350 ore e 5 playthrough dopo, Baldur’s Gate 3 è ancora musica per la mia ADHD.

Guardare Nightsong prendere il volo mi dà ancora i brividi. Sono già stato qui, a guardare l’aasimar dorato di Baldur’s Gate 3 mentre si libra nei cieli delle terre maledette dall’ombra, e conosco tutto ciò che viene dopo in termini di storia. Ho visto un bel po’ della Costa della Spada durante le mie 350 ore di gioco, ma mentre mi riscaldo per il mio quinto gioco, sono più che mai entusiasta di giocare a Baldur’s Gate 3.

Il dialogo specifico della classe o della razza modella il modo in cui il mondo risponde a me. Devo ancora sperimentare tutto il materiale delle missioni secondarie, e non mi faccia nemmeno parlare della miriade di percorsi sentimentali di BG3. Trovo difficile sedermi e concentrarmi sulla maggior parte delle cose, a meno che non abbia un interesse attivo in quello che sto facendo, ma la mia terribile capacità di attenzione sembra che finalmente si stia riposando. La sensazione di non aver mai visto tutto ciò che offre Baldur’s Gate 3 è sufficiente per farmi tornare a giocarci, e sta mantenendo la mia vorace ADHD estremamente ben nutrita.

Nella zona

Studi Larian

(Crediti immagine: Larian Studios)Caduta della casa della speranza

Baldur's Gate 3 offerte Raphael

(Crediti immagine: Larian Studios)

Sto ancora pensando alla migliore battaglia contro i boss di Baldur’s Gate 3.

Non sono l’unico a cui l’avventura in BG3 non si è fermata al momento dei titoli di coda. Il vasto RPG di Larian sembra aver normalizzato i playthrough multipli come nessun altro (a parte forse Skyrim), ma ho sempre amato rigiocare certi giochi per il semplice fatto di diventarne ossessionata.

Resident Evil Village è l’ultimo gioco che ho rigiocato fino alla morte. C’è qualcosa nella familiarità dei suoi personaggi, sistemi e ambientazioni che mi tranquillizza, con l’aggiunta dell’impulso delle sfide speedrun o dei vincoli specifici per le armi, che mi fanno sentire realizzata. I giochi d’azione sono di solito quelli a cui torno di più, essendo incline a un tocco di stanchezza da RPG e preferendo corse più brevi a campagne lunghe mesi, ma il modo caotico in cui sto giocando a Baldur’s Gate 3 significa che in qualche modo sto ottenendo entrambe le cose.

Di solito, una volta che ho estratto fino all’ultima goccia di dopamina da un gioco, me ne dimentico. Non ho toccato Village da quando è uscito il DLC l’anno scorso, nonostante l’abbia giocato 12 volte di fila nel corso di un mese nel 2021. Queste sono le richieste della mia inquieta corteccia prefrontale: voglio parti uguali di familiarità, comfort e qualcosa di totalmente diverso. Altrimenti, mi consideri annoiato a morte.

Leggi di più  Anteprima legacy di Hogwarts: questo potrebbe essere il gioco di ruolo magico che stavamo aspettando

Ed è qui che Baldur’s Gate 3 si rivela un successo. È difficile individuare un motivo preciso, ma sono felice di dargli una possibilità. Sono passati più di tre mesi dall’uscita e non mi sono ancora stancato del meglio di Larian. I compagni si sentono come vecchi amici, che posso rivedere ogni volta che voglio e con i quali posso interagire in modi nuovi, ma familiari. Ho memorizzato le battute di alcuni personaggi – Raphael, ti sto guardando – al punto che è come rivedere un film preferito e mimare parola per parola.

Baldur's Gate 3

(Immagine di credito: Larian Studios)

Vivere la storia di ogni compagno di BG3 attraverso nuovi occhi può ancora portare nuove rivelazioni. Uscire con Shadowheart come sua nemesi perfetta ha rivelato un punto della trama di fine gioco molto prima del previsto, mentre uscire con il ragazzo più simpatico del campo come il mio personaggio di BG3 Dark Urge ha svelato anche alcuni lati oscuri della sua personalità. Questi personaggi hanno una vita inconfondibile e il fatto che io stia ancora imparando a conoscerli, nonostante abbia lavorato su di loro per 350 ore, è una delle cose che mi spinge a tornare a Baldur’s Gate 3.

Riesplorare mappe che conosco come le mie tasche offre un profondo senso di soddisfazione, ma è ancora meglio quando mi imbatto in qualcosa di completamente nuovo. Molti lo trovano troppo crudele da giustificare, ma reclutare Minthara in Baldur’s Gate 3 è stato un modo brillante per cambiare il secondo atto del gioco. La sezione di evasione di Minthara in Moonrise Towers è simile a quella dei tieflings, se non li avessi massacrati tutti per avere Minthara dalla mia parte, ma il fatto di esplorare le profondità del compagno meno popolare del gioco mi ha fatto innamorare di più.

Laddove altri interessi di moda si sono affievoliti, Baldur’s Gate 3 è rimasto in piedi.

Sebbene il reclutamento di Minthy sia stato un lavoro sanguinoso che ha ucciso molti operatori di missioni, la mancanza di contenuti secondari dell’Atto 2 mi ha dato molto tempo per esplorare le sue oscure profondità. È qui che mi sono imbattuto nel misterioso Colui che Era, oltre che in un altare sotterraneo segreto di Shar nascosto nel centro maledetto della città. Si tratta di una piccola deviazione, ma che mi è sembrata quasi magica perché mi ci è voluto tanto tempo per sapere che esisteva.

Leggi di più  Hideo Kojima condivide le foto dall'esperimento di 2 "esperimento" promettenti "non utilizzate nel gioco precedente"

In breve, Baldur’s Gate 3 ha finalmente messo a tacere la mia ADHD. Questa condizione è stata a lungo la più grande spina nel fianco, sia facendo sì che il mio cervello alzasse un muro di cemento e un enfatico “no” di fronte a compiti sfavorevoli, sia aggrappandosi alla più vicina fonte di stimolazione come una sorta di pipistrello vampiro che brama la distrazione. Trovare qualcosa, per non parlare di un enorme gioco di ruolo, che mi porti gioia, interesse e impegno sostenuti è una preziosa rarità per me. Laddove altri interessi di moda sono svaniti, Baldur’s Gate 3 ha resistito e sembra che continuerà a farlo. Almeno, naturalmente, fino a quando Hades 2 e le sue dinamiche roguelike incisive non inizieranno a flirtare con me.

La caccia agli obiettivi è una colonna portante dei miei replay di BG3, e il suo trofeo più impegnativo è anche il più moralmente gratificante.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.