Perché concentrarsi su Batman e Robin è la mossa giusta per l’Universo DC di James Gunn

È ufficiale: ci saranno due Batman (Batmen?) nella nuova serie di film DC. Uno, l’efficace (e popolare) interpretazione di Robert Pattinson del Cavaliere Oscuro Detective nel sequel Elseworlds The Batman 2, e un’altra versione del Crociato incappucciato ancorata all’Universo DC in The Brave and the Bold.

Quindi, come farà il nuovo Batman cinematografico centrale e ‘canonico’ a distinguersi dalla versione più consolidata di Bat-tinson, che continua ad affiancarlo? La risposta sta nel co-CEO di DC Films, James Gunn, che ha dichiarato che The Brave and the Bold si concentrerà maggiormente sul Dinamico Duo di Batman e Robin, in particolare Bruce Wayne e suo figlio, Damian Wayne.

Secondo me, lasciare a The Batman un’interpretazione grintosa, realistica e meno fumettistica di Bruce Wayne e puntare sulla relazione tra Batman e Robin nei film più eroici dell’Universo DC è esattamente la mossa giusta – ed è francamente attesa da tempo.

Il Batman

(Immagine: Warner Bros)

Da quando Batman ’89 ha dato il via all’intero franchise cinematografico di Batman, la serie di film è stata rebootata non meno di tre volte (quattro, se contiamo l’imminente versione Brave and the Bold). Ma c’è stata solo una versione cinematografica live action di Robin: quella di Chris O’Donnell degli anni ’90. E sebbene Batman Forever e Batman e Robin abbiano i loro seguaci di culto, nessuno dei due personaggi è stato preso particolarmente sul serio in quei film, per non parlare della complessità della loro relazione.

L’introduzione di Damian Wayne, il figlio in carne e ossa di Batman e l’attuale Robin dei fumetti, salta direttamente al cuore della complessa, beh, dinamica del Dinamico Duo. Da quando il Robin originale, Dick Grayson, è stato introdotto in Batman #1 del 1940, il Ragazzo Meraviglia è stato un brillante e allegro contrappeso al contegno cupo del Cavaliere Oscuro. Damian Wayne capovolge questa dinamica come preadolescente edgelord cresciuto da sua madre Talia al-Ghul per diventare un assassino, costringendo Bruce a confrontarsi con il suo atteggiamento e le sue motivazioni – e anche con le sue relazioni con Dick Grayson, Jason Todd e Tim Drake, gli altri Robin che hanno storie complesse e spesso ferite con Bruce come suoi figli surrogati.

Copertina di Batman e Robin #0

(Credito immagine: DC)

E proprio qui si arriva al vero cuore del motivo per cui concentrarsi sul rapporto tra Bruce Wayne e suo figlio Damian, e auspicabilmente per estensione sui predecessori di Damian come Robin, è una scelta perfetta per i DC Studios dei co-CEO James Gunn e Peter Safran.

Leggi di più  Il 2023 di Total Film in rassegna: Christopher Nolan e altri parlano di Oppenheimer

Non solo la priorità del rapporto tra Batman e Robin offre una solida linea di demarcazione dalla versione di The Batman 2 del Crociato incappucciato, offrendo allo stesso tempo l’opportunità di fare qualcosa che non è stato ripetuto più volte nei film di Batman in live-action, ma si adatta anche ai temi che lo stesso Gunn ha portato finora nei suoi molteplici film e show di supereroi nel corso degli anni.

In particolare, Gunn si concentra da tempo sul concetto di fare i conti con l’eredità dei propri parenti in carne e ossa, ma anche di trovare una nuova famiglia scelta che elevi la persona che si è diventata. Questo è il tema prevalente nella trilogia cinematografica di Guardiani della Galassia e nella sua serie streaming Peacemaker.

pagina da Robin 80th Anniversary 100-Page Super Spectacular

(Immagine di credito: DC)

Gunn è produttore esecutivo di The Brave and the Bold, con il regista di The Flash Andy Muschietti impegnato a dirigere il film, quindi non stiamo suggerendo che imporrà una visione a un altro creatore. Ma la mano guida di Gunn come produttore e co-CEO di DC Films porterà anche le sue priorità e i suoi gusti.

In questo modo, è lecito supporre che parte del motivo per cui ha scelto di concentrarsi sul concetto di The Brave and the Bold come film su Batman e Robin, molto prima che Muschietti fosse coinvolto, era almeno in parte motivato dal modo in cui il viaggio di Batman per accettare il suo figlio in carne e ossa, mentre fa i conti con la sua storia con i figli adottivi, si adatta a questi temi.

Speriamo quindi che The Brave and the Bold sia all’altezza del suo potenziale, in quanto primo film live-action a tentare seriamente di adattare la relazione tra Batman e Robin in modo più profondo rispetto all’unica volta in cui ci hanno provato prima. Un film di Batman e Robin buono e solido potrebbe contribuire a stabilire l’era Gunn/Safran dei DC Studios nei cuori e nelle menti dei fan e a coinvolgere un pubblico di supereroi stanco di reboot che vuole qualcosa di mai visto prima.

Damian Wayne è uno dei migliori Robin di Batman di tutti i tempi.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.