Ridley Scott parla di Napoleone, dell’accuratezza storica e del lavoro con Joaquin Phoenix

Ci vogliono cojones grandi come palle di cannone per realizzare un film basato sulla vita tumultuosa di Napoleone Bonaparte. Non solo seguirà le orme profonde di NapolÉon (1927) di Abel Gance, della durata di cinque ore e mezza, e di Guerra e Pace (1966/7) di Sergei Bondarchuk, della durata di sette ore, due capolavori del cinema, ma oserà anche andare dove il grande Stanley Kubrick ha fallito.

Dopo aver conquistato le stelle con 2001: Odissea nello spazio, il cineasta visionario si mise in testa di realizzare il suo film su Napoleone. Ha letto molto. Ha fatto un sopralluogo in luoghi lontani. E convinse l’Esercito Popolare Rumeno a impegnare 40.000 soldati e 10.000 cavalieri per le scene di battaglia.

Ma Kubrick, che aveva promesso “il miglior film mai realizzato”, alla fine fu sconfitto, messo in ginocchio dai costi proibitivi della grande impresa. Entra in scena Ridley Scott. Scott, ovviamente, monta produzioni gargantuesche (Il Gladiatore, Kingdom of Heaven, Exodus: Gods and Kings) come se fossero soldati da inzuppare nelle uova del mattino. Frustare Napoleone in forma? Niente di che.

“Conoscevo Stanley Kubrick”, dice a Total Film. “La sceneggiatura mi è stata inviata dalla sua proprietà, per dirmi: ‘Vuole guardare questo?’ Ma era dalla nascita alla morte – tutto quanto. Napoleone ha fatto 66 battaglie. Non si possono fare 66 battaglie [sullo schermo]. Quindi bisogna fare delle scelte”.

ABBONATI!

Il numero di Ridley Scott di Total Film

(Credito immagine: Scott Council/Total Film)

Questo servizio è apparso per la prima volta sulla rivista Total Film – si abboni qui per risparmiare sul prezzo di copertina, ottenere copertine esclusive e vederselo recapitare a casa o sul dispositivo ogni mese.

Decisioni decisioni decisioni

Ridley Scott e Joaquin Phoenix sul set di Napoleon.

(Credito immagine: Sony)

Scott ha annunciato che si sarebbe dedicato a Napoleone il 14 ottobre 2020, lo stesso giorno in cui si sono concluse le riprese de L’ultimo duello. Lavora in fretta e ha iniziato le riprese di 62 giorni – sì, solo 62 giorni, ridicoli per un film di questa portata – entro febbraio 2022. A quel punto, tutte le scelte di cui sopra erano state fatte. Non c’era più l’infanzia (“Aristocrazia di terza categoria senza soldi, dalla Corsica”, dice Scott).

Il film si sarebbe concentrato sugli anni dal 1793, quando Napoleone sconfisse i ribelli realisti nell’assedio di Tolone e quando Maria Antonietta fu giustiziata con la ghigliottina, al 1821, quando Napoleone morì in esilio sull’isola di Sant’Elena. Il film avrebbe messo in scena sei battaglie importanti, tra cui, naturalmente, Waterloo, ma la chiave per sbloccare questo ingombrante scrigno di guerra è stata quella di renderlo uno studio sui personaggi. Il punto focale sarebbe stato il rapporto tra Napoleone e Joséphine.

“Era un uomo così potente che era, senza dubbio, un dittatore e difficilmente benevolo: ciò che diceva, doveva andare”, riflette Scott. “Eppure, da un lato della sua vita, era vulnerabile nei confronti di una donna. Era incantato, spazzato via. Non credo che fosse un personaggio particolarmente orientato al sesso. JosÉphine, come cortigiana, era fisicamente impressionante ed era sopravvissuta in prigione. Fu messa in prigione quando suo marito [Alexandre de Beauharnais, politico e generale della Rivoluzione francese] fu giustiziato. I figli le furono portati via. In carcere, imparò che per evitare la ghigliottina, era meglio rimanere incinta. Quindi dovette, per così dire, mettersi in gioco, trovare l’uomo più gradevole con cui andare a letto e cercare di rimanere incinta.

Leggi di più  Cosa succede con Hawkgirl?

“Il modo migliore era trovare un uomo che la amasse e che pagasse”, continua. “Lei capì che non aveva altra scelta che accettare questo mediocre tenente, che in realtà era sul punto di diventare generale perché aveva conquistato Tolone. Lui la adorava, il che fu l’inizio delle sue lettere quando era lontano da lei, che erano quasi infantili nella loro sessualità e nella loro cattiveria. Quando lui iniziò a crescere di statura e di rango, lei iniziò a prestare attenzione. Lui divenne l’Imperatore di Francia, e lei divenne l’Imperatrice. Ora è chiaramente impressionata. Lo ama? Non lo so. Ha bisogno di lui? Certamente. Quindi, penso già che questa storia sia più interessante di molte battaglie”.

Scott e il suo team hanno mostrato la dovuta diligenza quando si è trattato di fare ricerche approfondite sull’uomo che il regista definisce “la persona più studiata o più ricercata della storia”. Ma tra i fatti concordati c’erano lacune e contraddizioni, il che significa che bisognava unire i puntini. Applicare un po’ di congetture non è qualcosa di cui Scott si preoccupa. “Il resto diventa una congettura”, dice scrollando le spalle. “Ho fatto molti film storici e mi accorgo che sto leggendo il resoconto di qualcun altro 100 anni dopo l’evento. Quindi mi chiedo: ‘Quanto romanzano ed elaborano? Quanto è accurato?’ Mi diverte sempre quando un critico mi dice: ‘Questo non è successo a Gerusalemme’. Io rispondo: ‘Eri lì? Questa è la risposta del cazzo'”.

Stazioni di recitazione

Napoleon di Ridley Scott

(Crediti immagine: Sony)

Per interpretare il grande uomo – o meglio l’uomo basso (anche se in verità un metro e settanta non era basso per l’epoca, e gli inglesi esagerarono perfidamente la statura ridotta di Napoleone) – Scott si rivolse a Joaquin Phoenix. I due avevano già lavorato insieme nel Gladiatore, quando Phoenix interpretava l’Imperatore Commodo. Da allora, Scott aveva proposto alcune cose, ma Napoleone è stato quello che ha fatto abboccare l’attore mercuriale. Si trattava di un ruolo di vera ricchezza per qualsiasi attore che desidera la complessità. Proprio come Napoleone era un autocrate che aveva avviato molte riforme liberali, così elementi contraddittori guerreggiavano al suo interno: ambizione, ego dilagante, dubbio, lealtà, violenza, vulnerabilità. Jodie Comer, nel frattempo, era stata scritturata per il ruolo di JosÉphine, anch’esso un ruolo prugna pieno di contraddizioni scivolose. Ma l’attore di Last Duel ha dovuto ritirarsi a causa di un conflitto di programma quando il COVID-19 ha costretto a riorganizzare le date delle riprese. Al suo posto è arrivata Vanessa Kirby.

“Ora, come Imperatore, deve avere un successore”, dice Scott di un film che passa dalla camera da letto al campo di battaglia. “Ma il successore non veniva da lei. Era impossibile. A causa della storia passata, probabilmente di diversi aborti. E gli aborti, a quei tempi, erano brutali. Usavano zolfo e arsenico. Così dovettero divorziare. Il divorzio fu emotivamente catastrofico per Napoleone, che odiava doverlo fare, ma la pressione era chiara: doveva farlo”.

Leggi di più  Transformers: Rise of the Beasts Director e cast sul prequel che fa appello al tuo bambino interiore degli anni '90

Si tratta di un dramma intenso che richiede ad entrambi gli attori di dare il meglio di sé. Ma come ha funzionato? Scott è rinomato per le riprese veloci, a partire dagli storyboard, mentre Phoenix è l’opposto, insistendo sull’esplorazione di ogni battuta da ogni angolazione e rifiutando di prendere le misure.

“Quando leggo una scena, mi rendo conto della geometria e persino del movimento”, afferma Scott. “Quindi inizio a disegnare la scena del dialogo. E devi guardarla con gli attori. Loro dicono: ‘Aspetta, non possiamo almeno parlarne?’ Io dico: ‘Beh, possiamo parlarne. Ma ti piace questo?’ Loro dicono: ‘Sì.’ Allora io dico: ‘Perché ne stiamo parlando? Facciamolo, cazzo'”.

Scott non lo ammetterà mai, ma ha un lato tenero. Potrebbe far passare le molte grandi interpretazioni nei suoi film con una sola frase di circostanza (“Sono molto bravo nel casting”), ma non si ottengono personaggi come Thelma e Louise se un regista non è abile con gli attori e pieno di rispetto per loro. Considerato principalmente come uno stilista, il regista può scomporre i meccanismi e le dinamiche di una scena con i migliori. E così è stato quando Phoenix è venuto da lui due settimane prima delle riprese per dirgli che si era perso, e insieme hanno lavorato su ogni scena.

“Joaquin mi mantiene onesto”, sorride Scott quando gli viene detto che Phoenix non accetterebbe mai di presentarsi sul set per ricreare gli storyboard. Non sono molte le persone che oserebbero contraddire Scott, con tutte le sue conoscenze e i suoi successi, la sua risolutezza e la sua sicurezza di sé a prova di bomba, ma Phoenix è una di queste. “Joaquin e io abbiamo un ottimo rapporto, perché si tratta di una discussione tra due persone. Il mio più grande complimento di sempre sarà: ‘Cristo santo, non ci avevo mai pensato’, è il miglior complimento”.

Battlegrounds

Ridley Scott e Joaquin Phoenix sul set di Napoleon.

(Immagine di credito: Sony)

E quindi le battaglie. Dopotutto, sono il motivo per cui i clienti verranno, anche se rimarranno per le discussioni politiche e le chiacchiere a letto. Comandante brillante, le cui campagne sono ancora studiate nelle accademie militari di tutto il mondo, Napoleone affrontò gli Austriaci e i loro alleati italiani, guidò una spedizione militare in Egitto, combatté la Guerra della Terza Coalizione contro il Regno Unito, l’Impero austriaco, l’Impero russo, Napoli, la Sicilia e la Svezia, e molto altro ancora.

Come ha detto Scott in alto, 66 battaglie. Bonaparte fu responsabile, si potrebbe dire, dei sei milioni di morti tra civili e soldati durante le Guerre Napoleoniche – questo biopic non è una celebrazione, e si preoccupa di evitare i cliché come i discorsi di incoraggiamento – ma la sua strategia era ineguagliabile. Nella Battaglia di Austerlitz, qui sorprendentemente ricreata, portò la Guerra della Terza Coalizione ad una rapida conclusione attirando le forze nemiche su un lago ghiacciato e bombardandolo con i cannoni.

Leggi di più  La regista di You Hurt My Feelings parla della vulnerabilità creativa e del lavoro con Julia Louis-Dreyfus

In Napoleon, ogni scena di battaglia è messa in scena in modo diverso, e ognuna di esse stupisce. Scott, come il suo soggetto, è un maestro stratega, e anche dopo 128 anni di cinema e innumerevoli battaglie mozzafiato montate da artisti del calibro di Welles, Kurosawa, Lean, Peckinpah e Jackson – per non parlare di Scott stesso – riesce a catturare nuove immagini che colpiscono come una palla di moschetto tra gli occhi.

“Grazie per averlo detto, ma io sono fatto così”, dice. “Come regista pubblicitario [negli anni ’70 e ’80], ho avuto molto, molto successo. Venivo spedito regolarmente negli Stati Uniti per girare spot pubblicitari come questo regista pubblicitario di star. Tendevo ad essere molto orientato all’azione. Facevo sempre riprese sportive. Ho girato molto football americano. L’aspetto dell’azione, credo, deriva anche da…”. Una rara pausa. “La cosa migliore che avrei potuto fare per la mia carriera è stata quella di frequentare le scuole d’arte che ho frequentato. So disegnare davvero. Dopo sette anni di scuola d’arte, è meglio che tu sia in grado di farlo. Disegno tutti i miei storyboard. Ogni inquadratura è disegnata da un primo piano a un’inquadratura media. Le location che non ho ancora trovato – immagino la location Quindi cercheremo quella location. La narrazione visiva è il mio punto di forza. Trovo molto facile, quindi, gestire otto o 11 telecamere contemporaneamente”.

Scott era solito girare due spot pubblicitari a settimana e manovrava la telecamera in tutti i casi. Ha portato questa esperienza nel suo lavoro di regista. “Ero l’unico operatore – una telecamera – in Alien”, dice. “Sono stato l’unico operatore – una telecamera – in I duellanti. Leggenda. Thelma & Louise. In tutte queste cose, ho manovrato la telecamera. E quindi so esattamente cosa mi darà un obiettivo. Oggi, questo si è evoluto in sei-otto-undici telecamere. Quindi mi siedo nella mia roulotte. Ho dei monitor come questo [allarga le braccia per indicare un banco di schermi]. Mi siedo lì, e parlo con ogni operatore”.

Si sta appassionando al suo tema. “Ogni scena è geometrica. Avendo da 11 a 14 telecamere, abbiamo girato Napoleone in 62 giorni. Ora sto girando Il Gladiatore 2 in 54 giorni, perché non faccio 50 riprese con una telecamera, su un’inquadratura, e poi mi giro. Per una normale scena di combattimento che potrebbe richiedere fino a un mese, ci metto sei giorni. Quindi il risparmio è colossale”. Sì, se c’era un uomo che doveva comandare Napoleone in forma, quello era Scott. Cosa si dice dei registi cinematografici? Devono essere come un generale che comanda un esercito.

Napoleon aprirà i battenti nelle sale il 22 novembre 2023. Per altri film in uscita, consulti la nostra guida alle date di uscita dei film del 2023.

Questo articolo è apparso per la prima volta nel numero 343 di Total Film, che può acquistare online qui.

La rubrica Napoleon di Total Film

(Credito immagine: Sony/Total Film)

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.