Rise of the Ronin si colloca a metà strada tra Assassin’s Creed e Nioh, ma il combattimento ritmico di questo RPG d’azione mi ha riportato a un classico della PS1 di 27 anni fa.

Rise of the Ronin è il seguito indiretto di Team Ninja agli apprezzati ARPG Nioh (2017) e Nioh 2 (2020). Si tratta della prossima importante esclusiva PS5 del 2024 ed è ambientato nel periodo “Bakumatsu”, gli ultimi anni dell’era Edo, durante i quali si crea un sottofondo di discordia politica tra est e ovest. Il lavoro su Rise of the Ronin, secondo quanto dichiarato da Team Ninja, è iniziato prima del primo Nioh e, sebbene ci siano delle evidenti somiglianze tra il passato e il presente dello sviluppatore, quest’ultima avventura è decisamente più sofisticata e, di conseguenza, più ambiziosa.

A sua volta, ai miei occhi si è perso un po’ del fascino grezzo che ha reso Nioh e il suo seguito così accattivanti – Rise of the Ronin vanta regolarmente i livelli di Assassin’s Creed per quanto riguarda la narrazione e la gestione delle icone – ma, dalle circa due ore di gioco che ho avuto a disposizione finora, la portata più ampia del gioco facilita una storia più ricca che è sostenuta da un combattimento meravigliosamente brutale. In quest’ultimo caso, la serie Nioh è una chiara fonte di ispirazione, così come Dark Souls, Bloodborne, Elden Ring e Wo-Long Fallen Dynasty dello studio dello scorso anno. Ma i combattimenti ritmati e decisi di Rise of the Ronin mi riportano a uno dei modelli di combattimento più impegnativi di tutti i tempi: Bushido Blade, esclusiva PS1 del 1997.

Calci, pugni, colpi

L'ascesa del Ronin

(Crediti immagine: Sony)RISEN

L'ascesa dei Ronin

(Immagine: Team Ninja)

Il gioco di ruolo samurai Rise of the Ronin è il “più grande gioco finora realizzato” dallo studio dietro Nioh.

Rise of the Ronin è dotato di barre della salute, una caratteristica altrimenti onnipresente nei giochi di combattimento, ma che era decisamente assente in Bushido Blade. In Rise of the Ronin il tempismo è tutto: ogni parata, ogni passo laterale, ogni avanzata e ogni ritirata rapida possono, e spesso lo fanno, determinare l’esito sanguinoso delle battaglie. La suite di personalizzazione del personaggio si estende anche agli stili di combattimento, mentre le statistiche e i potenziamenti delle abilità tipici del genere consentono di modificare e perfezionare il proprio modello man mano che si avanza. Ma questi accorgimenti possono portare solo fino a un certo punto. Nella foga del momento, è necessario avere reazioni rapide, riflessi da felino e una coordinazione mano-occhio a rotta di collo, mentre si danza intorno agli avversari e si devasta tutto ciò che osa attraversare il proprio cammino.

Leggi di più  Dalla fede alla carestia, questo gioco di strategia dark fantasy è The Witcher 3 che incontra The Sims 4.

Rise of the Ronin è il seguito indiretto di Team Ninja agli apprezzati ARPG Nioh (2017) e Nioh 2 (2020). Si tratta della prossima importante esclusiva PS5 del 2024 ed è ambientato nel periodo “Bakumatsu”, gli ultimi anni dell’era Edo, durante i quali si crea un sottofondo di discordia politica tra est e ovest. Il lavoro su Rise of the Ronin, secondo quanto dichiarato da Team Ninja, è iniziato prima del primo Nioh e, sebbene ci siano delle evidenti somiglianze tra il passato e il presente dello sviluppatore, quest’ultima avventura è decisamente più sofisticata e, di conseguenza, più ambiziosa.

A sua volta, ai miei occhi si è perso un po’ del fascino grezzo che ha reso Nioh e il suo seguito così accattivanti – Rise of the Ronin vanta regolarmente i livelli di Assassin’s Creed per quanto riguarda la narrazione e la gestione delle icone – ma, dalle circa due ore di gioco che ho avuto a disposizione finora, la portata più ampia del gioco facilita una storia più ricca che è sostenuta da un combattimento meravigliosamente brutale. In quest’ultimo caso, la serie Nioh è una chiara fonte di ispirazione, così come Dark Souls, Bloodborne, Elden Ring e Wo-Long Fallen Dynasty dello studio dello scorso anno. Ma i combattimenti ritmati e decisi di Rise of the Ronin mi riportano a uno dei modelli di combattimento più impegnativi di tutti i tempi: Bushido Blade, esclusiva PS1 del 1997.

L'ascesa dei Ronin

Calci, pugni, colpi

(Crediti immagine: Sony)RISEN

(Immagine: Team Ninja)

Il gioco di ruolo samurai Rise of the Ronin è il “più grande gioco finora realizzato” dallo studio dietro Nioh.

Rise of the Ronin è dotato di barre della salute, una caratteristica altrimenti onnipresente nei giochi di combattimento, ma che era decisamente assente in Bushido Blade. In Rise of the Ronin il tempismo è tutto: ogni parata, ogni passo laterale, ogni avanzata e ogni ritirata rapida possono, e spesso lo fanno, determinare l’esito sanguinoso delle battaglie. La suite di personalizzazione del personaggio si estende anche agli stili di combattimento, mentre le statistiche e i potenziamenti delle abilità tipici del genere consentono di modificare e perfezionare il proprio modello man mano che si avanza. Ma questi accorgimenti possono portare solo fino a un certo punto. Nella foga del momento, è necessario avere reazioni rapide, riflessi da felino e una coordinazione mano-occhio a rotta di collo, mentre si danza intorno agli avversari e si devasta tutto ciò che osa attraversare il proprio cammino.

Leggi di più  Come rianimare i personaggi morti in Baldur's Gate 3

Il mio personaggio ha iniziato con il “Mumyo-ryu”, per esempio, uno stile di combattimento con tecniche “altamente versatili” come “Benthen Whirl” (R1 e quadrato), “Hell’s Cross” (R1 e X) e “Twin Dragons” (R1 e cerchio), ognuna delle quali è letale nella pratica come sembra. Passando dagli attacchi di carica a quelli di avanzamento con le mie due lame sollevate, sono riuscito a tenere a bada la maggior parte dei banditi di basso livello; mentre la mia mossa di parata ad alta energia, Counterspark, era il fiore all’occhiello del mio combattimento. Se in giochi come Dark Souls ed Elden Ring la parata è in gran parte facoltativa, credo che superare i primi 120 minuti di Rise of the Ronin senza Counterspark sarebbe quasi impossibile.

Non vi svelerò i dettagli della storia di Rise of the Ronin, ma la narrazione generale si svolge nel Giappone del 1863. Le Navi Nere dell’Occidente hanno varcato le coste del paese nel tentativo di ripristinare le rotte commerciali del passato e l’incertezza ha investito la terraferma e i suoi abitanti. Il già citato periodo Bakumatsu segna la fine dell’era tirannica dello shogunato, ed è qui che voi, guerrieri ronin ispirati dalla rivoluzione, entrate nella mischia. La mappa open-world di Rise of the Ronin, ambientata nella Yokohama dell’epoca e ispirata al mondo reale, vi guiderà attraverso borghi arretrati, città tentacolari, paesaggi pastorali e vivaci distretti metropolitani, dal porto di Elephant’s Nose al Miyozaki Pleasure District, alla Chinatown di Yokohama, agli edifici in mattoni rossi del centro di Yokohama e molto altro ancora.

(Crediti immagine: Sony)

L'ascesa dei Ronin

Rise of the Ronin è il seguito indiretto di Team Ninja agli apprezzati ARPG Nioh (2017) e Nioh 2 (2020). Si tratta della prossima importante esclusiva PS5 del 2024 ed è ambientato nel periodo “Bakumatsu”, gli ultimi anni dell’era Edo, durante i quali si crea un sottofondo di discordia politica tra est e ovest. Il lavoro su Rise of the Ronin, secondo quanto dichiarato da Team Ninja, è iniziato prima del primo Nioh e, sebbene ci siano delle evidenti somiglianze tra il passato e il presente dello sviluppatore, quest’ultima avventura è decisamente più sofisticata e, di conseguenza, più ambiziosa.

A sua volta, ai miei occhi si è perso un po’ del fascino grezzo che ha reso Nioh e il suo seguito così accattivanti – Rise of the Ronin vanta regolarmente i livelli di Assassin’s Creed per quanto riguarda la narrazione e la gestione delle icone – ma, dalle circa due ore di gioco che ho avuto a disposizione finora, la portata più ampia del gioco facilita una storia più ricca che è sostenuta da un combattimento meravigliosamente brutale. In quest’ultimo caso, la serie Nioh è una chiara fonte di ispirazione, così come Dark Souls, Bloodborne, Elden Ring e Wo-Long Fallen Dynasty dello studio dello scorso anno. Ma i combattimenti ritmati e decisi di Rise of the Ronin mi riportano a uno dei modelli di combattimento più impegnativi di tutti i tempi: Bushido Blade, esclusiva PS1 del 1997.

Calci, pugni, colpi

Leggi di più  Spider-Man 2 su PS4 o PC?

(Crediti immagine: Sony)RISEN

(Immagine: Team Ninja)

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.