La nuova serie fantascientifica di Netflix 3 Body Problem ha un quarto problema molto più grande

Questo articolo contiene spoiler per il film di Netflix* 3 Body Problem.*

Il film di Netflix “3 Body Problem” avrebbe avuto sempre dei pro… problemi. Come potrebbe non esserlo? I creatori David Benioff e D. B. Weiss puntano molto su questo seguito di Game of Thrones, e hanno soprattutto molto da dimostrare dopo la disastrosa stagione finale di quella serie. Almeno sono noti per aver adattato il non adattabile, perché è così che molti fan della trilogia originale di Liu Cixin descrivono il materiale di partenza a causa della densità e del peso della scienza di questa saga. Poi c’è la terza questione dell’adattamento rivale cinese – intitolato Three-Body – che è molto più fedele ai libri quando si tratta di temi e preoccupazioni cinesi (o almeno per quanto può esserlo a causa della censura in corso intorno alla Rivoluzione Culturale, che gioca un ruolo importante all’inizio).

Questo ci porta al quarto e più grande problema di 3 Body Problem. Il modo in cui l’adattamento di Netflix apporta modifiche radicali al testo, privilegiando una prospettiva occidentale rispetto alla storia cinese che è al centro di questa epopea. Ora, non c’è nulla di intrinsecamente sbagliato nel rimodellare la materia per adattarla meglio al live-action, soprattutto quando il materiale di partenza è così ingombrante come nel caso di 3 Body Problem, ma spostando l’azione in Inghilterra e riscrivendo praticamente tutti i personaggi principali, qualcosa si perde nella traduzione.

Che abbiate letto il libro o meno, questo nuovo gruppo, che si fa chiamare “I cinque di Oxford”, non è particolarmente ben delineato. Sebbene si possa dire lo stesso di alcuni personaggi dei romanzi di Cixin, il fascino insipido e bidimensionale degli inglesi in questione ci fa chiedere perché ci si sia preoccupati di fare questo cambiamento. Non abbiamo imparato da altre produzioni hollywoodiane come Ghost in the Shell – e Cowboy Bebop di Netflix – che c’è un grande rischio nell’alterare troppo le culture in questo modo?

Grandi cambiamenti

3 Body Problem

(Immagine: Netflix)

Questo articolo contiene spoiler per il film di Netflix* 3 Body Problem.*

Il film di Netflix “3 Body Problem” avrebbe avuto sempre dei pro… problemi. Come potrebbe non esserlo? I creatori David Benioff e D. B. Weiss puntano molto su questo seguito di Game of Thrones, e hanno soprattutto molto da dimostrare dopo la disastrosa stagione finale di quella serie. Almeno sono noti per aver adattato il non adattabile, perché è così che molti fan della trilogia originale di Liu Cixin descrivono il materiale di partenza a causa della densità e del peso della scienza di questa saga. Poi c’è la terza questione dell’adattamento rivale cinese – intitolato Three-Body – che è molto più fedele ai libri quando si tratta di temi e preoccupazioni cinesi (o almeno per quanto può esserlo a causa della censura in corso intorno alla Rivoluzione Culturale, che gioca un ruolo importante all’inizio).

Leggi di più  Emily Rudd parla di One Piece di Netflix: "Sono nata per essere Nami".

Questo ci porta al quarto e più grande problema di 3 Body Problem. Il modo in cui l’adattamento di Netflix apporta modifiche radicali al testo, privilegiando una prospettiva occidentale rispetto alla storia cinese che è al centro di questa epopea. Ora, non c’è nulla di intrinsecamente sbagliato nel rimodellare la materia per adattarla meglio al live-action, soprattutto quando il materiale di partenza è così ingombrante come nel caso di 3 Body Problem, ma spostando l’azione in Inghilterra e riscrivendo praticamente tutti i personaggi principali, qualcosa si perde nella traduzione.

Che abbiate letto il libro o meno, questo nuovo gruppo, che si fa chiamare “I cinque di Oxford”, non è particolarmente ben delineato. Sebbene si possa dire lo stesso di alcuni personaggi dei romanzi di Cixin, il fascino insipido e bidimensionale degli inglesi in questione ci fa chiedere perché ci si sia preoccupati di fare questo cambiamento. Non abbiamo imparato da altre produzioni hollywoodiane come Ghost in the Shell – e Cowboy Bebop di Netflix – che c’è un grande rischio nell’alterare troppo le culture in questo modo?

Grandi cambiamenti

(Immagine: Netflix)

Questa insipidezza potrebbe forse essere perdonata se non fosse per il modo in cui vengono trattati i pochi personaggi asiatici rimasti in questa storia un tempo intrinsecamente cinese. A parte il Da Shi di Benedict Wong, la maggior parte di essi è ancora più sottosviluppata delle loro controparti non asiatiche e il più importante, lo scienziato che ha dato il via all’invasione aliena, è gestito in modo discutibile fino alla fine. Zine Tseng e Rosalind Chao sono entrambi eccellenti, rispettivamente nella versione più giovane e in quella più anziana di Ye Wenjie, facendo molto con il materiale a disposizione, ma ciò che accade al loro personaggio alla fine del settimo episodio è a dir poco deludente.

3 Problema del corpo

Tornata al laboratorio in cui ha avuto il primo contatto con i Trisolaran tanti anni fa, Wenjie ha deciso che è arrivato il momento di buttarsi dal bordo di una scogliera lì vicino e uccidersi, ma poi arriva Tatiana, un’agente delle forze aliene, per darle una morte “migliore e più dolce”. “Hai lavorato così duramente”, dice Tatiana mentre guardano insieme un ultimo tramonto. “Ti meriti un po’ di riposo”. È vero, ma Wenjie merita anche di più.

Leggi di più  La riluttanza di Star Wars a rifare il cast di Luke e Leia sta frenando il franchising

È una bella fine, certo, ma quando si elimina l’unico personaggio di origine cinese di rilievo in una serie in cui gran parte della cultura cinese è già stata eliminata, la perdita si fa sentire ancora di più. Questo, insieme a un doloroso esempio di fridging – quando un personaggio femminile poco sviluppato viene ucciso per motivare un uomo – che si verifica subito dopo un incidente d’auto nell’episodio otto, richiama alla mente alcuni degli stessi problemi che Game of Thrones ha affrontato per il trattamento riservato a personaggi come Missandei.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Approfondimenti settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Contattarmi con notizie e offerte di altri marchi FutureRicevere e-mail da parte nostra per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i tuoi dati accetti i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e hai almeno 16 anni.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.