Ho trasformato Alan Wake 2 in un RPG investigativo carta e penna e mi sto divertendo un mondo.

Ogni volta che mi accingo a giocare una sessione di Alan Wake 2, ho bisogno di un blocco note e di una penna a portata di mano. Questo non è assolutamente un requisito quando si tratta di giocare al gioco survival horror di Remedy, ma è diventata una regola autoimposta. Proprio come Saga indaga sugli eventi bizzarri di Bright Falls, mi sento come se stessi facendo un lavoro da detective nella realtà. Ci sono così tanti piccoli dettagli da scoprire, uova di Pasqua da trovare e stranezze in generale sia in Alan Wake che in Saga Anderson, che ogni volta che trovo qualcosa di interessante, devo solo registrarlo e tenerne nota. Non so se questo mi aiuterà a scoprire qualcosa o a ottenere risposte utili, ma in tutta onestà non ha molta importanza. Si tratta solo della gioia del processo e di come mi sta facendo apprezzare la storia e l’ambientazione di Remedy.

Potrei essere ancora assolutamente terrorizzato per la maggior parte del tempo, ma questo non mi impedisce di esplorare ogni centimetro dell’ambiente. Dall’annotare frasi graffite sui muri, allo zoom sui cartelli o sulle decalcomanie più piccole, fino a risolvere i puzzle per trovare gli oggetti da collezione, sono costantemente costretta a catalogare le mie scoperte e a tenere d’occhio i potenziali indizi. Il mio desiderio di capire veramente tutto ciò che sta accadendo, e di scrostare tutti gli strati di questo mondo misterioso e oscuro, ha una forte presa su di me, e niente parla di questo più delle pagine riempite del mio taccuino.

Parole e testi

Immagine 1 di 3(Credito immagine: Remedy)(Credito immagine: Remedy)(Credito immagine: Remedy)

Essendo una grande fan del primo gioco, ero già entusiasta di vedere dove sarebbe andata la storia di Alan Wake 2. Dopo tutto, lo scrittore e famoso scrittore di Alan Wake è stato il primo ad averla scritta. Dopotutto, lo scrittore e famoso romanziere è scomparso da 13 anni, e con l’uscita di Control nel mezzo e il suo DLC con Wake, tante domande mi sono rimaste in testa prima dell’uscita del sequel. Quando è arrivato il momento di tornare finalmente a Bright Falls, non volevo perdermi nulla. Nonostante la trepidazione per la sua nuova direzione survival horror, nulla mi avrebbe impedito di soddisfare la mia curiosità. Fortunatamente, questa si è rivelata la mia salvezza, perché mi spinge costantemente a scoprire di più su Wake, Saga e il Luogo Oscuro. A tal punto, infatti, che spesso mi ritrovo a superare l’orrore solo per poter illuminare di più l’ambientazione e vedere cos’altro potrei scoprire.

Leggi di più  Un'esplorazione dell'originale Assassin's Creed, un'ouverture radicata nel metodo di recitazione.

Tazza piena di orrore

Alan Wake 2

(Immagine di credito: Remedy)

C’era un luogo di Alan Wake 2 che non vedevo l’ora di visitare, ma si è rivelato un puro carburante per gli incubi.

I miei appunti sono iniziati molto presto, quando una canzone ha iniziato a suonare alla fine del primo capitolo. Sto ancora affrontando il gioco, ma la musica è già un punto di forza, e non riesco mai a saltare nessuna delle canzoni che suonano come piccoli intermezzi tra le diverse sezioni della storia. Durante la prima canzone, mi sono davvero soffermata su di essa, prestando molta attenzione ai testi. Tutte le canzoni, come risulta, sono collegate tematicamente e raccontano una piccola storia a sé stante. Ogni volta che se ne sentiva una, non potevo fare a meno di prendere il mio taccuino e annotarla. Concentrandomi sui singoli versi, come se fossi nella mia versione personale del Mind Place nel mio salotto, ho iniziato a collegarli alla storia di Alan o di Saga.

Alan Wake 2

(Immagine di credito: Future)

Ma i miei appunti non si sono fermati qui. Una sezione particolare del gioco la porta in una metropolitana buia nei panni di Alan Wake, e lì c’è molto da leggere. I cartelli e i manifesti della stazione possono sembrare niente di straordinario da lontano, ma se si guarda più da vicino con la luce della torcia, si vedrà che in realtà sono messaggi. Alcuni sembrano estratti dalle pagine di uno dei romanzi di Wake, mentre altri sembrano righe di testo che sembrano essere indirizzate direttamente a Wake. Tutte le frasi interessanti che hanno attirato la mia attenzione sono finite nel mio blocco note, nella remota possibilità che potessero entrare a far parte della storia in seguito. Inoltre, volevo esaminare tutto ciò che avevo annotato in seguito. Tutto è lì per un motivo, dopo tutto, e io volevo saperlo.

Sono sicura che se qualcuno dovesse aprire questo quaderno, probabilmente sarebbe molto preoccupato senza alcun contesto. Con righe come “non scrivere”, “sono stato intrappolato da mille notti” e “ne uscirò vivo” scarabocchiate sulla pagina. Ma Alan Wake 2 mi ha completamente consumato con pensieri e teorie su dove sta andando tutto questo, e ne sto amando ogni secondo. Forse quando arriverò alla conclusione, tutti i miei appunti inizieranno ad avere un senso. Una cosa è certa: non vedo l’ora di scoprirlo.

Leggi di più  Final Fantasy 7 Day è ora una celebrazione pubblica ufficiale in Giappone

Ecco le migliori uova di Pasqua e i migliori riferimenti ad Alan Wake 2.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.