Perché lo switch ha bisogno del suo emulatore ufficiale di gioco ufficiale molto rotto

"Nintendo (Credito immagine: Nintendo)

Il Game Boy Advance ospita alcuni giochi fantastici. In effetti, molti dei miei ricordi d’infanzia più affettuosi derivano dal giocare ai migliori giochi GBA sul mio palmare color indaco. Ricordo ancora di essere stato interamente rapito da Pokemon Sapphire durante un lungo viaggio in auto da un viaggio in Francia-nonostante il fiocchi non schienale del palmare, che era impossibile da vedere in una certa luce. Oltre a passare i giorni a riversarsi su artisti del calibro di Fire Emblem: The Sacred Stones, Kirby e The Amazing Mirror e Hamtaro: Ham-Ham Games, ci sono ancora così tanti giochi per ragazzi che non ho mai messo le mani. Con il passare del tempo, molti di questi giochi costano un bel centesimo da raccogliere nella loro forma originale, motivo per cui molti si rivolgono a emulatori non ufficiali.

In questo modo è un po ‘un’area torbida per quanto riguarda la proprietà, ma una recente perdita ha suggerito di vedere una selezione di giochi di game boy anticipati che arrivano digitalmente su The Switch – insieme a voci passate secondo cui i giochi di Game Boy potrebbero anche essere aggiunti ad alcuni fase. Sebbene nulla sia stato confermato dalla fine di Nintendo, tali aggiunte ufficiali hanno perfettamente senso e ci sono molte ragioni per cui spero che si verifichino.

Eredità

"Fire

(Credito immagine: Nintendo) Leggi di più

"Nintendo

(Credito immagine: Nintendo)

Ecco 10 giochi da scaricare prima che ESHOP Wii U e 3DS chiuda .

Nel corso degli anni, la gamma di console e palmari di Nintendo ha offerto così tanti giochi memorabili diversi. Con molti che mi hanno superato per un motivo o per l’altro, sogno ancora di poter accedervi in ​​un unico posto e sperimentare giochi che non ho mai avuto la possibilità di giocare. The Switch, come console ibrida, è una casa così grande per i giochi più vecchi e non posso fare a meno di vederli diventare più prontamente disponibili su tutta la linea.

Abbiamo costantemente iniziato a vedere una selezione di giochi delle generazioni passate arrivando su The Switch. I membri online di Nintendo Switch possono giocare a una raccolta di giochi SNES e NES e, più recentemente, l’abbonamento per il pacchetto di espansione online Nintendo Switch più costoso offre un aiuto di giochi N64 e Sega Genesis, alcuni dei quali sono ancora aggiunti (con Mario Golf sull’N64 è una delle ultime aggiunte). Questo è certamente un passo nella giusta direzione, anche se li mette dietro un paywall e include solo un numero limitato.

Leggi di più  Animal Crossing: New Horizons ha "altro in arrivo" conferma il presidente di Nintendo

Dal momento che nulla è stato confermato e abbiamo solo una perdita da fare, non sappiamo ancora se Game Boy Advance Games seguirà le orme delle aggiunte N64, ma sembra una scommessa abbastanza sicura. Aiuterebbe sicuramente Nintendo a rendere più premium e, a questo punto, l’adesione al pacchetto di espansione piuttosto poco brillante più accattivante e utile. E se le voci che suggeriscono che i giochi di Game Boy potrebbero essere aggiunti anche la linea si rivelano vere, lo Switch avrebbe una solida libreria di vecchi e nuovi.

"Migliori

(Credito immagine: Nintendo)

“Il Game Boy Advance è una macchina che mi manterrò sempre cara, e sarebbe così bello apprezzare e riscoprire ancora una volta fantastico e divertente così tanti dei suoi giochi lo sono ancora.”

Al momento, è particolarmente importante vedere tali giochi arrivare all’ultima console alla luce della notizia che l’Eshop sulla Nintendo 3DS si chiuderà per sempre a partire dal 2023. È grazie alla console virtuale del 3DS che i Può ancora rivisitare alcuni giochi classici di Game Boy come Kirby’s Dream Land dopo aver smarrito la mia cartuccia. Mentre possiamo ancora acquistarli in questo momento, è ancora un peccato che sta andando via, anche se il 3DS è un palmare più vecchio. Quando lo fa, sarà di nuovo più difficile accedere ufficialmente ad alcuni dei più vecchi giochi portatili, motivo per cui la possibilità di vedere più emulatori su Switch è davvero importante.

Dopotutto, molti dei giochi classici Game Boy e Game Boy Advance fanno parte della storia di Nintendo e dovrebbero essere prontamente disponibili per i giocatori per sperimentare e divertirsi. The Legend of Zelda: The Minish Cap, per esempio, è un gioco che ho sempre desiderato provare, e se arriva allo switch, posso finalmente farlo senza doverlo sborsare su una cartuccia. Sembra anche che ci sia un rinnovato interesse per tutte le cose retrò in questi giorni, con i riavvii della serie classica e più remaster. Con generazioni di giocatori che forse hanno perso il Game Boy e GBA nel corso della giornata, Switch offre l’opportunità di aprire la porta a quei giochi.

Penso ancora a molti dei giochi GBA e Game Boy in cui ho nascosto durante i miei anni più giovani e il pensiero di essere potenzialmente in grado di rivisitarli su Switch è più che attraente. Ciò che mi eccita di più, tuttavia, è la possibilità di provare giochi che non ho mai giocato prima senza dover investire in una copia se non mi piace particolarmente. Ci sono tutte le possibilità che questa notizia di emulatore potrebbe non equivalere a nulla, ma spererò spero di vedere una generosa selezione di giochi dalle classiche console portatili lungo la linea. Il Game Boy Advance è una macchina che mi manterrò sempre cara, e sarebbe così bello apprezzare e riscoprire ancora una volta fantastico e divertente così tanti dei suoi giochi lo sono ancora.

Leggi di più  Il game director di Keylocker rivela i suoi collegamenti con Guitar Hero e Bong Joon-Ho

con Nintendo chiudendo 3DS e Wii U Digital Stores, dove lascia la conservazione dei videogiochi?

"Heather Heather Wald

Scrittore di personale senior

Ho iniziato a scrivere per la sezione dei giochi di un sito Web gestito da studenti e ho continuato a scrivere dei giochi nel mio tempo libero durante i lavori di vendita al dettaglio e temporanei per diversi anni. Alla fine, mi sono guadagnato un Master in giornalismo di rivista alla Cardiff University e subito dopo ho ottenuto il mio primo ruolo ufficiale nel settore come editore di contenuti per la rivista Stuff. Dopo aver scritto su tutto ciò che riguarda la tecnologia e i giochi, ho poi fatto un breve periodo come libero professionista prima di ottenere il mio ruolo di scrittore di staff qui a Gamesradar+. Ora riesco a scrivere funzionalità, anteprime e recensioni, e quando non lo faccio, di solito mi puoi trovare perso in uno dei giochi Dragon Age o Mass Effect, che mi infila in un’altra deliziosa indie o beve troppo Tè per il mio bene.