Il regista di Godzilla x Kong: The New Empire parla delle influenze dell’era Showa e dei giocattoli degli anni ’80 per il nuovo sequel

Adam Wingard è in fermento. Il regista è in collegamento da San Paolo, in Brasile, dove sta partecipando al Comic Con – o CCXP, se preferite. Sono passate poche ore da quando è stato diffuso il primo trailer di Godzilla x Kong: The New Empire e, dopo mesi e mesi di segretezza assoluta, sono state rivelate alcune cose super-fiche, per usare un termine tecnico. Mini Kong! Il cattivissimo titano scimmia rossa Skar King! Immagini inedite della Terra Cava! Godzilla con una nuova colorazione! Kong che sfoggia un braccio bionico! E nella scena culminante del trailer, Kong e Godzilla corrono fianco a fianco in battaglia come dei Batman e Robin di dimensioni gigantesche, ammantati di capelli e scaglie.

ISCRIVITI!

La copertina dell'abbonamento a Godzilla x Kong di Total Film

(Immagine: Warner Bros/Legendary/Total Film)

Questo articolo è apparso originariamente sul numero 346 di Total Film. Abbonati qui e non perdere mai una rivista.

Sì!” sorride Wingard, che sfida Kong sul piano dei capelli con la sua barba esplosivamente indisciplinata e la barba folta e grigia che gli scende sul petto. Per me il punto di partenza di questo film è stata l’inquadratura di loro che corrono insieme in battaglia. È stata la prima immagine che ho avuto di questo film. È lì che si vuole arrivare. Ho pensato: “Se riusciamo a creare qualcosa che giustifichi questo momento, allora sappiamo di averlo fatto bene””.

A giudicare dal primo trailer e dalle chiacchierate di Total Film con Wingard, il cast e la troupe, Godzilla x Kong: The New Empire è sicuramente in grado di giustificare la sua inquadratura da supereroe-mostro. La storia inizia poco dopo la conclusione di Godzilla vs. Kong del 2021. Se avete bisogno di ricordarlo, quel film titanico, anch’esso diretto da Wingard, si è concluso con una tregua tra i due kaiju preferiti da tutti. Certo, avevano passato la maggior parte della storia a darsele di santa ragione, ma poi avevano unito le forze per abbattere la mostruosa creazione tecnologica di Apex, Mechagodzilla. La vittoria, faticosamente conquistata, è stata accompagnata da un rancoroso rispetto e da un’intesa: Kong se ne sarebbe andato a governare la Terra Cava sotterranea, mentre Godzilla sarebbe tornato nell’oceano sapendo che il mondo di superficie era il suo dominio. Godzilla gli dice: “Va bene, questa volta ti lascio andare. Ma non voglio più vederti da queste parti, e se lo faccio, saranno guai””, dice Wingard tirando la sua possente barba.

Adam Wingard è in fermento. Il regista è in collegamento da San Paolo, in Brasile, dove sta partecipando al Comic Con – o CCXP, se preferite. Sono passate poche ore da quando è stato diffuso il primo trailer di Godzilla x Kong: The New Empire e, dopo mesi e mesi di segretezza assoluta, sono state rivelate alcune cose super-fiche, per usare un termine tecnico. Mini Kong! Il cattivissimo titano scimmia rossa Skar King! Immagini inedite della Terra Cava! Godzilla con una nuova colorazione! Kong che sfoggia un braccio bionico! E nella scena culminante del trailer, Kong e Godzilla corrono fianco a fianco in battaglia come dei Batman e Robin di dimensioni gigantesche, ammantati di capelli e scaglie.

ISCRIVITI!

(Immagine: Warner Bros/Legendary/Total Film)

Questo articolo è apparso originariamente sul numero 346 di Total Film. Abbonati qui e non perdere mai una rivista.

Sì!” sorride Wingard, che sfida Kong sul piano dei capelli con la sua barba esplosivamente indisciplinata e la barba folta e grigia che gli scende sul petto. Per me il punto di partenza di questo film è stata l’inquadratura di loro che corrono insieme in battaglia. È stata la prima immagine che ho avuto di questo film. È lì che si vuole arrivare. Ho pensato: “Se riusciamo a creare qualcosa che giustifichi questo momento, allora sappiamo di averlo fatto bene””.

A giudicare dal primo trailer e dalle chiacchierate di Total Film con Wingard, il cast e la troupe, Godzilla x Kong: The New Empire è sicuramente in grado di giustificare la sua inquadratura da supereroe-mostro. La storia inizia poco dopo la conclusione di Godzilla vs. Kong del 2021. Se avete bisogno di ricordarlo, quel film titanico, anch’esso diretto da Wingard, si è concluso con una tregua tra i due kaiju preferiti da tutti. Certo, avevano passato la maggior parte della storia a darsele di santa ragione, ma poi avevano unito le forze per abbattere la mostruosa creazione tecnologica di Apex, Mechagodzilla. La vittoria, faticosamente conquistata, è stata accompagnata da un rancoroso rispetto e da un’intesa: Kong se ne sarebbe andato a governare la Terra Cava sotterranea, mentre Godzilla sarebbe tornato nell’oceano sapendo che il mondo di superficie era il suo dominio. Godzilla gli dice: “Va bene, questa volta ti lascio andare. Ma non voglio più vederti da queste parti, e se lo faccio, saranno guai””, dice Wingard tirando la sua possente barba.

Leggi di più  Barbenheimer: il giorno in cui il cinema si è fermato

Cosa disturba la pace questa volta? Beh, Wingard e co. sono restii a scendere nei dettagli della trama, ma sappiamo che quando Kong esplora la Terra Cava in misura molto maggiore, scopre di non essere il Re, dopo tutto. Letteralmente seduto su un trono a un certo punto del trailer, Skar King è più grande di Kong, più magro e più agile, con una pelliccia rossa color del sangue e della furia. E sembra avere un esercito di primati titanici al suo servizio. È chiaro che governa il suo dominio con la paura – basti vedere tutti quei teschi sparsi per la baita – e non ha intenzione di accettare che Kong si rechi sulla Terra Cava.

Cos’altro sappiamo? Vedremo il ritorno della dottoressa Ilene Andrews (Rebecca Hall), scienziata e linguista di Monarch, di sua figlia adottiva Jia (Kaylee Hottle) e del teorico della cospirazione Bernie Hayes (Brian Tyree Henry), che trascorreranno tutto il loro tempo insieme, dopo essere stati divisi in Camp Kong e Camp Godzilla nell’ultimo film. Ci sono nuovi personaggi interpretati da Fala Chen, Alex Ferns e Rachel House, e Dan Stevens è presente all’avventura in veste di co-protagonista, nel ruolo di Trapper.

Essenzialmente è un veterano”, dice Stevens, che desiderava riunirsi con Wingard da quando hanno girato insieme The Guest. Non un veterinario militare, ma un veterinario. È uno specialista di queste creature. Il loro funzionamento interno. Se avete un titano malato, Trap è il vostro uomo. All’inizio del film viene chiamato per dare una mano al nostro Kong e poi si ritrova ad accompagnarlo. È il tipo di persona che si desidera in una missione come questa. Non si lascia intimorire da nulla. Alcune cose le ha già viste, altre sono cose che nessuno di noi ha mai visto prima. Ha un meraviglioso senso di soggezione. È un uomo di natura. Si sente davvero un tutt’uno con il cosmo, che sia in superficie o nella Terra Cava”.

OK. Riavvolgi. “Dare una mano” a Kong è un riferimento allusivo al braccio bionico che si intravede nel trailer? Wingard si tira la barba. È difficile dire molto di più di questo senza rovinare nulla, perché ha una delle introduzioni che preferisco di tutti i personaggi che ho girato nei miei film. Quello che posso dire è che vorrei giocare con quella [action figure] se fossi un bambino! Anche se l’Apex non è presente in questa storia in modo letterale, abbiamo accennato al fatto che Monarch ha assorbito molta della tecnologia dell’Apex dopo l’ultimo film. Il guanto che Kong indossa è in qualche modo insinuato che si tratti di tecnologia Apex”.

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Godzilla x Kong: Il nuovo impero

Notizie settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Adam Wingard è in fermento. Il regista è in collegamento da San Paolo, in Brasile, dove sta partecipando al Comic Con – o CCXP, se preferite. Sono passate poche ore da quando è stato diffuso il primo trailer di Godzilla x Kong: The New Empire e, dopo mesi e mesi di segretezza assoluta, sono state rivelate alcune cose super-fiche, per usare un termine tecnico. Mini Kong! Il cattivissimo titano scimmia rossa Skar King! Immagini inedite della Terra Cava! Godzilla con una nuova colorazione! Kong che sfoggia un braccio bionico! E nella scena culminante del trailer, Kong e Godzilla corrono fianco a fianco in battaglia come dei Batman e Robin di dimensioni gigantesche, ammantati di capelli e scaglie.

Leggi di più  Lo scrittore e il regista di Foe spiegano l'unico grande cambiamento del film rispetto al libro e spiegano le motivazioni di Terrance.

ISCRIVITI!

(Immagine: Warner Bros/Legendary/Total Film)

Questo articolo è apparso originariamente sul numero 346 di Total Film. Abbonati qui e non perdere mai una rivista.

Sì!” sorride Wingard, che sfida Kong sul piano dei capelli con la sua barba esplosivamente indisciplinata e la barba folta e grigia che gli scende sul petto. Per me il punto di partenza di questo film è stata l’inquadratura di loro che corrono insieme in battaglia. È stata la prima immagine che ho avuto di questo film. È lì che si vuole arrivare. Ho pensato: “Se riusciamo a creare qualcosa che giustifichi questo momento, allora sappiamo di averlo fatto bene””.

A giudicare dal primo trailer e dalle chiacchierate di Total Film con Wingard, il cast e la troupe, Godzilla x Kong: The New Empire è sicuramente in grado di giustificare la sua inquadratura da supereroe-mostro. La storia inizia poco dopo la conclusione di Godzilla vs. Kong del 2021. Se avete bisogno di ricordarlo, quel film titanico, anch’esso diretto da Wingard, si è concluso con una tregua tra i due kaiju preferiti da tutti. Certo, avevano passato la maggior parte della storia a darsele di santa ragione, ma poi avevano unito le forze per abbattere la mostruosa creazione tecnologica di Apex, Mechagodzilla. La vittoria, faticosamente conquistata, è stata accompagnata da un rancoroso rispetto e da un’intesa: Kong se ne sarebbe andato a governare la Terra Cava sotterranea, mentre Godzilla sarebbe tornato nell’oceano sapendo che il mondo di superficie era il suo dominio. Godzilla gli dice: “Va bene, questa volta ti lascio andare. Ma non voglio più vederti da queste parti, e se lo faccio, saranno guai””, dice Wingard tirando la sua possente barba.

Cosa disturba la pace questa volta? Beh, Wingard e co. sono restii a scendere nei dettagli della trama, ma sappiamo che quando Kong esplora la Terra Cava in misura molto maggiore, scopre di non essere il Re, dopo tutto. Letteralmente seduto su un trono a un certo punto del trailer, Skar King è più grande di Kong, più magro e più agile, con una pelliccia rossa color del sangue e della furia. E sembra avere un esercito di primati titanici al suo servizio. È chiaro che governa il suo dominio con la paura – basti vedere tutti quei teschi sparsi per la baita – e non ha intenzione di accettare che Kong si rechi sulla Terra Cava.

Cos’altro sappiamo? Vedremo il ritorno della dottoressa Ilene Andrews (Rebecca Hall), scienziata e linguista di Monarch, di sua figlia adottiva Jia (Kaylee Hottle) e del teorico della cospirazione Bernie Hayes (Brian Tyree Henry), che trascorreranno tutto il loro tempo insieme, dopo essere stati divisi in Camp Kong e Camp Godzilla nell’ultimo film. Ci sono nuovi personaggi interpretati da Fala Chen, Alex Ferns e Rachel House, e Dan Stevens è presente all’avventura in veste di co-protagonista, nel ruolo di Trapper.

Essenzialmente è un veterano”, dice Stevens, che desiderava riunirsi con Wingard da quando hanno girato insieme The Guest. Non un veterinario militare, ma un veterinario. È uno specialista di queste creature. Il loro funzionamento interno. Se avete un titano malato, Trap è il vostro uomo. All’inizio del film viene chiamato per dare una mano al nostro Kong e poi si ritrova ad accompagnarlo. È il tipo di persona che si desidera in una missione come questa. Non si lascia intimorire da nulla. Alcune cose le ha già viste, altre sono cose che nessuno di noi ha mai visto prima. Ha un meraviglioso senso di soggezione. È un uomo di natura. Si sente davvero un tutt’uno con il cosmo, che sia in superficie o nella Terra Cava”.

OK. Riavvolgi. “Dare una mano” a Kong è un riferimento allusivo al braccio bionico che si intravede nel trailer? Wingard si tira la barba. È difficile dire molto di più di questo senza rovinare nulla, perché ha una delle introduzioni che preferisco di tutti i personaggi che ho girato nei miei film. Quello che posso dire è che vorrei giocare con quella [action figure] se fossi un bambino! Anche se l’Apex non è presente in questa storia in modo letterale, abbiamo accennato al fatto che Monarch ha assorbito molta della tecnologia dell’Apex dopo l’ultimo film. Il guanto che Kong indossa è in qualche modo insinuato che si tratti di tecnologia Apex”.

Leggi di più  The Flash: 22 uova di Pasqua e cameo che potresti aver perso nel film DC

Iscriviti alla newsletter di GamesRadar+

Notizie settimanali, racconti dalle comunità che amate e molto altro ancora.

Godzilla x Kong: Il nuovo impero

Contattami con notizie e offerte di altri marchi FutureRicevi e-mail da noi per conto dei nostri partner o sponsor di fiduciaInviando i tuoi dati accetti i Termini e Condizioni e l’Informativa sulla Privacy e hai almeno 16 anni.

Incontriamo Trapper che è estremamente vicino a Kong”, aggiunge Stevens. Per quella sequenza c’era un pezzo gigante di Kong…” ride. Stavo per dire un pezzo gigante dell’anatomia di Kong, ma suona davvero male. Avevano un vero pezzo di Kong con cui dovevo interagire. È stato un po’ selvaggio”. La trama umana è tutta in un unico luogo questa volta”, dice Hall. Mi è piaciuto molto lavorare con Brian Tyree Henry, con cui non ho avuto modo di lavorare l’ultima volta. Andrews recluta [il suo personaggio] per aiutarlo in qualcosa. E lavorare con Dan è un’esperienza fantastica per me, una delle cose che preferisco fare. Eravamo insieme al college”.

Stevens ride di nuovo. Eravamo amici e poi compagni di stanza dopo l’università, quindi ci conosciamo da molto tempo. Spero che gli spettatori lo sentano. C’è un po’ di storia tra i nostri personaggi”. Hall annuisce. È una vecchia amicizia, anche se si allude al fatto che forse c’è stato qualcos’altro, a un certo punto. Ma ora hanno l’opportunità di lavorare insieme”. Per fare cosa, esattamente? Total Film è favorevole a proteggere i punti chiave della trama per consentire agli spettatori di scoprire da soli le spettacolari sorprese, ma abbiamo bisogno di qualcosa. Qualunque cosa.

È una grande avventura. Dovrete solo aspettare e vedere”, dice Stevens. Non posso dirvi molto di più”, si scusa Hall. Wingard, almeno, offre qualche briciola. Questa è un’esperienza molto simile a quella di Hollow Earth”, dice. Vi portiamo dappertutto. Vedrete tutti i diversi tipi di ambienti e molte nuove creature – e alcune già conosciute. Allo stesso tempo, riusciamo a muoverci molto in superficie. Abbiamo scene a Rio e a Roma. Il film ha ancora un’atmosfera internazionale. Copriamo un sacco di terreno”.

Monster Squad

(Immagine: Legendary Pictures/Warner Bros.)

Adam Wingard è in fermento. Il regista è in collegamento da San Paolo, in Brasile, dove sta partecipando al Comic Con – o CCXP, se preferite. Sono passate poche ore da quando è stato diffuso il primo trailer di Godzilla x Kong: The New Empire e, dopo mesi e mesi di segretezza assoluta, sono state rivelate alcune cose super-fiche, per usare un termine tecnico. Mini Kong! Il cattivissimo titano scimmia rossa Skar King! Immagini inedite della Terra Cava! Godzilla con una nuova colorazione! Kong che sfoggia un braccio bionico! E nella scena culminante del trailer, Kong e Godzilla corrono fianco a fianco in battaglia come dei Batman e Robin di dimensioni gigantesche, ammantati di capelli e scaglie.

ISCRIVITI!

(Immagine: Warner Bros/Legendary/Total Film)

Questo articolo è apparso originariamente sul numero 346 di Total Film. Abbonati qui e non perdere mai una rivista.

Sì!” sorride Wingard, che sfida Kong sul piano dei capelli con la sua barba esplosivamente indisciplinata e la barba folta e grigia che gli scende sul petto. Per me il punto di partenza di questo film è stata l’inquadratura di loro che corrono insieme in battaglia. È stata la prima immagine che ho avuto di questo film. È lì che si vuole arrivare. Ho pensato: “Se riusciamo a creare qualcosa che giustifichi questo momento, allora sappiamo di averlo fatto bene””.

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.