Anche se World of Warcraft si avvicina al suo 20° anniversario, il produttore esecutivo dell’MMO promette che “la Saga di Worldsoul è una base per il nostro futuro”.

World of Warcraft celebrerà una serie di pietre miliari nel 2024. Uno dei migliori MMO di tutti i tempi celebrerà il suo 20° anniversario dando il via alla Saga di Worldsoul, una trilogia di espansioni che traccerà un nuovo capitolo della storia di Azeroth, a partire da The War Within. WoW Classic festeggerà il suo quinto compleanno con il ritorno di Cataclysm, posizionando l’espansione divisiva accanto ad alcune esperienze stagionali lungimiranti. È un momento emozionante per Warcraft, e il vicepresidente e produttore esecutivo del gioco afferma che non abbiamo ancora visto nulla.

Mi sono seduto con Holly Longdale per avere un’idea di ciò che il futuro riserva a World of Warcraft. È incredibile, davvero, che Blizzard Entertainment stia ancora spingendo per sorprendere e deliziare i giocatori dopo 20 lunghi anni. The War Within, che le permetterà di scendere nelle profondità oscure di Azeroth per la prima volta, mi è stato descritto come un “rischio enorme”, ma che – se Longdale e i suoi colleghi riusciranno a farlo bene – getterà le “basi” per la continua evoluzione ed espansione di Warcraft.

Qui di seguito troverà la mia conversazione con Longdale, in cui affrontiamo le domande relative alla Saga di Worldsoul, il motivo per cui Blizzard non è interessata a portare avanti World of Warcraft Classic Plus e il motivo per cui il team non ha intenzione di fare tabula rasa una volta che l’ultima avventura di Anduin e Thrall sarà terminata.

In conversazione conIn conversazione conHolly LongdaleProduttore esecutivo di World of Warcraft

Holly Longdale è il produttore esecutivo e vicepresidente di World of Warcraft. È entrata a far parte di Blizzard nel 2020, dove la sua prima missione è stata quella di contribuire a portare le fasi finali di World of Warcraft Classic – tra cui il lancio di Zul’Gurub e l’apertura dei reami dei Cancelli di Ahn’Qiraj – nel gioco dal vivo. Veterana di 18 anni dell’industria dei videogiochi, Holly ha lavorato come produttrice per una varietà di giochi ed esperienze online presso gli studi Disney, e ha lavorato come designer e infine produttrice esecutiva dei classici MMO EverQuest e EverQuest 2 prima che il suo viaggio la portasse ad Azeroth.

World of Warcraft: The War Within keyart

(Immagine di credito: Blizzard)

GamesRadar+: Il 2024 sarà un anno enorme per World of Warcraft. Non solo l’MMO celebrerà il suo 20° anniversario, ma Modern riceverà l’espansione The War Within e Classic il ritorno di Cataclysm. Cosa ne pensa della situazione attuale di Warcraft e di ciò che sta diventando?

Holly Longdale: Per quanto riguarda Modern, mi sembra che abbiamo iniziato questo viaggio dopo Dragonflight. È davvero difficile sopravvalutare non solo l’ottimo lavoro svolto dal team, ma anche la differenza che sta facendo la nostra cadenza di contenuti. Stiamo ampliando le cose, che si tratti di Onde Temporali Turbolente, di investire nuovamente nelle vacanze o di assicurarci che le nostre patch siano davvero accessibili. Stiamo attraversando questo processo di comprensione, e non pretendiamo di averlo capito. Stiamo ancora imparando molto e ci spingeremo fino al prossimo anno, facendo più esperimenti. Questo è molto importante per World of Warcraft: siamo sempre orientati verso i giocatori.

Con Classic, siamo stati in grado di impazzire un po’. Il team ha detto che vuole fare una stagione in cui si lanciano le cose in aria e si vede dove atterrano, e hanno ideato la Stagione della Scoperta. L’hardcore è nato da un punto simile: abbiamo visto che i giocatori creavano le loro sfide hardcore, quindi perché non sostenerle con qualcosa di ufficiale? Si tratta di aiutare i nostri team di sviluppo a capire il pubblico meglio di chiunque altro.

Leggi di più  Cyberpunk 2077 Quest Director Address Fan Fans Delisment per la trama di ramificazione limitata del gioco

Quando dice che state ancora imparando molto, come influisce su ciò che proponete ai giocatori?

Abbiamo accesso a molti dati e feedback dai forum, quindi dobbiamo trovare un equilibrio tra i due. È stato molto interessante vedere ciò che i giocatori fanno realmente, ossia una maggiore varietà di stili di gioco. Sono molto orgoglioso del team, perché tutto ciò che stiamo vedendo in questo momento è senza precedenti – sento che abbiamo davvero trovato qualcosa di speciale sia in Modern che in Classic. Guardando alle prossime tre espansioni, prenderemo ciò che stiamo imparando sui giocatori e lo investiremo nel gioco; il team è davvero entusiasta di questo. Il bello di Classic è che stiamo cercando di capirlo man mano che andiamo avanti, man mano che capiamo cosa vogliono i nostri giocatori. Ora abbiamo la libertà di farlo.

Foto di Holly Longdale, produttrice esecutiva di World of Warcraft

(Immagine di credito: Blizzard Entertainment)

“La Stagione della Scoperta sembra un’ottima opportunità per sperimentare”.

Holly Longdale, produttore esecutivo

Mi sembra che il team Classic abbia dovuto fare una scelta, se spingere in una nuova direzione dopo Wrath of the Lich King o proseguire verso Cataclysm. Perché avete deciso di continuare a seguire la linea temporale delle uscite Modern?

Con Cataclysm – poiché comprendiamo le nostre comunità e abbiamo vissuto Cataclysm, abbiamo iniziato a chiederci: “Dovremmo farlo?”. Abbiamo condotto dei sondaggi e analizzato i dati (è difficile esprimere quante cose abbiamo esaminato), ma quando i sondaggi sono stati pubblicati, il numero di persone che hanno detto: “Beh, in realtà Cataclysm mi è piaciuto molto” è stato sorprendentemente positivo. Ne siamo stati entusiasti. Ma ovviamente, se volevamo fare Cataclysm, doveva avere quel sapore classico.

[Q] Ed è qui che iniziamo a vedere idee come la Stagione della Scoperta. Si tratta di un nuovo approccio al gioco, quindi suppongo che la domanda sia: quanto potrebbe divergere il Classico dal modello originale?

Quindi, l’espressione ‘Classic Plus’ viene fuori in continuazione, e nessuno è d’accordo su cosa significhi esattamente.

[D] Faccio parte della comunità di Warcraft da qualche decennio, ed è raro trovarla così divisa!

In fondo, credo che quello che i giocatori chiedono sia: ‘Amiamo il Classico, ma fatene qualcosa di bello’. Giusto? E quindi Season of Discovery è come una sorta di passo nell’acqua. Tipo: “Ok, che ne dici di questo? Sa, l’idea della stagione è nata dal modo in cui abbiamo testato le classi, ossia per fasce di livello, e dal modo in cui i giocatori hanno creato i propri endgame all’interno di queste fasce di livello. Abbiamo pensato che fosse molto divertente e abbiamo deciso di costruire qualcosa intorno a questo. Ma un’altra parte di Classic, che rappresenta la sua essenza – almeno per ora, naturalmente tutto può cambiare – è che è costruito fondamentalmente su ciò che è venuto prima.

Se dovessimo mai dire, ok, stiamo per – di nuovo, sto solo parafrasando ciò che alcuni chiamano ‘Classic Plus’ – costruire una zona completamente nuova o una strana linea temporale o una specie di multiverso, questo è un discorso più lungo. Quindi la Stagione della Scoperta sembra un’ottima opportunità per sperimentare. Per provare qualcosa di diverso, proprio come abbiamo fatto con Hardcore, che è stato un altro esperimento. Sa, il classico è davvero una cosa rara e bellissima.

Leggi di più  Non vedo l'ora di vedere dove andrà Starfield dopo aver visto la crescita di RPG come Cyberpunk 2077 e Baldur's Gate 3.

World of Warcraft: La guerra dentro screenshot

(Immagine di credito: Blizzard)RELATIVO

World of Warcraft potrebbe finalmente arrivare su Xbox? Holly Langdale dice che “ne parliamo sempre”.

Annunciare tre espansioni contemporaneamente è una grande dichiarazione di intenti. In che modo la Saga di Worldsoul ha influenzato il suo approccio allo sviluppo e all’evoluzione di World of Warcraft?

Una delle cose davvero interessanti dell’idea di fare tre espansioni è che ha riunito un team di dimensioni piuttosto significative intorno alla storia. Sappiamo cos’è dall’inizio alla fine, il che significa che ci sono dei fili tra tutte le espansioni che sono significativi. Il nostro team, così come i nostri giocatori, sono davvero guidati dalla passione per le idee e la creatività. Si stanno allenando tutto il tempo e stanno lavorando più avanti di quanto non abbiano mai fatto in passato. Questo dà loro un’incredibile fiducia, che permette anche di fare qualche invenzione.

Le nuove caratteristiche evergreen che debuttano in The War Within – Delves, Warbands, Hero Talens e così via – sono il risultato di questa visione più ampia della prossima direzione del franchise?

La lungimiranza di sapere come The War Within porterà alla prossima espansione e all’espansione successiva ci mette in una posizione davvero unica e libera il team di pensare un po’ più in grande a lungo termine. Si tratta di un’opportunità davvero unica e rara, e il feedback costante che otterremo sarà incredibile. È la cosa più divertente che ho fatto in questo lavoro da molto tempo a questa parte, perché il viaggio sarà così duraturo e i giocatori lo vedono.”

La Saga di Worldsoul eviterà la struttura di rilascio biennale, che World of Warcraft segue dal rilascio di Wrath of the Lich King nel 2008. Perché accelerare la velocità di rilascio delle espansioni ora?

Non si tratta necessariamente di un’idea nuova, è solo che finalmente siamo in grado di affrontarla. Basta guardare Dragonflight, dove, ogni otto settimane, abbiamo rilasciato dei contenuti significativi basati su uno stile di gioco. E’ stato un successo. Dai dati in nostro possesso, tutto è senza precedenti per quanto riguarda il modo in cui i giocatori stanno apprezzando il gioco in questo momento, in base ai diversi modi di giocare. Tutto dice che i giocatori vogliono solo più contenuti con cui giocare e vogliono divertirsi di più. Ecco cosa sta guidando questa decisione, e non c’è nessun’altra ragione al di fuori di questo. Sì, le espansioni di World of Warcraft sono un lavoro monumentale di amore, ma pensiamo di poterlo fare più velocemente. Abbiamo investito nel team per renderlo più veloce. Perché per noi è molto chiaro che i giocatori lo vogliono, ed è per questo che esistiamo.

Ancora il trailer di Anduin Worldsoul Saga

(Immagine di credito: Blizzard)

“Esistiamo grazie ai nostri giocatori e vogliamo sempre migliorare”.

Holly Longdale, produttore esecutivo

Rivelare tutte e tre le espansioni in una volta sola è un rischio? Avete tracciato una lunga tabella di marcia e vi siete assunti la responsabilità di rispettarla, il che comporta sicuramente una maggiore pressione sulla realizzazione di grandi idee e nuove funzionalità.

Leggi di più  Resident Evil 4 Remake su Xbox?

È un rischio assolutamente enorme, ma lo dobbiamo ai nostri giocatori. Possiamo semplicemente continuare… Beh, voglio dire, avremmo potuto continuare a farlo come abbiamo fatto finora. Ma non vogliamo! Sa, siamo arrivati al traguardo dei 20 anni – è fantastico, e questa squadra è davvero incredibile per averlo raggiunto. E per i prossimi 20 anni, guardiamo le cose in modo diverso. Corriamo dei rischi, come impegnarci in tre espansioni. Credo in questa squadra e nella nostra capacità di raggiungere una qualità incredibile, di deliziare i giocatori e di creare qualcosa di fantastico. Ma sì, ovviamente è rischioso.

Ovviamente, è difficile guardare al di là della Saga di Worldsoul in questo momento, ma lei vede questo come il culmine di una storia che si sta costruendo dal 2004, o come la costruzione di una base per il futuro? Suppongo che la mia domanda sia se questa trilogia di espansioni alla fine spingerà verso una tabula rasa che Blizzard potrebbe usare per ricominciare.

L’idea di una ‘tabula rasa’ non è una conversazione che abbiamo avuto. Quando si parla di costruire una base, è esattamente quello che stiamo facendo. Ovviamente non stiamo parlando di funzionalità per le espansioni future in questo momento, ma non credo che passeremo un mese senza fare qualche tipo di aggiornamento tecnico. Non saprei nemmeno come disegnare un’immagine di come avvengono le conversazioni in questo team; così tanti fili che vanno in direzioni rapide dalla tecnologia, ai progressi, alle invenzioni di come giochiamo. Continueremo ad andare avanti, perché amiamo World of Warcraft.

Quindi no, nessuna tabula rasa… finché i giocatori non ci diranno che non la vogliono, continueremo ad andare avanti. Esistiamo grazie ai nostri giocatori, e vogliamo sempre migliorare – essere più attenti, e allungare la strada per portare WoW in futuro. In particolare con questo viaggio. Quindi sì, la Saga di Worldsoul è una base per il nostro futuro. Tutto ciò che facciamo è un’esperienza di apprendimento; guardi ciò che abbiamo realizzato nell’ultimo anno. Facciamo qualcosa e cambiamo, miglioriamo o (speriamo) riconosciamo che quello che stiamo facendo è la cosa giusta per i giocatori e diventiamo più radicati in quell’idea. E continueremo a farlo.

Sa, abbiamo sempre avuto la sensazione che un maggior numero di contenuti potesse rendere felici le persone [risate], ma questo è il bello di ciò che siamo stati in grado di fare con un team così grande come quello che abbiamo. Possiamo concentrare le nostre energie su dove investire, soprattutto quando ci imbattiamo in cose che non ci aspettavamo. Perciò abbiamo in serbo dei piani davvero fantastici per il prossimo anno, per dare nuova vita a World of Warcraft, pur mantenendo tutto ciò che i giocatori si aspettano. Questo è il primo passo per costruire una base e per capire dove possiamo arrivare.

Cosa ci aspetta? Per scoprire cosa c’è in serbo per World of Warcraft: The War Within, WoW Classic Cataclysm, Diablo 4: Vessel of Hatred e Overwatch 2, consulti tutti i nostri reportage esclusivi dalla BlizzCon 2023.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.