Janet Fielding sul suo ritorno a Doctor Who, sui suoi commenti “onesti” in DVD e sul perché preferisce il reboot post-2005

Il seguente articolo è apparso per la prima volta nel numero di settembre 2023 della rivista SFX. Può acquistare una copia cartacea qui.

Quando SFX raggiunge Janet Fielding per una chiacchierata, lei è in pausa dalla registrazione di un’opera audio di Doctor Who per Big Finish. Ma non si aspetti che riveli qualcosa sulla trama. “Potrei dirglielo, ma credo che dovrei ucciderla!”, dice ridendo. Tuttavia, può rivelare che “è una storia divertente, con più episodi del solito e, come al solito, con un grande cast”.

La segretezza non è una novità per la Fielding. Gli NDA accompagnano praticamente ogni lavoro su Doctor Who che ottiene, sia che si tratti di un documentario, di un commento o di un audiolibro. Tuttavia, nessun progetto negli ultimi anni ha avuto la stessa portata del suo ritorno alla serie televisiva. Sono state dette alcune bugie bianche per assicurarsi che la notizia non trapelasse. “Ho dovuto farlo”, sottolinea. “Le persone su Twitter dicevano sempre: ‘Non le piacerebbe tornare in Doctor Who?’ ‘Sì, lo farei!'”.

Ritorno a Oz

Doctor Who

(Immagine di credito: BBC)

Il tanto atteso ritorno di Tegan in “The Power Of The Doctor” è stato apparentemente un desiderio esaudito per lo showrunner e fan degli anni ’80 Chris Chibnall, che aveva espresso il desiderio di riportare il personaggio in un’intervista del febbraio 2020. La Fielding era a conoscenza dei suoi commenti quando il direttore del casting di Doctor Who, Andy Pryor, l’ha contattata.

“Mi ha chiesto se fossi interessata a tornare nello show. Ci ho pensato per tre secondi e poi ho detto di sì”, racconta. “E poi mi sono preoccupata su tutti i fronti: non essendo stata davanti alla telecamera per 37 anni, sarei stata in grado di ricordare le battute? Non ho più bisogno di imparare le battute, quindi ho perso l’abitudine”.

Alla Fielding è stata data l’opportunità di condividere le sue idee su Tegan e su dove potrebbe trovarsi nella sua vita. “La mia teoria era che non si poteva viaggiare nel TARDIS senza essere profondamente cambiati, e quindi la Tegan che è entrata nel TARDIS non era la Tegan che alla fine è uscita dal TARDIS. E questo ha cambiato il corso della sua vita”.

“The Power Of The Doctor” è stato girato a Cardiff nell’autunno del 2021. “La cosa peggiore è stata che hanno iniziato con la mia prima scena”, dice la Fielding, “e purtroppo si trattava di parlare con un telefono cellulare”.

Nella scena, Tegan si ricollega in videochiamata con la compagna Ace (Sophie Aldred). “Sophie non c’era”, racconta la Fielding, “quindi il Primo Assistente alla Regia leggeva al posto mio. È stato un po’ strano. E io mi vedevo al telefono! Ho dovuto chiedere di mettere del nastro adesivo perché era così sconcertante. Ora, ogni volta che vedo qualcuno che parla al telefono, che lo tiene in mano e parla, penso: “Riesci a vederti?” Quanto è sconcertante?”. Per evitare che lei e Aldred venissero individuati dai fan, sono stati accompagnati sul set indossando pesanti accappatoi che la Fielding paragona a quelli indossati dalle persone che fanno il bagno in acqua fredda.

Leggi di più  The Last Of Us Episode 3: I maggiori cambiamenti tra lo spettacolo HBO e il gioco PlayStation

“Dovevamo metterci il cappuccio in testa e poi ci tenevano un ombrello”, ricorda. “Per fortuna, a causa di Covid, dovevamo indossare tutti delle maschere. Quindi, se avevamo del tempo libero e camminavamo per Cardiff, potevamo indossare una maschera e nessuno ci avrebbe riconosciuto. Il timore era di incontrare persone che conoscevo. Sono stati davvero gentili con noi”, conclude parlando della sua avventura a Cardiff. “Io e Sophie siamo state trattate in modo eccellente, è stata un’esperienza bellissima”.

Doctor Who

(Immagine: BBC)

Il ritorno di Tegan è stato reso pubblico in un trailer dopo un episodio trasmesso a Pasqua 2022. “È stato fantastico”, sorride Fielding. “Il mio feed Twitter è andato assolutamente in tilt”. Ma si è scusata con gli amici a cui aveva mentito? “No. Peccato!” Parliamo con la Fielding pochi giorni dopo l’annuncio del cofanetto della Stagione 20, la seconda delle tre stagioni di Peter Davison ad essere pubblicata in Blu-ray. “Alla gente è piaciuto il trailer, vero?”, sorride.

Si riferisce a “The Passenger”, un mini-episodio scritto e diretto da Pete McTighe, che ha riunito Tegan con la sua collega viaggiatrice nel tempo Nyssa (Sarah Sutton) dopo quattro decenni. “È stato bellissimo”, dice la Fielding. “È stato davvero bello rivedere il suo personaggio sullo schermo. I fan la adorano assolutamente, quindi è stato un vero piacere. E adoro la sceneggiatura – è favolosa. Un’idea davvero fantastica”.

Le riprese si sono svolte in un luna park a Southend. “Era notte fonda la settimana prima del giorno più lungo dell’anno, quindi il sole non era ancora tramontato, ma avevamo molto freddo”. Tuttavia, come Sutton ha reso evidente in un video dietro le quinte, il momento era stato preparato. “Porto spesso con me una borsa dell’acqua calda, perché è un ottimo modo per riscaldarsi un po’”, dice Fielding. “Sarah ha espresso la sua invidia per la mia borsa dell’acqua calda. In realtà, l’hanno fatto tutti. Pete doveva essere congelato – aveva una maglietta se ricordo bene. C’è un duro, e un duro!”.

Vedere Fielding accoccolato sotto una coperta è un’immagine familiare per gli spettatori della gamma Blu-ray, con le sue caratteristiche tipo Gogglebox, Dietro il divano. In questo caso, non è perché lo studio è freddo. “Non importa quanto sia caldo, mi piace guardare la televisione sotto una copertura di qualche tipo”, dice. “Mia cognata è proprietaria dell’Urban Sewing Lounge [a Brisbane] e nel corso degli anni mi ha fatto diverse cose patchwork, e poi altre persone mi hanno regalato delle coperte. Poi, come regalo per Peter Davison, [il produttore della gamma Blu-ray] Russell Minton ha fatto una coperta ‘Everybody Loves Tegan’, che ho srotolato con orgoglio, con grande orrore di Peter!”. Ride. “Lo amo davvero!”.

Leggi di più  Lord & Miller parlano della stagione 3 di The Afterparty: "Abbiamo molti piani".

Con l’imminente cofanetto, la Fielding sarà apparsa in un record di 10 stagioni di Behind The Sofa. “Questo perché sono così bugiarda”, afferma, con aria di sfida. Sa che il suo stile è popolare tra i telespettatori. “È iniziato negli anni ’90, quando io e Peter [Davison] facevamo i commenti sui DVD”, spiega. “Eravamo più onesti della maggior parte. Volevamo renderlo più interessante. Potevamo essere scortesi l’uno con l’altro, gli effetti speciali e cose del genere se non funzionavano. Dicevamo le cose come stavano”.

La Fielding ha guardato (e commentato con grande onestà) decine di storie classiche di Doctor Who negli ultimi due anni. Che cosa ha imparato sullo show? “Dio, non lo so”, ride, fermandosi a riflettere su un aspetto della serie che risuona chiaramente con lei. “Ho imparato che Doctor Who ha una cultura molto ricca e che molte persone lo trovano un luogo molto bello in cui fuggire. E con il tempo si scopre che ha significato molto per le persone in vari momenti di crisi della loro vita. Per questo motivo occupi un posto nel loro cuore. E questo è un posto molto privilegiato in cui trovarsi”.

Il team Tegan

Doctor Who

(credito immagine: BBC)

Per quanto riguarda le storie, le piace guardarle? “No. Non se ci sono io. Posso godermele se ci sono altri, ma non se ci sono io”. La stagione 20 – che include ruoli di primo piano per Tegan in “Snakedance” e “Enlightenment” – si rivelerà per lei una visione più impegnativa del solito, quindi. Nonostante i suoi bei ricordi della serie classica, la Fielding preferisce il Doctor Who del 21° secolo. “Penso che lo sviluppo dei personaggi sia migliore al giorno d’oggi e questo lo rende più universale”, dice, “ma potrei sbagliarmi. Aveva un grande seguito all’epoca e ce l’ha anche adesso, quindi è ovvio che mi sbagli.

“La fantascienza è una bestia molto strana, non è vero? Le persone diventano molto affezionate. Penso che in parte sia un luogo di evasione e anche di esplorazione. Si possono esplorare tutti i tipi di idee e concetti diversi. Molto spesso le storie sono analogie, o esplorano temi attuali, presenti nel mondo più ampio”. Il cofanetto in arrivo include diversi nuovi documentari. Vedremo Fielding, Sutton e Davison durante un viaggio in macchina verso la convention Timelash a Kassel, in Germania – “Ci siamo divertiti molto. Abbiamo bisticciato per tutto il viaggio!” – e durante una visita ad Amsterdam, dove hanno girato “Arc Of Infinity” nel 1982. Questo ha comportato un incontro con il fan club olandese di Doctor Who.

Ero stato da qualche parte e qualcuno del fan club mi aveva dato un biglietto da visita. Ho detto a Russell: “Perché non ci mettiamo in contatto con queste persone?” Ed è quello che abbiamo fatto. Pensavano che ci sarebbe stata una troupe della BBC, ma non si sono resi conto, prima di arrivare sul posto, che ci saremmo stati anche noi”. Il cast si è unito al fan club in una gita in barca, durante la quale ha risposto alle domande e ha autografato i cimeli, prima di rivisitare diversi luoghi delle riprese originali.

Leggi di più  Aardman incontra Star Wars: How Wallace e Gromit's Studio è andato in una galassia lontana, molto lontana

“Il problema era che il Pride stava per accadere, quindi tutto era cambiato”, dice Fielding. “C’erano cose in tutta la città, quindi era molto diverso. Ma mi sono divertito molto”. Prima che Fielding torni in studio, SFX fa un’osservazione. In tutti gli anni in cui ha registrato per Big Finish, non è ancora apparsa in uno spettacolo con il suo Dottore originale, Tom Baker. C’è un motivo particolare?

Doctor Who

(Immagine di credito: BBC)

“Ho fatto solo una storia con Tom [in televisione]”, dice, “quindi in pratica lui le fa sempre fare a Lou [Jameson]”. La prima apparizione della Fielding in “Logopolis” ha coinciso con la partenza di Baker, quindi i due hanno lavorato insieme solo di sfuggita. Baker era una presenza accogliente sul set? “No”, afferma onestamente. “Non era una presenza accogliente sul set. Al contrario”. Fa una pausa. “È stato molto tempo fa. Ora non ho sentimenti forti al riguardo, né in un senso né nell’altro”. Non è un segreto che Baker fosse stanco e frustrato quando il suo incarico nel programma è giunto al termine.

Fortunatamente, l’esperienza di Fielding con il Quinto Dottore e i suoi colleghi è molto diversa. “Look, that’s my team. And it’s a bit like my last lines [on the show]: I want to do something that I’m going to enjoy. I know I’ll enjoy working with Peter and, when I did ‘The Power Of The Doctor’, I knew that I’d enjoy working with Sophie. Do you know what I mean? Why bust a gut to work with someone when you may or not enjoy working with them? “I don’t know. People tell me that Tom’s changed a lot, and he says he has. But I don’t know. We did a DVD commentary together, him, Chris Bidmead [script editor] and me. That was fine. “The thing is,” she continues, “I don’t feel particularly relaxed with Tom. I don’t feel unrelaxed but… Yeah. On the other hand, Pete [Davison] and I take the piss out of each other all the time, and I like to operate on that level. It’s very Australian.”

A diciassette anni dal suo debutto in Big Finish, il tempo trascorso dalla Fielding negli studios con “Squadra 5” non è meno piacevole. Continuerà a interpretare Tegan fino a quando le verrà chiesto. “Perché non dovrei? Mi diverte!”. Una notizia da urlo per i fan di Doctor Who. Ora, qualcuno può dirci dove possiamo comprare una di quelle coperte di Tegan?

Doctor Who: The Collection Stagione 20 è disponibile per l’acquisto. Per un ulteriore divertimento fantascientifico, consulti la nostra lista dei migliori film di fantascienza di tutti i tempi.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.