Una strada sfortunata per il rilascio del trailer di GTA 6 – ma alla fine uno dei più emozionanti di sempre

È stato inaspettato, vero? Con circa 15 ore di anticipo rispetto al previsto, grazie ad una sfortunata fuga di notizie da Internet, è arrivato il nostro primo sguardo ufficiale a GTA 6 – per gentile concessione del suo primo trailer ufficiale.

Il trailer è iniziato con una splendida inquadratura d’insieme viola e arancione, baciata dal sole, e si è concluso con una title card che ha confermato che, sì, l’imminente gioco di Grand Theft Auto non ancora annunciato è davvero GTA 6 e arriverà nel 2025. E proprio così, il trailer di GTA 6, tanto atteso e interminabilmente speculato, è stato e se n’è andato. Beh, la prima è stata e se n’è andata. Se crede che il nostro primo sguardo vero e proprio al prossimo capitolo della serie Grand Theft Auto si sia concluso con la menzione di una finestra di uscita molto vaga e apparentemente molto lontana, allora credo che si stia prendendo in giro.

Ora è il momento di iniziare, ovviamente. Infatti, se ascolta attentamente – appena al di sopra del frastuono del traffico al di là della sua finestra, delle sirene sulla strada e degli aerei che sfrecciano nei cieli – può sentire il rantolo sistematico di dita impazienti che danzano sulle tastiere, ipotizzando tutto ciò che si è svolto in quei 90 secondi così piacevoli di come appare la vita nella versione più bella di Vice City che abbiamo mai visto. Dal sublime al ridicolo, i fan più accaniti si stanno scatenando, insieme a chiunque sia disposto ad ascoltarli, in questo preciso istante, per capire il dove, il quando e il perché di ciò che potrebbe accadere in seguito.

Nessuno lo sa veramente, naturalmente – nonostante tutte le turbolenze che hanno già infestato questo gioco, Rockstar ha comunque la tendenza a tenersi strette le cose – ma possiamo tutti aspettarci che i prossimi mesi siano un vortice di congetture della comunità per lo più incontrollate.

E non vorremmo che fosse altrimenti, giusto?

È qui

GTA 6

(Crediti immagine: Rockstar)È stato all’altezza?

Grand Theft Auto 5

(Immagine: Rockstar Games)

Non c’è pressione con GTA 6 Rockstar, ma GTA 4 e GTA 5 hanno avuto due dei migliori trailer di rivelazione di tutti i tempi.

Quindi, che cosa sappiamo in questo momento, nell’immediato dopoguerra? Io stesso sto ancora analizzando tutto (stiamo preparando un’analisi più approfondita del trailer di GTA 6 proprio in questi giorni – guardate questo spazio), ma credo che si possa affermare con certezza che l’ambientazione moderna di Vice City è stupefacente. Sulla scia delle sfortunate fughe di notizie sullo sviluppo dello scorso anno, è probabile che Rockstar abbia aumentato le cose come mai prima d’ora per quanto riguarda questo primo picco dietro il sipario, e non ha deluso. Le spiagge affollate, i locali notturni ancora più affollati, le luci al neon, il clima rovente, la carne da macello dei social media, una Karen arrabbiata e una fisica dei capelli maledettamente impressionante che soffia nel vento, per me mettono a tacere qualsiasi dubbio sulla capacità dello sviluppatore di impressionare e azzerare ancora una volta le aspettative. Solo dal punto di vista estetico, mi sembra che GTA 6 abbia già impostato il tono per l’anno (o gli anni) a venire.

Leggi di più  Perché l'ambientazione di Baghdad di Assassin's Creed Mirage significa molto per me come giocatore iracheno

Anche la coppia di protagonisti, Lucile e il personaggio maschile ancora senza nome che crediamo sia Jason, stanno effettivamente conducendo lo spettacolo, ed entrambi sembrano avere una relazione, come viene detto verso la fine del trailer, prima che sfondino una porta con le pistole alzate e il volto coperto. Questa dinamica è davvero interessante sia dal punto di vista narrativo che da quello meccanico, anche perché negli ultimi due episodi di GTA abbiamo vissuto l’amore platonico tra protagonisti maschili. Il modo in cui la posta in gioco cambia quando il romanticismo è al centro dell’attenzione sembra una dicotomia interessante e volatile, che non vedo l’ora di vedere meglio nelle settimane e nei mesi a venire.

Detto questo, una parte di me si chiede se Rockstar sia troppo grande per fallire a questo punto. GTA 5 è ancora una potenza assoluta, alimentata in gran parte dalla sua propaggine multigiocatore GTA Online, che è riuscita in qualche modo ad estendersi su tre generazioni di console, nell’arco di oltre 10 anni. Che GTA 6 sia o meno all’altezza del suo successo, o di quello che abbiamo visto, è quasi irrilevante, semplicemente perché, a meno che non sia un disastro totale all’arrivo, i giocatori lo apprezzeranno come hanno fatto per oltre un quarto di secolo.

La serie Grand Theft Auto nel suo complesso si è guadagnata questo impegno da parte dei giocatori grazie al merito, naturalmente, e anche se io stesso sono desideroso di evitare il pregiudizio della reticenza, è difficile immaginare un mondo in cui GTA 6 non sia un successo, soprattutto dopo quello che abbiamo appena visto. Certo, la natura con cui è stato rilasciato non è ideale – al momento in cui scriviamo si sta avvicinando la mezzanotte in Scozia – ma parte del dramma sembra appropriato per un gioco con così tanto peso sulle spalle.

Come si colloca il reveal trailer di GTA 6 rispetto al mio precedente preferito? Lasciatemi seduto un po’ più a lungo prima di rispondere in modo appropriato. Anche in questo caso, ne sapremo di più quando lo avremo guardato qualche altra (dozzina) volta, prima di colpire le nostre tastiere con lo stesso entusiasmo frenetico della comunità appassionata di questa serie.

Qualche settimana fa, abbiamo detto: Il trailer rivelatore di GTA 6 dimostra che nessuno sa fare l’hype come Rockstar Games – abbiamo capito bene?

Leggi di più  Che cos'è la telemetria in Payday 3?
Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.