Sono così ossessionata dal culto della malattia di Elden Ring che la mia famiglia mi ha vietato di parlarne in casa

Sangue. Fiumi di sangue. Fiumi di cremisi che inondano l’Elden Ring da un pilastro all’altro, così profondi da farvi pensare di trovarvi nelle gesta lovecraftiane dello Yharnam di Bloodborne. Ma non è così. *Non lo sono. Sono a circa 400 ore di gioco perse nelle Terre di mezzo attraverso diversi salvataggi. E questo è il mio preferito in assoluto.

Non trovate che la Putrefazione Scarlatta sia affascinante? Lo chiedo alla mia ragazza, alla quale non importa letteralmente nulla mentre scuote la testa e mi ricorda che sta cercando di guardare il nuovo film di Guy Ritchie su Netflix. Ma Miquella… Mi interrompo quando mi lancia uno sguardo da mille metri che farebbe tremare anche Malenia sui suoi guanti. Sono stato avvertito di questo, capisci? *Tuttavia, comincio a pensare che la mia infatuazione per il culto della malattia contorta di Elden Ring sia diventata più di un’ossessione. Credo che ormai faccia parte della mia personalità. E ora vedo il rosso in un modo completamente nuovo.

Paradiso insanguinato

Elden Ring

(Crediti immagine: FromSoftware)

I devoti di Elden Ring hanno ovviamente cantato le lodi delle build sanguinolente da quando il gioco è arrivato nel marzo del 2022. Ma quando l’hype continuava a crescere intorno al DLC Shadow of the Erdree, annunciato ufficialmente lo scorso anno, e le voci continuavano a suggerire che la storia di Miquella ne sarebbe stata la base, ho iniziato a flirtare con l’idea di investire del tempo in questo particolare stile di gioco. Ora sappiamo che, effettivamente, Shadow of the Erdree esplorerà la storia di Miquella, che inevitabilmente scaverà più a fondo nel background di Malenia, nelle motivazioni di Mohg, il Signore del Sangue, e, molto probabilmente, nelle origini dello Scarlet Rot.

Da un punto di vista narrativo, non vedo l’ora di saperne di più su tutto questo, ma da un punto di vista pratico, il pensiero di scavare nel mondo di Miquella mi ha spinto a scoprire finalmente il motivo di tutto il dannato clamore intorno alle build di sangue dell’Elden Ring. E non riesco a credere a quello che mi sono perso.

Imparare ad amare

Anello di Elden

(Crediti immagine: FromSoftware)

**Mi sono innamorato dell’area peggiore di Elden Ring, proprio come ho fatto con Dark Souls e Bloodborne.

Leggi di più  La guida Shapeshifters di FIFA 23 porta nuove carte per Pelè e Virgil van Dijk

Sangue. Fiumi di sangue. Fiumi di cremisi che inondano l’Elden Ring da un pilastro all’altro, così profondi da farvi pensare di trovarvi nelle gesta lovecraftiane dello Yharnam di Bloodborne. Ma non è così. *Non lo sono. Sono a circa 400 ore di gioco perse nelle Terre di mezzo attraverso diversi salvataggi. E questo è il mio preferito in assoluto.

Anello di sambuco

Non trovate che la Putrefazione Scarlatta sia affascinante? Lo chiedo alla mia ragazza, alla quale non importa letteralmente nulla mentre scuote la testa e mi ricorda che sta cercando di guardare il nuovo film di Guy Ritchie su Netflix. Ma Miquella… Mi interrompo quando mi lancia uno sguardo da mille metri che farebbe tremare anche Malenia sui suoi guanti. Sono stato avvertito di questo, capisci? *Tuttavia, comincio a pensare che la mia infatuazione per il culto della malattia contorta di Elden Ring sia diventata più di un’ossessione. Credo che ormai faccia parte della mia personalità. E ora vedo il rosso in un modo completamente nuovo.

Paradiso insanguinato

(Crediti immagine: FromSoftware)

I devoti di Elden Ring hanno ovviamente cantato le lodi delle build sanguinolente da quando il gioco è arrivato nel marzo del 2022. Ma quando l’hype continuava a crescere intorno al DLC Shadow of the Erdree, annunciato ufficialmente lo scorso anno, e le voci continuavano a suggerire che la storia di Miquella ne sarebbe stata la base, ho iniziato a flirtare con l’idea di investire del tempo in questo particolare stile di gioco. Ora sappiamo che, effettivamente, Shadow of the Erdree esplorerà la storia di Miquella, che inevitabilmente scaverà più a fondo nel background di Malenia, nelle motivazioni di Mohg, il Signore del Sangue, e, molto probabilmente, nelle origini dello Scarlet Rot.

Da un punto di vista narrativo, non vedo l’ora di saperne di più su tutto questo, ma da un punto di vista pratico, il pensiero di scavare nel mondo di Miquella mi ha spinto a scoprire finalmente il motivo di tutto il dannato clamore intorno alle build di sangue dell’Elden Ring. E non riesco a credere a quello che mi sono perso.

Imparare ad amare

(Crediti immagine: FromSoftware)

**Mi sono innamorato dell’area peggiore di Elden Ring, proprio come ho fatto con Dark Souls e Bloodborne.

Leggi di più  Fortnite Rift Gates: dove imparare le abilità di forza

Oltre ad avere il potenziale per essere ridicolmente OP, tutto ciò che riguarda la mia nuova build preferita di Elden Ring trasuda figaggine. Dopo aver cercato su internet e su YouTube consigli su come mettere insieme la migliore configurazione di sanguinamento (un grande ringraziamento a Titus Actual – questo articolo non è sponsorizzato, ma i loro contenuti valgono bene un abbonamento secondo me!) Ho imparato che le statistiche di 50 Vigor, 30 Endurance, 65 Strength, 20 Dexterity e 50 Arcane erano d’oro; la mia arma preferita era la Marais Executioner’s Sword, lasciata cadere dal boss Elemer of the Briar su al The Shaded Castle. Non solo la sua animazione a due mani è davvero tosta, ma colpisce anche i nemici per 12 colpi a ogni colpo potente.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.