Il regista di Alien: Romulus, Fede Alvarez, ci mostra il nuovo trailer del suo survival horror “standalone” e spoglio

Dopo un misterioso periodo di gestazione, è apparso online l’atteso teaser trailer di Alien: Romulus, che promette un ritorno alle origini al puro terrore del classico della fantascienza Alien di Ridley Scott del 1979. Tecnicamente un interquel che si colloca tra Alien e Aliens, durante i 57 anni di ipersonno di Ripley, il film è interpretato da un cast di emergenti, tra cui Cailee Spaeny di Priscilla, David Jonsson, Isabela Merced, Archie Renaux, Spike Fearn e Alieen Wu.

Parlando con Total Film qualche giorno prima che il trailer di Alien: Romulus emergesse finalmente dall’ombra, il regista e co-sceneggiatore Fede Alvarez è di buon umore. “Non potrei essere più eccitato”, dice il regista di Evil Dead e Don’t Breathe. “Questa è ufficialmente la prima intervista da quando ho fatto questo film. Non ho ancora detto niente a nessuno…”. Ma come una mascella faringea che perfora il cranio, TF è armato di domande penetranti per assicurarsi che i segreti fuoriescano.

Non avete ancora visto l’allettante e terrificante teaser? Andate a guardarlo, poi tornate per scoprire le scelte di design ispirate alla Nostromo, il modo in cui le basi mitologiche del titolo si collegano al film, l’ampio uso di effetti pratici delle creature, cosa succede dietro la porta del “Romulus Lab” e come i registi hanno dato al nuovo eroe di Cailee Spaney un’entrata degna della Ripley di Sigourney Weaver.

**La prima cosa che colpisce chi guarda il nuovo trailer è il modo in cui il design retro-futuristico della produzione del film ricorda la Nostromo. Spera che Romulus abbia un’atmosfera simile a quella di Alien di Ridley Scott?

Era l’epoca che mi interessava di più quando abbiamo pensato di fare questo film e ci siamo trovati improvvisamente di fronte a tante scelte. Da dove cominciare? È quello che volevo che fosse, quell’epoca della fantascienza e in particolare lo spazio fisico del primo film. Quindi, onestamente, si parte da lì.

E c’erano delle ragioni narrative per farlo. Si svolge 20 anni dopo il primo film. La tecnologia nel mondo di Alien può cambiare enormemente, ma credo che non dipenda dal tempo. Dipende dal luogo. Da dove ci si trova.

Perciò i personaggi di questo film e il mondo sono molto “blue-collar”. La tecnologia è ancora molto low-tech e analogica. E, guardate, io sono un ragazzo degli anni ’80. Qualsiasi monitor con qualche problema di tracciamento delle VHS mi mette molta gioia nel cuore.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Approfondimenti settimanali, storie dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Dopo un misterioso periodo di gestazione, è apparso online l’atteso teaser trailer di Alien: Romulus, che promette un ritorno alle origini al puro terrore del classico della fantascienza Alien di Ridley Scott del 1979. Tecnicamente un interquel che si colloca tra Alien e Aliens, durante i 57 anni di ipersonno di Ripley, il film è interpretato da un cast di emergenti, tra cui Cailee Spaeny di Priscilla, David Jonsson, Isabela Merced, Archie Renaux, Spike Fearn e Alieen Wu.

Parlando con Total Film qualche giorno prima che il trailer di Alien: Romulus emergesse finalmente dall’ombra, il regista e co-sceneggiatore Fede Alvarez è di buon umore. “Non potrei essere più eccitato”, dice il regista di Evil Dead e Don’t Breathe. “Questa è ufficialmente la prima intervista da quando ho fatto questo film. Non ho ancora detto niente a nessuno…”. Ma come una mascella faringea che perfora il cranio, TF è armato di domande penetranti per assicurarsi che i segreti fuoriescano.

Leggi di più  Arian Moayed parla della commedia-drama You Hurt My Feelings e della vita dopo Succession

Non avete ancora visto l’allettante e terrificante teaser? Andate a guardarlo, poi tornate per scoprire le scelte di design ispirate alla Nostromo, il modo in cui le basi mitologiche del titolo si collegano al film, l’ampio uso di effetti pratici delle creature, cosa succede dietro la porta del “Romulus Lab” e come i registi hanno dato al nuovo eroe di Cailee Spaney un’entrata degna della Ripley di Sigourney Weaver.

**La prima cosa che colpisce chi guarda il nuovo trailer è il modo in cui il design retro-futuristico della produzione del film ricorda la Nostromo. Spera che Romulus abbia un’atmosfera simile a quella di Alien di Ridley Scott?

Era l’epoca che mi interessava di più quando abbiamo pensato di fare questo film e ci siamo trovati improvvisamente di fronte a tante scelte. Da dove cominciare? È quello che volevo che fosse, quell’epoca della fantascienza e in particolare lo spazio fisico del primo film. Quindi, onestamente, si parte da lì.

E c’erano delle ragioni narrative per farlo. Si svolge 20 anni dopo il primo film. La tecnologia nel mondo di Alien può cambiare enormemente, ma credo che non dipenda dal tempo. Dipende dal luogo. Da dove ci si trova.

Perciò i personaggi di questo film e il mondo sono molto “blue-collar”. La tecnologia è ancora molto low-tech e analogica. E, guardate, io sono un ragazzo degli anni ’80. Qualsiasi monitor con qualche problema di tracciamento delle VHS mi mette molta gioia nel cuore.

Alien Romulus

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Approfondimenti settimanali, storie dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Contattatemi con notizie e offerte di altri marchi FutureRicevete e-mail da parte nostra per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i vostri dati accettate i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e avete almeno 16 anni.

**Il significato del nome Romolo viene esplorato nel film?

Assolutamente sì. È basato sul mito di Romolo e Remo. Per chi non lo conoscesse, è il mito della creazione di Roma. Romolo ha ucciso Remo. Non è una fratellanza che ha preso la strada giusta. [Alien: Romulus] è un film sulla fratellanza. Molte delle storie dei personaggi sono legate alla fratellanza.

Come forse saprete, la Weyland-Yutani, la grande compagnia dei film di Alien, ha un’ossessione per Roma e per l’iconografia imperialista. Bisogna andare a fondo nel canone, ma molti pianeti e molti nomi derivano dal primo Impero Romano, sia da fiumi che da città.

E c’è una stazione in cui si svolge la maggior parte della storia. Si chiama Stazione Rinascimentale ed è composta da due grandi modelli collegati tra loro. Uno è Remus, l’altro è Romulus. E questo è tutto quello che posso dirvi…

C’è una voce che si sente a metà del trailer che dice “Corri”. È il personaggio di David Jonsson ed è un androide? Mi è sembrato di percepire un’inflessione androide nella sua pronuncia….

Leggi di più  I fan dell'horror potrebbero non volere un remake in lingua inglese di Speak No Evil, ma il trailer lascia intravedere un finale diverso che potrebbe renderlo utile

È corretto. Si tratta di David Jonsson, sì. Se è un androide o meno, dovreste guardare il film. Lo si capisce dal trailer attuale? Non lo so. Ma, sì, è molto deciso e freddo nel suo modo di parlare…

(Immagine: 20th Century Studios)

**Una delle prime inquadrature che vediamo dopo la creazione del Rinascimento è uno sciame di Facehugger che irrompe da una porta. Quanto sta utilizzando la CGI rispetto agli effetti pratici delle creature?

Alien Romulus

Proprio come chiunque altro, sono stato sconvolto dalla cattiva computer grafica nei film che ha rovinato la mia esperienza. Ma non sono contrario. Penso che si debba fare tutto ciò che è meglio per l’inquadratura, e qualsiasi tecnica lo faccia meglio, si dovrebbe fare.

In questo film ci siamo spinti fino alla follia per fare le cose in modo pratico. La Weta Workshop ha realizzato molti Facehugger. E non solo, abbiamo richiamato i ragazzi che hanno lavorato ad Aliens. Shane Mahan, che ha scolpito la testa della regina, è stato incaricato di costruire tutti gli Xenomorfi per il nostro film.

Dopo un misterioso periodo di gestazione, è apparso online l’atteso teaser trailer di Alien: Romulus, che promette un ritorno alle origini al puro terrore del classico della fantascienza Alien di Ridley Scott del 1979. Tecnicamente un interquel che si colloca tra Alien e Aliens, durante i 57 anni di ipersonno di Ripley, il film è interpretato da un cast di emergenti, tra cui Cailee Spaeny di Priscilla, David Jonsson, Isabela Merced, Archie Renaux, Spike Fearn e Alieen Wu.

Parlando con Total Film qualche giorno prima che il trailer di Alien: Romulus emergesse finalmente dall’ombra, il regista e co-sceneggiatore Fede Alvarez è di buon umore. “Non potrei essere più eccitato”, dice il regista di Evil Dead e Don’t Breathe. “Questa è ufficialmente la prima intervista da quando ho fatto questo film. Non ho ancora detto niente a nessuno…”. Ma come una mascella faringea che perfora il cranio, TF è armato di domande penetranti per assicurarsi che i segreti fuoriescano.

Non avete ancora visto l’allettante e terrificante teaser? Andate a guardarlo, poi tornate per scoprire le scelte di design ispirate alla Nostromo, il modo in cui le basi mitologiche del titolo si collegano al film, l’ampio uso di effetti pratici delle creature, cosa succede dietro la porta del “Romulus Lab” e come i registi hanno dato al nuovo eroe di Cailee Spaney un’entrata degna della Ripley di Sigourney Weaver.

**La prima cosa che colpisce chi guarda il nuovo trailer è il modo in cui il design retro-futuristico della produzione del film ricorda la Nostromo. Spera che Romulus abbia un’atmosfera simile a quella di Alien di Ridley Scott?

Era l’epoca che mi interessava di più quando abbiamo pensato di fare questo film e ci siamo trovati improvvisamente di fronte a tante scelte. Da dove cominciare? È quello che volevo che fosse, quell’epoca della fantascienza e in particolare lo spazio fisico del primo film. Quindi, onestamente, si parte da lì.

Leggi di più  Jason Momoa dà la migliore prestazione dell'anno finora in Fast X

E c’erano delle ragioni narrative per farlo. Si svolge 20 anni dopo il primo film. La tecnologia nel mondo di Alien può cambiare enormemente, ma credo che non dipenda dal tempo. Dipende dal luogo. Da dove ci si trova.

Perciò i personaggi di questo film e il mondo sono molto “blue-collar”. La tecnologia è ancora molto low-tech e analogica. E, guardate, io sono un ragazzo degli anni ’80. Qualsiasi monitor con qualche problema di tracciamento delle VHS mi mette molta gioia nel cuore.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Approfondimenti settimanali, storie dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Alien: Romulus

Contattatemi con notizie e offerte di altri marchi FutureRicevete e-mail da parte nostra per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i vostri dati accettate i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e avete almeno 16 anni.

**Il significato del nome Romolo viene esplorato nel film?

Assolutamente sì. È basato sul mito di Romolo e Remo. Per chi non lo conoscesse, è il mito della creazione di Roma. Romolo ha ucciso Remo. Non è una fratellanza che ha preso la strada giusta. [Alien: Romulus] è un film sulla fratellanza. Molte delle storie dei personaggi sono legate alla fratellanza.

Come forse saprete, la Weyland-Yutani, la grande compagnia dei film di Alien, ha un’ossessione per Roma e per l’iconografia imperialista. Bisogna andare a fondo nel canone, ma molti pianeti e molti nomi derivano dal primo Impero Romano, sia da fiumi che da città.

E c’è una stazione in cui si svolge la maggior parte della storia. Si chiama Stazione Rinascimentale ed è composta da due grandi modelli collegati tra loro. Uno è Remus, l’altro è Romulus. E questo è tutto quello che posso dirvi…

C’è una voce che si sente a metà del trailer che dice “Corri”. È il personaggio di David Jonsson ed è un androide? Mi è sembrato di percepire un’inflessione androide nella sua pronuncia….

È corretto. Si tratta di David Jonsson, sì. Se è un androide o meno, dovreste guardare il film. Lo si capisce dal trailer attuale? Non lo so. Ma, sì, è molto deciso e freddo nel suo modo di parlare…

(Immagine: 20th Century Studios)

**Una delle prime inquadrature che vediamo dopo la creazione del Rinascimento è uno sciame di Facehugger che irrompe da una porta. Quanto sta utilizzando la CGI rispetto agli effetti pratici delle creature?

Proprio come chiunque altro, sono stato sconvolto dalla cattiva computer grafica nei film che ha rovinato la mia esperienza. Ma non sono contrario. Penso che si debba fare tutto ciò che è meglio per l’inquadratura, e qualsiasi tecnica lo faccia meglio, si dovrebbe fare.

In questo film ci siamo spinti fino alla follia per fare le cose in modo pratico. La Weta Workshop ha realizzato molti Facehugger. E non solo, abbiamo richiamato i ragazzi che hanno lavorato ad Aliens. Shane Mahan, che ha scolpito la testa della regina, è stato incaricato di costruire tutti gli Xenomorfi per il nostro film.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.