, quindi si sa che sta per arrivare. Questo, per me, era il piccolo gancio, quella piccola cosa che, ogni volta che la senti, ti porta alla serie”.

  1. Sex and the City

(Immagine: HBO)

Nip/Tuck

Non è facile per una canzone incarnare la raffinatezza metropolitana. Per questo motivo è doveroso ringraziare il compositore di Sex and the City Douglas Cuomo, che ha fatto proprio questo con il suo tema strumentale per la commedia di successo della HBO con Sarah Jessica Parker. Con la sua atmosfera generale che sembra quella di un cocktail party latino all’interno di una lounge di un hotel dell’era spaziale, il pezzo di Cuomo è allo stesso tempo comico e sexy, che è una descrizione appropriata di Sex and the City stesso. In un’intervista del 2017 con Entertainment Weekly, Cuomo ha rivelato che gli erano stati concessi solo 10 giorni per scrivere e registrare il suo tema. Era stato composto anche per una sequenza in stile animato, ma l’idea è stata scartata senza che Cuomo ne fosse a conoscenza.

  1. Beverly Hills 90210

(Immagine: Paramount)

Mission: Impossible

Come può il rock californiano suonare così emotivo? Questa è la sigla di Beverly Hills 90210, il cui mix di chitarra aggressiva, sassofoni e tastiere cattura lo spirito adolescenziale del suo ricco codice postale. È stato anche un lavoro frettoloso. La storia racconta che: Quando l’episodio pilota fu presentato ai dirigenti della Fox, la loro più grande lamentela fu la scelta del tema musicale dello show (di un gruppo rock non identificato). Questo ha portato i produttori a telefonare in tarda serata, in preda al panico, al compositore della serie John E. Davis, incaricato di preparare un nuovo tema entro la mattina. In un’intervista del 2019 a Variety, Davis ha dichiarato: “Doveva essere contemporaneo, ma anche avere una parvenza di cuore, quindi ho cercato di usare entrambi gli elementi. Ci sono due sensazioni: prima il lato rock and roll, poi alla fine diventa un po’ più dolce, che era il mio omaggio ai valori familiari dello show”.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Notizie settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

La compagnia dei tre

Contattarmi con notizie e offerte di altri marchi FutureRicevere e-mail da parte nostra per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i tuoi dati accetti i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e hai almeno 16 anni.

  1. Cowboy Bebop

(Immagine: Sunrise)

Buffy l'ammazzavampiri

3, 2, 1… Let’s jam! Grande successo su entrambe le sponde del Pacifico, Cowboy Bebop è stato uno dei tanti anime giapponesi degli anni ’90 a introdurre adeguatamente il pubblico occidentale al medium. Questo noir di fantascienza ultra cool aveva una sigla appropriatamente audace, un brano jazz ad alta energia eseguito dal gruppo jazz rock The Seatbelts (così chiamato perché in realtà indossano le cinture di sicurezza come misura di sicurezza durante le jam session hardcore). La canzone è perfettamente sincronizzata con la sequenza del titolo dello show, ma è anche un brano musicale eccezionale. Questa è per tutti i cowboy spaziali là fuori.

  1. Twin Peaks

(Immagine: CBS Studios)

Star Trek: la serie originale

Se i programmi televisivi sono un regalo, allora una buona sigla è come il fiocco colorato in cima. Che si tratti di jingle realizzati per lo show o di canzoni pop preesistenti di cui i produttori hanno ottenuto i diritti, una buona sigla televisiva fa molto di più che segnare l’inizio di un nuovo episodio. Le migliori espandono il mondo dello show solo un po’ più in là, facendo sentire le storie raccontate e i personaggi che le compongono molto più vivi, e forse anche più vicini a noi. Il più delle volte, i temi televisivi contribuiscono a rendere uno show più iconico nella cultura pop di quanto possa fare un singolo episodio.

Francamente, se siete tra i pochi privilegiati che hanno il controllo di uno show televisivo, la scelta della sigla giusta dovrebbe essere una delle decisioni più importanti da prendere. Sebbene la lunga storia della televisione sia ricca di sigle straordinarie, solo poche meritano di essere riconosciute come “iconiche”. Dai cartoni animati alle fiction di prestigio, ecco le 35 più belle sigle televisive di tutti i tempi.

  1. X-Men: la serie animata

La famiglia Brady

(Immagine: Marvel)

Composta da Ron Wasserman mentre era sotto contratto per il produttore Haim Saban, la sigla degli X-Men è un classico del power metal che ha definito per sempre i supereroi mutanti della Marvel. È talmente caratteristico degli X-Men che li ha seguiti fino al Marvel Cinematic Universe. In un’intervista del 2016 con Inverse, Wasserman ha ricordato di aver iterato la canzone fino a quando sia la Marvel che Saban erano soddisfatti. “È stata una barca di lavoro perché c’è stato un sacco di coinvolgimento”, ha detto Wasserman. “Un sacco di “Modifichiamo questo, ingrandiamo questo, rifacciamo questo”. Abbiamo finito per avere 80 o 90 tracce per quella cosa. Continuavano a cercare di tirare fuori sempre più energia. È andato avanti e indietro per settimane”.

Leggi di più  Charlie Brooker non vuole che Black Mirror sia più noto come lo spettacolo "Tech is Bad"

  1. Miami Vice

Il principe di Bel-Air

(Immagine: Universal Television)

Uno dei pochi brani strumentali ad entrare in classifica nella Billboard Hot 100, il semplice titolo “Miami Vice Theme” di Jan Hammer (ovviamente realizzato per il dramma poliziesco di successo da cui prende il nome) è fondamentale per aver consolidato le sonorità synth-heavy degli anni ’80 e per aver tracciato le basi di quella che sarebbe diventata la musica synthwave e retrowave. Sebbene Hammer abbia realizzato la colonna sonora della serie, il tema esisteva già prima del suo coinvolgimento, in quanto si trattava di uno schizzo in corso d’opera che Hammer aveva provato per il creatore della serie Michael Mann. Ha ricordato Hammer in un’intervista del 2014 a Rolling Stone: “Ho incontrato Michael quando stavano ancora facendo il casting. Stavamo parlando di quale musica avrebbe funzionato per creare qualcosa che all’epoca non era simile a nulla in televisione. Avevo alcuni schizzi che gli ho fatto ascoltare e che si sono rivelati il tema dello show. Ne avevo già registrato la maggior parte”.

  1. The Walking Dead

Gli anni delle meraviglie

(Immagine: AMC Studios)

Quando The Walking Dead ha debuttato la notte di Halloween del 2010, lo ha fatto con un tema originale che ci ha spaventati tutti fino alle ossa. Composta da Bear McCreary di Battlestar Galactica, la sua musica ossessionante evoca un’atmosfera inquietante e terribile attraverso archi ripetuti che ingannano l’ascoltatore facendogli credere che la fine sia vicina. Il fatto che la tensione continui a crescere illumina la tesi principale della serie: vivere un incubo senza fine. In un’intervista del 2012 con MTV, McCreary ha dichiarato: “Si ripete in continuazione, e in effetti nell’episodio pilota si inizia a sentirla prima che inizi il titolo principale, e questa è una cosa che continua di episodio in episodio. Si sente la musica del titolo principale prima che inizi il titolo principale, quindi si sa che sta per arrivare. Questo, per me, era il piccolo gancio, quella piccola cosa che, ogni volta che la senti, ti porta alla serie”.

  1. Sex and the City

Knight Rider

(Immagine: HBO)

Non è facile per una canzone incarnare la raffinatezza metropolitana. Per questo motivo è doveroso ringraziare il compositore di Sex and the City Douglas Cuomo, che ha fatto proprio questo con il suo tema strumentale per la commedia di successo della HBO con Sarah Jessica Parker. Con la sua atmosfera generale che sembra quella di un cocktail party latino all’interno di una lounge di un hotel dell’era spaziale, il pezzo di Cuomo è allo stesso tempo comico e sexy, che è una descrizione appropriata di Sex and the City stesso. In un’intervista del 2017 con Entertainment Weekly, Cuomo ha rivelato che gli erano stati concessi solo 10 giorni per scrivere e registrare il suo tema. Era stato composto anche per una sequenza in stile animato, ma l’idea è stata scartata senza che Cuomo ne fosse a conoscenza.

  1. Beverly Hills 90210

True Blood

(Immagine: Paramount)

Come può il rock californiano suonare così emotivo? Questa è la sigla di Beverly Hills 90210, il cui mix di chitarra aggressiva, sassofoni e tastiere cattura lo spirito adolescenziale del suo ricco codice postale. È stato anche un lavoro frettoloso. La storia racconta che: Quando l’episodio pilota fu presentato ai dirigenti della Fox, la loro più grande lamentela fu la scelta del tema musicale dello show (di un gruppo rock non identificato). Questo ha portato i produttori a telefonare in tarda serata, in preda al panico, al compositore della serie John E. Davis, incaricato di preparare un nuovo tema entro la mattina. In un’intervista del 2019 a Variety, Davis ha dichiarato: “Doveva essere contemporaneo, ma anche avere una parvenza di cuore, quindi ho cercato di usare entrambi gli elementi. Ci sono due sensazioni: prima il lato rock and roll, poi alla fine diventa un po’ più dolce, che era il mio omaggio ai valori familiari dello show”.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Dawson's Creek

Notizie settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Contattarmi con notizie e offerte di altri marchi FutureRicevere e-mail da parte nostra per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i tuoi dati accetti i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e hai almeno 16 anni.

  1. Cowboy Bebop

Firefly

(Immagine: Sunrise)

3, 2, 1… Let’s jam! Grande successo su entrambe le sponde del Pacifico, Cowboy Bebop è stato uno dei tanti anime giapponesi degli anni ’90 a introdurre adeguatamente il pubblico occidentale al medium. Questo noir di fantascienza ultra cool aveva una sigla appropriatamente audace, un brano jazz ad alta energia eseguito dal gruppo jazz rock The Seatbelts (così chiamato perché in realtà indossano le cinture di sicurezza come misura di sicurezza durante le jam session hardcore). La canzone è perfettamente sincronizzata con la sequenza del titolo dello show, ma è anche un brano musicale eccezionale. Questa è per tutti i cowboy spaziali là fuori.

  1. Twin Peaks

Mighty Morphin Power Rangers

(Immagine: CBS Studios)

Lenta, ossessionante e maestosa, la sigla del capolavoro televisivo di David Lynch Twin Peaks, composta da Angelo Badalementi, evoca la bellezza naturale – e gli orrori causati dall’uomo – del Pacifico nord-occidentale. La musica di Badalementi ha una qualità tragica che si presta al mistero principale della serie: *Chi ha ucciso Laura Palmer? * In un’intervista del 2019 con The Believer, Badalementi ha dichiarato: “David sentiva che la musica di Twin Peaks avrebbe dovuto coprire un sacco di terreno, una vasta gamma di stati d’animo: tristezza, passione, estasi, amore, tenerezza e violenza. Voleva che la musica fosse oscura e astratta. Mi chiese una musica che strappasse il cuore alle persone. Avevo in mente le parole di David e i suoi stati d’animo descrittivi”.

  1. Peter Gunn

Grey's Anatomy

(Crediti immagine: Multicom Entertainment Group)

Per l’influente serie poliziesca Peter Gunn della NBC, andata in onda tra il 1958 e il 1961, il compositore Henry Mancini ha creato questo brano incredibilmente cool che, dopo tutti questi anni, trasuda ancora tanto stile. Basta ascoltarlo per far venire voglia di indossare un trench e un borsalino e andare a curiosare in cerca di indizi. Nell’autobiografia di Mancini del 1989, egli disse del suo lavoro: “Il tema di Peter Gunn in realtà deriva più dal rock and roll che dal jazz. Ho usato chitarra e pianoforte all’unisono, suonando quello che in musica si chiama ostinato, che significa ostinato. È stato sostenuto per tutto il brano, dandogli un effetto sinistro, con alcuni suoni di sassofono spaventati e alcuni ottoni urlanti. Il brano è caratterizzato da un unico accordo e da una linea superiore molto semplice”.

  1. Il più grande eroe americano

Full House

(Immagine: Stephen J. Cannell Productions)

Molto prima degli universi cinematografici Marvel e DC, il miglior combattente della TV era un supplente di nome Ralph il cui costume alieno gli conferiva poteri straordinari. La sigla di The Greatest American Hero, frutto della collaborazione tra i musicisti Mike Post, Stephen Geyer e il cantante Joey Scarbury, è stata scritta proprio per la serie cult di azione e commedia. Quando Post ha sentito parlare per la prima volta della serie dal suo produttore, ha pensato che fosse “folle”, o almeno così l’ha descritta in un’intervista del 2005 con la Television Academy. Ma lui e Geyer, un paroliere, furono comunque ispirati a scrivere una canzone divertente che trovasse dei parallelismi tra l’innamoramento e il sentirsi un supereroe.

  1. I Jefferson

Friends

(Immagine: Sony Pictures Entertainment)

Leggi di più  Il nuovo anime di Sword Art Online, Solo Leveling, sembra un John Wick fantasy - ed è assolutamente da vedere.

Se i programmi televisivi sono un regalo, allora una buona sigla è come il fiocco colorato in cima. Che si tratti di jingle realizzati per lo show o di canzoni pop preesistenti di cui i produttori hanno ottenuto i diritti, una buona sigla televisiva fa molto di più che segnare l’inizio di un nuovo episodio. Le migliori espandono il mondo dello show solo un po’ più in là, facendo sentire le storie raccontate e i personaggi che le compongono molto più vivi, e forse anche più vicini a noi. Il più delle volte, i temi televisivi contribuiscono a rendere uno show più iconico nella cultura pop di quanto possa fare un singolo episodio.

Francamente, se siete tra i pochi privilegiati che hanno il controllo di uno show televisivo, la scelta della sigla giusta dovrebbe essere una delle decisioni più importanti da prendere. Sebbene la lunga storia della televisione sia ricca di sigle straordinarie, solo poche meritano di essere riconosciute come “iconiche”. Dai cartoni animati alle fiction di prestigio, ecco le 35 più belle sigle televisive di tutti i tempi.

Cheers

  1. X-Men: la serie animata

(Immagine: Marvel)

Composta da Ron Wasserman mentre era sotto contratto per il produttore Haim Saban, la sigla degli X-Men è un classico del power metal che ha definito per sempre i supereroi mutanti della Marvel. È talmente caratteristico degli X-Men che li ha seguiti fino al Marvel Cinematic Universe. In un’intervista del 2016 con Inverse, Wasserman ha ricordato di aver iterato la canzone fino a quando sia la Marvel che Saban erano soddisfatti. “È stata una barca di lavoro perché c’è stato un sacco di coinvolgimento”, ha detto Wasserman. “Un sacco di “Modifichiamo questo, ingrandiamo questo, rifacciamo questo”. Abbiamo finito per avere 80 o 90 tracce per quella cosa. Continuavano a cercare di tirare fuori sempre più energia. È andato avanti e indietro per settimane”.

Breaking Bad

  1. Miami Vice

(Immagine: Universal Television)

Uno dei pochi brani strumentali ad entrare in classifica nella Billboard Hot 100, il semplice titolo “Miami Vice Theme” di Jan Hammer (ovviamente realizzato per il dramma poliziesco di successo da cui prende il nome) è fondamentale per aver consolidato le sonorità synth-heavy degli anni ’80 e per aver tracciato le basi di quella che sarebbe diventata la musica synthwave e retrowave. Sebbene Hammer abbia realizzato la colonna sonora della serie, il tema esisteva già prima del suo coinvolgimento, in quanto si trattava di uno schizzo in corso d’opera che Hammer aveva provato per il creatore della serie Michael Mann. Ha ricordato Hammer in un’intervista del 2014 a Rolling Stone: “Ho incontrato Michael quando stavano ancora facendo il casting. Stavamo parlando di quale musica avrebbe funzionato per creare qualcosa che all’epoca non era simile a nulla in televisione. Avevo alcuni schizzi che gli ho fatto ascoltare e che si sono rivelati il tema dello show. Ne avevo già registrato la maggior parte”.

Mad Men

  1. The Walking Dead

(Immagine: AMC Studios)

Quando The Walking Dead ha debuttato la notte di Halloween del 2010, lo ha fatto con un tema originale che ci ha spaventati tutti fino alle ossa. Composta da Bear McCreary di Battlestar Galactica, la sua musica ossessionante evoca un’atmosfera inquietante e terribile attraverso archi ripetuti che ingannano l’ascoltatore facendogli credere che la fine sia vicina. Il fatto che la tensione continui a crescere illumina la tesi principale della serie: vivere un incubo senza fine. In un’intervista del 2012 con MTV, McCreary ha dichiarato: “Si ripete in continuazione, e in effetti nell’episodio pilota si inizia a sentirla prima che inizi il titolo principale, e questa è una cosa che continua di episodio in episodio. Si sente la musica del titolo principale prima che inizi il titolo principale, quindi si sa che sta per arrivare. Questo, per me, era il piccolo gancio, quella piccola cosa che, ogni volta che la senti, ti porta alla serie”.

I Simpson

  1. Sex and the City

(Immagine: HBO)

Non è facile per una canzone incarnare la raffinatezza metropolitana. Per questo motivo è doveroso ringraziare il compositore di Sex and the City Douglas Cuomo, che ha fatto proprio questo con il suo tema strumentale per la commedia di successo della HBO con Sarah Jessica Parker. Con la sua atmosfera generale che sembra quella di un cocktail party latino all’interno di una lounge di un hotel dell’era spaziale, il pezzo di Cuomo è allo stesso tempo comico e sexy, che è una descrizione appropriata di Sex and the City stesso. In un’intervista del 2017 con Entertainment Weekly, Cuomo ha rivelato che gli erano stati concessi solo 10 giorni per scrivere e registrare il suo tema. Era stato composto anche per una sequenza in stile animato, ma l’idea è stata scartata senza che Cuomo ne fosse a conoscenza.

I Soprano

  1. Beverly Hills 90210

(Immagine: Paramount)

Come può il rock californiano suonare così emotivo? Questa è la sigla di Beverly Hills 90210, il cui mix di chitarra aggressiva, sassofoni e tastiere cattura lo spirito adolescenziale del suo ricco codice postale. È stato anche un lavoro frettoloso. La storia racconta che: Quando l’episodio pilota fu presentato ai dirigenti della Fox, la loro più grande lamentela fu la scelta del tema musicale dello show (di un gruppo rock non identificato). Questo ha portato i produttori a telefonare in tarda serata, in preda al panico, al compositore della serie John E. Davis, incaricato di preparare un nuovo tema entro la mattina. In un’intervista del 2019 a Variety, Davis ha dichiarato: “Doveva essere contemporaneo, ma anche avere una parvenza di cuore, quindi ho cercato di usare entrambi gli elementi. Ci sono due sensazioni: prima il lato rock and roll, poi alla fine diventa un po’ più dolce, che era il mio omaggio ai valori familiari dello show”.

Successione

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Notizie settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Contattarmi con notizie e offerte di altri marchi FutureRicevere e-mail da parte nostra per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i tuoi dati accetti i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e hai almeno 16 anni.

X-Files

  1. Cowboy Bebop

(Immagine: Sunrise)

3, 2, 1… Let’s jam! Grande successo su entrambe le sponde del Pacifico, Cowboy Bebop è stato uno dei tanti anime giapponesi degli anni ’90 a introdurre adeguatamente il pubblico occidentale al medium. Questo noir di fantascienza ultra cool aveva una sigla appropriatamente audace, un brano jazz ad alta energia eseguito dal gruppo jazz rock The Seatbelts (così chiamato perché in realtà indossano le cinture di sicurezza come misura di sicurezza durante le jam session hardcore). La canzone è perfettamente sincronizzata con la sequenza del titolo dello show, ma è anche un brano musicale eccezionale. Questa è per tutti i cowboy spaziali là fuori.

I Love Lucy

  1. Twin Peaks

(Immagine: CBS Studios)

Lenta, ossessionante e maestosa, la sigla del capolavoro televisivo di David Lynch Twin Peaks, composta da Angelo Badalementi, evoca la bellezza naturale – e gli orrori causati dall’uomo – del Pacifico nord-occidentale. La musica di Badalementi ha una qualità tragica che si presta al mistero principale della serie: *Chi ha ucciso Laura Palmer? * In un’intervista del 2019 con The Believer, Badalementi ha dichiarato: “David sentiva che la musica di Twin Peaks avrebbe dovuto coprire un sacco di terreno, una vasta gamma di stati d’animo: tristezza, passione, estasi, amore, tenerezza e violenza. Voleva che la musica fosse oscura e astratta. Mi chiese una musica che strappasse il cuore alle persone. Avevo in mente le parole di David e i suoi stati d’animo descrittivi”.

Il Trono di Spade

  1. Peter Gunn

(Crediti immagine: Multicom Entertainment Group)

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.