Il regista di Batman Matt Reeves parla di Ben Affleck, Joker e perché Batman è davvero davvero strano

"Il (Credito immagine: Warner Bros.)

Batman ritorna. Ancora. Ma questa volta, il cavaliere oscuro è diverso: più meditabondo e con un bagaglio emotivo più profondo. Il regista Matt Reeves ha svolto un lavoro ammiraglio reintroducendo il personaggio iconico, ora interpretato da Robert Pattinson, di nuovo nel mainstream con il Batman.

Seduto con il film totale una settimana prima dell’uscita del cinema del film, Reeves ha parlato di realizzare un film di Batman che presenta molto più Batman di Bruce Wayne, come è stata migliorata la sua visione quando Ben Affleck (che ha giocato ai pipistrelli in Justice League) ha lasciato il progetto, E se ci fossero discussioni sull’attraversamento con il Joker di Joaquin Phoenix. Ecco le domande e risposte, a cura di chiarezza.

TF: Batman in questo film è … è strano. È la prima volta che fa clic con me quanto è fondamentalmente strano questo personaggio.

Reeves: L’idea stessa di essere Batman è strana. Una risposta molto strana a [la morte dei suoi genitori]. Quello che amo del personaggio è che è incredibilmente psicologico. Per così tanti supereroi, si tratta di loro che fanno la cosa altruistica, giusto? Stanno cercando di fare qualcosa per aiutare le altre persone. Ma davvero, Batman, è dipendente, almeno in questa storia, ad essere Batman. Si tratta di dare un senso al mondo, della sua vita, di ciò che gli è successo quando era un bambino. In un certo senso, è bloccato nell’essere 10. Non ha mai superato questa esperienza. E così uscire di notte dopo notte, cercare una lotta, cercare criminalità, è una scelta molto particolare. Ed è, direi, strano fa sicuramente parte.

TF: Questo è il primo film di Batman in cui abbiamo visto molto più Batman di Bruce Wayne. Cosa è andato in quella decisione?

Reeves: Sapevo che non volevo fare una storia di origine e non volevo fare una storia in cui hai visto Bruce passare attraverso il trauma e poi diventare Batman perché è stato fatto brillantemente molte volte. Ma volevo ancora assicurarmi di avere Batman al centro, la cui storia era la storia principale, quindi era il suo arco personaggio, ma non si era già padroneggiato. E così potevi vederlo evolversi e potevamo vederlo sollevarsi alla sfida.

Nel fare ciò, volevo appoggiarmi all’idea di rendere questo thriller “più grande detective del mondo”. Ciò significava mettere Batman più di Bruce Wayne al centro, perché questa è la persona che avrebbe cercato di risolvere questo mistero. In un certo senso, era come un thriller e una storia dell’orrore, una storia di serial killer. Ciò significava che avremmo richiesto all’attore, Rob, di avere sottigliezze di prestazioni che normalmente non chiedevi a un attore di fare con metà del loro viso coperto. È stata certamente impegnativa, l’idea che indossa quel cappuccio. Eppure, non stai solo ottenendo quella rabbia viscerale di Batman, ma lo stai anche facendo in uno stato intuitivo, vedendo gli indizi, mettendolo insieme, cercando di risolvere il mistero.

Leggi di più  Quando sono gli Oscar 2022? Come guardare, torrendo, chi è nominato e altro ancora

C’era molti più dialoghi come Batman che in uno qualsiasi degli altri film di Batman. Deve avere lunghe conversazioni, lui e Gordon, sono come [giornalisti] Woodward e Bernstein e tutti gli uomini del presidente che cercano di capire quanto sia alta questa cospirazione. Questa è stata una sfida particolare.

TF: la performance di Rob è fantastica ed è stranamente divertente quando invade lo spazio personale delle persone. Eppure, hai iniziato questo progetto con Ben Affleck attaccato da Batman, e quello era un Batman che ha combattuto Superman. C’è una netta differenza tra quell’universo e quello che hai creato. È stato importante rimuoverti da quello e avere una lavagna pulita?

Reeves: Sì, è stato importante per me. Inizialmente, quando sarebbe stato Ben, volevo assicurarmi che, per fare il primo film di Batman autonomo dopo così tanti anni, la pressione di provare a collegarlo al resto dell’universo più grande, ho pensato che fosse abbastanza Per cercare di realizzare un film di Batman, perché Batman Films, ce ne sono stati grandi. Le persone hanno un’enorme quantità di aspettative. Potremmo concentrarci solo sul fatto che Batman è il centro della storia e dandogli un arco.

Quando Ben rivalutò e decise che non era lì che voleva che la sua vita andasse in quel momento, creò l’opportunità di portarlo ancora oltre e creare in realtà una nuova iterazione del personaggio del tutto. L’idea era di approfondire davvero un giro di pipistrelli. È stato emozionante entrare in un anno due Batman e non fare una storia di origine. Ma non l’avremmo fatto con Ben, ma per farlo con un nuovo personaggio, un nuovo Batman, in cui non stavi vedendo le sue origini, sei appena entrato e trovandolo nella più grande modalità investigativa del mondo e vedendo La galleria di Rogues intorno a lui in un modo che non hai mai visto. Perché, sebbene non fosse la sua storia di origine, erano i primi giorni e quei ladri, si sono creati in risposta a questa apparizione di un vigilante mascherato noto come Batman. Ho pensato: “Oh, Dio, sono le loro storie di origine”. Quell’aspetto sembrava molto fresco e diverso.

"Il

(Credito immagine: Warner Bros)

TF: abbiamo visto un Gotham molto recentemente radicato in Joker. C’è mai stata una discussione su un crossover tra i due?

Leggi di più  I redattori di James Bond criticano le modifiche agli Oscar alla trasmissione ai BAFTA

Reeves: non proprio. Stavo finendo il pianeta dei film delle scimmie quando sono salito a bordo per la prima volta, che è il 2017. Sono passati cinque anni. Quando stavo lavorando alla sceneggiatura e sono entrato in profondità nella sceneggiatura, Joker non era ancora uscito. Non sapevo cosa fosse Joker o cosa sarebbe stato, e poi me ne sono reso conto una volta che eravamo molto in profondità nel film, e il fatto che stessero radicando le cose in un modo che ricordava le cose che noi noi lo stavano facendo, non era previsto. Joker doveva sempre essere uno specifico autonomo di Joaquin [Phoenix] e Todd [Phillips]. Non è mai stato davvero discusso del crossover. Ma è stato interessante vedere che stavamo cercando di radicare le nostre storie e che il pubblico era entusiasta del fatto che potevi prendere Gotham e farlo sentire molto simile al nostro mondo. Era qualcosa fin dall’inizio che avevo voluto fare.

TF: tematicamente ci sono somiglianze tra i due, di sicuro. È interessante notare che Batman sia sempre stato un eroe che riflette la nostra società. Qui, abbiamo la corruzione della polizia, persino un pinguino malvagio che ha inflessioni probabilmente Trumpian. Perché pensi che Batman abbia quella capacità di sostenere uno specchio nel mondo reale?

Reeves: Questo è il punto di Batman e Gotham, quando stai facendo una storia di Batman, hai l’opportunità attraverso Gotham di mettere una lente nel nostro mondo. È davvero unico, avere qualcosa di così fantastico: questa idea di un vigilante mascherato che esce in cerca di crimine. È una storia iconica, mitica e di fumetti. Gotham, a seconda dell’epoca in cui i film sono realizzati, ha sempre la possibilità di commentare l’era in cui si trova. Per me, l’idea di far apparire questo film, torna a noir, giusto? Viene dalla fine degli anni ’30 e dall’inizio degli anni ’40.

L’unica cosa di Gotham è che il crimine e la corruzione non vengono mai eliminati, non passano mai di moda. Non esiste un’epoca in cui sei al sicuro a Gotham, dove stai dicendo “La corruzione non è così tanto in questo momento”. Questa è la natura umana. E questo è ciò che è unico in questo franchising, puoi guardare la natura umana, puoi guardare i nostri fallimenti, puoi guardare le lotte nel nostro mondo. Questa è una risorsa molto speciale per Batman e uno dei motivi per cui così tante persone ne sono attratte. È per questo che sono stato attratto da esso.

Leggi di più  The Sinister Six: The Marvel Girlins che potrebbe unirsi a Morbio e Vulture

Ci sono modi in cui questo film è quasi un ritorno ai vecchi film di Gangster di Warner Brothers: ha quell’aspetto per il pinguino, è collegato a quel mondo noir. Volevo assicurarmi che il mondo di Batman fosse il nostro mondo reale. Quando ho pensato all’Enigmista che ha inviato i suoi messaggi, ho chiesto: “Come avrebbe fatto?” Lo farebbe attraverso i social media. E quali sono gli effetti dei social media? La folla online gorgoglia sotto.

Alcune delle cose a cui fai riferimento, ne ero a conoscenza, ma ci sono alcune cose che, mentre stavamo girando il film nel 2017, gli eventi del mondo hanno risuonato stranamente contro ciò che stavamo facendo in modi che non erano previsti. Non avrei mai dovuto essere così diretto, ma è solo una di quelle cose. Questi tempi sono quello che sono, si riflettono sicuramente nel film.

Il Batman è nei cinema il 4 marzo. Per ulteriori informazioni dal cast dietro il film, dai un’occhiata alle nostre interviste con Andy Serkis, Paul Dano e Jeffrey Wright.

"Jack Jack Shepherdsenior Entertainment Editor

Sono l’editore di intrattenimento senior qui presso GamesRadar+, portandoti tutte le ultime notizie, recensioni e funzionalità di film e TV. Inoltre mi occupo delle sezioni totali e dei canali mediatici SFX. Lavoravo presso The Independent come scrittore di cultura generale prima di specializzarmi in TV e film