Dopo 77 ore di gioco in Dragon’s Dogma 2, sono passato alla classe che suona meno RPG di sempre ed è stato stranissimo.

Giocate molto ai videogiochi? Siete stanchi di giocare ai videogiochi? Vorreste che i PNG nei vostri videogiochi facessero tutti i combattimenti al posto vostro, in modo da potervi rilassare e guardare dalle linee laterali? E soprattutto, volete ancora prendervi tutto il merito di una battaglia duramente vinta? Accidenti, Dragon’s Dogma 2 ha la classe che fa per voi.

Nel momento in cui ho sbloccato Trickster, la vocazione senza combattimento di DD2, sono stato immediatamente confuso. Presentata come una classe di supporto magica, riservata agli Arisen, che serve a infliggere danni minimi e a “seminare il caos sul campo di battaglia” attraverso un’illusoria malizia, sembrava tutto ciò che non avrei voluto impersonare in questo gioco. Stiamo parlando di un gioco di ruolo ad alto tasso di combattimento, con ogni vocazione che offre uno stile di combattimento dinamico in grado di soddisfare qualsiasi preferenza – compresa, a quanto pare, la preferenza per il lancio di fumo selvaggio sui nemici invece di ucciderli. Ciò che mi ha spinto a cambiare la mia vocazione di Lancia Mistica con quella di Ingannatore non è stato il desiderio profondo e costante di assomigliare a una sacerdotessa high-fantasy molto sexy che agita l’incensiere, ma la pura curiosità. Cosa mi ha portato a salire di livello così velocemente? Beh, è stato un puro caso.

Fumo e specchi

Dragon's Dogma 2 vocazione Trickster

(Crediti immagine: Capcom) Festa più difficile

Un drago in Dragon's Dogma 2.

(Immagine: Capcom)

Ho avuto sfortuna con i compagni IA nei giochi, ma l’approccio di Dragon’s Dogma 2 ai giochi di ruolo basati sui party potrebbe cambiare le cose.

Finora ho cambiato vocazione due volte nel mio primo playthrough di Dragon’s Dogma 2: da Ladro a Lancia Mistica, e poi da Lancia Mistica al misterioso Trickster. Come avrete capito dalle prime due, le mie scelte di vocazione riflettono in genere uno stile di gioco che privilegia gli attacchi rapidi e ravvicinati in mischia rispetto alle capacità a distanza o magiche. I buff di supporto, le guarigioni e i danni a distanza sono lo scopo delle mie Pedine, che mi sostengono sempre mentre scavo nelle pance delle tante, tantissime bestie che hanno bisogno di essere uccise.

Giocate molto ai videogiochi? Siete stanchi di giocare ai videogiochi? Vorreste che i PNG nei vostri videogiochi facessero tutti i combattimenti al posto vostro, in modo da potervi rilassare e guardare dalle linee laterali? E soprattutto, volete ancora prendervi tutto il merito di una battaglia duramente vinta? Accidenti, Dragon’s Dogma 2 ha la classe che fa per voi.

Leggi di più  Lego Fortnite è la mia nuova ossessione, ma non sono convinto che possa eguagliare il senso di meraviglia di Minecraft.

Dragon's Dogma 2 Vocazione del Trickster

Nel momento in cui ho sbloccato Trickster, la vocazione senza combattimento di DD2, sono stato immediatamente confuso. Presentata come una classe di supporto magica, riservata agli Arisen, che serve a infliggere danni minimi e a “seminare il caos sul campo di battaglia” attraverso un’illusoria malizia, sembrava tutto ciò che non avrei voluto impersonare in questo gioco. Stiamo parlando di un gioco di ruolo ad alto tasso di combattimento, con ogni vocazione che offre uno stile di combattimento dinamico in grado di soddisfare qualsiasi preferenza – compresa, a quanto pare, la preferenza per il lancio di fumo selvaggio sui nemici invece di ucciderli. Ciò che mi ha spinto a cambiare la mia vocazione di Lancia Mistica con quella di Ingannatore non è stato il desiderio profondo e costante di assomigliare a una sacerdotessa high-fantasy molto sexy che agita l’incensiere, ma la pura curiosità. Cosa mi ha portato a salire di livello così velocemente? Beh, è stato un puro caso.

Fumo e specchi

(Crediti immagine: Capcom) Festa più difficile

(Immagine: Capcom)

Dragon's Dogma 2 Vocazione del Trickster

Ho avuto sfortuna con i compagni IA nei giochi, ma l’approccio di Dragon’s Dogma 2 ai giochi di ruolo basati sui party potrebbe cambiare le cose.

Finora ho cambiato vocazione due volte nel mio primo playthrough di Dragon’s Dogma 2: da Ladro a Lancia Mistica, e poi da Lancia Mistica al misterioso Trickster. Come avrete capito dalle prime due, le mie scelte di vocazione riflettono in genere uno stile di gioco che privilegia gli attacchi rapidi e ravvicinati in mischia rispetto alle capacità a distanza o magiche. I buff di supporto, le guarigioni e i danni a distanza sono lo scopo delle mie Pedine, che mi sostengono sempre mentre scavo nelle pance delle tante, tantissime bestie che hanno bisogno di essere uccise.

Potete immaginare quanto sia stato difficile padroneggiare Trickster. Immediatamente mi sono sentito quasi nudo dopo aver fatto lo scambio, piangendo la mia lancia da 680 danni, il set di armature completamente potenziato che ora non avrei usato, le pedine davanti a me che senza dubbio avrei dovuto eliminare per la vergogna di vedermi così debole. Con un inutile aggeggio metallico in mano, che emetteva fumo invece del sangue dei miei nemici, temevo di aver commesso uno stupido errore. Mi chiedo ancora perché l’incensiere non possa essere usato anche come un’arma molto ingombrante, ma sapevo che avrei dovuto accontentarmi. Perché? Perché Trickster sembrava un’opzione di classe troppo ridicola e poco da RPG per poterla ignorare, ecco perché.

Leggi di più  Banishers Ghosts of New Eden è un gioco di ruolo d'azione di prossima uscita, guidato da scelte difficili, in stile Life Is Strange.

(Immagine: Capcom)

Per chi non lo sapesse o fosse giustamente diffidente, la via del Trickster si basa sull’inganno e sul sotterfugio. Dopo aver evocato un simulacro piuttosto poco convincente di voi stessi, dovrete gettare fumo in faccia ai nemici per indurli ad attaccare l’esca, mentre il resto delle vostre pedine avrà tutta la gloria. Con statistiche di armatura basse e capacità di attacco ancora più scarse, i Trickster devono stare il più lontano possibile dalle prime linee. Inoltre, possono creare un muro di fumo per accecare i nemici e una stupida piattaforma finta per farli cadere da una grande altezza. Se sulla carta tutto questo sembra divertente e un po’ kitsch, nella pratica è stato tutt’altro. Un approccio tattico significa meno azione da parte mia, e questo può rendere la battaglia estremamente lunga.

Passare dal fondere un orco in meno di un minuto a impiegarne circa tre per finire un branco di hobgoblin è un’esperienza che fa riflettere. Tuttavia, il totale cambiamento tattico dalla mischia ravvicinata alla pura manipolazione del campo di battaglia mi ha insegnato molto quando si tratta di strategie più ampie in Dragon’s Dogma 2.

Umile spaccone

(Immagine: Capcom)

Dragon's Dogma 2 Vocazione del Trickster

Nonostante la freschezza e la sorprendente praticità di questa vocazione, non ho la pazienza di essere un Trickster principale.

Per cominciare, ho dovuto rivedere la mia formazione di pedine. Di solito scelgo di affiancare all’arciere della mia pedina principale un mago e un combattente, un guerriero o un ladro per aiutarmi ad avvicinarmi, ma come Trickster è tutta una questione di distanza. La distanza impedisce alle pedine di essere spazzate via rapidamente, a patto che ci sia abbastanza spazio per lavorare. Ho scambiato il mio guerriero robusto con uno stregone potenziato che ho trovato a Battahl e me ne sono andato per la mia strada.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Articoli settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.