Jake Gyllenhaal e il cast di Road House parlano di combattimenti incredibili e della rivisitazione di un film classico di culto

Il nome è Dalton…” Niente incarnava la freddezza di Patrick Swayze sullo schermo come Road House del 1989, un film d’azione molto simile al suo decennio. Incastrato tra Dirty Dancing e Ghost nel curriculum di Swayze, il film gli affidava il ruolo del “cooler” (leggi buttafuori) Dalton, chiamato a ripulire un bar del Missouri. Swayze, spesso protagonista di film romantici, era convincente nei panni di un portiere onesto ma doppiogiochista, in grado di portare fuori la spazzatura ricordandosi di “essere gentile”. Nonostante alcuni eccessi degli anni ’80, Road House era un tipo diverso di film d’azione e un tipo diverso di eroe rispetto a quelli che il pubblico di quell’epoca vedeva in Schwarzenegger e Stallone.

ABBONATI A TOTAL FILM

Questo articolo è apparso per la prima volta nel numero di Total Film dedicato a Road House. Abbonati qui.

Un western poco velato – molti nomi di personaggi fanno riferimento ai cowboy classici – Road House è fondamentalmente la semplice storia di un nuovo sceriffo della città che entra nel saloon locale e si oppone ai bulli locali che governano la città con la paura e la forza. E come tale, è una rara gemma amata che chiede a gran voce di essere rifatta.

È una storia che potrebbe essere trapiantata ovunque. È anche un film che continua a fare la differenza, nonostante non sia stato il più grande successo al botteghino dell’epoca (si stima che abbia incassato 61 milioni di dollari). Jake Gyllenhaal, per esempio, ricorda di aver attirato la sua attenzione. Quando ero bambino, ricordo di aver visto la locandina di Road House e di averla trovata così intrigante come idea originale”, dice Gyllenhaal, in zoom da una pausa a Parigi, disinvolto in una maglietta nera.

E a un certo punto, forse in televisione, ricordo di averne visto degli spezzoni e di aver suscitato interesse. Aveva davvero una strana, intensa risonanza. E avevo un’età in cui non sapevo esattamente cosa stessi guardando”. Gyllenhaal aveva già avuto a che fare con Swayze, avendo lavorato con lui in Donnie Darko (il film di successo di Gyllenhaal è stato una sorta di standout di fine carriera per Swayze). Ho cercato di fare un po’ di scena, ma ho cercato di non dare nell’occhio”, ricorda Gyllenhaal a proposito del lavoro con il Dalton originale. Non gli ho mai parlato di [Road House]”. Nel corso degli anni sono stati proposti dei remake, ma non si sono mai concretizzati.

Il nome è Dalton…” Niente incarnava la freddezza di Patrick Swayze sullo schermo come Road House del 1989, un film d’azione molto simile al suo decennio. Incastrato tra Dirty Dancing e Ghost nel curriculum di Swayze, il film gli affidava il ruolo del “cooler” (leggi buttafuori) Dalton, chiamato a ripulire un bar del Missouri. Swayze, spesso protagonista di film romantici, era convincente nei panni di un portiere onesto ma doppiogiochista, in grado di portare fuori la spazzatura ricordandosi di “essere gentile”. Nonostante alcuni eccessi degli anni ’80, Road House era un tipo diverso di film d’azione e un tipo diverso di eroe rispetto a quelli che il pubblico di quell’epoca vedeva in Schwarzenegger e Stallone.

ABBONATI A TOTAL FILM

Road House

Questo articolo è apparso per la prima volta nel numero di Total Film dedicato a Road House. Abbonati qui.

Un western poco velato – molti nomi di personaggi fanno riferimento ai cowboy classici – Road House è fondamentalmente la semplice storia di un nuovo sceriffo della città che entra nel saloon locale e si oppone ai bulli locali che governano la città con la paura e la forza. E come tale, è una rara gemma amata che chiede a gran voce di essere rifatta.

È una storia che potrebbe essere trapiantata ovunque. È anche un film che continua a fare la differenza, nonostante non sia stato il più grande successo al botteghino dell’epoca (si stima che abbia incassato 61 milioni di dollari). Jake Gyllenhaal, per esempio, ricorda di aver attirato la sua attenzione. Quando ero bambino, ricordo di aver visto la locandina di Road House e di averla trovata così intrigante come idea originale”, dice Gyllenhaal, in zoom da una pausa a Parigi, disinvolto in una maglietta nera.

E a un certo punto, forse in televisione, ricordo di averne visto degli spezzoni e di aver suscitato interesse. Aveva davvero una strana, intensa risonanza. E avevo un’età in cui non sapevo esattamente cosa stessi guardando”. Gyllenhaal aveva già avuto a che fare con Swayze, avendo lavorato con lui in Donnie Darko (il film di successo di Gyllenhaal è stato una sorta di standout di fine carriera per Swayze). Ho cercato di fare un po’ di scena, ma ho cercato di non dare nell’occhio”, ricorda Gyllenhaal a proposito del lavoro con il Dalton originale. Non gli ho mai parlato di [Road House]”. Nel corso degli anni sono stati proposti dei remake, ma non si sono mai concretizzati.

Gyllenhaal e il regista Doug Liman (The Bourne Identity, Mr. and Mrs. Smith, Edge of Tomorrow) hanno cercato di collaborare a un film per due decenni, senza mai trovare il progetto giusto. Una sera, i due stavano cenando e discutendo di un altro progetto interessante che non aveva funzionato. E poi lui ha detto: “Beh, c’è questa bozza di Road House che ho appena letto””, racconta Gyllenhaal. Era alla fine della cena. E io ho detto: “Ci sto””. Ride. È stato letteralmente così. Non so cosa mi sia preso. Sembrava così divertente l’idea di reimmaginare questo film. Mi ha detto: “Ho delle idee su come vorrei fare la mia versione di questo film”. Ho pensato: “Assolutamente. È un’idea pazzesca. Facciamola”.

Leggi di più  Non avrei mai pensato che sarebbe stato Batman a cambiare completamente la mia vita.

Rissa o niente

(Immagine: Amazon Prime Video)

E cosa c’era nella visione di Liman per la sua versione che lo ha fatto saltare a bordo così rapidamente? ‘Doug fa sempre azione in modo diverso, ed è venuto da me dicendo: “Voglio fare i combattimenti in un modo che non è mai stato fatto prima”. È diventato praticamente ossessionato da come atterrano i pugni e i calci. Non voleva che venissero eseguiti nel modo in cui sono stati eseguiti in passato per il pubblico con quel tipo di combattimenti”. Più avanti si parlerà di questi scontri.

Liman non è disponibile per un’intervista – e anche su questo ci sarà da discutere più avanti – ma un’altra cosa che risalta di questa rivisitazione (basata su una sceneggiatura di Anthony Bagarozzi e Charles Mondry) è che, a differenza di molti remake alimentati dalla nostalgia, Road House riprende il formato di base dell’originale, ma mantiene al minimo i riferimenti e i richiami. È una rivisitazione, giusto?”, riflette Gyllenhaal. Doug e io abbiamo parlato molto dei vecchi western e dell’utilizzo di quella struttura, che viene citata nel film. Abbiamo un grande rispetto per l’originale. E poi abbiamo cercato di creare il nostro mondo”.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Approfondimenti settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Road House

Ricevere e-mail da parte nostra per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i tuoi dati accetti i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e hai almeno 16 anni.

Il nome è Dalton…” Niente incarnava la freddezza di Patrick Swayze sullo schermo come Road House del 1989, un film d’azione molto simile al suo decennio. Incastrato tra Dirty Dancing e Ghost nel curriculum di Swayze, il film gli affidava il ruolo del “cooler” (leggi buttafuori) Dalton, chiamato a ripulire un bar del Missouri. Swayze, spesso protagonista di film romantici, era convincente nei panni di un portiere onesto ma doppiogiochista, in grado di portare fuori la spazzatura ricordandosi di “essere gentile”. Nonostante alcuni eccessi degli anni ’80, Road House era un tipo diverso di film d’azione e un tipo diverso di eroe rispetto a quelli che il pubblico di quell’epoca vedeva in Schwarzenegger e Stallone.

ABBONATI A TOTAL FILM

Questo articolo è apparso per la prima volta nel numero di Total Film dedicato a Road House. Abbonati qui.

Un western poco velato – molti nomi di personaggi fanno riferimento ai cowboy classici – Road House è fondamentalmente la semplice storia di un nuovo sceriffo della città che entra nel saloon locale e si oppone ai bulli locali che governano la città con la paura e la forza. E come tale, è una rara gemma amata che chiede a gran voce di essere rifatta.

È una storia che potrebbe essere trapiantata ovunque. È anche un film che continua a fare la differenza, nonostante non sia stato il più grande successo al botteghino dell’epoca (si stima che abbia incassato 61 milioni di dollari). Jake Gyllenhaal, per esempio, ricorda di aver attirato la sua attenzione. Quando ero bambino, ricordo di aver visto la locandina di Road House e di averla trovata così intrigante come idea originale”, dice Gyllenhaal, in zoom da una pausa a Parigi, disinvolto in una maglietta nera.

Leggi di più  Il passo di Haunting In Venice verso il soprannaturale è la mossa giusta per la serie Poirot.

E a un certo punto, forse in televisione, ricordo di averne visto degli spezzoni e di aver suscitato interesse. Aveva davvero una strana, intensa risonanza. E avevo un’età in cui non sapevo esattamente cosa stessi guardando”. Gyllenhaal aveva già avuto a che fare con Swayze, avendo lavorato con lui in Donnie Darko (il film di successo di Gyllenhaal è stato una sorta di standout di fine carriera per Swayze). Ho cercato di fare un po’ di scena, ma ho cercato di non dare nell’occhio”, ricorda Gyllenhaal a proposito del lavoro con il Dalton originale. Non gli ho mai parlato di [Road House]”. Nel corso degli anni sono stati proposti dei remake, ma non si sono mai concretizzati.

Gyllenhaal e il regista Doug Liman (The Bourne Identity, Mr. and Mrs. Smith, Edge of Tomorrow) hanno cercato di collaborare a un film per due decenni, senza mai trovare il progetto giusto. Una sera, i due stavano cenando e discutendo di un altro progetto interessante che non aveva funzionato. E poi lui ha detto: “Beh, c’è questa bozza di Road House che ho appena letto””, racconta Gyllenhaal. Era alla fine della cena. E io ho detto: “Ci sto””. Ride. È stato letteralmente così. Non so cosa mi sia preso. Sembrava così divertente l’idea di reimmaginare questo film. Mi ha detto: “Ho delle idee su come vorrei fare la mia versione di questo film”. Ho pensato: “Assolutamente. È un’idea pazzesca. Facciamola”.

Rissa o niente

Road House 2024

(Immagine: Amazon Prime Video)

E cosa c’era nella visione di Liman per la sua versione che lo ha fatto saltare a bordo così rapidamente? ‘Doug fa sempre azione in modo diverso, ed è venuto da me dicendo: “Voglio fare i combattimenti in un modo che non è mai stato fatto prima”. È diventato praticamente ossessionato da come atterrano i pugni e i calci. Non voleva che venissero eseguiti nel modo in cui sono stati eseguiti in passato per il pubblico con quel tipo di combattimenti”. Più avanti si parlerà di questi scontri.

Liman non è disponibile per un’intervista – e anche su questo ci sarà da discutere più avanti – ma un’altra cosa che risalta di questa rivisitazione (basata su una sceneggiatura di Anthony Bagarozzi e Charles Mondry) è che, a differenza di molti remake alimentati dalla nostalgia, Road House riprende il formato di base dell’originale, ma mantiene al minimo i riferimenti e i richiami. È una rivisitazione, giusto?”, riflette Gyllenhaal. Doug e io abbiamo parlato molto dei vecchi western e dell’utilizzo di quella struttura, che viene citata nel film. Abbiamo un grande rispetto per l’originale. E poi abbiamo cercato di creare il nostro mondo”.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Approfondimenti settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Ricevere e-mail da parte nostra per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i tuoi dati accetti i Termini e condizioni e l’Informativa sulla privacy e hai almeno 16 anni.

In questa nuova versione, l’Elwood Dalton di Gyllenhaal – conosciuto principalmente con il suo cognome, come John(?!) Dalton nel 1989 – è un pugile UFC caduto in disgrazia con una storia travagliata alle spalle. In un momento di crisi, la proprietaria Frankie (Jessica Williams) gli offre di lavorare come buttafuori in un locale delle Florida Keys (chiamato The Road House). Per lei significa molto proteggere il Road House”, dice la Williams (Shrinking, Booksmart). Ha un’eredità da mantenere. Penso anche che abbia senso dell’umorismo. Ma ha anche qualche segreto. Quindi si tiene davvero strette le cose”.

Lukas Gage di Euphoria è uno dei buttafuori rinvigoriti dall’arrivo di Dalton. Sebbene non sia cresciuto con il film dell’89 (“I miei fratelli mi prendevano in giro perché non conoscevo l’originale”), ha una certa esperienza di questo mondo. Ho fatto il barista e lavorato nei ristoranti fino ai miei vent’anni, quindi credo di aver avuto la mia parte di persone ubriache e bellicose che cercavano di picchiarti al lavoro”, ride. È stato piuttosto facile attingervi. Ho lavorato in alcuni posti piuttosto equivoci”.

Un altro personaggio familiare è il medico con cui Dalton ha una relazione sentimentale. Qui il personaggio è Ellie (Daniela Melchior di Suicide Squad). Ellie non ha la stessa funzione di Elizabeth [Kelly Lynch] nel film originale”, spiega Melchior a TF. Non dirò che è migliore o più interessante. È una versione diversa, anche perché si svolge oggi, o comunque più tardi rispetto al periodo in cui si svolge l’originale. Quindi, ovviamente, le donne hanno un atteggiamento diverso nei confronti dei nostri flirt e di tutto il resto”.

Leggi di più  Gal Gadot e Alia Bhatt sul cuore emotivo del nuovo film di spionaggio di Netflix Heart of Stone

Il Frankie’s Road House ha un grande potenziale, vista la location (il film è stato girato nella Repubblica Dominicana), ma lo squallido uomo d’affari locale Ben Brandt (Billy Magnussen) ha delle mire su di esso per motivi personali. È l’equivalente del personaggio di Ben Gazzara dell’originale, ma “qualcosa di totalmente nuovo” secondo Magnussen, che riassume il suo personaggio in modo semplice. Ben Brandt è il cattivo”, dice. Il mio compito è quello di far fare bella figura all’eroe”. E non si fermerà davanti a nulla per costringere Frankie a vendere. Quando Brandt si rende conto che Dalton non si lascerà convincere così facilmente, si fa ricorso ai muscoli, ed è qui che entra in scena la superstar delle MMA ed ex campione UFC Conor McGregor.

Road House

L’opportunità Knox

(Immagine: Amazon Prime Video)

Il nome è Dalton…” Niente incarnava la freddezza di Patrick Swayze sullo schermo come Road House del 1989, un film d’azione molto simile al suo decennio. Incastrato tra Dirty Dancing e Ghost nel curriculum di Swayze, il film gli affidava il ruolo del “cooler” (leggi buttafuori) Dalton, chiamato a ripulire un bar del Missouri. Swayze, spesso protagonista di film romantici, era convincente nei panni di un portiere onesto ma doppiogiochista, in grado di portare fuori la spazzatura ricordandosi di “essere gentile”. Nonostante alcuni eccessi degli anni ’80, Road House era un tipo diverso di film d’azione e un tipo diverso di eroe rispetto a quelli che il pubblico di quell’epoca vedeva in Schwarzenegger e Stallone.

ABBONATI A TOTAL FILM

Questo articolo è apparso per la prima volta nel numero di Total Film dedicato a Road House. Abbonati qui.

Un western poco velato – molti nomi di personaggi fanno riferimento ai cowboy classici – Road House è fondamentalmente la semplice storia di un nuovo sceriffo della città che entra nel saloon locale e si oppone ai bulli locali che governano la città con la paura e la forza. E come tale, è una rara gemma amata che chiede a gran voce di essere rifatta.

È una storia che potrebbe essere trapiantata ovunque. È anche un film che continua a fare la differenza, nonostante non sia stato il più grande successo al botteghino dell’epoca (si stima che abbia incassato 61 milioni di dollari). Jake Gyllenhaal, per esempio, ricorda di aver attirato la sua attenzione. Quando ero bambino, ricordo di aver visto la locandina di Road House e di averla trovata così intrigante come idea originale”, dice Gyllenhaal, in zoom da una pausa a Parigi, disinvolto in una maglietta nera.

E a un certo punto, forse in televisione, ricordo di averne visto degli spezzoni e di aver suscitato interesse. Aveva davvero una strana, intensa risonanza. E avevo un’età in cui non sapevo esattamente cosa stessi guardando”. Gyllenhaal aveva già avuto a che fare con Swayze, avendo lavorato con lui in Donnie Darko (il film di successo di Gyllenhaal è stato una sorta di standout di fine carriera per Swayze). Ho cercato di fare un po’ di scena, ma ho cercato di non dare nell’occhio”, ricorda Gyllenhaal a proposito del lavoro con il Dalton originale. Non gli ho mai parlato di [Road House]”. Nel corso degli anni sono stati proposti dei remake, ma non si sono mai concretizzati.

Gyllenhaal e il regista Doug Liman (The Bourne Identity, Mr. and Mrs. Smith, Edge of Tomorrow) hanno cercato di collaborare a un film per due decenni, senza mai trovare il progetto giusto. Una sera, i due stavano cenando e discutendo di un altro progetto interessante che non aveva funzionato. E poi lui ha detto: “Beh, c’è questa bozza di Road House che ho appena letto””, racconta Gyllenhaal. Era alla fine della cena. E io ho detto: “Ci sto””. Ride. È stato letteralmente così. Non so cosa mi sia preso. Sembrava così divertente l’idea di reimmaginare questo film. Mi ha detto: “Ho delle idee su come vorrei fare la mia versione di questo film”. Ho pensato: “Assolutamente. È un’idea pazzesca. Facciamola”.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.