Sono solo io, o è Blaze of Glory la migliore colonna sonora di sempre?

"Young (Credito d’immagine: Studios del 20 ° secolo)

Mai uno per sottovalutare le cose, Jon Bon Jovi ha tirato fuori un’impresa di sconcertanti tradizioni con il suo album da solista di debutto del 1990. Quando la star di Young Guns II Emilio Estevez chiese al permesso di usare il successo di Bon Jovi del 1986 “Wanted: Dead or Alive” sulla colonna sonora, JBJ compose invece un’intera suite di canzoni originali, tra cui il Billboard n. 1 “Blaze of Glory”.

Ciò che è ancora più notevole è che, mentre il film è così, l’album è un classico in pietra, che riceve nomination ai Grammy e Oscar. Considerando che è tutto il rock country commerciale, l’ampiezza della musica è impressionante, spostandosi perfettamente da AOR (“Billy Get Your Guns”, “Justice in the Barrel”, “Never Say Die”) all’allenamento di Honkytonk (“Mi hai davvero preso” ) e Vangelo (‘Bang a Drum’), ognuno serve perfettamente la narrazione. Tutte le apparizioni speciali per gli ospiti speciali di Elton John, Jeff Beck e Little Richard e citazioni di John Donne e della Bibbia.

JBJ si era già immaginato un cowboy prima, ma la storia di Billy the Kid (Estevez), la cui celebrità sigilla anche il suo destino, ha chiaramente colpito un accordo. “Tutta questa fama non ti porta la libertà, anche se indossa un sottile travestimento”, canta sulla “dyin” più vicina non è molto Livin “. Avendo venduto circa 40 milioni di album, deve aver sentito quel travestimento diventare più sottile.

Eppure questo non è un progetto di vanità. Come le migliori canzoni di Bon Jovi, “Miracle” e “Santa Fe” celebrano il coraggio di fronte alle probabilità insormontabili, anche se, come riconosciuto nella bellissima ballata del fuoco “Blood Money” – una benedizione da Billy al suo traditore/assassino Pat Garrett (William Petersen) – Non c’è via d’uscita.

Con la sua chitarra scivolata con sole, tamburi militari e sussurrato Prayer Middle Eight, il bombardamento “Blaze of Glory” si inclina anche verso il profondo. Qui, JBJ ripercorre l’intrappolamento dell’infamia e dell’immortalità proprio a Caino e Abele, celebrando i vivi, i morenti e tutto il resto. Il risultato è una colonna sonora senza pari per un film perfetto, non importa che quest’ultimo esista solo nella testa di Jon Bon Jovi … o sono solo io?

  • Sono solo io o le super-use dovrebbero tornare alle basi?
  • Sono solo io o Bond è meglio senza Daniel Craig?
  • Sono solo io o non c’è mai stato un brutto film di Spider-Man?
Leggi di più  Kevin Feige suona aperto a più caratteri Marvel Netflix che si presentano nell'MCU

Matt Glasby

  • (Apre nella nuova scheda)

Scrittore freelance

Matt Glasby è un film freelance e giornalista televisivo. Puoi trovare il suo lavoro sul film totale – in stampa e online – oltre a pubblicazioni come The Radio Times, Channel 4, DVD Review, Flicks, GQ, Hotdog, Little White Lies e SFX, tra gli altri. È anche autore di numerosi romanzi, tra cui il Libro dell’orrore: The Anatomy of Fear in Film e Britpop Cinema: From Trainspotting a This is Inghilterra.