The Incal: Psychovers si riunisce Russell e Paquette per un prequel all’epica saga di fantascienza

Negli anni ’70, lo scrittore Alejandro Jodorowsky e l’artista Jean Giraud Aka Mœbius iniziarono a lavorare su un adattamento cinematografico di Dune, che alla fine abbandonarono. Un decennio dopo, il duo creativo prese concetti e opere d’arte da quel progetto e li trasformò in Incal (apre nella nuova scheda), una serie di graphic novel francese originariamente serializzata nella rivista Métal Hurlant tra il 1980 e il 1988.

Da allora l’incal è diventato uno dei fumetti di fantascienza più famosi di tutti i tempi, con un universo espansivo che copre quattro libri nella serie principale e tre diversi spin-off.

Ora, lo scrittore Mark Russell e l’artista Yanick Paquette si sono riuniti dopo il loro lavoro sull’Anno del Cattivo di DC (si apre in una nuova scheda) e si sono uniti al colorista Dave McCaig e al Letterer Troy Peteri per un prequel, The Incal: Psychovers, Inizio della saga originale.

L’Incal: Psychoverse (apre nella nuova scheda) colpirà gli scaffali il 15 novembre dagli umanoidi, più di due anni dopo che Russell ha scritto la sceneggiatura originale. La storia esplora due mondi – The Psychovers and the Matterverse – come i personaggi Incal Metabaron, Kill Wolfhead e John DiFool tentano di salvare il mondo materiale dal mortale psico -accompagnamento.

Prima dell’uscita del libro, Newsarama ha chiacchierato con Russell e Paquette sulla loro storia con la saga di Incal, aggiungendo alla tradizione, e come sperano che più lettori di fumetti occidentali entreranno nell’universo Incal, potenzialmente attraverso questo prequel.

"The

(Credito immagine: Humanoids) (si apre in una nuova scheda)

Samantha Puc per NewsArama: Mark, Yanick, come ci si sente ad aggiungere tutta questa nuova tradizione alla saga di Incal? Come ti sei avvicinato a questo?

Mark Russell: beh, è ​​scoraggiante perché è qualcosa per cui personalmente ho un’enorme quantità di rispetto, e so che non c’è nulla che la gente possa meno leggere che qualcuno che cerchi di camminare su gusci d’uovo intorno a una storia o in giro una proprietà.

Quindi mi avvicino solo dall’idea che cercherò di onorarlo facendolo con la mia anima o osservandolo con il mio senso di brama con cui penso che Jodo e Mœbius abbiano affrontato l’originale. E questo significa ovviamente prendere alcune libertà con la storia e fare qualcosa di diverso dall’originale, ma anche qualcosa che penso sia adiacente all’universo originale.

Yanick Paquette: Nel mio caso, sono stato a conoscenza dell’incal dalla mia infanzia – come puoi dire con il mio accento, sono francese canadese, quindi sono stato esposto a quella roba molto all’inizio. Prima dei fumetti [occidentali], in effetti.

Quando ho iniziato a fare fumetti negli anni ’90, i fumetti americani stavano [facendo così bene] e tutti erano super ricchi e questo era troppo bello per lasciarsi andare. Quindi, quando ho dovuto scegliere il mio percorso professionale, miravo al mercato americano e da allora non ho mai visitato il mercato europeo – fino a quando gli umanoidi non mi hanno avvicinato con niente meno che l’incal, che è uno di quei pilastri dei fumetti europei.

È stato anche scoraggiante [per me] e so che la gente salterà nel tentativo di confrontare ciò che abbiamo escogitato con i geniali colpi di ciò che Mœbius ha fatto in passato. All’inizio è stato molto spaventoso per me, e mi ci è voluto un po ‘per cercare di venire in pace con l’idea di fare [il mio stile] mentre cercavo di espandere il mio linguaggio grafico. Dato che stavo guardando quelle fantastiche pagine di Mœbius tutto il tempo, in qualche modo percolato nella mia psiche e stavo sognando loro. Alla fine della giornata, si mescolava a quello che sono come artista e ha aggiunto un’altra piuma al mio berretto.

Leggi di più  Come Jane Foster divenne la potente Thor in Marvel Comics

"The

(Credito immagine: Humanoids) (si apre in una nuova scheda)

nrama: Quanto eri aderoso al canone stabilito?

Russell: Lo vedo come lavoro dell’editore, per assicurarmi di non allontanarmi troppo dal percorso perché lasciato da solo, sarò dappertutto. Ma volevo fare qualcosa di più fedele allo spirito dell’incal che alla lettera del canone. Sento che ciò che mi ha impedito di andare troppo lontano dalla storia originale è stato il fatto che [Psychoverse] si fonde in realtà nell’incal originale ad un certo punto.

paquette: proveniente da un punto di vista del mercato americano in cui “Oh, questa è la fibbia della cintura per Batman ora e deve essere quella fibbia della cintura nel problema che stai disegnando” e poi editoriale Guarderò le tue pagine assicurandoti che gli stivali fossero su riferimento e cose del genere – all’inizio non sapevo dove si sarebbero atterrati gli umanoidi [l’incal] perché Mœbius stesso stava facendo tutto ciò che voleva.

John DiFool è cambiato enormemente attraverso la serie. Si trasformò in un bellissimo uomo ad un certo punto, o questo perdente assoluto. Ha un margine di variazione. È lo stesso per la maggior parte degli alieni e anche per Deeplo. Mi sentivo come se la latitudine fosse già lì, quindi mi sentivo meno costretto a scegliere: “Oh, devo attenermi alle pistole e fare quegli specifici alieni con quel modo specifico,” perché anche l’uomo stesso non lo ha fatto. Questo è liberatorio.

nrama: c’era qualcosa che ti sentivi come se dovessi assolutamente includere?

Russell: Ho costruito la storia attorno a così tanto di ciò che era già nell’Incal. Non è solo la storia di John DiFool e Deepho, c’è anche la trama del Metabaron e l’imperatore è lì dentro e Salune. Include già gran parte dell’universo Incal che mi ha dato la libertà di includere cose che forse non erano nell’originale Incal Verse, ed è lì che entra in gioco la psicoverse. C’è molto dallo psicopro che aggiunge solo un altro strato alla realtà dell’universo Incal.

paquette: uno degli elementi dell’incal che mi è piaciuto molto da bambino era il gusto dell’umorismo in esso. C’è un tipo di strane critiche quasi sociali che approfondiscono una società disfunzionale. Mi sono sempre piaciuti i piccoli dettagli. Mark ha creato uno script che consente l’esplorazione di queste cose.

Proverei a disegnare sugli sfondi l’elemento di – non distopico – ma [per esempio] nella prima pagina c’è un ragazzo che porta a spasso il suo cane, che è un robot. E c’è qualcosa di ridicolo in questo obbligo di far uscire quel robot e dover fare una passeggiata e pisciare.

"The

(Credito immagine: Humanoids) (si apre in una nuova scheda)

Quindi il tono specifico dell’incal è difficile da ottenere perché è spirituale, è ridicolo, è fantascientifico. Sono tutte queste cose in una volta. E nei fumetti, non puoi attirare troppa attenzione all’umorismo delle cose. Quando disegni Batman, non riesci a fare cose ridicole in sottofondo solo per le risate, ma puoi farlo in fantascienza bombastica.

nrama: c’erano altre storie o creatori di cui hai tratto il lavoro come ispirazione per la psicoversa?

Russell: Mentre stavo scrivendo lo psicoverse e in particolare gli psicocomosi esso.

Paquette: La storia sta accadendo in due universi e in materia, sono abbastanza normale in termini di layout, ma in psicoverse sono andato per bizzarri bordi del panel. Questo è qualcosa di cui cerco di trarre vantaggio con i fumetti come forma d’arte, prendendo i confini del panel come dispositivo di narrazione per dirti: “Oh, ora siamo in questo strano posto”. L’ho fatto in Swamp Thing e altri progetti.

Leggi di più  Archie Horror scava nel rock and roll demoniaco per il culto di quel ragazzo Wilkin

Che tipo di bordo del panel evocherebbe implicitamente la libertà della creazione pura e non sfruttata che è lo psicoperio? Ho finito per guardare di nuovo Mœbius, ma non l’incal. Mœbius stava anche facendo dipinti astratti, che erano molto strani – come i organici, ma gli organi … solo astrazione di quella natura. L’ho guardato per distillarlo in un linguaggio grafico per i bordi del pannello. Quindi sono rimasto vicino all’incal andando a progetti strani e personali e dicendo: “Oh, beh, posso riportarlo all’incal”.

nrama: quanto è stato difficile bilanciare lo psicoverse con il materiale?

Russell: L’importante è sentirsi come se fossi arrivato a un buon punto seguito e lo psicoperio ha uno scopo diverso rispetto al materiale. Lo psicopro è il regno del commento e del giudizio su ciò che sta accadendo in materiale. Mi sentivo come quando era successo qualcosa in materia che poi ha messo il punto o confutato dal punto degli psicocolosi e dello psicoversi, allora mi sarei trasferito lì e avrei avuto la loro risposta.

Assomiglia a questo dibattito che ho nella mia testa tra: “Oh, l’umanità disgustoso e disgustoso e un grosso errore”, ma poi, “la lotta per vivere è divertente e nobile e crea cose così meravigliose”. Ma è anche davvero terrificante e opprimente. Quindi è questo dibattito nel mio sé che accade, che penso abbia guidato l’equilibrio tra Matterverse e la psicoversa e come li ho usati nella storia.

"The

(Credito immagine: Humanoids) (si apre in una nuova scheda)

Paquette: Oltre a questo dispositivo di fare i bordi del pannello per chiarire, siamo ora in un mondo diverso, dal punto di vista del colore ho esplorato lo spazio e cercando di renderlo più pazzo di quanto non sia oggi. Con cose come il telescopio spaziale di James Webb, è già piuttosto pazzo, quindi abbiamo dovuto fare un ulteriore passo avanti.

Dave McCaig lo sta assolutamente uccidendo su questi libri. Questa è la prima volta che lavoro con lui. L’ho amato per anni e ho sempre cercato di trovare un modo per indurlo a colorare uno dei miei progetti. Ora che ha, sono innamorato. È così bello. Ha trasformato gli elementi spaziali che ho fatto nei pannelli più belli. Potrei pubblicare solo quelli perché sono troppo carini.

Nrama: Are there areas of the Incal universe or Psychoverse that you would like to revisit someday and expand upon?

Russell: Adoro tutto questo universo ed è un tale piacere poter scrivere qualsiasi cosa. Mi piacerebbe sicuramente tornare. E sì, penso che ci sia più che potrei dire sullo psicoverse. Potresti impostare un’intera storia lì se lo volessi.

Paquette: Sì, certo. Dopo anni e anni di disegno di fumetti, con persone in spandex che si combattono principalmente nei vicoli bui – questo è principalmente il mio pane quotidiano – l’incal era una boccata d’aria fresca.

A volte era impegnativo e spaventoso, ma come artista, hai bisogno di quegli shock per il sistema. C’è un potenziale non sfruttato e devi metterti fuori dalla tua zona di comfort. L’Incal era quello per me. E all’inizio avevo paura, ma alla fine, molto comodo e felice. Tornerei in qualsiasi momento.

Leggi di più  Cercando di capire la continuità della crisi oscura e la morte della Justice League

nrama: Qual è stato l’aspetto più impegnativo di questo progetto?

Russell: attaccando l’atterraggio. Fare la premessa stravagante dello psicopro in qualche modo si sincronizza con l’incal originale alla fine era qualcosa di cui ero sempre molto nervoso. Ma quando è successo, mi sono sentito molto contento di come tutto si è unito alla fine. La cosa di cui ero più preoccupato era tutto questo a un certo punto perché non potevo unire i due, ma almeno per i miei umili standard, tutto ha funzionato.

"The

(Credito immagine: Humanoids) (si apre in una nuova scheda)

Paquette: Penso che lo abbia fatto. Quelle ultime due pagine sono belle e sono poetiche e aprono la porta all’incal. E so di aver fatto un sacco di convenzioni da quando sono stato in grado di parlare dell’incal, e alcune persone sono tutte entusiaste e alcune persone fissano.

L’Incal è assolutamente conosciuta in tutto l’universo, ma in America, in qualche modo ha avuto difficoltà a penetrare nella cultura di massa. Quindi, se non altro, quel bel finale può solo eccitare le persone per leggere di più e ottenere l’incal originale e salire a bordo. Il nostro lavoro è di per sé un pezzo d’arte di cui sono molto orgoglioso, ma se può anche essere un’introduzione a un vasto universo, è ancora meglio.

Russell: Trovo assolutamente strabiliante pensare che qualcuno possa leggere la nostra Incal: Psychoverse prima di aver letto l’incal e che non è solo un prequel, ma come inizia la storia per loro. È semplicemente sorprendente persino pensare.

nrama: Era qualcosa che hai considerato, che questa potrebbe essere l’introduzione di qualcuno al mondo?

Russell: Beh, cerco di scrivere sempre in quel modo. Cerco di scrivere con l’idea che questo potrebbe essere l’unico fumetto che qualcuno abbia mai letto. E se è l’unico fumetto che abbiano mai letto, allora devono ottenere qualcosa di valore. Il suo valore non può essere completamente dipendente dalla sua adiacenza ad altri fumetti che sono venuti prima. Quindi questa è una specie di luce guida come scrittore: questo deve essere scritto come se gli alieni scopriranno questi 3000 anni in futuro e sarà tutto ciò che sopravvive alla nostra cultura. Saranno in grado di capire la storia?

Anche se l’incal non era così famosa e una pietra miliare della mia conoscenza dei fumetti, ed era troppo immaginare che qualcuno avrebbe effettivamente letto prima che avessero letto l’incal originale, questa è solo la mia filosofia di scrittura. È così che sarà il terreno zero di qualcuno.

"The

(Credito immagine: Humanoids) (si apre in una nuova scheda)

Abbiamo davvero familiarità con tutti i fumetti che sono stati rubati dall’Incal. Gli imitatori. Ma quando lo parlo alle persone qui, ricevo una delle due reazioni: “Oh, non mi rendevo conto che era una cosa” o “Oh, wow, sei davvero nel grande momento adesso.”

paquette: stesso per me. Le persone stanno impazzendo o non reagiscono. [A quest’ultimo] potrei dire cinque parole casuali.

nrama: Cosa speri che i lettori togliessero l’Incal: Psychoverse?

Russell: Voglio che pensino a quanto sia più espansivo il loro universo, su come c’è questo universo non solo fuori ma anche all’interno. E questo è l’universo di cui hanno il controllo totale.

paquette: wow, non posso superare questo. Cosa ha detto Mark.

L’Incal: Psychovers sarà disponibile il 15 novembre.

Mentre aspetti, dai un’occhiata i 30 migliori film di fantascienza di tutti i tempi .

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.