Il Corvo è una tragedia della vita reale che ha radici nel mondo dei fumetti

Il Corvo del 1994 è uno dei film a fumetti più amati degli anni ’90, con una storia tragica legata alla morte della star Brandon Lee durante le riprese del film. Ma la tragedia è insita nel DNA de Il corvo, sia nella sua straziante storia di amore, morte e vendetta, sia nelle origini reali del fumetto su cui il film è basato.

A metà degli anni ’80, il creatore del Corvo James O’Barr subì una terribile tragedia personale quando la sua fidanzata Beverly fu uccisa da un autista ubriaco. Per elaborare il suo dolore, O’Barr si rivolse ai fumetti, creando Il Corvo e il suo antieroe non-morto e gotico Eric Draven.

Ora che la storia di Draven sta per essere raccontata in un nuovo film che adatta il fumetto originale, ripercorriamo la storia a fumetti del Corvo.

Il Corvo #1

(Immagine: Caliber Press)

The Crow è stato pubblicato per la prima volta nel 1989 dalla casa editrice indipendente Caliber Press, con una serie originale di soli quattro numeri, scritta e disegnata da James O’Barr. Il fumetto originale racconta la storia di Eric (che per un po’ di tempo non avrebbe avuto il cognome Draven) e della sua ragazza Shelly, che una notte vengono aggrediti da violenti gangster quando la loro auto si rompe.

Sebbene Shelly muoia sul posto, Eric sopravvive un po’ più a lungo, morendo in ospedale mentre piange la morte di Shelly. In seguito viene resuscitato da un corvo, che diventa la guida – e in alcuni casi il tormentatore – di Eric, che cerca di vendicarsi di coloro che hanno ucciso Shelly. Il Corvo guida Eric attraverso quattro omicidi, ognuno dei quali si svolge in un numero diverso, rispettivamente sottotitolato Dolore, Paura, Ironia e Disperazione.

Sebbene il Corvo dia potere a Eric e lo aiuti a uccidere ciascuno dei quattro assassini di Shelly, lo rimprovera anche perché si ferma a piangere la ragazza invece di continuare a pieno ritmo la sua ricerca di vendetta, vedendo il suo dolore come una distrazione dalla sua vendetta.

La serie originale di The Crow doveva concludersi con un quinto numero intitolato Death, che in realtà non fu stampato fino a qualche anno dopo, quando l’intera serie fu ristampata da Tundra Press, insieme al quinto numero inedito.

Leggi di più  Sono pronto a far sì che Venom torni ad essere un mostro terrificante

Offerte, premi e ultime notizie sui fumetti

Ricevi le migliori notizie sui fumetti, approfondimenti, opinioni, analisi e altro ancora!

Contattami con notizie e offerte di altri marchi FutureRicevi e-mail da noi per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i tuoi dati accetti i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e hai almeno 16 anni.

Il Corvo del 1994 è uno dei film a fumetti più amati degli anni ’90, con una storia tragica legata alla morte della star Brandon Lee durante le riprese del film. Ma la tragedia è insita nel DNA de Il corvo, sia nella sua straziante storia di amore, morte e vendetta, sia nelle origini reali del fumetto su cui il film è basato.

A metà degli anni ’80, il creatore del Corvo James O’Barr subì una terribile tragedia personale quando la sua fidanzata Beverly fu uccisa da un autista ubriaco. Per elaborare il suo dolore, O’Barr si rivolse ai fumetti, creando Il Corvo e il suo antieroe non-morto e gotico Eric Draven.

Ora che la storia di Draven sta per essere raccontata in un nuovo film che adatta il fumetto originale, ripercorriamo la storia a fumetti del Corvo.

(Immagine: Caliber Press)

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.