Il film di The Legend of Zelda deve essere meno Breath of the Wild e più Ocarina of Time

Non c’è dubbio che The Legend of Zelda: Breath of the Wild abbia trasformato in meglio l’intramontabile serie. L’epica avventura open-world del 2017 ha reinventato tutto ciò che era venuto prima con la sua attenzione all’esplorazione, al pensiero fuori dagli schemi e alla libertà del giocatore. Per molti, BOTW ha rappresentato il loro primo gioco di Zelda – e il loro preferito.

La tentazione, quindi, sarà che il franchise si rifaccia all’Epona su cui è salito. Breath of the Wild e il suo sequel, Tears of the Kingdom, rappresentano quasi un terzo delle vendite di tutti i tempi della serie, ed è difficile immaginare un ritorno alla struttura di dungeon più rigida del passato delle avventure.

Ma non dovrebbe essere questo a guidare il nuovo film live-action di Legend of Zelda. Se lo dice sottovoce, in realtà è un altro capolavoro di Zelda – Ocarina of Time del 1998 – a fornire le fondamenta migliori e più stratificate su cui basarsi per un primo tentativo in stile Master Sword di passare dalla console al cinema.

Un legame con il passato

La leggenda di Zelda: Ocarina of time

(Immagine di credito: Nintendo)

Certo, al momento sappiamo molto poco del progetto congiunto Nintendo/Sony, a parte il fatto che il creatore di Legend of Zelda, Shigeru Miyamoto, ha unito le forze con il produttore di Spider-Man, Avi Arad, e anche il regista di The Maze Runner, Wes Bell, è a bordo. Tuttavia, si può sostenere che Ocarina of Time fornirà a questo team eterogeneo tutti gli strumenti necessari per avere successo in quello che sembra un compito piuttosto ingrato.

Innanzitutto, la sua struttura. Breath of the Wild, per sua stessa concezione, è sciolto; incoraggia un occhio vagante e un senso impetuoso di infrangere le regole. Il film Super Mario Bros. Movie, che le piacesse o meno, è stato un successo perché era una solida esecuzione di un concetto relativamente sicuro. Ocarina of Time offre lo stesso tipo di ancoraggio, aggiungendo però un intrigo sufficiente per attirare un pubblico più ampio.

Nel suo cuore, Ocarina of Time è l’ultimo Viaggio dell’Eroe tra bene e male. Un giovane Link viene strappato all’oscurità nella pittoresca Foresta dei Kokiri e deve combattere contro una legione di mostri e malviventi in diverse località, nella speranza di porre fine al dispotico Ganondorf. Inoltre, si avvicina al tipo di look realistico che sarà meno stridente quando Zelda passerà al live-action.

Leggi di più  La sinossi ufficiale di Guardians of the Galaxy 3 rilasciata - e Rocket è nei guai

Anche la lenta escalation di cui tutti i buoni film hanno bisogno è già presente: attraversare l’Albero Deku; cavalcare Epona attraverso il Campo di Hyrule per la prima volta, mentre l’iconica colonna sonora di Koji Kondo risuona; intrufolarsi nel Palazzo di Hyrule per trovare Zelda e ottenere tutti gli strumenti di cui Link ha bisogno per uccidere il male in una serie di diabolici dungeon.

Colpo di scena: fallisce. Questo, unito all’aspetto del viaggio nel tempo introdotto più avanti nel gioco, è un gancio (o dovrebbe essere Hookshot?) micidiale che richiede attivamente di essere adattato come i primi timidi passi di Link nelle sale cinematografiche. Si tratta di un’ottima svolta su un concetto cinematografico collaudato: una storia di crescita con il fallimento finale e ciò che serve per superarlo.

Breath of the Wild (Il respiro della natura)

(Crediti immagine: Nintendo)Il viaggio di un eroe

La leggenda di Zelda: Il risveglio di Link

(Immagine: Nintendo)

Da Hyrule e oltre, ecco i migliori giochi di Zelda

A parte il multiverso, il viaggio nel tempo è assolutamente in voga in questo momento. Il fatto che Link debba andare continuamente avanti e indietro dalla sua infanzia all’adolescenza per salvare il mondo apre le porte al tipo di inventiva per cui Nintendo è nota, scritta in grande sul grande schermo. Breath of the Wild, per sua colpa, lascia la storia in secondo piano per gran parte del tempo di gioco.

Per i nuovi arrivati, Ocarina of Time fa anche un lavoro molto migliore della maggior parte – e soprattutto di Breath of the Wild – nell’introdurre i suoi elementi chiave. Link, Zelda, Ganon (dorf) e la Triforza sono tutti presenti e ben rappresentati. E per coloro che hanno percorso questo cammino un milione di volte? Portarlo al cinema equivale a suonare la Canzone del Tempo, riportandovi a quei giorni nostalgici di TV a tubo catodico, guide Nintendo Power e la necessità di equipaggiare gli Stivali di Ferro ogni 20 secondi nel Tempio dell’Acqua (no, non ci è ancora passata).

La cosa migliore è che se The Legend of Zelda riuscirà ad atterrare con un’avventura in stile Ocarina of Time, il pubblico potrà manifestare la nascita di un sequel di Majora’s Mask. L’Eroe del Tempo che viene catturato in un loop in stile Groundhog Day pieno di paranoia, paura e una luna gigantesca in IMAX? Puro. Cinema.

Leggi di più  Come risolvere i puzzle delle porte legacy di Hogwarts

Nel caso avesse bisogno di essere più convincente, il regista Wes Bell ha un’esperienza precedente con un progetto che, se non lo sapesse, sembra una prova di concetto per un adattamento di Ocarina of Time.

La pre-vis del film cancellato ‘MOUSE GUARD’ di Wes Ball potrebbe suggerire come potrebbe avvicinarsi al suo film live-action ‘LEGEND OF ZELDA’. pic.twitter.com/2O27zl1NihNovember 7, 2023

Per saperne di più

Il film cancellato The Mouse Guard, di cui si può vedere un frammento qui sopra, è tutto verde lussureggiante, mondi stretti e fantasiosi e una spruzzata di intangibile magia Nintendo per buona misura. Breath of the Wild, per quanto sorprendente, si diverte con abissi e spazi aperti; sono campi da gioco per Link, che può paracadutarsi in un accampamento di Bokoblin e spazzarli via dalla faccia di Hyrule con nient’altro che una speranza, una preghiera e un uso folgorante dell’Ultrahand.

La verità è che il film di The Legend of Zelda potrebbe essere tante cose. Potrebbe salpare con The Wind Waker, aprire i nostri occhi su un regno fantastico con Link’s Awakening, o qualsiasi cosa in mezzo. La scelta sicura sarebbe quella di replicare la formula di Breath of the Wild. Nintendo e Sony Pictures non dovrebbero farlo. Invece, Ocarina of Time, come ha fatto oltre un quarto di secolo fa, potrebbe replicare il successo della serie nel salto al 3D con un altro salto altrettanto audace verso l’ignoto.

Ehi, ascoltate! Per altre delizie di Zelda, consulti i migliori giochi per Switch da giocare in questo momento.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.