Frazer Hines sul ritorno a Doctor Who e sulla scrittura di un “adattamento fedele” della serie

Il seguente articolo è apparso per la prima volta nel numero di ottobre 2023 della rivista SFX. Può acquistare una copia cartacea qui.

Sei dei sette episodi dell’avventura di Doctor Who del 1967 ‘The Evil Of The Daleks’ sono stati distrutti durante l’epurazione degli archivi televisivi degli anni ’70. Nonostante ciò, la storia ha goduto di una certa popolarità. Nonostante ciò, la storia ha goduto di una vita ultraterrena straordinariamente sana, vantando una pletora di pubblicazioni, tra cui colonne sonore in vinile e CD e un’animazione a colori.

Con la pubblicazione di un romanzo di Frazer Hines, l’esplosivo confronto del Dottore con i suoi più grandi nemici è stato raccontato dalla prospettiva della sua compagna Jamie McCrimmon. Nessuno conosce Jamie meglio di Hines, che è stato in grado di fornire una visione unica del personaggio che dà vita alla storia in un modo completamente nuovo.

Portato al libro

Frazer Hines in Doctor Who

(Immagine di credito: BBC)

L’approccio iniziale di BBC Books, tuttavia, ha incontrato una certa esitazione da parte dell’attore. “Ho detto: ‘Non posso scrivere un libro'”, racconta Hines a SFX. “Di solito sono abituato a dire le battute, non a scriverle”. Ma l’offerta di un editor attivo è stato l’incoraggiamento di cui aveva bisogno.

“C’erano molte cose che dovevo includere”, dice. “Quando si guarda lo show in TV, ci sono due uomini che si guardano intorno, si avvicina un’auto, uno scende, fa un cenno all’altro uomo e salgono. Poi Jamie e il Dottore li inseguono. Ho dovuto scrivere tutto questo: ‘L’uomo e la donna si guardano con imbarazzo, lui salta fuori, gli dà un colpo in testa…'”.

Il romanzo di Hines è un adattamento fedele della storia. “Avevo qualcuno, non proprio che mi guardava le spalle, ma che si assicurava che rimanessi in carreggiata”, dice. “Il copione non era considerato come scritto nella pietra, quindi avevo una certa flessibilità”. Per questo motivo, “non potevo aggiungere un mostro o un altro personaggio”.

I fan possono notare una serie di battute intime. Tuttavia, mancano alcuni degli input più stravaganti di Hines, che si ritiene siano stati cancellati. “È stato come quando ho scritto la mia autobiografia Hines Sight”, dice. “Io dicevo: ‘Ma è il mio libro!’ e loro mi dicevano: ‘Sì, ma non puoi dire questo e non puoi mettere quello’, quindi ero sotto una giurisdizione, per così dire, qualcuno che mi teneva d’occhio”.

Quattro mesi di scrittura sono stati un’esperienza divertente, anche se ‘solitaria’ per la ‘gregaria’ Hines. “Sono abituato a far ridere le persone, a rimbalzare su di loro e a scherzare. Stare da solo è molto disciplinato. Sono anche una persona piuttosto pigra. Non si può pensare semplicemente: ‘Oh, farò il libro la prossima settimana’. Si diventa un po’ distratti, sbattendo la testa contro un muro di mattoni”.

Leggi di più  Il creatore di The Lazarus Project spiega che la stagione 2 è "una bestia molto diversa".

“The Evil Of The Daleks” segue direttamente “The Faceless Ones”, un’avventura ambientata all’aeroporto di Gatwick. In quella storia, Jamie è spaventato dalla vista di una “bestia volante”.

L’infinita confusione e lo stupore di Highlander per le innovazioni degli anni ’60 e dell’Inghilterra vittoriana avrebbero potuto facilmente ostacolare il flusso del romanzo. Così Hines ha escogitato un’astuta soluzione. “Una volta qualcuno mi ha detto: ‘Ho notato che Jamie aveva un orologio. Sicuramente nel 1746 non avrebbe avuto un orologio?’ E io ho risposto: ‘Sapete che questo show va in onda il sabato sera? Beh, la domenica, cosa pensate che succeda nel TARDIS? È lì che il Dottore insegna a Jamie come leggere l’ora’. Ecco come aggirare il problema”.

Frazer Hines in Doctor Who

(Credito immagine: BBC)

In modo simile, il Jamie del romanzo sarà a conoscenza dei Dalek, nonostante li incontri per la prima volta nel serial televisivo. Dobbiamo presumere che il Dottore gli abbia dato informazioni sul suo più grande nemico durante una sessione di conoscenza della domenica sera.

“Non vedevo l’ora di incontrare i Dalek”, dice Hines a proposito della produzione televisiva. In effetti, non è riuscito a resistere a un esame ravvicinato di uno dei suoi co-protagonisti durante una pausa delle prove. “Sono andato in studio e ho aperto un Dalek, sono saltato dentro e ho tirato giù il coperchio. Ho camminato dicendo: ‘Sono un Dalek!’. Ma poi ho sentito arrivare qualcuno.

“Ho pensato che potesse essere l’addetto agli oggetti di scena, quindi sono rimasto fermo. C’è una legge non scritta che impone di non toccare gli oggetti di scena. Ma erano due attori. In realtà si sono appoggiati a me, perché non potevano vedermi – si può vedere fuori da un Dalek, ma nessuno può vedere dentro. Hanno iniziato a criticare lo spettacolo: ‘il copione fa schifo’ e tutto il resto.

“Dopo due minuti ho detto: ‘Ho sentito!’ e mi sono allontanato. Sono caduti perché si appoggiavano a me!”. Hines si è convinto a tenere la bocca chiusa: “Ho avuto birra gratis per tutta la settimana”, dice ridendo.

Al giorno d’oggi, “The Evil Of The Daleks” è ampiamente considerato un classico di Doctor Who. Nel 1967, la sceneggiatura era abbastanza interessante da attirare attori di alto profilo, tra cui John Bailey e Brigit Forsyth. “Sapevo che sarebbe stato uno show fantastico con quel cast”, dice Hines.

Il rispettato attore Marius Goring, che interpretava lo scienziato Theodore Maxtible, “si è subito immedesimato in tutti gli scherzi e le battute”, ricorda Hines. “Durante le prove continuava a dire: ‘Inserirò nel Dalek questo cervello suppositronico’. Alla fine Derek [Martinus, il regista] ha detto: ‘Non è cervello positronico, non suppositronico?’ E lui ha risposto: ‘Sì, hai visto il mio errore intenzionale'”.

Leggi di più  Jacob Romero Gibson su One Piece di Netflix: "C'è tanto cuore".

I pantaloni della zia

Frazer Hines in Doctor Who

(Immagine di credito: BBC)

Sulle tracce del TARDIS rubato, il Dottore e Jamie si ritrovano nel caffè alla moda Tricolour. Hines faceva parte della scena swinging anni ’60? “Oh, sicuramente”, annuisce. “Quando finivamo il venerdì o il sabato sera in studio, andavo al nightclub Hatchetts, o al The Scotch of St James. Un mio amico era il batterista dei Marmalade, Alan Whitehead. E Mike Wade, il cantante pop. Andavamo in giro e andavamo nei nightclub, a ballare tutta la notte – e a chiacchierare con le ragazze!”.

La Grim’s Dyke House a Harrow Weald, vicino a Londra, ha fornito degli interni adeguatamente vittoriani per la casa di Maxtible. “Non sono un grande amante dei set”, ammette Hines. “Sul posto si sentono proprio le porte pesanti e la polvere”. Ha tradotto queste esperienze in descrizioni evocative nel romanzo.

Victoria Waterfield, la futura compagna di viaggio del Dottore, è imprigionata nella casa dai Dalek. “Mi piaceva da morire perché era bellissima”, sorride Hines parlando della defunta Deborah Watling. “L’avevamo vista in uno show televisivo chiamato “Calf Love” [parte della serie The Wednesday Play], dove interpretava una persona molto simile a Victoria, in modo divertente. Era semplicemente adorabile.

“La mia prima battuta a Debbie è stata ‘Veloce, Miss Waterfield, su per il corridoio'”, continua Hines. Derek diceva: “Perché non puoi dirlo?” e Debbie rispondeva: “Non puoi dirlo a me, è così divertente!” Aveva un grande senso dell’umorismo, Debs, davvero”.

In una scena chiave, i Dalek tendono una trappola a Jamie, mettendo sul pavimento un fazzoletto con le iniziali VW – “Victoria Waterfield, non Volkswagen” – che lui deve trovare e raccogliere. Hines non ha resistito all’opportunità di fare uno scherzo a Watling.

“Avevo un paio di mutandine”, racconta. “Le ho prese dicendo: ‘Queste sono della signorina Waterfield, le riconoscerei ovunque!’ E naturalmente Debbie ha risposto: ‘Non sono mie! Giocando sulla gag originale, le mutandine sarebbero poi emerse dalla tasca superiore di Goring. “‘Sì, è una giornata molto calda…’. disse Marius, e si asciugò la fronte con le mutandine. Queste sono della signorina Waterfield. Le riconoscerei ovunque!

“Il bis è stato il Dalek che arrivava sul set con le mutandine alla fine del suo stantuffo”. Hines imita un Dalek: “Queste sono della signorina Waterfield. Le riconoscerei ovunque! Non so come abbiamo fatto a finire lo spettacolo!”.

La storia si ripete

Frazer Hines in Doctor Who

(Immagine di credito: BBC)

Con i Dalek distrutti in una battaglia esplosiva, il Dottore proclamò che era la “fine definitiva” per i suoi nemici più letali. Spoiler: non era così.

Undici mesi dopo, alla fine dell’avventura del 1968 “La ruota nello spazio”, l’astrofisica Zoe Herriot si unì all’equipaggio del TARDIS. Ma questo avvenne dopo i tentativi del Dottore di dissuadere la clandestina trasmettendo l’intera opera “The Evil Of The Daleks” sullo scanner del TARDIS tramite un copricapo telepatico. In realtà, si trattava di un’abile manovra del controllore di BBC1 (come si chiamava allora) Paul Fox, per programmare una replica che avrebbe mantenuto lo show in onda mentre i clienti abituali andavano in vacanza. “Abbiamo trascorso le nostre vacanze dicendo ‘Alla salute di Paul! “Siamo stati pagati per essere stati via. Meraviglioso!”.

Leggi di più  City On Fire Cast svela la nuova Apple TV più mistero dai creatori dell'O.C. e Gossip Girl

La storia si basa in modo abbastanza categorico su questa trasmissione ripetuta, rendendo “The Evil Of The Daleks” una prima novellizzazione di Doctor Who. Gran parte dell’azione sarà raccontata in terza persona dal punto di vista del Dottore, che racconta gli eventi a un’appassionata Zoe – che ha un ruolo significativo da interpretare lei stessa.

Poi, tra un episodio e l’altro, torneremo nel TARDIS per assistere al resoconto di prima mano di Jamie sull’avventura in corso. Se né Jamie né il Dottore erano presenti per l’azione televisiva, il TARDIS interverrà.

Come? Non lo sveleremo. “Ho dovuto usare molta licenza poetica”, dice Hines ridendo. “Altrimenti, avrei dovuto tralasciare gran parte della storia perché Jamie e il Dottore non c’erano”.

Doctor Who

(Credito immagine: BBC)

Hines ha registrato un audiolibro del romanzo, che ammette essere stato un po’ faticoso. “Ho detto: “Mai più””, ride. “Sono due giorni da solo. Se fa un’opera audio di Big Finish, ha degli attori con cui giocare e con cui rimbalzare, ma è solo lei e il regista in un altro piccolo cubicolo, e legge dalla prima pagina fino in fondo, fermandosi quando commette un errore. È una vita molto solitaria.

“È stato piuttosto difficile perché si tratta di 70.000 parole”, continua. “Inizialmente, volevano che lo registrassi in un giorno. Ho detto che non c’era modo. Potrei leggere un libro in un giorno da solo, ma nel momento in cui si inizia a leggere qualcosa ad alta voce, è difficile.

“Ho fatto molti errori e il tizio mi ha detto: ‘Ma l’hai scritto tu!’ Solo perché l’ho scritto, non significa che ho imparato 70.000 parole. È difficile”.

Con un po’ di torsione del braccio, Hines potrebbe essere convinto a scrivere un altro libro. Un forte concorrente sarebbe la sua prima storia, e la sua preferita, “The Highlanders”, che occupa un posto a lui caro.

“Se non l’avessi fatto, non sarei andato in Australia, Nuova Zelanda, America… Milton Keynes”, dice. Nel frattempo, il seguito di Hines Sight è in preparazione. “L’avevo iniziato, ma poi è arrivato ‘Evil’ e questo mi ha fatto perdere tempo”. La “fine definitiva”? Per “The Evil Of The Daleks”, è solo l’inizio.

Doctor Who: The Collection Stagione 20 è disponibile per l’acquisto. Per un ulteriore divertimento fantascientifico, consulti la nostra lista dei migliori film di fantascienza di tutti i tempi.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.