Da Hollywood ad Assassin’s Creed, fino alla creazione di un nuovo affascinante Metroidvania ispirato al dolore: “Credo che mio padre sarebbe orgoglioso”.

Nel 2023, non credo che ci siano molte persone con un interesse anche solo passeggero per i videogiochi che mettano in dubbio il potere di trasformazione del mezzo. Solo quest’anno, titoli come Baldur’s Gate 3, Alan Wake 2, Marvel’s Spider-Man 2 e The Legend of Zelda: Tears of the Kingdom hanno messo in mostra il meglio delle narrazioni videoludiche, attraverso un’ampia gamma di piattaforme, generi e metodi di narrazione. Con il massimo rispetto per le forme più tradizionali di media – film, TV, libri e radio, per esempio – i videogiochi sono, senza esagerare, unici nella loro portata per la narrazione, semplicemente perché la mettono nei panni del protagonista; le loro storie non possono progredire senza il suo contributo.

Tales of Kenzera: Zau non solo incarna tutto questo, ma è una storia a sé. È il primo progetto di videogioco di Surgent Studios, un’azienda transmediale fondata dall’attore Abubakar Salim, il cui nome può essere riconosciuto tra i crediti della serie Jamestown di Sky One, di Raised by Wolves della HBO Max, del blockbuster storico Napoleon di Ridley Scott e di Black Mirror di Charlie Brooker. Se ha giocato ad Assassin’s Creed Origins, conoscerà Salim nel ruolo del protagonista Bayek di Siwa, un ruolo che gli è valso un premio BAFTA Breakthrough Brit e che alla fine lo ha ispirato a formare il suo studio di sviluppo e a creare il suo primo videogioco.

DIRETTAMENTE DA LA

Logo e data dei The Game Awards 2023 - 7 dicembre

(Credito immagine: Geoff Keighley)

Annunciati i Game Awards 2023

Quel gioco è Tales of Kenzera: Zau – e se ha vissuto un lutto, o conosce qualcuno che l’ha vissuto, ed è interessato ai videogiochi con una storia da raccontare, allora dovrebbe essere sul suo radar. Pur tessendo la propria favola del cuore, Tales of Kenzera: Zau è ispirato alla morte prematura del padre di Salim e, in quanto giocatore di videogiochi da sempre, l’unico genere che Salim sentiva potesse rendere giustizia alla sua storia era il Metroidvania.

“Penso che per quello che mi proponevo di fare, per quello che volevo costruire con Zau, la gente l’abbia capito”, dice Salim. “Per me, non si tratta solo di creare un’esperienza divertente e bella che le persone possano giocare e sentire l’energia cinetica di tutto questo, ma anche di essere in grado di dare una nuova prospettiva nel guardare al dolore. Voglio dire, è triste. E c’è un peso in esso. Ma è anche disordinato, caotico; si possono avere alcuni giorni in cui ci si sente completamente felici, e poi il giorno successivo ci colpisce. Questo è il tipo di esperienza che volevo condividere”.

Leggi di più  Una delle caratteristiche più fastidiose di God of War Ragnarok è stata una supervisione totale

“Con questo in mente, Zau è un Metroidvania, e questo è sempre stato importante per me, perché è un genere perfetto per spiegare il lutto, giusto? Si prende un personaggio, lo si getta in un mondo di cui non ha idea. Deve imparare tutto, essenzialmente, man mano che procede, andando avanti e indietro, attraverso le aree e gli elementi, acquisendo gli strumenti che il mondo fornisce, e deve, in qualche modo, dare un senso a tutto questo. In realtà, non si può mai superare il lutto, sarà sempre impegnativo, e penso che questo genere parli così bene di questo”.

Narrazione seminale

Tales of Kenzera: Zau

(Crediti immagine: Surgent Studios)

“Io provengo da un background di uomini stoici, quindi l’idea di condividere quel momento con mio padre e sentire che entrambi ci stavamo divertendo e collegando è stata bellissima”.

Dichiaratosi “fan sfegatato” di Garry’s Mod, Salim dice di parlare ancora oggi con gli amici della comunità del gioco e, allo stesso modo, di avere a cuore le amicizie ancora attive create durante i suoi anni formativi in World of Warcraft. La narrazione è sempre stata una forza trainante per Salim, e attribuisce ai videogiochi fin da giovane il merito di aver rafforzato il suo desiderio di raccontare storie nel suo lavoro.

Queste qualità, secondo Salim, sono state instillate per la prima volta grazie alle sessioni di “pass-the-pad” con suo padre negli anni ’90, giocando ai primi giochi di Sonic the Hedgehog sul Sega Mega Drive (Genesis, per chi legge negli Stati Uniti), e conservando un senso di vicinanza in questi momenti riflessivi che sarebbero rimasti con lui per sempre. “Vengo da un background di uomini stoici”, dice Salim, “quindi l’idea di condividere quel momento con lui, e sentire che entrambi ci stavamo divertendo e collegando, è stato bellissimo”.

Questo sentimento si riflette direttamente in Tales of Kenzera: Zau, la cui narrazione esplora l’amore tra un padre e un figlio e il potere trasformativo della perdita. Vestendo i panni dell’eponimo Zau, lei assume il dolore del protagonista mentre intraprende la sua ricerca di guarigione spirituale – attraverso splendidi e mistici regni 2.5D, mentre flirta con i poteri cosmici non governati dello sciamano guerriero. Come rivelato ai The Game Awards, Tales of Kenzera: Zau è in rotta per una data di uscita il 23 aprile 2024 – su PS5, Xbox Series X e S, PC (tramite Steam e Epic Games Store) e Nintendo Switch – che Salim dice essere estremamente eccitante per lui e la sua famiglia.

Leggi di più  Come fare un inchino a Zelda Tears of the Kingdom e andare a caccia di cibo

“Credo che a volte ci sia l’aspettativa che gli uomini delle famiglie più numerose si impegnino quando accadono cose brutte”, dice Salim. “Ma quando ho detto alla mia famiglia cosa stavo facendo, mi hanno detto: ‘Sì, bravo’. Hanno capito che questo era il mio modo di elaborare le cose e la mia formula per affrontarle”.

“Con mia madre, all’inizio non lo capiva. Poi le ho mostrato le prime parti del trailer e le ho spiegato che il gioco sarà in Swahili, e le sono venute le lacrime. Ha potuto vedere che mio padre era al centro di tutto, e attraverso questo viene rispettata e vista. Non credo che si possa mai superare o accettare il lutto, si impara solo a gestirlo”.

“Quando ho iniziato questo processo, mi sono chiesta: cosa darei per riportare indietro mio padre? Che cosa sacrificherei? Non avevo la risposta. E ancora non ce l’ho, ma in realtà mi va bene così. Perché se non fosse stato per la sua scomparsa, non sarei dove sono oggi. Non avrei formato lo studio, non avrei avuto un bambino, non avrei la famiglia che amo alla follia, e non sarei nella posizione o nella prospettiva che ho oggi. È quasi come se non volessi, o non potessi, rinunciare a tutto questo per quel momento. Perché, di nuovo, è questo il punto, giusto? Si cresce e si fa tutto il possibile per andare avanti”.

Tales of Kenzera: Zau

(Credito immagine: Surgent Studios)

Nel corso della nostra conversazione, la cosa che mi colpisce di più di Salim è la sua apertura ad esplorare i temi e le emozioni che guidano questo progetto di passione chiaramente definito. Supponendo che questa passione si trasferisca in Tales of Kenzera: Zau stesso – e non ho motivo di credere il contrario – è probabile che sarà qualcosa di molto speciale, sia come videogioco Metroidvania, sia come esplorazione interattiva e persuasiva di un argomento così universale e sensibile. La mia ultima domanda per Salim, quindi, è semplice: cosa direbbe suo padre se potesse vederlo ora?

“Perché non hai scritto un libro?”, dice, tra una risata e l’altra. “Credo che sarebbe orgoglioso, non solo per il risultato ottenuto con la creazione di questo gioco, ma soprattutto perché sto usando ciò che mi ha dato fin da piccolo per condividere essenzialmente qualcosa che amo, cioè raccontare storie”.

Leggi di più  Marvel's Spider-Man 2 Modalità Performance o Fedeltà e VRR spiegati

Scopra i migliori giochi Metroidvania da esplorare fino al completamento assoluto

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.