La regista di Twilight riflette sui 15 anni del successo fantasy, sul mancato casting di Henry Cavill e sul difficile fandom

“Credo che nessuno di noi fosse consapevole di quanto sarebbe stato folle, anzi, sicuramente non lo eravamo”, dice la regista Catherine Hardwicke, riflettendo sul vorticoso seguito del suo megahit Twilight del 2008 e sull’impatto che ha avuto su di lei e sui suoi giovani protagonisti. “Prima di girare, sono andata a una lettura del libro con l’autrice Stephenie Meyer e c’era una grande folla. Quando ha pronunciato il nome ‘Edward’, le persone hanno iniziato a urlare a squarciagola come se avessero visto i Beatles”, ride. “Ho pensato: ‘Oh, mio Dio. Ha appena detto il nome del personaggio. Aspetta che questi fan vedano davvero una persona che interpreta questo ragazzo. Sarà fuori controllo'”.

Non ha sbagliato di molto. Uscito 15 anni fa, il quarto film della Hardwicke non solo ha lanciato un franchise cinematografico di enorme successo, ma ha acceso lo zeitgeist della cultura pop e ha dato vita al boom dei ‘Young Adult’. Basato sull’omonima serie di libri della Meyer, Twilight seguiva Bella Swan (Kristen Stewart), una timida diciassettenne che si trasferisce nella città di Forks, nello Stato di Washington, perennemente coperta dal sole. Durante il suo primo giorno nel nuovo liceo, uno sconosciuto misteriosamente pallido di nome Edward Cullen (Robert Pattinson) cattura la sua attenzione e presto i due si innamorano l’uno dell’altra.

ABBONATI!

Copertina di Total Film Bikeriders

(Credito immagine: Future)

Questo servizio è apparso per la prima volta nel numero Bikeriders della rivista Total Film – si abboni qui per risparmiare sul prezzo di copertina, ricevere copertine esclusive e vederselo recapitare a casa o sul dispositivo ogni mese.

Tuttavia, come tutte le belle storie d’amore, c’è una fregatura: si scopre che Edward è un vampiro di 108 anni che è stato trasformato in non-morto quasi un secolo prima, e il suo amore proibito con una mortale scatena il caos tra la sua nidiata e un clan rivale. Con i problemi che si stanno preparando rapidamente, prima ancora che la coppia abbia il tempo di affondare i denti nella loro storia d’amore che sta sbocciando, un trio di pericolosi morditori di collo minaccia di separarli – in questo caso, letteralmente.

È difficile ricordare un’epoca in cui la Twilight Saga non fosse onnipresente. A metà degli anni ’90, i romanzi della Meyer avevano già raccolto un’agguerrita fanbase online che era stata avidamente alimentata dalla sua creatrice. Grazie all’adattamento della Hardwicke, il pubblico di tutto il mondo ha potuto godere di un’offerta ancora più incentrata sui teenager, con film come The Hunger Games e la serie Divergent che sono spuntati sulla sua scia – ma inizialmente questo sottogenere ha colto tutti di sorpresa, soprattutto Hollywood. “Nessuno sapeva che sarebbe stato un franchise gigantesco o un successo pazzesco”, racconta la Hardwicke a Total Film. “Era stato rifiutato da tutti gli altri studios, nessuno pensava che avrebbe fatto affari, quindi ho avuto una certa autonomia e ho potuto metterci la mia sensibilità”, spiega. “Siamo stati lasciati soli”.

Leggi di più  Il marketing di Barbie ha la giusta energia - ora gli altri film devono prenderne nota

Volando sotto il radar, la Hardwicke – che si è fatta le ossa realizzando film indiani grintosi come il dramma sull’adolescenza Thirteen del 2003 e il film sulla scena dello skateboard Lords of Dogtown del 2005 – è stata in grado di infondere la sua interpretazione della storia con la stessa emozione cruda che l’ha resa una voce cinematografica così potente. Come è emerso, era questo l’ingrediente chiave di cui la fantasia altamente emotiva della Meyer aveva disperatamente bisogno durante il processo di sceneggiatura iniziale del film. “Dopo aver letto la prima sceneggiatura che mi hanno inviato, sono andata letteralmente alla riunione con lo studio, l’ho gettata nel cestino e ho detto: ‘Non potete fare questa sceneggiatura’”, dice la Hardwicke, ricordando il suo primo incontro con Twilight. “Bella era un’atleta superstar, non era goffa e relazionabile come nel libro e finiva anche con gli agenti dell’FBI che sfrecciavano sulle moto d’acqua inseguendola. Mi sono detta: ‘Questo deve sparire. Dobbiamo tornare all’essenza del libro'”.

Un nuovo inizio

Crepuscolo

(Immagine di credito: Lionsgate )

Dopo che la Hardwicke è stata assunta, ha reclutato la sceneggiatrice di Dexter Melissa Rosenberg per rielaborare la sceneggiatura, concentrandosi sulle cose che riteneva più importanti. “Nessuno dei dirigenti aveva letto il libro”, rivela. “Ho detto loro: ‘Deve essere più incentrato sul desiderio d’amore e sulla prima volta che ci si innamora di qualcuno; quella sensazione estatica, pericolosa e radicale’. La scrittrice l’aveva capito dal libro, ma io volevo vedere se riuscivo a portarlo sullo schermo. Abbiamo gettato la sceneggiatura originale nel cestino e ne abbiamo scritta una nuova”.

Con una fanbase vocale online impegnata a discutere su come pensavano dovesse essere un film di Twilight, Hardwicke ha ascoltato i loro suggerimenti, ma sapeva quando e dove tracciare il limite. “Cercavo di fare in modo che i fan non andassero fuori di testa, nel miglior modo possibile”, ammette. “Naturalmente, leggevo i commenti online sulle scene che le persone amavano assolutamente e sulle battute che si erano tatuate sul braccio e pensavo: ‘Devo rendere giustizia a queste scene, devo renderle meravigliose, in modo che se le avete amate nel libro, le amerete anche sullo schermo’”.

Questa dinamica fan-creatore è entrata in gioco in modo più utile durante le riprese, ma prima che ciò potesse accadere, è stato un po’ un ostacolo durante il processo di casting. Con molti fan che avevano già in mente i ruoli principali del film della Hardwicke, la ricerca delle star giuste è stata un compito difficile.

“Trovare Kristen e Rob è stata sicuramente una grande sfida”, ricorda la Hardwicke. “I fan volevano che Emily Browning [interpretasse Bella]. Ho incontrato Emily, ma in quel momento la sua testa non era nel posto giusto per impegnarsi nella serie. Aveva appena avuto un’esperienza strana in un altro film, quindi sapevo che non avrebbero ottenuto l’attrice esatta che volevano”, dice. “Stavano pensando anche a Henry Cavill [per Edward], ma era davvero troppo vecchio per interpretare un diciassettenne al liceo [Cavill aveva circa 20 anni all’epoca], quindi sapevo che non si poteva fare quello che volevano i fan”.

Leggi di più  Kevin Feige spiega come spera di evitare la fatica dei supereroi nell'MCU

La Hardwicke ha trovato la sua Bella dopo aver visto la Stewart nel dramma Into the Wild del 2007, ma identificare il suo Edward è stato più difficile. “Edward era una creatura straordinaria che ha vissuto quasi 100 anni. È misterioso e simile a Byron, quindi come si fa a trovare questo ragazzo? La maggior parte dei ragazzi che hanno fatto il provino assomigliava a un ragazzo carino del liceo e questo non lo portava al livello di mistero, intrigo, morte e angoscia di cui Edward aveva bisogno. È stato super impegnativo”.

Una sorta di magia

Crepuscolo

(Crediti immagine: Lionsgate/Summit)

Alla fine, la Hardwicke ha scritturato Pattinson, allora meglio conosciuto per il suo breve ruolo del mago condannato Cedric Diggory in Harry Potter e il Calice di Fuoco – e i fan hanno subito espresso il loro pensiero. “La gente trovò delle foto di lui che usciva da un pub a Londra e non aveva un bell’aspetto”, ricorda Hardwicke. “Nella loro mente, non riuscivano a credere che sarebbe stato Edward. La gente dava di matto online”.

Le cose sono arrivate al culmine quando Pattinson si è rivolto ad Hardwicke con alcune sue foto particolarmente poco lusinghiere che i fan avevano condiviso sui forum di Twilight. “Ho detto a Rob: ‘Perché stai guardando queste foto?’ Lui mi ha risposto: ‘Me le ha mandate mia madre! Per fortuna, il suo regista aveva un piano: “Gli ho detto: ‘Ti faremo un restyling, ti sistemeremo i capelli e tutto il resto – poi pubblicheremo una foto’. L’abbiamo fatto e, naturalmente, la gente è impazzita. L’hanno amato”.

Per dare al suo adattamento la forza emotiva necessaria, la Hardwicke si è affidata alle tecniche di regia intima che aveva utilizzato per dare un tocco di classe al suo debutto duro Thirteen. “Abbiamo dedicato più tempo alle scene in cui si innamoravano, perché era quello che interessava a tutti”. Ha persino realizzato un grafico dettagliato che descriveva ogni sguardo, tocco e sfumatura rubata della relazione nascente di Edward e Bella: “Ho fatto in modo che fosse come una dolorosa presa in giro”, dice la Hardwicke. “Volevo assicurarmi che il loro contatto fisico fosse calibrato con molta attenzione”.

Ha anche trovato un modo per utilizzare a suo vantaggio la fanbase digitale, una volta limitata. “I fan potevano essere usati come munizioni”, spiega la Hardwicke, spiegando come i loro commenti abbiano contribuito a convincere lo studio a girare una sequenza romantica chiave. “Non avevamo tempo per girare la scena del prato. Era una scena importante nel libro, quindi ho lottato per averla. Ho detto: ‘Guardate quante persone amano questa scena. Dobbiamo farla bene’. Mi hanno dato una mezza giornata in più”.

Leggi di più  The Wicker Man a 50 anni: la conseguenza dell'ignoranza culturale

Stelle allineate

Twilight

(Immagine di credito: Lionsgate/Summit)

La dedizione della Hardwicke è stata ripagata. Quando Twilight ha debuttato il 21 novembre 2008, i capi dello studio hanno detto alla regista che se avesse guadagnato più di 30 milioni di dollari, sarebbe stato considerato un successo. “Abbiamo guadagnato 69 milioni di dollari nel weekend di apertura”, sorride Hardwicke. “È stato scioccante. Non ci si poteva aspettare quello che è successo dopo”.

Dal suo umile budget di 37 milioni di dollari, Twilight ha ottenuto un incasso mondiale di 408 milioni di dollari, ha dato il via a un franchise e ha trasformato i suoi attori, allora poco conosciuti, in star mondiali nel giro di una notte. “Abbiamo capito il suo impatto quando siamo andati al Festival del Cinema di Roma. Siamo andati in una libreria per una firma e siamo stati presi d’assalto. Pensavamo che ci avrebbero ucciso perché non avevamo guardie del corpo. I fan ci hanno schiacciato e abbiamo dovuto andarcene”, racconta la Hardwicke a proposito del caos che ha scatenato il loro rapido successo. “È stato pazzesco. All’improvviso ci siamo resi conto che questa cosa era passata ad un altro livello. Dopo di che, Rob e Kristen hanno dovuto avere delle guardie del corpo”.

Il successo di Twilight ha fatto sì che la Hardwicke battesse un record come regista donna con il più alto weekend di apertura di sempre, un titolo che è stato superato solo recentemente da Wonder Woman di Patty Jenkins nel 2017 e da Barbie di Greta Gerwig di quest’anno. Nonostante questo colpo, né a lei né a nessun’altra regista donna è stato mai chiesto di dirigere uno dei quattro sequel della serie.

“Ovviamente, le cose sono migliorate molto”, afferma la Hardwicke, commentando come Hollywood sia cambiata negli ultimi 15 anni. “Ci sono molti più film diretti da donne. Abbiamo ancora del lavoro da fare, ma sono sicura che in questo clima non avrebbero mai potuto fare a meno di assumere registi donne per gli altri film di Twilight o di The Hunger Games”.

Per quanto riguarda l’eredità duratura di Twilight, la Hardwicke è pronta ad ammettere che le stelle si sono allineate per rendere la sua incursione nel fantasy una svolta. “C’era così tanto materiale organico in Twilight – da noi che ci siamo sforzati di mantenere il senso del luogo con l’assenza di luce solare nelle location e bellissime foreste nebbiose, a Rob e Kristen che erano davvero vivi, intensi e si sono messi in gioco”, sorride. “In qualche modo, la magia si è realizzata”.

Questo servizio appare nel numero The Bikeriders di Total Film, disponibile per l’acquisto.

La rubrica Twilight di Total Film

(Crediti immagine: Total Film/Lionsgate/Summit)

Frenk Rodriguez
Salve, mi chiamo Frenk Rodriguez. Sono uno scrittore esperto con una forte capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace attraverso i miei scritti. Ho una profonda conoscenza dell'industria del gioco e sono sempre aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie. Sono attento ai dettagli e in grado di analizzare e valutare accuratamente i giochi, e affronto il mio lavoro con obiettività e correttezza. Inoltre, apporto una prospettiva creativa e innovativa alla mia scrittura e alle mie analisi, che contribuisce a rendere le mie guide e recensioni coinvolgenti e interessanti per i lettori. Nel complesso, queste qualità mi hanno permesso di diventare una fonte affidabile di informazioni e approfondimenti nel settore dei giochi.