Il capitolo musicale di Alan Wake 2 non è solo un divertimento, ma mostra Remedy al suo meglio.

Un’opera power metal vichinga è in pieno svolgimento. Mi chino a prendere una pistola e una torcia, per addentrarmi in quello che diventa il mio capitolo di Alan Wake 2 preferito. Le scenografie sbiadite disseminano lo spazio, pantomimando il mondo noir poliziesco di The Dark Place all’esterno. La parola “nemici” è segnata sul pavimento con del nastro adesivo bianco, proprio sotto una freccia che punta dietro alcuni cespugli. Una rock star indica la strada da seguire con la paletta della sua chitarra. Io seguo obbediente.

Alan Wake: il musical. Sono quattro parole che non dovrebbero andare insieme, ma ora lo fanno. Passando tra schermi torreggianti in quello che sembra essere un teatro abbandonato, con frammenti di un’interpretazione musicale live-action del mio personaggio proiettati su ognuno di essi, non ho mai vissuto un capitolo del videogioco come ‘Initiation 4: We Sing’. È una prodezza della direzione del gioco che pone Remedy Entertainment in una posizione invidiabile in vista delle più ampie conversazioni sul Gioco dell’Anno, mostrando fino a che punto lo sviluppatore è disposto a spingersi in nome dell’innovazione – e della stranezza.

Il ruolo di una vita

Alan Wake 2 capitolo musicale

(Crediti immagine: Epic Games) “Un sequel fantasioso e veramente ambizioso”.

Alan Wake 2 episodio musicale

(Immagine: Epic Games)

Consulti la nostra recensione di Alan Wake 2 per capire di cosa si tratta.

Scacciare le ombre al ritmo della storia della vita di Alan è un momento ineguagliabile dell’anno per me. Adoro gli spettacoli di Broadway quanto il prossimo ex drammatico, ma di solito trovo che gli episodi musicali di qualsiasi altra cosa siano esperienze davvero terribili. Consideri queste parole ufficialmente consumate, perché questo intero capitolo di Alan Wake 2 è un’opera multimediale di arte videoludica sconvolgente che offre sia stile che sostanza.

All’inizio del quarto capitolo giocabile di Alan, sia io che il personaggio stiamo finalmente entrando nel vivo della situazione. “Niente più sorprese”, borbotta Alan, prima di interagire con la TV e riceverne una piuttosto grande. Le componenti di azione dal vivo introdotte negli episodi precedenti qui prendono una piega drammatica in più di un senso, in quanto Alan diventa uno spettatore della sua stessa vita.

Completo di pause di danza, artisti di supporto, luci di scena e una colonna sonora da opera rock, la vera maestria di ‘We Sing’ sta nel modo in cui si naviga. Non si tratta di una cutscene, come nei singalong di Dragon Age: Inquisition e Saint’s Row: Gat Out of Hell, rispettivamente, ma di una sequenza di gioco completamente interattiva costruita intorno a un musical in live-action.

Leggi di più  C'era un luogo di Alan Wake 2 che non vedevo l'ora di visitare, ma si è rivelato un puro carburante per gli incubi.

Alan Wake 2 musical

(Immagine di credito: Epic Games)

Attraversare lo spazio ed esplorare a mio piacimento è un’esperienza fuori dal corpo unica in un videogioco. Alan scolpisce sagome nere solide contro le proiezioni sullo schermo mentre mi muovo attraverso di esse, creando un pezzo di teatro da passeggio tentacolare ma fluido. Il testo di una canzone, Herald of Darkness, mi guida attraverso le vignette, raccontando gli eventi del primo gioco di Alan Wake e offrendo uno sguardo al futuro del personaggio.

“Mostrami il campione della luce, ti mostrerò l’Araldo delle Tenebre”, inizia il ritornello mentre prendo la pistola lanciarazzi appena acquistata da Alan, sparando direttamente contro un’orda di nemici oscuri. Un assolo di chitarra mi dà la carica, mentre altri nemici sfrecciano sul mio cammino. Lo sviluppatore è noto per aver sfruttato i media misti nel suo lavoro, e naturalmente l’heavy metal si abbina ai giochi sparatutto come un vino pregiato. Ma questa esperienza è un territorio completamente nuovo sotto tutti i punti di vista, anche per i già audaci standard crossmediali di Remedy.

Portatore di torce

Alan Wake 2 episodio musicale

(Credito immagine: Epic Games)

Remedy ha dato il proprio tocco al temuto tropo dell'”episodio musicale casuale”… e sono sconcertato da quanto funzioni bene.

Inserire un segmento musicale giocabile nel mezzo di un gioco survival horror è un’impresa ambiziosa. Avrebbe potuto andare davvero, davvero, catastroficamente male per Remedy e Alan Wake 2, ma fortunatamente, lo sviluppatore è ben esperto nel testare i confini della stranezza nei suoi videogiochi.

Il titolo gemello di Alan Wake Control del 2019 ha avuto la sua giusta dose di stranezza. C’è la minaccia di un frigorifero malvagio che ti uccide quando smetti di guardarlo, una sequenza di inseguimento con una papera di gomma posseduta che ti guida attraverso un laboratorio e la stranezza temporale generale dell’universo di Alan Wake da affrontare. Giocare a un gioco di Remedy a volte può sembrare di fare una scena improvvisata con un individuo molto strano e molto creativo. Tutto ciò che si può fare di fronte alle stranezze è scrollare le spalle e dire: “Sì, e?”.

Alan Wake 2 prende queste stranezze e le amplifica a cento. Un numero di teatro musicale caotico suona brusco nel contesto di un gioco horror, ma in combinazione con il comprovato interesse dello studio per l’azione dal vivo, è solo un modo in cui Remedy dà la sua impronta riconoscibile alle cose. Spinge i limiti di ciò che è stato fatto prima, sia nei giochi horror che nel lavoro passato dello studio.

Leggi di più  The Legend of Zelda: Tri Force Heroes è il più strano, il più meraviglioso tributo a quattro spade

Alan Wake 2 musical

(Immagine di credito: Epic Games)

Un modo per farlo è riportare le vecchie rock star Odin e Tor Anderson, così come la loro band Old Gods of Asgard, la cui musica è stata diffusa nell’universo di Alan Wake. Anche solo avere un’altra canzone o un riferimento sarebbe stato sufficiente per i fan di ritorno. Tuttavia, le loro piccole parti sono state trasformate in un fulcro fiorente, e il risultato è un pezzo interattivo di teatro digitale.

Remedy ha dato un tocco personale al temuto tropo dell’episodio musicale casuale, inserendolo in un videogioco, e sono sorpreso di quanto funzioni bene. Sappiamo che tutto è possibile nel Luogo Oscuro quando è lo scrittore a stabilire la colonna sonora, e Remedy segue il suo stesso consiglio a tal fine. ‘We Sing’ è allo stesso tempo una pulizia del palato e uno spettacolo, un momento di gloriosa confusione che in qualche modo sembra più diretto del resto del gioco. È assolutamente ridicolo, sì. E?

Se è ancora in uno spirito spettrale, dia un’occhiata ai migliori giochi horror da prendere al volo.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.