Baldur’s Gate 3 mi ha convinto a provare l’ultimo RPG di Larian, acclamato dalla critica, e sta rapidamente diventando la mia nuova ossessione.

Nei videogiochi non si dovrebbe assolutamente cercare di abbassare la propria salute di proposito, giusto? Eppure eccomi qui, in Divinity Original Sin 2, a mettere questa logica nel cestino. In questo momento, sto cercando attivamente di farmi male nel bel mezzo di una battaglia. Non sto nemmeno combattendo, mi limito a spammare la fine del turno per ogni membro del gruppo finché un personaggio non subisce abbastanza colpi. Mi sembra tutto sbagliato, come se mi stessi preparando a cadere, ma dopo aver visto come può andare a finire se mi comporto diversamente, devo seguire il mio istinto. Se resisto, posso evitare lo spargimento di sangue. Lo so e basta. Mi sento sicuro di verificare questa teoria solo grazie all’ultimo gioco di ruolo di Larian, perché se Baldur’s Gate 3 mi ha insegnato qualcosa, è che le soluzioni o i metodi per risolvere i conflitti non sono sempre quelli più convenzionali.

La battaglia si conclude non con la mia morte, ma quando la barra della salute del mio personaggio si abbassa a sufficienza. Tutte le persone coinvolte nel combattimento vivono un altro giorno e la mia determinazione a non reagire viene immediatamente ricompensata. Volevo provare Divinity Original Sin 2 da anni, e incontri come questo mi fanno rimpiangere di averci messo così tanto. Da fan sfegatato dei giochi di ruolo, ho sempre guardato con interesse alla tanto acclamata avventura di Larian. Dopotutto, ha un sacco di ingredienti che mi interessano direttamente: compagni, storie d’amore, scelte e conseguenze, e un’abbondante dose di gioco di ruolo. Mi è stato consigliato più volte da quando è uscito per la prima volta nel 2017, ma solo dopo aver imparato a giocare a Baldur’s Gate 3 mi sono sentito veramente sicuro di poter andare avanti con i suoi sistemi.

Un nuovo inizio

Divinity Original Sin 2

(Immagine: Larian Studios)

Dopo essere tornato a Dragon Age Origins grazie a Baldur’s Gate 3, la voglia di provare qualcosa di nuovo in un filone simile si è intensificata. Ho pensato subito a Divinity Original Sin 2 e, guarda caso, la Definitive Edition era in vendita su PS4. Tutte le stelle sembravano allinearsi e ho dovuto prenderlo come un segno: era il momento giusto per tuffarsi finalmente nel gioco.

Nei videogiochi non si dovrebbe assolutamente cercare di abbassare la propria salute di proposito, giusto? Eppure eccomi qui, in Divinity Original Sin 2, a mettere questa logica nel cestino. In questo momento, sto cercando attivamente di farmi male nel bel mezzo di una battaglia. Non sto nemmeno combattendo, mi limito a spammare la fine del turno per ogni membro del gruppo finché un personaggio non subisce abbastanza colpi. Mi sembra tutto sbagliato, come se mi stessi preparando a cadere, ma dopo aver visto come può andare a finire se mi comporto diversamente, devo seguire il mio istinto. Se resisto, posso evitare lo spargimento di sangue. Lo so e basta. Mi sento sicuro di verificare questa teoria solo grazie all’ultimo gioco di ruolo di Larian, perché se Baldur’s Gate 3 mi ha insegnato qualcosa, è che le soluzioni o i metodi per risolvere i conflitti non sono sempre quelli più convenzionali.

Leggi di più  Suggerimenti e trucchi per ottenere un ottimo affare su un computer portatile da gioco

La battaglia si conclude non con la mia morte, ma quando la barra della salute del mio personaggio si abbassa a sufficienza. Tutte le persone coinvolte nel combattimento vivono un altro giorno e la mia determinazione a non reagire viene immediatamente ricompensata. Volevo provare Divinity Original Sin 2 da anni, e incontri come questo mi fanno rimpiangere di averci messo così tanto. Da fan sfegatato dei giochi di ruolo, ho sempre guardato con interesse alla tanto acclamata avventura di Larian. Dopotutto, ha un sacco di ingredienti che mi interessano direttamente: compagni, storie d’amore, scelte e conseguenze, e un’abbondante dose di gioco di ruolo. Mi è stato consigliato più volte da quando è uscito per la prima volta nel 2017, ma solo dopo aver imparato a giocare a Baldur’s Gate 3 mi sono sentito veramente sicuro di poter andare avanti con i suoi sistemi.

Baldur's Gate 3

Un nuovo inizio

(Immagine: Larian Studios)

Dopo essere tornato a Dragon Age Origins grazie a Baldur’s Gate 3, la voglia di provare qualcosa di nuovo in un filone simile si è intensificata. Ho pensato subito a Divinity Original Sin 2 e, guarda caso, la Definitive Edition era in vendita su PS4. Tutte le stelle sembravano allinearsi e ho dovuto prenderlo come un segno: era il momento giusto per tuffarsi finalmente nel gioco.

La prima cosa che ho dovuto decidere è stata quella di chi impersonare, cosa non semplice quando si viene accolti in un gioco con un cast di intriganti personaggi già affermati tra cui scegliere. Proprio come Baldur’s Gate 3, Divinity permette di creare il proprio personaggio personalizzato o di impersonare uno dei personaggi originali già pronti. Dopo aver letto molti, molti thread su Reddit, il consenso era che giocare nei panni di un personaggio originale era una buona scelta per i principianti come me, e anche se ci sono un sacco di casi online su chi è meglio scegliere, ho deciso di scegliere l’origine che mi chiamava di più. Il più delle volte sono attratto da individui con la lingua d’argento, con qualità da furfante, con un’aria di mistero o con un’attitudine creativa. In Baldur’s Gate 3, il bardo è di gran lunga la mia classe preferita quando si tratta di giocare di ruolo.

Sviluppo del personaggio

Divinity Original Sin 2

(Immagine: Larian Studios)

Leggi di più  Core corazzato 6 sembra l'esatto opposto dell'anello di Elden in così tanti modi che non mi aspettavo

Il mio PNG preferito di Baldur’s Gate 3 è tutto ciò che amo del gioco di ruolo di Larian: “Non avevo idea che ci sarebbero stati dei Rolaniti, una nazione Rolan o un impero Rolan”.

Con questo in mente, Lohse ha spuntato molte di quelle caselle per me tra i possibili personaggi. Non solo è una musicista e una performer con le battute di un giullare, ma ha anche un segreto piuttosto intrigante. Secondo le parole di Lohse, il suo corpo è “un parco giochi per folletti, spiriti… e peggio”, e una voce più forte di tutte le altre sembra voler prendere il controllo del suo corpo. In effetti, come scoprirò in seguito, è proprio quella voce che ha portato alla sfortunata schermaglia in cui ho dovuto lasciare che venisse colpita più volte per evitare di uccidere un elfo che avevo aiutato a salvare poco prima.

Finora ho appena scalfito la superficie della sua storia, ma fin da subito ho apprezzato il modo in cui Divinity Original Sin 2 mi ha presentato opzioni di dialogo uniche per Lohse e i suoi talenti. Mi sono sentito come se stessi giocando nei suoi panni dal momento in cui mi sono risvegliato su una nave, catturato e messo alle strette dai Magister. L’intera impostazione dell’avventura è altrettanto allettante di Baldur’s Gate 3, quando il mio viaggio a bordo della prigione a vela subisce una brusca inversione di marcia grazie a una misteriosa figura che scatena il caos e a un… kraken? Non so ancora cosa stia succedendo o cosa ci sia in serbo per Lohse, ma non vedo l’ora di scoprirlo.

Una parte da recitare

Divinity Original Sin 2

(Crediti immagine: Larian Studios)

Nei videogiochi non si dovrebbe assolutamente cercare di abbassare la propria salute di proposito, giusto? Eppure eccomi qui, in Divinity Original Sin 2, a mettere questa logica nel cestino. In questo momento, sto cercando attivamente di farmi male nel bel mezzo di una battaglia. Non sto nemmeno combattendo, mi limito a spammare la fine del turno per ogni membro del gruppo finché un personaggio non subisce abbastanza colpi. Mi sembra tutto sbagliato, come se mi stessi preparando a cadere, ma dopo aver visto come può andare a finire se mi comporto diversamente, devo seguire il mio istinto. Se resisto, posso evitare lo spargimento di sangue. Lo so e basta. Mi sento sicuro di verificare questa teoria solo grazie all’ultimo gioco di ruolo di Larian, perché se Baldur’s Gate 3 mi ha insegnato qualcosa, è che le soluzioni o i metodi per risolvere i conflitti non sono sempre quelli più convenzionali.

Leggi di più  Atlus ritira rapidamente Persona 5 Tactica dopo il lancio accidentale con oltre una settimana di anticipo su Steam

La battaglia si conclude non con la mia morte, ma quando la barra della salute del mio personaggio si abbassa a sufficienza. Tutte le persone coinvolte nel combattimento vivono un altro giorno e la mia determinazione a non reagire viene immediatamente ricompensata. Volevo provare Divinity Original Sin 2 da anni, e incontri come questo mi fanno rimpiangere di averci messo così tanto. Da fan sfegatato dei giochi di ruolo, ho sempre guardato con interesse alla tanto acclamata avventura di Larian. Dopotutto, ha un sacco di ingredienti che mi interessano direttamente: compagni, storie d’amore, scelte e conseguenze, e un’abbondante dose di gioco di ruolo. Mi è stato consigliato più volte da quando è uscito per la prima volta nel 2017, ma solo dopo aver imparato a giocare a Baldur’s Gate 3 mi sono sentito veramente sicuro di poter andare avanti con i suoi sistemi.

Un nuovo inizio

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.