Ho battuto il boss della demo di Stellar Blade più di 20 volte, quindi questo RPG d’azione sta facendo qualcosa di buono.

Ho un timido presentimento su Stellar Blade. Dopo aver trascorso qualche ora con la demo in arrivo per PS5, sono ragionevolmente sicuro che questo RPG d’azione mi piacerà quando verrà lanciato il 26 aprile. Sono anche abbastanza sicuro che non sarà un gioco sorprendente. Mi aspetto invece un gioco solido o superiore alla media, che mi appassioni in modo specifico. È possibile che il gioco completo faccia cilecca o mi stupisca del tutto, ma la demo indica un RPG d’azione goffo che è comunque abbastanza divertente da convincermi a picchiare lo stesso boss per diverse ore solo per provare il sistema di combattimento. Ho giocato la demo e ora voglio giocare di più, il che è un segno positivo.

Benvenuti sulla Terra

Demo di Stellar Blade

(Crediti immagine: Shift Up)

Stellar Blade, o almeno la sua demo, è un affascinante spaccato degli ultimi 15 anni di game design. Viene presentato come un RPG d’azione appariscente nella vena di Nier Automata, ora con una dose di parate da Sekiro: Shadows Die Twice e un’estetica decisamente coreana. E in fondo è proprio così, solo con un design dei personaggi in qualche modo ancora più sessualmente esagerato. Infatti, anche alcuni dei mostri di Naytiba, sorprendentemente macabri, hanno busti stranamente prominenti. Non mi sarei aspettato niente di meno dallo studio dietro Nikke, che forse conoscete come Butts: The Game.

Il giocatore veste i panni di Eve, una delle tante guerriere potenziate ciberneticamente (apparentemente tutte donne) inviate a riprendersi la Terra da una razza di alieni davvero orrendi, con una spada in una mano e una pistola nell’altra. A giudicare dall’incipit inaspettatamente cruento, non sembra che le cose vadano molto bene e dopo una missione fallita Eve si allea con un ingegnere locale di nome Adam. Questo è tutto ciò che posso dirvi sulla storia; la demo non è molto lunga.

Demo di Stellar Blade

(Immagine: Shift Up)

L’incipit è semplice: hackerate e spaccate il vostro cuore. Ok, certo. Sono d’accordo, videogioco. Ma poi Stellar Blade ti colpisce con l’intero libro di giochi d’azione e avventura degli anni 2000 e 2010. Mi riferisco a pezzi di parkour dipinti di giallo, note con codici per aprire forzieri, livelli che tornano indietro con scorciatoie attraverso porte chiuse a chiave, un pulsante scanner che rivela bottini e punti di interesse nelle vicinanze e – sussurro – una leggera risoluzione di puzzle ambientali. Ci sono eventi quick-time onesti, uccisioni stealth e persino uccisioni istantanee con attacco a tuffo. Sto ancora aspettando l’inevitabile sezione con la torretta e il livello con la moto.

Leggi di più  Cosa c'è di nuovo nell'aggiornamento Mercenarie GTA online di San Andreas

Ho un timido presentimento su Stellar Blade. Dopo aver trascorso qualche ora con la demo in arrivo per PS5, sono ragionevolmente sicuro che questo RPG d’azione mi piacerà quando verrà lanciato il 26 aprile. Sono anche abbastanza sicuro che non sarà un gioco sorprendente. Mi aspetto invece un gioco solido o superiore alla media, che mi appassioni in modo specifico. È possibile che il gioco completo faccia cilecca o mi stupisca del tutto, ma la demo indica un RPG d’azione goffo che è comunque abbastanza divertente da convincermi a picchiare lo stesso boss per diverse ore solo per provare il sistema di combattimento. Ho giocato la demo e ora voglio giocare di più, il che è un segno positivo.

Benvenuti sulla Terra

Demo di Stellar Blade

(Crediti immagine: Shift Up)

Stellar Blade, o almeno la sua demo, è un affascinante spaccato degli ultimi 15 anni di game design. Viene presentato come un RPG d’azione appariscente nella vena di Nier Automata, ora con una dose di parate da Sekiro: Shadows Die Twice e un’estetica decisamente coreana. E in fondo è proprio così, solo con un design dei personaggi in qualche modo ancora più sessualmente esagerato. Infatti, anche alcuni dei mostri di Naytiba, sorprendentemente macabri, hanno busti stranamente prominenti. Non mi sarei aspettato niente di meno dallo studio dietro Nikke, che forse conoscete come Butts: The Game.

Il giocatore veste i panni di Eve, una delle tante guerriere potenziate ciberneticamente (apparentemente tutte donne) inviate a riprendersi la Terra da una razza di alieni davvero orrendi, con una spada in una mano e una pistola nell’altra. A giudicare dall’incipit inaspettatamente cruento, non sembra che le cose vadano molto bene e dopo una missione fallita Eve si allea con un ingegnere locale di nome Adam. Questo è tutto ciò che posso dirvi sulla storia; la demo non è molto lunga.

(Immagine: Shift Up)

L’incipit è semplice: hackerate e spaccate il vostro cuore. Ok, certo. Sono d’accordo, videogioco. Ma poi Stellar Blade ti colpisce con l’intero libro di giochi d’azione e avventura degli anni 2000 e 2010. Mi riferisco a pezzi di parkour dipinti di giallo, note con codici per aprire forzieri, livelli che tornano indietro con scorciatoie attraverso porte chiuse a chiave, un pulsante scanner che rivela bottini e punti di interesse nelle vicinanze e – sussurro – una leggera risoluzione di puzzle ambientali. Ci sono eventi quick-time onesti, uccisioni stealth e persino uccisioni istantanee con attacco a tuffo. Sto ancora aspettando l’inevitabile sezione con la torretta e il livello con la moto.

Leggi di più  Quanto dura Marvel's Spider-Man 2?

Finora mi sono innamorato soprattutto del combattimento, ma il momento in cui ho sentito di aver capito Stellar Blade è arrivato nella seconda area della demo e non aveva nulla a che fare con i combattimenti. Ho eliminato un gruppo di nemici – che è stato un po’ frustrante, per motivi a cui arriverò – e ho superato una sezione di arrampicata che si potrebbe aggiungere all’ingrosso ai moderni giochi di Tomb Raider senza che nessuno se ne accorga. Ero pronto per il prossimo combattimento, ma poi Stellar Blade mi ha chiesto di fare l’ultima cosa che mi aspettavo: saltare in una camera allagata, immergermi sott’acqua per prendere un po’ di bottino, quindi spingere lentamente una tavola galleggiante verso una scala – anch’essa dipinta di giallo, ovviamente – in modo da poter salire e continuare l’esplorazione. Ok, ora so dove mi trovo. Dovrò riadattare il mio cervello ossessionato dal combattimento a queste sezioni aperte, ma non mi dispiacciono. Ho trovato un nuovo collezionabile interessante durante la mia seconda sessione della demo, il che fa ben sperare per l’esplorazione.

Demo di Stellar Blade

Divertente ma non uniforme

(Immagine: Shift Up)

Detto questo, sono qui soprattutto per combattere. Eve è un po’ scomoda da controllare nei livelli, con alcuni salti e caratteristiche interattive come i chioschi che sono difficili da avvicinare, ma si muove abbastanza bene in combattimento. Beh, tranne quando non lo fa, ma per quanto possa criticare questa demo, voglio sottolineare che mi sono divertito molto e che mi sono divertito di più la seconda volta una volta che mi sono abituato.

  • Si inizia con un’ampia gamma di combo di spada che concatenano attacchi leggeri e pesanti. Alcune si bloccano in lunghe animazioni che impediscono di parare o schivare, e comunque non si ha spesso una lunga apertura per eseguire una serie completa, quindi in genere mi sono limitato a poche combo veloci per rimanere agile tra una parata e l’altra. Atterrare i colpi o parare genererà energia da spendere per gli attacchi Beta: i due predefiniti sono un fendente AoE caricato e una spinta pesante. Gli attacchi Beta possono interrompere i nemici e infliggere un’ulteriore barcollata, avvicinandoti a uno stordimento e a un colpo critico che infligge danni ingenti, quindi è importante usarli al momento giusto. A questi attacchi si collega un fendente a lunga gittata che scaglia Eve verso il nemico bersagliato, e devo dire che fargli saltare i calzini con un attacco Beta e poi teletrasportarsi verso di lui per continuare a fargliela pagare non mi ha ancora stancato.
  • Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+
  • Approfondimenti settimanali, storie dalle comunità che amate e molto altro ancora.
  • Ho un timido presentimento su Stellar Blade. Dopo aver trascorso qualche ora con la demo in arrivo per PS5, sono ragionevolmente sicuro che questo RPG d’azione mi piacerà quando verrà lanciato il 26 aprile. Sono anche abbastanza sicuro che non sarà un gioco sorprendente. Mi aspetto invece un gioco solido o superiore alla media, che mi appassioni in modo specifico. È possibile che il gioco completo faccia cilecca o mi stupisca del tutto, ma la demo indica un RPG d’azione goffo che è comunque abbastanza divertente da convincermi a picchiare lo stesso boss per diverse ore solo per provare il sistema di combattimento. Ho giocato la demo e ora voglio giocare di più, il che è un segno positivo.
  • Benvenuti sulla Terra
Leggi di più  Deve chiamare Reed e accettare l'accordo o uccidere Reed in Cyberpunk 2077 Phantom Liberty?

Demo di Stellar Blade

(Crediti immagine: Shift Up)

Stellar Blade, o almeno la sua demo, è un affascinante spaccato degli ultimi 15 anni di game design. Viene presentato come un RPG d’azione appariscente nella vena di Nier Automata, ora con una dose di parate da Sekiro: Shadows Die Twice e un’estetica decisamente coreana. E in fondo è proprio così, solo con un design dei personaggi in qualche modo ancora più sessualmente esagerato. Infatti, anche alcuni dei mostri di Naytiba, sorprendentemente macabri, hanno busti stranamente prominenti. Non mi sarei aspettato niente di meno dallo studio dietro Nikke, che forse conoscete come Butts: The Game.

Il giocatore veste i panni di Eve, una delle tante guerriere potenziate ciberneticamente (apparentemente tutte donne) inviate a riprendersi la Terra da una razza di alieni davvero orrendi, con una spada in una mano e una pistola nell’altra. A giudicare dall’incipit inaspettatamente cruento, non sembra che le cose vadano molto bene e dopo una missione fallita Eve si allea con un ingegnere locale di nome Adam. Questo è tutto ciò che posso dirvi sulla storia; la demo non è molto lunga.

(Immagine: Shift Up)

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.