Dune: Denis Villeneuve parla di libri, seconda parte e del futuro del cinema

"Immagine (Credito immagine: Warner Bros)

Dune di Denis Villeneuve sembra destinato a superare più di alcune liste dei “migliori film del 2021”. La grande scala dell’adattamento del regista del romanzo seminale di Frank Herbert è semplicemente sorprendente – e merita un viaggio al cinema (se sei in grado di visitare il multisala in sicurezza).

Villeneuve costruisce a Dune da molto tempo. Il regista è passato dal lavorare su film canadesi a basso budget (come MaelstrÖm, che è narrato da un pesce parlante) a successi a medio budget come l’emozionante Sicario, Prisoners con Hugh Jackman e Arrival, nominato come miglior film. . Dopo quei successi, ha intrapreso un sequel di uno dei film di fantascienza più amati di tutti i tempi, Blade Runner. L’uomo ama le sfide.

Dune segna il più grande film di Villeneuve fino ad oggi e, a differenza del tentativo di David Lynch di realizzare l’annunciato testo di fantascienza, il nuovo adattamento è solo la “parte prima” di una storia più grande. GamesRadar+ e Total Film si sono incontrati con Villeneuve per discutere del film, dei suoi temi, delle immagini e del potenziale sequel (ancora non confermato, ma sembra probabile). Abbiamo anche brevemente accennato al futuro del cinema per quanto riguarda l’arena dei film a medio budget. Ecco le nostre domande e risposte, modificate per lunghezza e chiarezza.

GR+: hai affrontato Dune dopo Blade Runner 2049. A livello tematico, entrambi affrontano la narrativa del “Prescelto” in modi diversi, con K di Blade Runner che è un “Prescelto” fuorviante e Paul Atreides di Dune (TimothÉe Chalamet), almeno in questo film, essendo una figura messianica. Vedete i due come pezzi complementari? Cosa ti interessa della narrativa del “Prescelto”?

Villeneuve: In effetti, direi che la narrativa del “Prescelto” non mi interessa. La cosa interessante è che entrambi i progetti stanno rivisitando questa nozione, ma da una prospettiva diversa rispetto alla tradizionale figura messianica. Nel caso di Blade Runner, come hai detto, è fuorviante. E nel caso di Dune, il personaggio di Paul è riluttante a farne parte. È una versione cinica della figura messianica, in cui qualcuno sente di essere solo un prodotto di manipolazione religiosa. Ha una visione critica al riguardo e non abbraccia l’idea. Quasi non ci crede. Certo, ha il peso dell’eredità sulle sue spalle, ma ha paura di usare quel potere, sta mettendo in discussione quel potere che viene dalle forze colonialiste. Ha paura di essere se stesso, di essere uno strumento del colonialismo. Quindi, è molto critico nei confronti di quell’idea.

Leggi di più  Jon Bernthal afferma che i fan dei Soprano dovrebbero aspettarsi qualcosa di "diverso" da The Many Saints of Newark

Perché pensi di essere interessato a criticare quella narrativa?

Prima di tutto, è un tropo, ed è qualcosa che nel libro, Dune, Frank Herbert ha scritto il libro come avvertimento della figura messianica – che qualcuno sarebbe stato scelto tra gli altri per guidare e diventare una figura messianica carismatica. Dune è un avvertimento al riguardo.

"Immagine

(Credito immagine: Warner Bros)

Dune inizia con la promessa che questa sarà la “Parte uno”, il che implica che la “Parte seconda” sta per arrivare. Anche se non è ancora confermato che sia in produzione, c’è stata qualche discussione sulla semplice chiamata del film “Dune” senza la “Parte prima”?

Per me era necessario. È sempre stato pensato per essere un film in due parti ed è sempre stato pensato per avere la “Parte uno” all’inizio perché sento che sarebbe fuorviante e disonesto fingere che sia l’intera storia a essere raccontata in un unico film. Volevo che il pubblico capisse, fin dall’inizio, che stavano per vedere la prima parte di una storia più grande.

Il botteghino internazionale sembra promettente, ma c’è una parte di te che vorrebbe aver girato entrambe le parti una dopo l’altra?

Questa è stata la mia prima idea, girarli insieme. Poi, come il Signore degli Anelli, usciranno uno dopo l’altro, a distanza di un anno. Ma era troppo costoso. E francamente, sono grato che non sia successo come avrei voluto perché sarei stato troppo esausto. Durante il primo, avevo bisogno di tutta la mia resistenza, avevo bisogno di tutta la mia energia. Sarebbe stato troppo fare entrambe le riprese consecutive nel deserto. Ho imparato così tanto [durante le riprese] della prima parte che, se mai dovesse succedere, potrei fare un film migliore con la seconda parte. E sono grato che sia successo in questo modo. Preferisco essere in questa posizione in questo momento piuttosto che aver girato entrambi i film uno dopo l’altro e avere rimpianti perché ero troppo stanco.

La cosa straordinaria della prima parte è che le immagini sono un mix di radicamento e una grande sensazione di fantascienza: ci sono cornamuse e vermi della sabbia giganti in un film. Come ti sei avvicinato a mantenere le cose con i piedi per terra e senza andare troppo alla Star Wars?

Abbiamo avuto tempo per farlo. Ho detto al team all’inizio che dovremmo ispirarci esclusivamente al libro. Volevo che il film fosse il più vicino possibile alla visione che ho avuto quando ho letto il libro a 13 anni, e volevo che i fan del libro, per quanto possibile, riconoscessero la descrizione, le atmosfere, il mondo che è stato rappresentato nel libro. Volevo essere fedele il più possibile a Frank Herbert. Per tornare alle immagini originali che avevo da bambino, erano queste immagini incorrotte. Ciò ha aiutato molto a provare a portare qualcosa di fresco sullo schermo. Certo, ha richiesto molta meditazione e lavoro perché negli ultimi dieci anni sono stati realizzati molti film di fantascienza. La serie di Star Wars è un enorme elefante nella stanza. Il modo in cui Star Wars si avvicina al design è così bello. Quindi dobbiamo trovare la nostra identità. Ci è voluto tempo, tempo e molto pensiero.

Leggi di più  Sono solo io o è ora di abbandonare le interfacce olografiche?

"Duna"

(Credito immagine: Warner Bros)

Alcune delle inquadrature dell’astronave mi hanno ricordato 2001: Odissea nello spazio. Quali sono stati gli altri elementi costitutivi fondamentali che hai usato?

Le fondamenta erano il libro e la natura. Volevo che la tecnologia si ispirasse agli ambienti del libro. Ad esempio, l’elicottero, volevo una macchina che credi possa sopportare le dure condizioni del deserto. Questa è una macchina credibile e risponde alle leggi di gravità e alle leggi della fisica. Doveva sembrare realistico, sentirsi radicato in qualche realtà e lontano dalla fantasia. Sembrava più vicino allo spirito del libro. Ho fatto riferimenti a film che amo e ho reso omaggio a registi che amo. Ma il design era basato sul libro.

A proposito del libro, come hai deciso quali elementi tagliare e quali tenere? Ad esempio, il duca Leto (Oscar Isaac) ritiene che Lady Jessica (Rebecca Ferguson) possa essere una traditrice nel romanzo, ma ciò non è emerso sullo schermo.

Ho deciso di concentrare l’intero adattamento sul viaggio di Paul. Ci sono molti personaggi nel libro, ovviamente, ma Paul è la figura centrale. Ho cercato di rimanere il più possibile con la sua prospettiva e poi di portare in primo piano il suo rapporto con sua madre, che è proprio l’epicentro di questa storia. Amo il personaggio di Lady Jessica e volevo che il suo arco drammatico fosse prominente nella storia. Da lì, ho fatto molte scelte per concentrare la storia su entrambi i personaggi. Ho dovuto usare tratti più ampi e sarebbe stato un film troppo lungo se non mi fossi concentrato sulla trama principale, evitando le sottotrame.

C’è una scena, in particolare, che è una delle preferite dai fan e che manca al film: una scena della cena in cui Paul viene infantilizzato da un banchiere in visita. Con quella scena specifica su Paul, mi chiedo fino a che punto sei andato avanti? È stato girato?

Quella scena è stata scritta. Non è mai stato girato. È una scena che ho deciso di rimuovere perché, nella struttura del film, non portava qualcosa di nuovo alla storia e alla storia che stavo cercando di raccontare. Stava creando problemi con lo slancio. Stavo cercando di creare un film che fosse il più viscerale possibile e ho sperimentato il libro quando avevo 13 anni.

Leggi di più  "The Tomorrow War spinge oltre con quello che potresti fare in un film PG-13"

"Denis

(Credito immagine: Getty Images)

Ho un’ultima domanda e riguarda alcuni dei tuoi film. Sei passato dalla realizzazione di questi film di medio livello con un budget di 40 milioni di dollari – Sicario, Arrival, Prisoners – a franchise ad alto budget. Guardando a Hollywood oggi, quei film di medio livello non sarebbero necessariamente, dal mio punto di vista, realizzati dai classici studi cinematografici. È più probabile che vengano rilasciati sui servizi di streaming. Qual è la tua opinione sul futuro del film di medio livello? Pensi che ne stiamo vedendo abbastanza?

Ricordo che quando ho fatto Prisoners, le persone intorno a me dicevano “La gente non fa più film del genere”. È il budget basso o super grande, non c’è una via di mezzo. E ho avuto la possibilità di evolvermi in quello spazio medio per alcuni anni, che è diventato sempre più una rarità. E penso che sia un problema. Penso che il futuro del cinema si basi sulla creatività dei budget più bassi. La battaglia principale sarà assicurarsi che questi film abbiano accesso allo schermo. I grandi film in franchising andranno sul grande schermo ma non ho ancora la risposta. Credo nel futuro del cinema sul grande schermo e penso che sia molto importante che tutti i tipi di cinema abbiano accesso alle sale, non solo ai grandi film di Hollywood. Non è una crisi che si è verificata all’improvviso con questa pandemia. È passato un po’ di tempo, con il teatro che diventa sempre meno accessibile per i film più piccoli. E penso che sia un problema, francamente.

Dune è nei cinema del Regno Unito dal 21 ottobre e negli Stati Uniti dal 22 ottobre. Dune è disponibile anche su HBO Max in alcuni territori. Per ulteriori informazioni sui vermi della sabbia, consulta la nostra guida ai libri, ai film e ai programmi TV di Dune.