Xbox sta portando il suo hub di risorse per l’inclusività al pubblico: “Possiamo condividere gli insegnamenti in entrambe le direzioni”

Nel corso degli anni, Xbox ha sostenuto la sua filosofia secondo cui il gioco è per tutti. È diventata una parte importante del marchio e dell’approccio dell’editore e della piattaforma, ma in definitiva non avrebbe senso se non si facesse nulla per mettere effettivamente in pratica questa filosofia. Per questo motivo è stato importante che Xbox abbia lanciato nel 2015 l’iniziativa Gaming For Everyone, che ancora oggi si sforza di rendere il gioco più inclusivo in tutto il mondo. Come principio guida, ha già contribuito a influenzare la creazione di vari programmi e prodotti: dal Developer Acceleration Program, che fornisce supporto ai creatori sottorappresentati che mirano a portare i loro giochi sulla piattaforma, agli Xbox Ambassadors guidati dalla comunità e all’accessibile Xbox Adaptive Controller.

Nell’ambito dei suoi continui sforzi per rendere i giochi più inclusivi, il Team Xbox ha anche creato un hub interno noto come “Gaming for Everyone Product Inclusion Framework” che utilizza dal 2019. L’hub raccoglie risorse, supporto e informazioni per aiutare gli sviluppatori a compiere passi concreti per rendere i loro giochi più inclusivi per i giocatori. Sebbene siano stati fatti passi da gigante in Xbox, l’obiettivo di rendere il gioco davvero per tutti trascende una singola piattaforma o azienda, è qualcosa che dovrebbe accadere in tutto il settore, ed è per questo che è importante che un annuncio alla GDC abbia confermato che questo framework è ora disponibile pubblicamente per la prima volta.

“Questo sarà un hub di risorse e ne pubblicheremo continuamente di nuove”, ha dichiarato Katy Jo Wright, responsabile del settore Gioco per tutti e sostenibilità. “Man mano che impariamo di più, ne pubblicheremo altre, cosa che stiamo facendo costantemente sul nostro hub interno. Ora avremo un hub esterno e stiamo anche valutando se sia il caso di usare un canale Discord? È un alias o un altro gruppo? – ma quali sono i modi in cui possiamo avere anche le discussioni in corso, in modo da condividere gli apprendimenti in entrambe le direzioni. Non siamo solo noi a condividere gli apprendimenti e prevediamo – e anche questo è un aspetto entusiasmante – di poter imparare dagli sviluppatori esterni e dalla comunità in generale. E abbiamo visto che non è solo per i giochi AAA o per gli studi di medie dimensioni, lavoriamo con ID@Xbox e con gli studi indie, e abbiamo visto che queste risorse aiutano studi e sviluppatori di tutte le dimensioni”.

Un quadro più ampio

Katy Jo Wright, responsabile del settore Gioco per tutti e Sostenibilità di Xbox

(Immagine: Xbox)

Nel corso degli anni, Xbox ha sostenuto la sua filosofia secondo cui il gioco è per tutti. È diventata una parte importante del marchio e dell’approccio dell’editore e della piattaforma, ma in definitiva non avrebbe senso se non si facesse nulla per mettere effettivamente in pratica questa filosofia. Per questo motivo è stato importante che Xbox abbia lanciato nel 2015 l’iniziativa Gaming For Everyone, che ancora oggi si sforza di rendere il gioco più inclusivo in tutto il mondo. Come principio guida, ha già contribuito a influenzare la creazione di vari programmi e prodotti: dal Developer Acceleration Program, che fornisce supporto ai creatori sottorappresentati che mirano a portare i loro giochi sulla piattaforma, agli Xbox Ambassadors guidati dalla comunità e all’accessibile Xbox Adaptive Controller.

Leggi di più  Il leader di Bloober Team parla del remake di Silent Hill 2 e della "padronanza dell'arte dell'orrore".

Nell’ambito dei suoi continui sforzi per rendere i giochi più inclusivi, il Team Xbox ha anche creato un hub interno noto come “Gaming for Everyone Product Inclusion Framework” che utilizza dal 2019. L’hub raccoglie risorse, supporto e informazioni per aiutare gli sviluppatori a compiere passi concreti per rendere i loro giochi più inclusivi per i giocatori. Sebbene siano stati fatti passi da gigante in Xbox, l’obiettivo di rendere il gioco davvero per tutti trascende una singola piattaforma o azienda, è qualcosa che dovrebbe accadere in tutto il settore, ed è per questo che è importante che un annuncio alla GDC abbia confermato che questo framework è ora disponibile pubblicamente per la prima volta.

“Questo sarà un hub di risorse e ne pubblicheremo continuamente di nuove”, ha dichiarato Katy Jo Wright, responsabile del settore Gioco per tutti e sostenibilità. “Man mano che impariamo di più, ne pubblicheremo altre, cosa che stiamo facendo costantemente sul nostro hub interno. Ora avremo un hub esterno e stiamo anche valutando se sia il caso di usare un canale Discord? È un alias o un altro gruppo? – ma quali sono i modi in cui possiamo avere anche le discussioni in corso, in modo da condividere gli apprendimenti in entrambe le direzioni. Non siamo solo noi a condividere gli apprendimenti e prevediamo – e anche questo è un aspetto entusiasmante – di poter imparare dagli sviluppatori esterni e dalla comunità in generale. E abbiamo visto che non è solo per i giochi AAA o per gli studi di medie dimensioni, lavoriamo con ID@Xbox e con gli studi indie, e abbiamo visto che queste risorse aiutano studi e sviluppatori di tutte le dimensioni”.

Xbox Serie X

Un quadro più ampio

Schermata di Halo Infinite che mostra il combattimento Spartan

(Immagine: Xbox)

Il punto saliente è “condividere gli apprendimenti in entrambe le direzioni”. Quanto più il settore collaborerà, sarà disposto ad avere conversazioni aperte e a condividere risorse e insegnamenti, tanto più i giocatori ne trarranno beneficio. Come spiega Wright, il framework non vuole essere una lista di controllo definitiva per dire agli sviluppatori cosa dovrebbero fare, ma piuttosto una raccolta di risorse che possono offrire supporto e mostrare ai team esempi di passi fattibili da intraprendere per rendere i loro giochi più inclusivi.

L’hub comprende quattro aree chiave: accessibilità, rappresentazione, avvicinabilità e globalizzazione. Xbox le chiama “porte”, che è una metafora del gioco “come una porta verso un altro mondo”, come dice Wright. Questo si applica anche alla natura del framework, che copre queste quattro aree nella speranza di aiutare gli sviluppatori ad aprire intenzionalmente più porte per i giocatori che potrebbero incontrare delle barriere.

Leggi di più  La PS5 Slim mette Xbox in un'ottima posizione per il resto di questa generazione di console

“Uno dei nostri principi fondamentali è che se non si include intenzionalmente, si esclude involontariamente. E non c’è alcun giudizio in questa affermazione”, dice Wright. “E quindi questo [il quadro di riferimento] è davvero un modo per essere deliberati e portare quel livello di intenzionalità, ma non è assolutamente una lista di controllo o un modo per dirvi cosa fare, perché ogni esperienza di gioco è diversa”.

(Crediti immagine: Microsoft)Halo

(Immagine: Xbox Game Studios)

La Xbox sta espandendo la sua strategia multipiattaforma e dovrebbe essere arrivata abbastanza presto per salvare Halo Infinite.

Per far sì che il gioco sia davvero per tutti, è importante che i principali editori e nomi del settore videoludico – non ultimo Xbox – siano aperti e disposti a collaborare con altri, ad ascoltare e a imparare dalla comunità più ampia. In parte è questo il motivo per cui il Team Xbox ha voluto condividere il framework. Dopo averlo utilizzato internamente, Wright e il team hanno riconosciuto la necessità di verificare se le risorse funzionano come previsto, e hanno visto anche l’opportunità di “imparare insieme” a un maggior numero di sviluppatori rendendo il framework pubblicamente disponibile.

Forza Horizon 5 sfida fotografica della serie 3 "Herding Cats" (Gatti che pascolano)

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Notizie settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Contattarmi con notizie e offerte di altri marchi FutureRicevere e-mail da parte nostra per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i tuoi dati accetti i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e hai almeno 16 anni.

Nel corso degli anni, Xbox ha sostenuto la sua filosofia secondo cui il gioco è per tutti. È diventata una parte importante del marchio e dell’approccio dell’editore e della piattaforma, ma in definitiva non avrebbe senso se non si facesse nulla per mettere effettivamente in pratica questa filosofia. Per questo motivo è stato importante che Xbox abbia lanciato nel 2015 l’iniziativa Gaming For Everyone, che ancora oggi si sforza di rendere il gioco più inclusivo in tutto il mondo. Come principio guida, ha già contribuito a influenzare la creazione di vari programmi e prodotti: dal Developer Acceleration Program, che fornisce supporto ai creatori sottorappresentati che mirano a portare i loro giochi sulla piattaforma, agli Xbox Ambassadors guidati dalla comunità e all’accessibile Xbox Adaptive Controller.

Gears 5

Nell’ambito dei suoi continui sforzi per rendere i giochi più inclusivi, il Team Xbox ha anche creato un hub interno noto come “Gaming for Everyone Product Inclusion Framework” che utilizza dal 2019. L’hub raccoglie risorse, supporto e informazioni per aiutare gli sviluppatori a compiere passi concreti per rendere i loro giochi più inclusivi per i giocatori. Sebbene siano stati fatti passi da gigante in Xbox, l’obiettivo di rendere il gioco davvero per tutti trascende una singola piattaforma o azienda, è qualcosa che dovrebbe accadere in tutto il settore, ed è per questo che è importante che un annuncio alla GDC abbia confermato che questo framework è ora disponibile pubblicamente per la prima volta.

“Questo sarà un hub di risorse e ne pubblicheremo continuamente di nuove”, ha dichiarato Katy Jo Wright, responsabile del settore Gioco per tutti e sostenibilità. “Man mano che impariamo di più, ne pubblicheremo altre, cosa che stiamo facendo costantemente sul nostro hub interno. Ora avremo un hub esterno e stiamo anche valutando se sia il caso di usare un canale Discord? È un alias o un altro gruppo? – ma quali sono i modi in cui possiamo avere anche le discussioni in corso, in modo da condividere gli apprendimenti in entrambe le direzioni. Non siamo solo noi a condividere gli apprendimenti e prevediamo – e anche questo è un aspetto entusiasmante – di poter imparare dagli sviluppatori esterni e dalla comunità in generale. E abbiamo visto che non è solo per i giochi AAA o per gli studi di medie dimensioni, lavoriamo con ID@Xbox e con gli studi indie, e abbiamo visto che queste risorse aiutano studi e sviluppatori di tutte le dimensioni”.

Un quadro più ampio

(Immagine: Xbox)

Leggi di più  Silent Hill Ascension è la storia delle origini dell'orrore che abbiamo sempre desiderato e le sue votazioni pubbliche in stile Telltale promettono il caos.

Il punto saliente è “condividere gli apprendimenti in entrambe le direzioni”. Quanto più il settore collaborerà, sarà disposto ad avere conversazioni aperte e a condividere risorse e insegnamenti, tanto più i giocatori ne trarranno beneficio. Come spiega Wright, il framework non vuole essere una lista di controllo definitiva per dire agli sviluppatori cosa dovrebbero fare, ma piuttosto una raccolta di risorse che possono offrire supporto e mostrare ai team esempi di passi fattibili da intraprendere per rendere i loro giochi più inclusivi.

L’hub comprende quattro aree chiave: accessibilità, rappresentazione, avvicinabilità e globalizzazione. Xbox le chiama “porte”, che è una metafora del gioco “come una porta verso un altro mondo”, come dice Wright. Questo si applica anche alla natura del framework, che copre queste quattro aree nella speranza di aiutare gli sviluppatori ad aprire intenzionalmente più porte per i giocatori che potrebbero incontrare delle barriere.

“Uno dei nostri principi fondamentali è che se non si include intenzionalmente, si esclude involontariamente. E non c’è alcun giudizio in questa affermazione”, dice Wright. “E quindi questo [il quadro di riferimento] è davvero un modo per essere deliberati e portare quel livello di intenzionalità, ma non è assolutamente una lista di controllo o un modo per dirvi cosa fare, perché ogni esperienza di gioco è diversa”.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.