I creatori di A Murder at the End of the World sono passati da The OA alla realizzazione di un thriller poliziesco unico nel suo genere con Emma Corrin di The Crown.

Brit Marling e Zal Batmanglij non sono estranei a svelare un mistero, in particolare uno che riguarda diverse linee temporali, come la loro amata serie fantascientifica di Netflix The OA. Proprio come il suo predecessore, il nuovo show della coppia, A Murder at the End of the World, getta gli spettatori nel profondo, presentandoci una giovane donna prima che i flashback inizino rapidamente a mettere insieme il suo passato – un passato che potrebbe essere la chiave per capire cosa sta succedendo nel suo presente.

Per questa uscita, Marling e Batmanglij hanno assecondato le loro menti curiose incentrandola su Darby Hart (Emma Corrin), autrice di true crime dai capelli rosa e detective dilettante, che viene invitata nel rifugio islandese di un ricco programmatore di intelligenza artificiale come parte di un soggiorno di incontro di menti meticolosamente pianificato – e si ritrova presto a cercare di far luce sulla misteriosa morte di un collega ospite. È elegante, ben ritmato e la somma perfetta della miscela unica dei suoi creatori tra emotivo e cerebrale. Come un The Girl with the Dragon Tattoo più caldo e meno cinico, con accenni a Nancy Drew…

Anche se sarebbe facile pensare che A Murder at the End of the World sia una sorta di storia ispirata a Poirot o a Knives Out, con l’ambientazione isolata dei personaggi e la conseguente lista semplificata di sospetti, si tratta di un tipo molto diverso di whodunnit, in quanto Darby riflette sul proprio legame con la vittima per scoprire la verità, piuttosto che puntare il dito. “Credo che parte del nostro intento, quando abbiamo pensato di reinventare un po’ il genere, sia stato quello di pensare a come, se una giovane donna è il detective, forse il viaggio non riguarda solo la risoluzione del caso in quel momento”, spiega Marling, che ha co-scritto la serie, a GamesRadar+. “Ma si tratta anche di risolvere alcune cose dentro di sé per diventare il tipo di persona che può risolvere il caso”.

Emma Corrin nel ruolo di Darby in Un delitto alla fine del mondo

(Credito immagine: FX/Hulu)

Come sottolinea la Marling, gli investigatori femminili di fantasia di 40 o 50 anni – pensiamo a True Detective, Marcella o Mare of Easttown – non sono rari in TV al giorno d’oggi, ma spesso sono “autorizzati dal loro distintivo”. La spinta di Darby, invece, proviene da un luogo più sentito e dall’incrollabile fiducia in se stessa di poter portare a termine il lavoro.

“È una specie di detective cittadino, che osserva il paesaggio intorno a lei e sente che ci sono storie e casi e donne che cadono nel dimenticatoio”, aggiunge Marling, che recita anche nel thriller criminale nel ruolo dell’hacker doxxed – e idolo di Darby – Lee. Lei sente il dovere di risolvere quei casi e questo ci è sembrato molto suggestivo”.

Leggi di più  Il nuovo trailer di Loki potrebbe aver rovinato il miglior cliffhanger della Marvel degli ultimi anni.

“C’è qualcosa di molto puro nella sua ricerca. È quasi un’ossessione, sa, e credo che possiamo capirlo, almeno nel senso che abbiamo un’ossessione per il cinema e ci sentiamo molto obbligati a raccontare storie”, continua. “Anche se dovessimo trovare altri lavori per pagare le bollette, probabilmente continueremmo a raccontare storie, perché non possiamo fare a meno di essere narratori. Credo che Darby sia allo stesso modo”.

Secondo Batmanglij, che ha già collaborato con la Marling in titoli come The East e Sound of my Voice, i due hanno ideato la trama di A Murder at the End of World quando, nel 2019, hanno iniziato a indagare sul perché i whodunnits fossero così popolari tra la Prima e la Seconda Guerra Mondiale. “Tutti si giravano, si guardavano l’un l’altro e si chiedevano chi fosse stato – e noi volevamo esplorare questo aspetto”, ricorda. “Se il maniero inglese era la vecchia sede del potere 100 anni fa, qual è la nuova sede del potere? Qual è la versione moderna?

“Brit ha origini norvegesi, sua nonna è norvegese e quindi abbiamo pensato di scegliere un luogo nordico”, dice Batmanglij. “Quando l’idea inizia a maturare, ci si rende conto che Darby si sente così anche all’interno. Darby finisce in questa natura selvaggia o tundra, ma questo riflette davvero chi è lei come persona, quindi si trattava di rivisitare i tempi in cui si trovava in un’altra tundra, ma satura di sole. Qualcosa di questa miscela di tundra ghiacciata e tundra desertica è sbocciata per me e Brit nella realizzazione di questa storia”.

Un omicidio alla fine del mondo

(Credito immagine: FX su Hulu)

Quando non si concentra su Darby che cerca di fare del suo meglio per capire cosa è successo allo sfortunato partecipante della serata, Un omicidio alla fine del mondo torna indietro a quasi un decennio prima, quando ha iniziato una storia d’amore a fuoco lento con Bill (Harris Dickinson), un appassionato di tecnologia con la triglia. Nel corso dello show, i due viaggiano in giro per gli Stati Uniti per rintracciare un serial killer inafferrabile, e si trovano in diverse situazioni problematiche. Mentre Bill si innamora sempre di più, la sua passione per la ricerca della giustizia si affievolisce, prima che i suoi dubbi sulla possibilità di fare la differenza lo spingano a fare le valigie e a diventare un artista; altrove, il bisogno di Darby di denunciare crimini violenti precedentemente ignorati diventa travolgente.

Mentre la Marling era la protagonista di The OA, sapeva che avrebbe voluto fare il suo debutto alla regia con A Murder at the End of the World, il che significava trovare qualcun altro che assumesse il ruolo impegnativo di Darby (la Marling ha diretto gli episodi 1, 5 e 6, mentre Batmanglij ha supervisionato il resto). “I nostri mondi tendono ad essere così grandi e ambiziosi e realizzarli con i tempi o i budget della televisione è davvero impegnativo”, dice. “Alla fine è impossibile essere in ogni scena e anche dirigere al livello che ci siamo prefissati, quindi mi sono detta: ‘Ok, farò un passo indietro rispetto al ruolo di protagonista, in modo da creare il tempo e lo spazio per dirigere nel modo in cui voglio farlo'”. Cito Emma Corrin…

Leggi di più  I 35 episodi più belli dei Power Rangers

Dopo aver visto il suo “straordinario” lavoro nel ruolo della Principessa Diana nel period drama di Netflix The Crown, Marling e Batmanglij hanno contattato l’attore 27enne – e sono rimasti stupiti dalla sua “capacità camaleontica” di trasformarsi in qualcun altro. “Sono stati una vera manna dal cielo, ed è così difficile essere il protagonista di una serie, perché è un lavoro così intenso, ma è davvero difficile essere il protagonista della serie che è in ogni fotogramma”, dice Marling. “Emma è molto presente e ci crede, quindi noi spettatori possiamo crederci con loro. Per la maggior parte del tempo, Darby è da sola, quindi Emma recitava in uno spazio senza che ci fosse nessuno. Sono incredibili in quei momenti, quando non hanno qualcuno di fronte. Sono molto brave ad andare all’interno, ed è una delle cose più difficili da fare come attore: recitare con se stessi.

“La loro trasformazione in Diana è stata quasi a livello molecolare. Non stavano giocando ad essere Diana, sono diventate Diana per un periodo e questa abilità è davvero rara. Non si tratta solo di imitare la voce o di indossare il costume, ma di una trasformazione interiore. Emma è diventata davvero Darby per un periodo e abbiamo girato a lungo. Alla fine, credo che abbiamo visto Emma tornare”, ride. “È stato davvero notevole. Penso che sia un talento sorprendente, non credo che nessun altro avrebbe potuto interpretare Darby e portare tutta quella forza”.

Emma Corrin nel ruolo di Darby e Harris Dickinson nel ruolo di Bill in Un omicidio alla fine del mondo

(Credito immagine: FX su Hulu)

Corrin e Dickinson non sono stati gli unici attori britannici che Marling e Batmanglij hanno coinvolto nel progetto; Clive Owen ha dato vita al padrone di casa e marito dominatore di Lee, Andy Ronson. Sono presenti anche Jermaine Fowler, Joan Chen, RaÚl Esparza, Pegah Ferydoni e Alice Braga.

Oltre all’omicidio, lo show affronta temi come il controllo coercitivo, l’abuso di sostanze, l’ambientalismo e l’etica dell’intelligenza artificiale nei suoi sette episodi, ma per la Marling si tratta di un racconto intimo sull’individualità e sul romanticismo sprecato, piuttosto che di un commento più ampio sulla società moderna. “Ho messo molto di me stessa in Darby, forse più di qualsiasi altro personaggio su cui abbiamo lavorato, e forse potevo farlo solo a questo punto della mia vita, quando ho fatto abbastanza terapia per vedere alcune cose di me stessa più chiaramente”, ammette. “Non credo che quando ero più giovane ne sarei stata capace.

Leggi di più  Russell T Davies riflette su Le avventure di Sarah Jane, sulla produzione di TV per bambini e sulla collaborazione con Elisabeth Sladen.

“È stato incredibile mettere queste cose sulla pagina e poi lavorare per trovare le immagini in movimento che potessero rivelarle al meglio”, dice Marling. “Immagini che potevano essere distillate con un’energia così concentrata che nessun fotogramma veniva sprecato e ogni passaggio tra il passato e il presente sembrava intenzionale”.

Batmanglij insiste sul fatto che non ha bisogno di ripensare a se stessa: “Brit scrive le pagine più incredibili, e poi a guardare le sue scene… C’è una scena nel capitolo 5 in cui Bill e Darby accostano sul ciglio della strada e lui è arrabbiato con lei perché sta sempre al telefono.

“Ricordo di essere rimasto sbalordito quando ho letto quelle pagine, ma ancora di più quando ho visto la scena finita. Non ero presente alle riprese o al montaggio, ed è stato un tale dono. Di solito le cose sulla pagina sono magiche perché possono essere il meglio di tutto, poi si devono affrontare i limiti delle riprese”, spiega. “Gli episodi di Brit sono molto migliori dei miei, perché la sua comprensione della recitazione è molto migliore. È come se la capacità di comprendere il processo della recitazione fosse così cruciale e credo che, man mano che più attori e scrittori diventeranno registi, vedremo un livello di performance, sfumature e sottigliezze che non abbiamo mai visto in passato”.

Dato che si sono uniti per intrecciare storie da quando erano adolescenti alla Georgetown University, non è certo uno shock che Marling, ora 41enne, sia altrettanto entusiasta di Batmanglij, 42enne, quanto lui lo è di lei. “È una delle cose più sorprendenti di una collaborazione che dura da così tanti anni, il fatto di essere ancora sorpresi e commossi da loro come artisti. Questo parla di chi è Zal come persona. Abbiamo un po’ di immaginazione condivisa a questo punto, in termini di scrittura, ma ci sono sempre cose da rivelare che sono ancora più vere se la direzione può portarle lì”, dice lei del suo lavoro. Se c’è qualcosa che Marling e Batmanglij hanno intenzione di fare, è scavare in profondità.

Gli episodi 1 e 2 di A Murder at the End of the World sono disponibili in streaming su Disney Plus nel Regno Unito e FX su Hulu negli Stati Uniti. Per saperne di più, consulti la nostra lista delle nuove serie televisive più interessanti in arrivo.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.