Alan Wake potrebbe essere un autore divino – ma è un buon autore?

Alan Wake 2 ha un momento nel primo atto in cui il personaggio principale sta esplorando “The Dark Place”, un regno plasmato dai suoi pensieri e dalla sua volontà creativa e mescolato con una sana dose di malvagità ultraterrena. Mentre si addentra in un’area rappresentata come una stazione della metropolitana, si imbatte in cartelli che riportano quanto segue: “Non è che le tue storie siano buone. Non è che abbiano un qualche merito artistico. Sei uno scrittore scadente. Emozioni a buon mercato e stronzate pretenziose. Sei bravo solo per questo. Guardami. Guarda il tuo lavoro”.

Indipendentemente dal fatto che si tratti di una manifestazione dell’insicurezza di Alan o solo di spettri d’ombra che cercano di farlo piangere, ci si deve comunque chiedere: questi segnali sono giusti? Alan è un hacker mediocre? E se lo è, Alan Wake 2 stesso lo sa? E in ogni caso, in un gioco incentrato sulla scrittura, cosa diavolo dovremmo fare noi giocatori?

Due errori non fanno uno scrittore

Alan Wake 2

(Immagine di credito: Remedy)

Per rispondere alla prima domanda: l’arte è soggettiva come sempre, ma non posso dire che Alan Wake come personaggio si presenti come una vera potenza letteraria. I suoi lunghi romanzi di Alex Casey sono stati presentati come veri e propri thriller nel primo gioco, ma ora ne ascoltiamo alcune sezioni in Alan Wake 2, e non sono un granché: caricature della narrazione noir farcite di clichÉ e metafore miste. Hanno molto meno senso se provengono da un acclamato autore mainstream che non, ad esempio, da uno studente delle scuole superiori colpito da una copia di Il grande sonno.

Nel frattempo, anche le pagine manoscritte che si trovano nel gioco non sono particolarmente impressionanti. Sono frammenti staccati, iper-drammatici e stereotipati, che sembrano più dei trafiletti di una prima bozza che dei pezzi autentici di un romanzo più ampio, come se Wake volesse che qualcuno gridasse “Dun, dun dunnn!” alla fine di ogni pagina.

E sì, so che Alan li sta scrivendo per organizzare la sua fuga e non per vincere un Premio Nobel. E sì, sono solo pezzi di un testo, e un romanzo teorico completo potrebbe inserirli in un contesto migliore. E sì, in realtà hanno lo scopo di fungere da teaser, suggerimenti e costruzione del mondo per il giocatore, raccontandoci eventi passati e futuri… Ma hanno comunque un contesto narrativo, e quel contesto mi suggerisce che il lavoro di Wake probabilmente riempie molti cestini di sconto nei negozi di beneficenza.

Leggi di più  Spiegato il finale di Assassin's Creed Mirage

Ma ehi, andiamo più a fondo! Al di là di ciò che è scritto, il “Luogo oscuro” che riflette il potere creativo di Wake è caratterizzato da un simbolismo pesante, spesso così evidente che non c’è nulla di simbolico, come i vicoli intonacati di graffiti che semplicemente… gli dicono cosa sta accadendo e cosa dovrebbe pensare. I suoi incantesimi speciali, le Parole del Potere di Alan Wake 2, si chiamano “Parole della Roba” e “Parole della Pistola”, il che suggerisce che non ha un gran vocabolario con cui lavorare. E quando crea le sue storie nella Stanza dello Scrittore, Wake continua a ricadere in tropi ovvi e in schemi ben collaudati, apparentemente incapace di pensare oltre gli archetipi di base o di sperimentare troppo con il suo lavoro.

Il luogo oscuro di Alan Wake

Alan Wake 2

(Immagine di credito: Remedy)

Ora, tutto questo non è in realtà una critica ad Alan Wake 2. Se Remedy vuole caratterizzare il nostro eroe come un irrilevante scrittore di romanzi aeroportuali che scrive una schifezza estiva per le persone che leggono un libro all’anno, io dico: più potere a loro! È un’idea molto più ricca di potenziale narrativo rispetto all’ennesima narrazione di un genio incompreso o di un creativo bruciato, tipo Bojack Horseman via True Detective. Ma è questo che Remedy sta facendo? Alan Wake deve essere letto come un cattivo autore?

Guide di Alan Wake 2

Alan Wake 2 consigli
Scheda di Alan Wake 2
Alan Wake 2 mappe
Quanto dura Alan Wake 2?

Questo è più difficile da sostenere in entrambi i casi, poiché entrambi i giochi sembrano aggirare un po’ la questione senza fare dichiarazioni. Sicuramente ha successo finanziario ed è appassionato del suo lavoro, ma purtroppo sappiamo tutti che questo non è una garanzia di nulla. Anche l’opinione esterna non aiuta molto a inquadrare le cose; quando le persone parlano del suo lavoro (come Rose che è ossessiva o Casey che è sogghignante), i loro commenti sono chiaramente destinati a dirci di più sui loro singoli personaggi che sui libri stessi.

Chiamiamo la verità “nebulosa” nel migliore dei casi, anche se, considerando che il novanta per cento dei dialoghi di Wake sono commenti sul mestiere di scrivere che raramente vengono contraddetti, questo sembra indicare che siamo destinati a vederlo come un’autentica autorità su tutto ciò che è autoriale. Quindi, perché ha importanza? Tutto questo potrebbe sembrare una questione di pignoleria, e sì, in molti altri giochi lo sarebbe assolutamente – ma Alan Wake 2 ha aperto un’intera scatola di vermi con la sua metanarrativa più ampia.

Leggi di più  La mappa open world di GTA 5 era così in anticipo sui tempi che non sorprende che le persone la utilizzino ancora 10 anni dopo.

Alan Wake 2

(Immagine di credito: Remedy)

La serie Alan Wake parla di uno scrittore che altera la realtà attraverso la sua finzione. Entrambi i giochi si basano sull’idea che Alan abbia scritto dei romanzi – Departure nel primo gioco; Initiation/Return nel secondo – e che questi libri si stiano effettivamente avverando. Nel contesto e nel canone, Alan Wake è, almeno in parte, lo scrittore di entrambi i giochi.

Se Wake deve essere visto come un cattivo scrittore, questo non si riflette molto bene sul franchise di Alan Wake, giusto? Dopo tutto, il canone è che l’ha scritto lui.

E con questa consapevolezza, improvvisamente sembra che il gioco abbia caricato una pistola e l’abbia puntata alla sua stessa testa. Ci pensi: se Wake deve essere visto come un cattivo scrittore, questo non si riflette molto bene sul franchise di Alan Wake, giusto? Dopo tutto, il canone è che l’ha scritto lui. Ma d’altra parte, se Wake vuole essere visto come il prossimo Hemingway, allora diventa un’affermazione incredibilmente arrogante per qualsiasi gioco che si rispetti, e forse fisserebbe uno standard troppo alto per un franchising che ha pensato che sarebbe stato davvero intelligente chiamare il suo personaggio centrale ‘A. Wake’.

Ma una metanarrativa di questo tipo è sempre piuttosto rischiosa, in quanto altera in modo massiccio il rapporto tra personaggi, storia, autore e lettore. La narrazione di Alan Wake 2 è ora, tra le altre cose, anche un commento sul protagonista Alan Wake, con ogni battuta e sfumatura che diventa un approfondimento delle sue priorità, della sua mentalità e delle sue capacità. Questo ha un effetto a catena e, in ultima analisi, per un gioco che ha così tanto da dire sulla scrittura e sullo storycraft, potrebbe aiutarci a sapere come dovrebbe essere percepito il creatore al centro di tutti questi commenti: come il re degli Stephen King o, al massimo, un Bachman di serie B.

Per una valutazione del gioco nel suo complesso, consulti la nostra recensione di Alan Wake 2 per vedere cosa abbiamo detto sull’ultima manifestazione di Mind Place di Remedy, oppure legga la nostra visita esclusiva al set live action di Alan Wake 2!

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.