Ragazza spaziale: Maureen O’Brien racconta il suo ruolo di Vicki nel classico Doctor Who

Maureen O’Brien non desiderava recitare in Doctor Who. Era già perfettamente felice di recitare all’Everyman Theatre di Liverpool, grazie mille. “Non mi sembrava un granché come cop. Non ero interessata”, racconta a SFX. In effetti, aveva poco interesse per la televisione, punto e basta. “Non avevamo una televisione in casa quando ero bambina. Non significava nulla. L’unica cosa che contava per me era il teatro. Era lì che si sarebbe svolta la mia vita. Non prendevo affatto sul serio la televisione”.

Tuttavia, fu incoraggiata a candidarsi per il ruolo di Vicki dalla sua insegnante alla Central School of Speech and Drama. Seguì un’audizione riluttante per la produttrice Verity Lambert, e le fu offerto il lavoro. La O’Brien accettò per un motivo: sarebbe stata più vicina al suo partner londinese, Michael. Sfortunatamente, un lato oscuro della sua nuova fama si è presto rivelato. “Improvvisamente i giornalisti mi chiamavano, si accampavano fuori, bussavano alla finestra e gridavano, parlavano con i vicini: ‘L’avete mai vista, che aspetto ha? Io e Michael eravamo accovacciati sul pavimento, con le tende tirate, con questi mostri fuori.

È stato traumatico. Non ho mai conosciuto nulla di simile. Ho pensato: “Cosa sta succedendo, cosa ho fatto?””. Non aveva messo piede nello studio. “Da quel momento in poi ho avuto orrore della pubblicità. Non mi piaceva essere famosa in quel modo”.

Il suo primo episodio è stato trasmesso da 10,1 milioni di spettatori e l’attrice si è trovata ad affrontare attenzioni e molestie indesiderate. “Ho attraversato un periodo in cui non riuscivo a fare altro che piangere, tutto il tempo. È stato un crollo. È stato uno shock. Siamo tutti uguali, e [la fama] ti trasforma in un ‘altro’. È stato spaventoso. Non mi piaceva”. Questo fu solo l’inizio della complicata, si può dire, relazione di O’Brien con Doctor Who.

Nuovi volti

Doctor Who Maureen O'Brien

(Immagine di credito: BBC Pictures)

Fortunatamente, si prospettano tempi più felici, grazie soprattutto ai rapporti che ha sviluppato con la sua nuova ‘famiglia’, tra cui William Hartnell, che ha iniziato da un anno il suo mandato come Dottore. “Ero consapevole di essere solo benvenuta”, dice lei del loro primo incontro, “ma probabilmente si è riservato di giudicare fino a quando non ha visto se ero in grado di farlo o meno. Era piuttosto toccato dalla serietà con cui prendevo la recitazione. È stato incredibilmente gentile con me. Amava i suoi colleghi attori”.

Com’era la sua co-star sul set? “Era difficile”, dice con decisione. “Era irascibile, era tutto ciò che è terribile”. Hartnell era incline al temperamento, rivela, e poteva scatenarsi più volte al giorno. “Sputi, denti feroci, rabbia!”. Gesticola, in modo vivido. “Diceva cose terribili sulle persone”. O’Brien assunse il ruolo di mediatore, ridendo delle sue ire. Nonostante questo, lo ricorda come “un uomo adorabile e un attore meraviglioso. Eravamo amici fin dall’inizio, lui era molto affezionato a me e io a lui”.

Leggi di più  Scavengers Reign è fondamentalmente un documentario sulla natura aliena con gli umani che rovinano tutto.

O’Brien ricorda un incontro particolare con il creatore della serie, Sydney Newman. “Mi disse: ‘Le piacerebbe tagliare i capelli corti e tingerli di scuro?’ Risposi: ‘Cambierò la mia acconciatura quando lascerò Doctor Who, non quando ci sarò dentro!’ Non era un segreto che non fossi felice. Lui disse: ‘Pensavo che sarebbe stata un’immagine più forte’. Io risposi: ‘Se vuole i capelli corti e scuri, perché non riprende Carole Ann Ford?’ Lui rise, e così fu. Andai sul set”.

Avventure spaziali

Doctor Who

(Immagine di credito: BBC Pictures)

In una delle avventure più audaci di Doctor Who, “The Web Planet”, una colonia di insetti strani e meravigliosi minaccia il TARDIS, il suo equipaggio e le telecamere dei Riverside Studios. O’Brien sorride ricordando gli alieni simili a formiche della storia, gli Zarbi. “Erano meravigliosi. Quando si alzavano, non c’era la sensazione che ci fosse un attore al loro interno, sembravano proprio reali. Erano enormi. Ricordo che uno di loro si avvicinò a me mentre ero in piedi ai lati del set. Mi sovrastava e io ero di spalle al muro. Erano minacciosi. Ero davvero spaventato”. Eppure la storia è ancora una delle preferite di O’Brien. “Era una concezione brillante, aveva una vera filosofia ed era ambiziosa, molto ambiziosa”.

Cosa ricorda dei robot Chumblies di “Galaxy 4”? “Ho adorato gli attori che erano al loro interno”, afferma. “Erano interpretati da persone piccole. Sentivo che avevamo molto in comune! Parlavano con loro come se fossero bambini. Non erano solo adulti, ma anche di mezza età, persino anziani, ma parlavano con loro come se fossero bambini. Pensavo che fosse bizzarro. Come possono fare questo? Ma era così…”.

La preoccupazione principale della O’Brien era la caratterizzazione di Vicki. Gli sceneggiatori, dice, non avevano idea di come fossero realmente le ragazze di 15 anni. “Ero una ragazzina di Liverpool, e i ragazzi di Liverpool sono molto brillanti e divertenti e scettici, ma io mi aggiravo dicendo: ‘Oh Dottore, cosa c’è? Oh Dottore, sono così spaventata!’ “Ho deciso, perché sembrava essere così poco intelligente e” – abbassa la voce – “noiosa, che l’unico modo in cui potevo cavarmela con questo ‘Dottore! Dottore!’ era interpretarla molto giovane. Pensavo che fosse innaturalmente giovane e innocente per la sua età, ed è così che l’ho interpretata. Ecco perché ho fatto questa voce da bambina terribilmente innocente. Era l’unico modo in cui pensavo di poterla far funzionare.

Leggi di più  Loki stagione 2 episodio 2 riassunto e uova di Pasqua: una grande riunione e più caos alla TVA

“Guardando un episodio di recente”, aggiunge, “sono una ribelle adolescente piuttosto audace e ho pensato che fosse intelligente da parte mia, iniziare a insinuarsi. L’ho guardato e ho pensato: ‘Buon per te, ragazza. Hai un po’ di vita reale’. Non mi sono accontentata di recitare su un unico livello, come una semplice ragazza”.

Dopo essere tornata da una pausa estiva di sei settimane, O’Brien ha scoperto di essere stata esclusa dalla serie. Il mio copione era in attesa e pensavo che fosse fantastico, ma di solito si ricevono due lotti di copioni e io non avevo il prossimo. Ho detto a Peter [Purves]: “E il prossimo copione, hai già il tuo?” Lui mi ha risposto di sì! A poco a poco ho capito che questa era la mia fine e il mio addio. È stata un po’ una sorpresa. Mi sono sentita molto sollevata, perché se c’è un altro copione e un altro ancora, la tentazione di continuare è enorme. Sono soldi, è un lavoro e potresti essere, come lo sono stata io quando me ne sono andata, disoccupata per un anno. Non succederebbe ora, naturalmente, ma allora, prima dell’era del culto della celebrità, eri solo Vicki in Doctor Who e nessuno poteva usarti in qualcos’altro. Non in televisione, in ogni caso. Quindi me ne sono andata! Ero molto contenta”.

La vita dopo Who

Doctor Who Maureen O'Brien

(Immagine di credito: BBC Pictures)

O’Brien, comprensibilmente, si è tenuta lontana dalla scena delle convention di Doctor Who, partecipando solo a qualche firma occasionale, a distanza di anni. Ma nell’ultimo anno si è ritrovata a immergersi nelle acque del fandom. “Non mi dispiace più”, dice, aggiungendo che è contenta che il suo personaggio sia ricordato con tanto affetto. “Sono felice di rendere felici le persone”.

Sette delle nove avventure di Vicki in Doctor Who hanno recentemente debuttato in una gloriosa versione HD come parte della collezione di Blu-ray della seconda stagione. Il formato significa poco per la O’Brien, che ammette di “non saper nemmeno riprodurre i DVD!”. Tuttavia, ha abbracciato pienamente l’uscita girando un trailer speciale. “The Storyteller” ha segnato la prima volta che la O’Brien – che si è dedicata alla scrittura di romanzi gialli dopo essersi ritirata dalla recitazione nel 2003 – ha ritratto Vicki davanti alla telecamera per cinque decenni. “È stato meraviglioso recitare di nuovo in una visione”, sospira l’attrice. “Essere di nuovo visibile…”.

Nel trailer, Vicki (che ha lasciato il TARDIS per rimanere a Troia nel 1200 a.C. circa) affascina la nipote Sophia con storie emozionanti di vecchi amici e nemici mortali. “La sceneggiatura era assolutamente deliziosa. È molto breve, ma è molto buona. Contiene molto”. O’Brien è particolarmente entusiasta del suo abito in stile greco. “Marcia Stanton ha prodotto qualcosa di così bello, così classico. Le ho inviato le mie misure e lei si è presentata con il costume. Non ha dovuto né prenderlo né toglierlo, era semplicemente perfetto. Era così aggraziato. Un design perfetto”.

Leggi di più  Netflix Boss afferma che lo streamer ha "mai cancellato uno spettacolo di successo"

Avendo avuto un breve assaggio del ruolo di Vicki ancora una volta, sarebbe disposta a riprendere il ruolo in televisione in uno spin-off di Doctor Who? “Se qualcuno me lo offrisse, certo che lo farei! Prima dicevo spesso di no, ora non dico mai di no. Voglio solo lavorare. Sarebbe bellissimo”. La O’Brien non ha molta familiarità con le sue storyline, ma ammette di essere impressionata da ciò che vede, se pensa alla scarsità dei mezzi. “Quello che è stato realizzato con così poco, con cartone e colla e immaginazione”, dice. “L’immaginazione del designer, dello scrittore e del pubblico”. Paragona i suoi episodi di Doctor Who al teatro, considerandoli “più immediati, più improvvisati” e molto più primitivi rispetto ai programmi registrati oggi. Tutto doveva essere fatto a mano, per così dire. Non si potevano ottenere questi meravigliosi effetti speciali che si possono fare ora. Era tutto “fai da te””.

SFX fa notare che, dopo innumerevoli altre interpretazioni sul palcoscenico e sullo schermo nel corso degli anni, la O’Brien è descritta nella biografia del suo ultimo romanzo come “meglio conosciuta per il suo ruolo di Vicki in Doctor Who”. Fa una smorfia. “Oh, lo so, non parlarne nemmeno! Lo accetto, ma per molti anni sono stata davvero amareggiata, perché ho fatto delle cose meravigliose, e tutto è passato, tranne l’unica cosa per cui sono ricordata, che è stata un’aberrazione per me. Non sapevo a cosa andavo incontro, per il resto della mia vita! Un piccolo lavoro nel 1965…”.

Tuttavia, O’Brien occuperà sempre un posto speciale nella storia di Who. Ha effettivamente sperimentato quella che sarebbe diventata una grande istituzione britannica: il sistema della porta girevole della compagna del Doctor Who. L’ingresso di Vicki attraverso le porte del TARDIS ha segnato la prima volta in cui il pubblico era un passo avanti: sapeva già quali magiche meraviglie si trovavano al di là di esse. Gli spettatori si appassionarono immediatamente all’orfana del 25° secolo, e l’eredità di O’Brien rimane in pieno vigore fino ad oggi.

Doctor Who: The Collection Season Two è disponibile su BBC iPlayer e Amazon Video con un abbonamento BritBox. Per un ulteriore divertimento fantascientifico, consulti la nostra lista dei migliori film di fantascienza di tutti i tempi.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.