La mia ultima ossessione Game Pass è un gioco d’azione con pugni di vampiri che potrebbe essere la stravagante linea temporale alternativa di Red Dead Redemption 2

Ci sono pochi momenti in Evil West così soddisfacenti come il tonfo umido e carnoso di un uppercut contro un vampiro per la prima volta. Non fraintendetemi, amo i colpi alla testa ben piazzati quanto il prossimo fan degli sparatutto in terza persona, ma c’è qualcosa di così deliziosamente e comicamente viscerale nell’introdurre il guanto di Jesse nella mascella di un Sanguisuge Vessel e vederlo barcollare all’indietro confuso.

Ho messo gli occhi su Evil West da quando è stato lanciato nel 2022. Come molti di noi con arretrati mostruosi, però, non sono mai arrivato a cliccare su “aggiungi al carrello”. Ecco perché mi sono emozionato quando il mese scorso lo sparatutto vampiresco è stato aggiunto all’elenco di Xbox Game Pass. Sono un po’ appassionato di cowboy, avendo giocato di recente anche a Red Dead Redemption 2 per la prima volta, ma questo selvaggio West pullula di succhiasangue molto più numerosi di quello di Arthur. Reduce da un’esperienza così intensa, sono grato a Evil West per molti motivi.

Il paese dei pipistrelli vampiri

Schermata di Evil West

(Crediti immagine: Focus Entertainment)Tutto cappello, tutta battaglia

Schermata di Evil West

(Immagine: Focus Entertainment)

Evil West dimostra che la frontiera americana è molto più di Red Dead Redemption 2

Una cosa che ho notato – e apprezzato – immediatamente di Evil West è la sua semplicità. In un panorama videoludico pieno di RPG da 100 ore, ognuno dei quali trabocca di denso materiale per le missioni principali e secondarie, oggetti da collezione, oggetti artigianali, sistemi di combattimento complessi e altro ancora, questo gioco d’azione per giocatore singolo senza fronzoli sembra un sospiro corposo.

Evil West è una lettera d’amore ai giochi d’azione della metà degli anni 2000 nel migliore dei modi. Si fa largo tra i rumori per offrire un combattimento incisivo ma intuitivo che non richiede ore per essere padroneggiato, un’ambientazione dinamica con un protagonista immediatamente simpatico e, da quello che ho giocato finora, l’inizio di una trama lineare e mirata che vi farà andare avanti a testa bassa. Mi ha convinto quasi subito. Ma mentre sfreccio in questo vero e proprio banchetto di vampiri, sangue, banditi e altro ancora, la mia mente continua a tornare a una visione molto diversa del pericoloso selvaggio West, realizzata con i videogiochi.

Red Dead Redemption 2 è il tipo di gioco che amo alla follia e che probabilmente non rigiocherò tanto presto. Le vaste pianure aperte delle terre americane di Rockstar dipingono uno sfondo bellissimo e inquietante, e mentre il burbero fuorilegge Arthur Morgan fissa il barile di una vita di peccato, la catarsi di tutto ciò è di un tipo unico e straziante. Nel frattempo, Jesse Rentier è un eroe completamente diverso: è qui per divertirsi e non si sente in colpa per questo.

Leggi di più  Come battere la strega Zia Ethel in Baldur's Gate 3 e salvare Mayrina

Schermata di Evil West

(Immagine: Focus Entertainment)

Ci sono pochi momenti in Evil West così soddisfacenti come il tonfo umido e carnoso di un uppercut contro un vampiro per la prima volta. Non fraintendetemi, amo i colpi alla testa ben piazzati quanto il prossimo fan degli sparatutto in terza persona, ma c’è qualcosa di così deliziosamente e comicamente viscerale nell’introdurre il guanto di Jesse nella mascella di un Sanguisuge Vessel e vederlo barcollare all’indietro confuso.

Ho messo gli occhi su Evil West da quando è stato lanciato nel 2022. Come molti di noi con arretrati mostruosi, però, non sono mai arrivato a cliccare su “aggiungi al carrello”. Ecco perché mi sono emozionato quando il mese scorso lo sparatutto vampiresco è stato aggiunto all’elenco di Xbox Game Pass. Sono un po’ appassionato di cowboy, avendo giocato di recente anche a Red Dead Redemption 2 per la prima volta, ma questo selvaggio West pullula di succhiasangue molto più numerosi di quello di Arthur. Reduce da un’esperienza così intensa, sono grato a Evil West per molti motivi.

Il paese dei pipistrelli vampiri

(Crediti immagine: Focus Entertainment)Tutto cappello, tutta battaglia

(Immagine: Focus Entertainment)

Evil West dimostra che la frontiera americana è molto più di Red Dead Redemption 2

Una cosa che ho notato – e apprezzato – immediatamente di Evil West è la sua semplicità. In un panorama videoludico pieno di RPG da 100 ore, ognuno dei quali trabocca di denso materiale per le missioni principali e secondarie, oggetti da collezione, oggetti artigianali, sistemi di combattimento complessi e altro ancora, questo gioco d’azione per giocatore singolo senza fronzoli sembra un sospiro corposo.

Evil West è una lettera d’amore ai giochi d’azione della metà degli anni 2000 nel migliore dei modi. Si fa largo tra i rumori per offrire un combattimento incisivo ma intuitivo che non richiede ore per essere padroneggiato, un’ambientazione dinamica con un protagonista immediatamente simpatico e, da quello che ho giocato finora, l’inizio di una trama lineare e mirata che vi farà andare avanti a testa bassa. Mi ha convinto quasi subito. Ma mentre sfreccio in questo vero e proprio banchetto di vampiri, sangue, banditi e altro ancora, la mia mente continua a tornare a una visione molto diversa del pericoloso selvaggio West, realizzata con i videogiochi.

Leggi di più  World of Warcraft Classic Hardcore mi ha fatto innamorare nuovamente del livellamento

Red Dead Redemption 2 è il tipo di gioco che amo alla follia e che probabilmente non rigiocherò tanto presto. Le vaste pianure aperte delle terre americane di Rockstar dipingono uno sfondo bellissimo e inquietante, e mentre il burbero fuorilegge Arthur Morgan fissa il barile di una vita di peccato, la catarsi di tutto ciò è di un tipo unico e straziante. Nel frattempo, Jesse Rentier è un eroe completamente diverso: è qui per divertirsi e non si sente in colpa per questo.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.